Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

Annotazioni storiche e sociali

"Da qui gli Etruschi..."

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I "Popoli del Mare"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le nostre radici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

affondano molto lontano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le origini dei

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cosiddetti "Popoli del Mare"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I primi flussi migratori dall'Anatolia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel Paleolitico, solo tribù nomadi cacciano nella Grecia

continentale, ma nel VII-VI millennio aC nuovi gruppi si spingono

dall'Anatolia fino ai futuri territori Egei.

 

Pur con utensili ancora di pietra, applicano già rudimentali

conoscenze di agricoltura e si stabiliscono quindi sul continente

- altri proseguono per Creta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima "civiltà" mediterranea

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'Età del Bronzo, verso il 3000 aC, vede questi flussi migratori

dall'Est farsi più consistenti e dar vita ad una prima civiltà

"evoluta", detta appunto "Egea", di popolazioni legate da

linguaggi indoeuropei, chiuse in Città-Stato con possenti mura,

divise e in continua lotta tra loro.

 

Invece alcuni centri, come ad esempio "Cnosso" - in Minoico

Kunisu, Greco Κνωσός, knoosos, Greco "miceneo" Konoso, poi in

Latino Knossus o Cnossus, il cui primo insediamento sarebbe

databile addirittura al 7000 aC, ma il cui primo palazzo risale al

1900 aC, abitata dai Minoi (per alcuni provenienti dall'Egitto, per

altri dall'Anatolia e con forti analogie genetiche con le allora

popolazioni di Sardegna, Penisola Iberica, Francia e addirittura

Scandinavia) e poi da Greci Micenei - e "Tirinto" - in Greco antico

Τίρυνς, Tiryns,  Greco moderno Τίρυνθα, Tiryntha - entrambe le

città dai nomi non indoeuropei, a ragione si suppongono per

questo precedenti alla prima Età del Bronzo.

 

 

In tutta l'area egea utensili ed armi di bronzo sono simili, come

pure gioielli in oro e argento.

 

Solamente la lavorazione della ceramica e le modalità di sepoltura

mostrano connotazioni locali:

 

- a Creta la tomba circolare, a falsa cupola, può accogliere più

generazioni

 

- sul continente basta per una famiglia

 

- e nelle Cicladi è addirittura individuale, a lastra piatta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I primi grandi palazzi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Già dal 2500 aC Creta presenta quindi una civiltà cosiddetta

"Minoica", con largo uso di sigilli in pietra, che sfocerà nella

cruciale invenzione della scrittura.

 

In questa fortemente vitale e continua spirale evolutiva l'isola

produrrà palazzi maestosi a Festo, Cnosso, Mallia e Zakros.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dettagliato modello in legno dell'imponente Palazzo di Cnosso esposto nel Museo

Archeologico di Creta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I "Primi Palazzi" a Cnosso e Festo verranno distrutti da incendi nel

1700 aC e successivamente sostituiti dai "Secondi Palazzi" fra il

1700 ed il 1450 aC, periodo di massimo fulgore artistico e massima

espansione politica, con un abbandono di Cnosso nel Tardo

Periodo Minoico IIIC, circa 1380-1100 aC.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le rovine del complesso del Palazzo di Cnosso, rappresentato nel modello sopra, in

una foto satellitare ruotata a raggiungerne il medesimo orientamento come

nell'immagine del modello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una ricostruzione grafica del complesso del Palazzo di Cnosso, terrazzato a seguire le

caratteristiche del terreno, con ariosi e vivacemente colorati portici e passaggi ed una

grande piazza centrale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una colonia cretese viene fondata a Kastri, sull'Isola di Citera, fra

Creta e il Peloponneso, già prima del 2000 aC ed altri insediamenti

cretesi sono presenti dal 1700 aC in molte delle Isole Cicladi

- Akrotiri a Thera, Filakopi a Melos, Haghia Irene a Kea - facendo

queste isole tributarie di Creta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il ripetuto sovrapporsi di "invasori"

confermato dal tardare della scrittura "moderna"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nelle Isole Cicladi e nel continente, la "scrittura" rimane a lungo

ancora sconosciuta, indice di un progresso rallentato dalla

sovrapposizione di popolazioni meno progredite, sia dall'Est che

dal Nord.

 

Intorno al 2000 aC invasori provenienti dall'Anatolia occupano

infatti molte delle Cicladi, Lerna e parte del Peloponneso orientale.

 

 

L'invenzione della "scrittura" o fissazione di un "significato" dato

dall'uomo in una forma esterna tale da essere "durevole", viene

nella nostra cultura generalmente assunta a pietra miliare,

segnando in questo modo il decisamente arbitrario limite fra una

"storia" propriamente detta e un'altra declassata a "pre-istoria".

 

Il concetto primo di "scrittura" non corrisponde però alla nostra

comune accezione moderna:

solo nelle successive scritture cosiddette "alfa-betiche" diventerà

la rappresentazione grafica di una lingua parlata.

