Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La redazione virtuale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A

 

B

 

C

 

D

 

E

 

F

 

G

 

H

 

I

 

J

 

                                   

K

 

L

 

M

 

N

 

O

 

P

 

Q

 

R

 

S

 

T

 

                                   

U

 

V

 

W

 

X

 

Y

 

Z

               

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

                                   

 

                                   

B

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pietro Barlesi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nasce a Bassano del Grappa, Vicenza, nel 1944 (RSI),

laurea in Lettere e Filosofia alla Sapienza di Roma,

lunga carriera di docente, spirito libero, insofferente, 

look esuberante, ricco patrimonio di idee e conoscenza,

loquacità dialettica e un tocco di “esibizionismo”,

agnostico razionalista, anticlericale, “contestatore”

rispettoso della legge, fa suo il motto di Gengis Khan:

“Andremo da dio, lo saluteremo, se si mostrerà ospitale

rimarremo con lui, altrimenti rimonteremo sui nostri

cavalli e ce ne andremo via!”

 

Adolescente attraversa l'Europa Ovest ed Est su una

leggendaria “Vespetta” 50 cc rosa, entrambi rimpatriati

del tutto distrutti, ipovedente fin da bambino per un

incidente, forte la sua voglia di “vedere” ai limiti del

raggiungibile, la sfida del “viaggio pericoloso”, una

passione che riesploderà in età più matura, viaggiatore

instancabile, “vaga(bondo gira)mondo” per tre decenni,

capogruppo che guiderà pari “pazzi” ai più impensabili

luoghi dei cinque continenti, visitando oltre 130 Paesi!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sandro Becchetti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Tenutelle Vendonsi”- Volti e paesaggi del territorio

braccianese degli Anni Settanta

“Sandro Becchetti, Fotografo - Volti dall'Umbria e

dall'Europa” - Mostra fotografica, Perugia, Galleria

Nazionale dell'Umbria, Palazzo dei Priori, Sala Podiani

20 giugno-20 ottobre 2013

 

 

Nasce nel 1935 a Roma da famiglia umbra, fotografo

dagli Anni Sessanta, documenta la realtà sociale,

politica e culturale del nostro territorio per i maggiori

periodici, quotidiani e agenzie stampa, registrando nella

Capitale gli sviluppi di una società in pieno mutamento,

ritrae nomi illustri di cultura e spettacolo e personalità

della vita politica ed economica del Paese: morirà nel

2013 ancora protagonista.

 

Dopo lungo lavoro di documentazione e indagine sulla

Campagna Romana, nel 1980 decide di interrompere

l'attività professionale per dedicarsi ad “altro”, poi

riprendendola nel 1995 con una ricerca su Spagna e

Portogallo e ritrovato interesse per la vita di Roma in

tutti i suoi aspetti, collaborando con testate italiane,

pubblicato su Life e Liberation, foto oggi parte degli

archivi di France Presse, BBC e RAI.

 

Espone i suoi scatti nella mostra “United Artists of Italy.

Artisti nell'obiettivo dei grandi fotografi” italiani dagli

Anni Sessanta, nel 2008 al Musée d’Art Moderne di

Saint-Etienne Metropole, nel 2009 al Palais des Beaux

Arts di Bruxelles, professionalmente testimoniato nella

Storia d'Italia della Einaudi “L'immagine fotografica

1945-2000”ce in pubblicazioni specialistiche, il suo

“Protagonisti. Storie di ritratti in bianco e nero”, Premio

Marco Bastianelli “Miglior libro fotografico del 2008”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Birgitt Becker

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Muri parlanti”

Gruppo “Artisti della Tuscia Romana™”

Progetti di UnionTuscia™:

- TerSo Mondo™

- EcoTuscia™

- Terre di Tuscia™

PapilioDesign

 

 

