Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

Annotazioni storiche e sociali

"Da qui gli Etruschi..."

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paola Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla ricerca di radici lontane

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima tesi sugli Etruschi

all'Università di Stoccolma, Svezia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stockholms Universitet

Institutionen för Franska, Italienska och klassiska språk

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Università di Stoccolma

Facoltà di Lettere - Istituzione di Lingue Romanze

Dipartimento di Francese e Italiano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I contenuti della pagina - testi e immagini - fanno parte della tesi

di laurea in "Lingua Italiana - Storia e società" "Rasenna - Gens

Etrusca dedita Religionibus", sostenuta con pieno e lodevole

successo nell'Anno Accademico 1996-1997 presso l'Università di

Stoccolma.

 

Nella rielaborazione redazionale per versione web, sia la struttura

del documento che il suo testo originale sono stati semplificati e

adattati per facilitarne la lettura su schermo, pur cercando di

ridurre al minimo le modifiche.

 

 

Motivi di sintesi, popolarizzazione e facilitazione della lettura che

hanno anche eliminato le classificazioni strutturali, i riferimenti, le

note finali e la bibliografia, tra cui le fonti "primarie" e

"secondarie".

 

Anche le tavole illustrative allegate alla tesi sono state sostituite

con immagini inserite contestuamente ai testi nel layout

predefinito per il portale, arricchite con alcune non presenti nel

documento cartaceo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Rasenna - Gens Etrusca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dedita Religionibus"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Radici nascoste

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cancellate da altri - da noi dimenticate

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un'introduzione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Attraverso mio padre e le sue origini, sto riscoprendo "radici" del

mio pensiero e modo di essere finora a me sconosciute:

gli "Etruschi" - Rasenna, gli "umani", in Etrusco , Rasna, o

, Raśna, e in particolare la loro religione "sociale" - un

ecologico modus vivendi.

 

Le nostre culture occidentali hanno spesso cercato di interpretare

"esistenza" e "vita" più frammentando la realtà nel razionalizzarla,

piuttosto che riconoscendovi la intrinseca "simbiosi del tutto".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli Etruschi - un popolo molto religioso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Della letteratura etrusca non ci sono pervenuti manoscritti

originali, ma solo testimonianze e citati di scrittori latini,

confermatici fino in Età Medievale.

 

L'interpretazione dell'unico documento originario, le Bende

funerarie della mummia di Zagabria, non è ancora arrivata a darci

nuove conoscenze, e lo stesso vale per molte delle iscrizioni

tombali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sopra alcuni frammenti di testi etruschi o citanti gli Etruschi:

a sinistra l'iscrizione "[...] Etruscorum mare [...]" su una lapide romana, al centro un

dettaglio delle bende funerarie della mummia di Zagabria, a destra un dettaglio delle

lamine d'oro dei portali del tempio di Pyrgi con testi bilingui etrusco-fenici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le informazioni più significative vengono finora da oggetti,

spesso rinvenuti nelle necropoli, annotazioni su un modellino di

fegato, scene mitologiche su gioielli, vasi e monete, offerte votive,

affreschi mortuari.

 

Ciononostante, l'insieme di queste fonti frammentarie riesce a

trasmetterci un'immagine del pensiero e della vita di un Popolo,

altrimenti avvolto nel mistero.

 

 

Gli Etruschi ritenevano che ci fosse una strettissima

corrispondenza tra la realtà dei sensi e quella ultraterrena:

la pace sulla terra era un "riflesso" dell'armonia nei cieli, garantita

solo dal compimento scrupoloso del "volere degli dei", attraverso

l'attenta "osservazione dei segni celesti" nella natura.

 

L'"interpretazione" di tali meggaggi divini come pure

l'adempimento degli adeguati "riti propiziatori" erano riservati ai

sacerdoti, i quali elaborarono minuziose "norme di culto" a

regolare tutti gli aspetti della vita, sia pubblica che privata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una religione "rivelata"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sia gli antichi testi che i numerosi reperti archeologici ci

documentano un mondo pieno di ammirazione e quasi di

sgomento di fronte alla potenza divina, che risulta in un

sentimento di totale subordinazione e adattamento, forse la

caratteristica più distintiva della religione etrusca.