 

 

In tali scritture si andrà infatti lentamente a creare un complesso

di "segni",  detti "grafemi", a rappresentare non più "oggetti" ma

"suoni" o "gruppi di suoni", fino a sviluppare così quel nostro

semplice e geniale doppio sistema di comunicazione ancora oggi

in uso basato su "parole" e non più "illustrazioni", cioè sia di

"scrittura", la "codificazione" o fissazione concordata di suoni a

comporre un "significato univoco", che di "lettura", la successiva

decodificazione o "interpretazione univoca" dell'originario

"significato attribuito" a quel gruppo di suoni.

 

Come già il linguaggio parlato, anche la scrittura diverrà uno dei

fondamentali canali di comunicazione umana, il mezzo finora più

efficace per conservare e trasmettere "memoria" del nostro sempre

più ricco patrimonio, tanto collettivo quanto individuale, di

"esperienze" - fatti e idee - a testimonianza della propria esistenza,

passando da una tradizione orale, di generazione in generazione

soggetta a "deterioramento", a una scritta "documentalmente"

precisa.

Il "Disco di Festo", una terracotta di circa 16 cm di diametro, scoperto nel 1908 a Creta,

tra le rovine di un palazzo minoico del 1700-1600 aC.

 

Sulle sue facce una serie di segni a spirale, in senso orario verso il centro, impressi

sull'argilla fresca con "timbri", in tutto 241, 45 tolte le ripetizioni - umani, animali,

barche, case, piante, attrezzi e armi - anche se finora indecifrabili, chiara testimonianza

dell'uso di punzoni per una produzione "in serie" di primi documenti così a dire

"stampati"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che ciò possa definirsi un inizio della "storia umana", qui

all'iniziale, incerta evoluzione di "pittogrammi", rappresentazione

di oggetti, animali e persone, verticali e poi orizzontali, o allo

sviluppo di "ideogrammi", rappresentazione di idee, quindi

"astrazioni" opera del pensiero umano, o infine alla creazione di

"fonemi", rappresentazioni sillabiche di suoni del linguaggio

parlato, ad evolversi in "lettere" alfabetiche, rimane altamente

discutibile, perché di fatto la nostra è "storia umana" fin dal primo

passo del lungo cammino.

 

La "trasmissione durevole di informazioni", anche se non

rappresentazione grafica del "parlato", è di molto precedente e

tutto "racconta":

piuttosto va fatto risalire alla recente ideologia borghese quel

disprezzo per la cosiddetta "Pre-istoria", le cui forme aggregative

sociali vengono volentieri definite "rozze", mentre "evolute"

sarebbero per definizione le "civiltà" capaci di generare la "storia"

- una questione definitivamente ideologica e politica!

 

 

A riprova il sofisticato disco addirittura "a stampini" con caratteri

riusabili sopra riprodotto e i cui "simboli", eseguiti con gran cura

dei dettagli e suddivisi in sequenze limitate da linee, pur

mostrando un tipico "fraseggio" da linguaggio e costituendo uno

degli in assoluto più antichi documenti "stampati" a caratteri

mobili ante litteram, apparterrebbe alla pre-istoria...

 

Questa scrittura mostra molto probabilmente una forma sillabica,

cioè non alfabetica, pur senza alcuna somiglianza con alcun'altra

conosciuta scrittura, forse un "testo" o un "sillabario", se non un

alfabeto, o una cosiddetta "logografia".

 

 

La scrittura "logografica" o "ideografica" è un sistema di scrittura

non alfabetica in cui ciascun elemento o "logogramma"

rappresenta sia il "significante" (il segno formale, fonico o grafico)

che il "significato" (ciò che il segno vuole "signi-ficare", dire o

rappresentare attraverso il segno).

 

Interessante quindi come in questo tipo già avanzato di scrittura

un logogramma possa indicare sia parole diverse con lo stesso

significato, diremmo oggi "sinonimi", ma anche parole uguali con

significato diverso, cioè "omonimi" (tra le lingue logografiche

l'antico Egizio geroglifico ma anche il moderno Cinese).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I grandi flussi e riflussi migratori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La storia dell'Europa e dell'intero Mediterraneo inizia con i primi

flussi orientali o "asiatici" tra il 3000  e il 2000 aC a seguito di

drastici cambiamenti climatici e conseguenti carestie.

 

Poi, dopo gli invasori anatolici del 2000 aC, ancora alcuni secoli e

altri invasori caleranno dai Balcani nel Peloponneso, lasciando

tracce anche a Lerna.

 

 

Questa volta si tratta di popoli nordici di lingua indoeuropea, una

prima forma del futuro "Greco".