Pioniere dell'“ecoarchitettura”, “bioedilizia” e design

“ambientale”, nasce a Trier/Treviri, Germania, fine Anni

Settanta si dedica alla pittura, nel 1984 laurea in

Architettura di Interni e Design alla Fachhochschule di

Rheinland-Pfalz di Trier, lavora poi a Munich/Monaco di

Baviera e a Roma, partecipa con successo a

competizioni di Industrial-Design e consegue una

specializzazione in Architettura bioecologica presso

l'Istituto di Ecologia e Bioedilizia di Neubeuern, Baviera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Redattore della rivista d'arte, letteratura e architettura

Kunststoff, autrice di articoli per riviste specialistiche,

cura la rubrica Ecodesign per  Wohnung+Gesundheit,

riconosciuto esperto in bioedilizia e ecodesign, del 1996

e 2001 due libri sull'abitare sano, docente in Italia e

Germania, ospite di convegni, seminari, mostre e 

trasmissioni televisive, autrice di programmi didattici di

eco-design e eco-architettura, esercita come architetto

da seconda metà Anni Ottanta anche in proprio, 2005-

2009 delegato dell'Associazione Italiana Progettisti in

Architettura d'Interni - AIPi, www.aipi.it, presso ECIA -

European Council of Interior Architects, www.ecia.net

 

Del 1998 la sua prima personale di pittura “Muri

parlanti , partecipa alla Biennale Internazionale di

Pittura di Roma, ricevendo premi e riconoscimenti, tra

cui il “Premio della Cultura”, Presidenza del Consiglio

dei Ministri, e due “Premio Primavera”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luca Bellincioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Ipotesi per un Parco Nazionale dell’Etruria Laziale”

“Brevi riflessioni sull'urgenza di istituire un Parco

Naturale dei Monti della Tolfa”

“Ancora eolico sulla Maremma!”

“Aree di particolare pregio naturalistico e paesaggistico

nel Lazio ancora in attesa di tutela”

“Il ‘nulla’ che divora il paesaggio italiano”

“L’incubo dei capannoni incombe sul Bel Paese: ecco

l’assalto dei veri ‘ecomostri’”

“‘Insediamento sparso’ e degrado del paesaggio rurale”

“Tra la Tolfa e la Maremma - Un territorio da salvare!”

“Gli ecomostri della Tuscia”

“10 riflessioni contro l’eolico in Maremma”

“L'importanza dello "spazio" nell'era dell'Urbanesimo e

la tutela del paesaggio tuscanese”

“Progetto per la valorizzazione turistica del paesaggio

della Tuscia”

“La distruzione dell'ambiente e del paesaggio in Italia

fra neocolonialismo tecnologista, incompetenza politica

e degrado della cultura nazionale”

“I paesaggi di Luca”

“Le cartoline di Luca”:

- Autunno tolfetano

- Sulle rive del Lago di Vico

- Scorcio di Vitorchiano

- Tuscania - Torretta sulle mura medievali

“Ambiente e Paesaggio 2000” - Una presentazione

“Patrimonio SOS” - Una presentazione

parks.it

laghidellazio.it

“Lazio – I luoghi del Mistero e dell’Insolito”

Il Lazio dei Misteri

 

 

Romano, vive ad Aprilia, Latina, storico, insegnante,

“guidarista”, escursionista, fotoamatore, da sempre

sensibile alle tematiche della tutela del paesaggio e

dell'ambiente, fin da giovanissimo attivo nell'ambito di

cultura e arte, laurea in Lettere presso l’Università “La

Sapienza”, Roma, segretario dell’Associazione Culturale

Onlus “Oreas” per la promozione del turismo

ambientale ed eco-sostenibile nel Lazio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come fotoreporter si interessa a piccoli centri, parchi,

riserve naturali e paesaggi agricoli tradizionali nel Lazio

e Bassa Toscana, nei suoi scatti la forte vena romantica

e l'estetica dei vedutisti del Sette-Ottocento, integrità

dei soggetti e paesaggi proposti, ricerca di armonia tra

uomo e ambiente, e tecnicamente l'importanza data al

cielo e la cura delle inquadrature.