 

 

La leggenda racconta che Tarconte, futuro fondatore di Tarquinia

e capostipite di una potente dinastia, stava arando il suo campo

quando, da una crepa del terreno, comparve "un bambino saggio

come un vecchio", Tagete.

 

Questi dettò ai lucumoni, accorsi sul posto, le regole della

Disciplina, poi chiamata appunto "tagetica" in suo onore, la quale

fu poi completata dalla ninfa Vegoia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una disciplina per la vita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa dottrina era un complesso di regole necessarie per

"capire" la volontà suprema, così da poter adottare comportamenti

consoni nell'"agire" della vita pratica - privata e pubblica, sociale,

politica e militare - vivendo in armonia con la natura, gli umani e

gli dei.

 

Le norme della Disciplina etrusca riguardavano tre settori

specifici:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

la lettura delle viscere delle vittime

sacrificate

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

l'osservazione delle folgori e dei tuoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

l'interpretazione dei cosiddetti 

"prodigi".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le regole erano di conseguenza divise rispettivamente in tre testi

sacri:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

i Libri Haruspicini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

i Libri Fulgurales

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

i Libri Rituales.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli scritti avevano carattere prevalentemente religioso, ma

venivano anche usati come "guida pratica" per misurare spazio e

tempo e sul come comportarsi verso la natura, gli uomini, le

nazioni ed il Cosmo intero, scrutando il cielo i sacerdoti

cercavano corrispondenze negli organi degli animali sacrificati,

secondo il principio "microcosmo e macrocosmo si equivalgono",

del resto riadottato poi dagli alchimisti fino al XVIII sec.

 

 

I Libri Rituales, oltre alle regole d'interpretazione dei "prodigi"

- miracoli nel senso di "eventi eccezionali" - contenevano precise

istruzioni per le varie cerimonie della vita sociale, riti e formule

magiche riguardanti il passaggio della persona al Regno dei morti

(da cui la denominazione "acheruntici").

 

Erano sicuramente anche testi "giuridici", in quanto definivano il

diritto di proprietà, suggerivano come risolvere problemi di

agrimensura e come costruire correttamente città, templi e case.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La mia ipotesi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono le nostre attuali idee "ecologiche"

poi così "moderne" come crediamo?

 

E non vengono al contrario impoverite,

a riguardare solo alcuni aspetti della

vita, come quello biologico?

 

 

Cercherò di ritrovare i fili di questo

tessuto culturale e riallacciarli al

pensiero "globale" ed "ecologico", che

vince sempre più terreno nella società

post-industriale, al nostro crescente

bisogno di riconoscerci nella totalità e

continuità della vita.
 

 

 

Le idee religiose dei popoli italici - e

non solo - furono penetrate 

profondamente da concetti etruschi, in

particolare assimilati dai Romani come

base dell'ordine sociale.

 

Roma stessa fu fondata secondo i sacri

riti etruschi e ricevette dagli Etruschi i

suoi primi templi e immagini divine - il

sacrarium, i riti di riconciliazione e

innumerevoli altre norme di culto.

 

 

Velzna o in Latino Volsinii, in qualità di

centro della vita religiosa etrusca, fu il

punto di partenza delle forze spirituali

che ebbero un'influenza decisiva sullo

sviluppo della penisola e dell'intero

mondo occidentale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mondo e il pensiero etrusco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Disciplina etrusca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e il potere sacerdotale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Disciplina Etrusca" chiamarono i Romani tutto quel complesso di

teorie, osservazioni e regole pratiche che costituivano il "canone"

delle attività dei sacerdoti etruschi.

 

 

Anche quando gli Etruschi avevano da lungo tempo perso la

propria indipendenza politico-sociale, la loro dottrina e le pratiche

sacerdotali resistettero come l'unico residuo della loro vita

culturale.

 

La perfetta conoscenza della Disciplina etrusca richiedeva lunghi

studi e a questo fine furono create scuole particolari, alcune delle

quali ancora attive alla caduta dell'Impero Romano d'Occidente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Coppia di mani in bronzo, da Vulci luogo di produzione e provenienza, databili all'VIII-VII

sec aC, ricavate da un'unica lamina lavorata, le dita lunghissime, accostabili

concettualmente alle maschere, anch'esse di bronzo laminato, di canòpi rinvenuti a

Chiusi, probabilmente primi esperimenti di resa della figura umana nella bronzistica

etrusca, una tecnica con parti lavorate separatamente a sbalzo e poi assemblate ad

ottenere statue a tuttotondo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il sacerdote etrusco - cepen - celebrava le pratiche divinatorie e

sacrificava agli dei.

 

 

C'era anche una specializzazione dei futuri sacerdoti in

haruspices o netsvis, maghi e divinatori esperti nell'esame delle

viscere degli animali sacrificati, fulguratores, profeti indovini dei

fulmini, ed augures, profeti indovini del volo degli uccelli.

 

Tutti i sacerdoti erano organizzati sotto un "sacerdote supremo",

con poteri, sia religiosi che temporali, molto estesi:

dopo una vittoria veniva spesso identificato come un dio e trattato

come tale.

 

 

L'Imperatore Augusto, cercò di ridar vita a queste antiche

tradizioni reintroducendo la fusione degli uffici più alti e dandosi

il titolo di Pontifex Maximus (da pons, ponte ed opifex, artigiano,

cioè "costruttore di ponti" tra gli dei e i mortali).

 

Considerato il ruolo fondamentale che la religione ebbe nella vita

degli Etruschi, i sacerdoti furono senz'altro i personaggi chiave di

quella società:

solo loro sapevano interpretare la volontà divina, rivelata

attraverso segni misteriosi, e solo loro sapevano officiare

correttamente  le complicate cerimonie liturgiche, necessarie per

mediare tra mortali ed immortali e per placare l'ira degli dei.

 

L'abilità degli "Aruspici" era riconosciuta in tutta la penisola e

nell'intero bacino mediterraneo.

 

 

Presso i Romani godettero di speciali attenzioni e di fama

duratura:

interpellati ancora in epoca imperiale, le loro direttive vennero

applicate alla lettera per risolvere i problemi più impegnativi della

nazione.

 

Anche se fu proprio Roma a distruggere l'Etruria, annientandola

come Nazione, fu sempre influenzata dalla sua cultura, religione e

scienza - una vera rivincita dei vinti sui vincitori.

 

 

Con fanatismo il Cristianesimo cercò di mettere al bando la

religione etrusca, accusandola di superstizioni sacrileghe,

negative per lo sviluppo della società - ma estiparla non fu

semplice, perchè poggiava su tradizioni millenarie, radicate negli

usi e nei costumi delle popolazioni italiche.

 

Perfino l'Imperatore Costantino, che pur mai cristiano permise e

favorì però la diffusione del Cristianesimo, ratificò i privilegi degli

Aruspici etruschi e ancora così tardi come nel 408 dC, gli Aruspici

offrirono il loro benaccetto aiuto a papa Innocenzo I per difendere

Roma contro le orde visigote di Alarico I.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dettaglio da un affresco tombale con Aruspice danzante e uccelli (da

notare il tipico copricapo poi adottato anche dai vescovi cristiani)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo aver lottato invano per la distruzione di usi e costumi

rasenni, soprattutto in Toscana, Umbria e Lazio, il Cristianesimo

finì per adottare la tattica di accoglierne nel proprio cerimoniale

simboli e pratiche.

 

Si possono trovare ancora oggi segni evidenti dell'importanza

della religione etrusca in simbologie liturgiche della Chiesa

Cristiana, ad esempio l'antico abito sacerdotale, poi di alta dignità

gerarchica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dettaglio da un affresco tombale con Aruspici in processione

sacerdotale, il capofila munito di lituus, il bastone sacro associato ad

Ermete, il dio della scienza segreta dell'Aruspicina (anche il ceppo

ricurvo verrà poi adottato dai vescovi cristiani)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dagli affreschi funerari di alcune tombe di Tarquinia e Vulci

dell'VIII-VII secolo aC, se ne ha una descrizione molto dettagliata:

un copricapo alto ed appuntito (vedi la mitra vescovile e

pontificale con i due nastri posteriori, infule o vitte), una pertica

con la punta ricurva, il lituus (vedi il pastorale) e un mantello di

pelle tenuto unito da una fibbia d'argento (vedi il felonion o

pianeta, la cappa magna cardinalizia, il fanone, il pallio nella

Chiesa Cristiana di Roma).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'energia personificata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per gli Etruschi il Cosmo era un complesso di dimensioni

inafferrabili, di forze individuali, visibili e non visibili, spesso

chiamate "dei", al cui volere - o discrezione - bisogna

sottomettersi.