 

Nel 2009 si trasferisce a Predazzo, Trento, non lontano

dal Parco Naturale Paneveggio - Pale di San Martino,

collabora con riviste e giornali, sia locali che nazionali, e

con siti web di promozione turistica del territorio e di

studio del paesaggio italiano, autore di saggi ed articoli

a tema storico, filosofico, sociologico, antropologico,

politico, ecologico e ambientalistico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vannevar Bush

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“As We May Think”

 

 

Scienzato, tecnologo, inventore, Anni Venti e Trenta

docente MIT - Massachusetts Institute of Technology,

1940 Presidente National Defense Research Committee,

Commissione di Ricerca Militare USA, 1941 Direttore

Office of Scientific Research and Development, Ufficio

Governativo Ricerca e Sviluppo Scientifici a capo del

Manhattan Project, che genererà la prima atomica del

“Test di Trinity, 1945.

 

Coordinatore delle attività di seimila tra i più eminenti

scienziati americani ed “importati”, tra cui Enrico Fermi,

e applicazione dei risultati delle loro scoperte, studia i

meccanismi necessari per lo sviluppo di ricerche di alta

complessità, tra cui l'organizzazione dei sistemi di

conoscenze, precursore dell'“ipertesto”, strutturazione

“associativa” per lettura non sequenziale di documenti,

ideologo della ricerca scientifica “a supporto della

democrazia” nella “Pax Americana”.

 

A fine Seconda Guerra Mondiale scrive il quasi profetico

articolo “As We May Think”, “Come potremmo pensare”,

nella rivista Atlantic Monthly, inizio della rivoluzione

informatico-telematica, considerazioni di ampio respiro

sociale, culturale e scientifico, rassegna della state-of-

the-art technology nell'industria, fino Memex visione

di una macchina futuribile per raccogliere, organizzare

e consultare grandi quantità di testi, immagini e suoni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

C

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Angela Carlino Bandinelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

digilander.libero.it/rihas

 

 

Cremonese, vive a lungo a Bracciano, Roma, vi morirà

nel 2016, pedagoga, esperta di pedagogia speciale e

didattica differenziata a livello nazionale, docente in

linguistica, pedagogia, metodologia, didattica, ideatrice

e direttrice del C.I.R.hs, Centro Italiano di Riferimento

per l'handicap e lo svantaggio culturale, responsabile

dello Sportello di informazione e consulenza degli

Assessorati alle Politiche Educative e alle Politiche

Sociali del Comune di Roma.

 

Dirige il RI.HA.S., Centro Pedagogico di RIferimento per

l’HAndicap e lo Svantaggio culturale, servizio gratuito

nazionale, su mandato del Ministero dell’Istruzione

Pubblica realizza un progetto per la disabilità e lo

svantaggio culturale per le Scuole, organizza e dirige a

livello nazionale Corsi di formazione e aggiornamento

per docenti a tutti i livelli nell'ambito della pedagogia

speciale e della didattica differenziata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Membro del Comitato Scientifico dell'American Journal

on Mental Retardation, e dell’Osservatorio Nazionale

della F.I.S.H., Federazione Italiana per il Superamento

dell’Handicap, Presidente del “Dipartimento Disabilità e

Disagio Sociale” di “Dimensione Europea”, autrice di

liriche, narrativa per l'infanzia, ricerca storica nel

sociale, testi scolastici e parascolastici, collabora con

redazioni di programmi televisivi e scrive per riviste di

cultura, attualità e scienza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sandro Carradori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Le fraschette”

“‘Il Rione “Monti’ di Bracciano, Roma - Una

presentazione

“L'acquedotto industriale del Ducato di Bracciano

Attività produttive a Bracciano nel XVIII secolo”

www.rionemontibracciano.it

 

 

Nasce a Bracciano nel 1957, geometra non professa, si

appassiona alla fotografia per dedicarsi poi al settore

dei media e dello spettacolo, documentando da fine

Anni Settanta a fine Anni Novanta spettacoli musicali,

come fotografo collabora con la stampa specializzata

musicale rock, passando poi da tecnico a post-

produzione video, impianti di doppiaggio e sale di

registrazione, oggi grafico e fotografo in proprio.

 

Partecipa sempre più attivamente alla vita culturale

della Comunità quale organizzatore di eventi popolari e

tradizionali, dal 2000 Presidente dell'Associazione

“Rione Monti di Bracciano”, nata nel 1966 e da allora

promotrice di manifestazioni come “Riviviamo il Centro

Storico” e “La Passione di Cristo”, nel 2004 collabora

alla pubblicazione di “Le filigrane della cartiera

Odescalchi di Bracciano”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Andrea Ciampaglia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Neurania Institute”

“Natura Natura Natura Natura”

evoluzione.ilcannocchiale.it 

scuoladellautomobile.blogspot.se

stiletorino.blogspot.se  

naturanaturanaturanatura.blogspot.com

 

 

Sono giornalista con un passato politico ed ora opero

come stilista e progettista di automobili - “a well known

worldwide activity of car design, conceptualization and

creation”, ma non credo di essere un gran personaggio.

 

Tuttavia la mia riflessione esistenziale è che noi tutti

insieme, se mobilitati dalle nostre forze ideali, possiamo

rendere la vita sulla Terra - la nostra e l'altrui - più ricca

di valori e meno sofferente.

 

Tra i miei interessi intelligenza, genio e genialità,

disagio e crazyness, nostalgia, hippies, “Figli dei fiori”,

'70's, future, globalizzazione, ricerca spaziale, nucleare

in Italia, democrazia, politica e politici, architettura,

ecocostruzioni e bioedilizia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Antonella Colonna Vilasi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Libri: “Il Terrorismo”

 

 

Nasce a Civita Castellana, Viterbo, vive e opera a Roma,

docente italiana e professore universitario americano,

Presidente del Centro Studi sull'Intelligence - UNI,

membro del Comitato Scientifico Premio Giornalistico

“Salerno”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Saggista con numerose opere all'attivo sulle tematiche

criminologiche-forensi, come scrittrice si è messa in

evidenza per essere stata la prima autrice europea ad

aver pubblicato una trilogia sui temi dell'intelligence

ha pubblicato numerosi saggi su tematiche di

particolare attualità.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Barbara Conti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nasce a Bracciano, Roma, nel 1983 e risiede ad Oriolo

Romano, Viterbo, nel 2008 laurea in Lingue per la

Comunicazione Internazionale con tesi in Economia

Politica presso la L.U.M.S.A., Libera Università Maria Ss.

Assunta di Roma, requentato un corso di giornalismo,

inizia a collaborare come corrispondente con testate

cartacee e online.

 

Con “Il segreto dei Lorchitruci” partecipa nel 2009 al

Concorso Nazionale indetto dal portale ilmiolibro.it,

raggiungendo la finale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giovanna Cosenza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Laurea in filosofia e dottorato in Semiotica con Umberto

Eco presso l'Università di Bologna, borsa di studio per

attività di ricerca post-dottorato, ricercatrice, nel 2000

professore associato di “Semiotica”, “Semiotica dei

nuovi media” e “Semiotica dei consumi”, Dipartimento

di Discipline della Comunicazione oggi professoressa

ordinaria al Dipartimento delle Arti, “Filosofia e teoria

dei linguaggi”.

 

Dal 2001 titolare di Corsi fondamentali presso l'Alma

Graduate School dell'Università di Bologna e ho tenuto i

corsi di “Analisi di testi” e di “Comunicazione efficace”,

dal 2003 al 2008 tutore presso il Collegio Superiore

dell'Università, seminari avanzati, dal 2009 Presidente

della Magistrale in Semiotica.

 

Da free-lance svolgo attività di consulenza e formazione

per Centri di formazione professionale, Enti pubblici,

aziende, e come autrice numerosi i miei libri e articoli

pubblicati in volumi collettivi, sulle riviste “Versus”,

“Semiotica” e “Golem. L’indispensabile”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Curatolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“La Chiesa del Ss Salvatore a Bracciano Nuova, Roma”

“La ‘Via delle Acque’ - Progetti

 

 

Nasce a Roma nel 1954, sposato, tre figli, studio di

architetto a Bracciano, scout e educatore scout dal 1968

al 1997, Presidente della “Acquaria Onlus” campo del

volontariato a favore dei Paesi in via di sviluppo, con

adozioni a distanza e microcrediti per lavoro femminile

e sostegno alla famiglia nelle aree di povertà.