 

Gli umani, in tutte le manifestazioni della propria vita, dipendono

essenzialmente da queste forze e, quindi, sia nel ricavare dalla

natura il proprio sostentamento, sia nel loro destino in guerra e in

pace, non possono agire se non nel rispetto di questo contesto di

forze superiori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La divisione dello spazio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Cosmo formava un solo, enorme "spazio sacro", concetto

ripreso dai Romani e poi chiamato templum, dal Greco τέμενος,

temenos, recinto sacro, da τέμνω, temno, la pratica tutta etrusca di

"tagliare" lo spazio, parola usata per indicare l'area consacrata

degli edifici di culto.

 

 

Nel cielo vivevano i Superi e nel sottosuolo gli Inferi:

del templum sotterraneo sappiamo molto poco, invece del

templum celeste conosciamo la divisione dettagliata.

 

Erano i Superi che l'umano doveva rispettare e servire più di ogni

altra cosa, persona o divinità, ma, allo stesso tempo, per gli

Etruschi il "mondo dei vivi" era soltanto una piccola parte del

mondo presente e infinito, nel quale regnavano gli Inferi e i morti.

 

 

Così, in ogni abitato etrusco, si creava il mundus, il collegamento

con il "mondo degli Inferi":

un pozzo scavato alla fondazione della nuova città, proprio al

centro della sua area consacrata.

 

Vi venivano gettate le primizie di ogni raccolto, come dono agli

Inferi, e tre volte all'anno se ne toglieva il coperchio di pietra, per

permettere alle anime dei morti di salire al mondo superiore.

 

 

Una tale concezione del mondo portò i sacerdoti etruschi ad

elaborare una dettagliata teoria per definire l'ubicazione ed il ruolo

di tutti gli "dei" nell'Universo e le relazioni di queste potenze con

gli uomini.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricostruzione schematica di divisione del sacro spazio cosmico, secondo le regole

della Disciplina tagetica, ricavato dall'interpretazione del fegato di Piacenza (da notare

l'orientamento capovolto Sud-Nord!).

 

Dalla lettura di testi latini, per lo più traduzioni di fonti etrusche fatte da studiosi romani,

il templum etrusco era frutto delle loro conoscenze astronomiche che venivano a loro

volta applicate rigorosamente nella costruzione del tempio fisico, con un preciso

orientamento dei punti cardinali, appunto coordinate e "cardini" dell'Universo.

 

Agli dei venivano quindi assegnate le sedici regioni del ciclo:

nel primo quarto, da settentrione al sorgere del sole equinoziale, le Grandi Divinità

Celesti, nel secondo, di mezzogiorno, e terzo, del tramonto equinoziale, la Natura e le

Divinità Terrestri, nel quarto, fra tramonto e settentrione, le Divinità Infernali e Fato,

ulteriormente raggruppati in "sinistri" gli otto a levante e "destri" gli otto a ponente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La spazio totale s'immaginava con la volta celeste solcata da un

asse Nord-Sud, il cardus, e una Est-Ovest, decumanus, le quali si

incrociavano ad angolo retto sullo zenit.

 

I quattro quadranti o "province" che ne derivavano, venivano poi

"lottizzati" in "zone", ciascuna di dominio di un dio, con la parte

orientale della volta celeste appartenente agli spiriti che portano

fortuna, mentre la parte occidentale era popolata da spiriti

malefici.

 

 

Gli umani, posti sulla Terra tra dei superi e inferi, dovevano vivere

in conformità alle leggi sia degli uni che degli altri e, peraltro, data

l'assoluta sovranità delle potenze divine, senza poter penetrare la

vera essenza del mondo e della vita.

 

Quindi il concetto delle "leggi universali" ebbe, in pratica,

un'importanza subordinata a quella dell'altro concetto della

volontà "imperscrutabile" degli dei.

 

 

Da q