 

Professionista attivo in restauro, nuove costruzioni e

consulenza forense, associato ASSIRCO - Associazione

Italiana Recupero e Consolidamento Costruzioni,

l'attività orientata su tematiche di lavoro e ricerca,

restauro, costruzione e adeguamento di chiese,

diagnostica di edifici, nuove costruzioni secondo criteri

di sostenibilità ambientale, architettura “esperienziale”.

 

Insieme ai colleghi di studio pubblico obiettore di

coscienza a condoni edilizi, rifiutando di assumerne

incarichi professionali, sostiene la necessità di creare

spazi fisici e virtuali in cui i progettisti possano

condividere ricerche e lavori in corso, al fine di creare

un mercato del lavoro basato merito e professionalità.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

D

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paolo D'Arpini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Io Sono”

“Ecologia superficiale ed Ecologia profonda”

circolovegetarianocalcata.it

 

 

Non ho un dono spiccato per la modestia, considerando

me stesso, la mia opera, un degno percorso evolutivo, i

miei tentativi inconsci di mascherare le mie origini dal

fatto che la mia famiglia di origine ebraica si convertì e

cambiò cognome alla promulgazione delle Leggi Razziali

del Fascismo, io battezzato con il nome cristiano per

eccelleza, Paolo [da cui lo pseudonimo Saul, Shaul,

nel suo blog - NdR].

 

A Verona 1967-68 collaboro con una rivista e capisco

come sia facile manipolare l'opinione pubblica, perdo il

lavoro e mi dedico alla mia vera passione, la poesia, del

1970 la mia prima raccolta, nel 1971 cofondatore di una

delle prime associazioni culturali libere, l'“Ex”, ‘Fuori’

(dagli schemi), di poeti dialettali e intelligentia locale,

nel 1972 in Africa, sbarco 1973 a Bombay, non mangio

più carne e scopro me stesso, davanti al mio Guru sono

toccato dallo Spirito e abbandono le cose del mondo.

 

Torno a Roma, medito, canto, mi astenengo dal sesso,

traduco testi sacri, mi spingo fino a Calcata, lì fonderò

con amici il “Circolo Vegetariano VV. TT. di Calcata”, da

fine Anni Ottanta collaborerò con agenzie e testate su

ecologia profonda e spiritualità laica, contro il potere

economico-politico, oggi “pendolare” fra Treia, Marche,

e Spilamberto, Emilia, scrivo solo il  necessario e poesie,

assente ma comunque sempre “presente” a Calcata!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fabrizio De André 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nasce nel 1940 a Genova, suo padre, antifascista, nel

1941 decide di trasferire la famiglia nell'Astigiano, dove

“Bicio” trascorre la sua prima infanzia in un cascinale,

imparando a conoscere la vita contadina, integrandosi e

scoprendo il proprio interesse per la musica, di nuovo a

Genova 1945, bambino già insofferente della disciplina

studia il violino e poi la chitarra, da adolescente la

prima esibizione in pubblico, il suo primo gruppo,

country and western, poi jazz ed infine la canzone

francese e quella trobadorica medievale occitana.

 

Interrotti gli studi universitari di Giurisprudenza a pochi

esami dalla laurea, il suo primo disco nel 1958, la svolta

artistica deve aspettare, anarchico e pacifista con la sua

chitarra acustica si scaglia contro ipocrisie bigotte e

convenzioni borghesi, lui schivo e ignorato dalla critica,

solo del 1975 il primo tour, poi il sequestro dell'anonima

sarda insieme alla nuova compagna Dori Ghezzi 1979, la

consacrazione internazionale nel 1984, “Creuza de ma”

in dialetto ligure, premiato dalla critica come miglior

album dell'anno e del decennio.