 

Si tratta di una parte di quei già intensi flussi migratori che si

trasformeranno successivamente in vere e proprie "epiche"

trasmigrazioni umane, verso Ovest, l'Oceano Atlantico all'epoca

capolinea obbligato di molti spostamenti, e a ritroso dall'Oceano

Atlantico verso Est,  quest'ultime dette appunto "atlantiche".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricostruzione della epocale migrazione a ritroso, da Ovest ad Est

delle popolazioni cosiddette "atlantiche", a metà del II millennio aC,

attraverso l'intero continente - Europa Occidentale, Centrale ed

Orientale - alla fine confluendo soprattutto verso la Cananea e l'Egitto

Faraonico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questi flussi migratori di popoli e le conseguenti fasi evolutive

nell'area egeo-balcanica proseguono fino alla fine dell'Età del

Bronzo, vale a dire verso il 1000 aC, e corrispondono quasi

esattamente all'Antico, Medio e Nuovo Regno Egizi, che vanno

infatti:

 

- l'"Antico" Regno, III-VI dinastia, dal 2700 al 2200 aC

 

- il "Medio" Regno, XI-XII dinastia, dal 2040 al 1790 aC

 

- il "Nuovo" Regno, XVIII-XX dinastia, dal 1530 al 1080 aC.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricostruzione dell'invasione massiccia dell'Anatolia Ittita, via terra, e

la messa a ferro e fuoco, soprattutto via mare, dei maggiori centri

sulla costa Cananea, tutti compresi nella sfera di interessi egizia,

intorno al 1300-1200 aC.

 

La pressione politica, economica e militare sale sul confine del

Grande Regno e sfocerà inevitabilmente in una serie di almeno tre

grandi guerre combattute per quasi 50 anni da due Dinastie

Faraoniche - la XIX e la XX - contro le diverse e dinamiche coalizioni

formatesi dalle popolazioni locali assalite e gli assalitori, i cosiddetti

dal punto di vista Egizio "Popoli del Mare"  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I falliti tentativi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di invasione dell'Egitto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla fine dell'Età del Bronzo, dall'area egeo-balcanica, non una ma

una serie di intere popolazioni si riversano a ondate su Medio

Oriente ed Egitto.

 

Molto verosimilmente questo avviene, come per le prime

migrazioni "asiatiche" secondo un effetto domino, in una prima

fase sotto la diretta pressione dell'iniziale invasione "dorica", in

una seconda fase a causa del suo perdurare ed in una terza fase

finale a causa del conseguente crollo dei Regni Micenei.

 

 

Il tempismo degli spostamenti ed i loro itinerari dimostrano, al di

fuori di ogni possibile dubbio, come non siano "casuali" ma

strategicamente pianificati, prendendo forma di ben coordinati

attacchi contro il Regno Faraonico.

 

Tutti questi ripetuti tentativi di invasione della ricca e produttiva

regione nord-africana da parte di più popolazioni, unite in diverse

alleanze, saranno però destinati ad infrangersi contro la

superiorità militare, se non numerica, dell'esercito e della flotta

egizi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

                                   

 

"Invasions of the Sea Peoples

Egypt & The Late Bronze Age Collapse"

"Le invasioni dei Popoli del Mare

Egitto e il collasso nella tarda Età del Bronzo"

 

History Time

Versione breve di 8 min 41 sec

 

 

Alla fine della pagina il collegamento alla sua versione completa

 

"The Sea Peoples & The Late Bronze Age Collapse

Ancient History Documentary (1200-1150 BC)"

"I Popoli del Mare e il collasso nella tarda Età del Bronzo

Documentario di Storia Antica (1200-1150 aC)"

 

History Time

Versione completa di 2 ore 21 min 01 sec

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I tentativi di invasione dell'Egitto da parte dei Popoli del Mare

sono quindi una diretta conseguenza del progressivo collasso e

della fine dell'Età del Bronzo.

 

Gli anni tra il 1500 e il 1200 aC sono fra i più prosperi che il mondo

abbia mai conosciuto, con le intere coste del Mar Mediterraneo

Orientale abitate da Egiziani, Ittiti e Minoici con intorno a loro un

gran numero di stati più piccoli e città-stato, un macro-sistema

sociale, culturale, politico ed economico altamente cosmopolita,

raramente visto nella storia.

 

 

Beni commerciali greci e ittiti vengono oggi regolarmente

rinvenuti nei siti archeologici in Egitto, proprio come

simmetricamente geroglifici e prodotti commerciali egiziani

vengono scoperti in altri luoghi fuori del territorio dell'Impero

Egiziano, come l'Isola di Creta e Micene (a bordo del relitto di una

nave da trasporto  dell'epoca naufragata al largo delle coste

dell'odierna Turchia verranno catalogate merci provenienti da ben

nove paesi diversi!).

 

Come dimostrano i ricchissimi reperti di comunicazioni

diplomatiche sostanziali e le innumerevoli testimonianze di

avvenuti massicci e frequenti commerci, il mondo mediterraneo

della tarda Età del Bronzo appare come un vasto sistema

interconnesso, una vera e propria rete fitta di scambi culturali e

vivaci movimenti - via terra ma soprattutto marittimi - di import-

export.

 

 

Tutto questo come risultato e culmine dell'evoluzione di una linea

culturale ininterrotta che inizia con le prime città oltre tremila anni

prima, un mondo che di lì a poco, a partire cioè dal 1200 aC circa,

sarebbe sgretolato in modo catastrofico ed estremamente violento

in quel cataclisma noto come "Collasso dell'Età del Bronzo".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I documentati tentativi di invasione dell'Egitto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Popoli del mare" è la nostra denominazione moderna a

identificare un largo insieme di popolazioni, negli antichi

documenti egizi chiamate collettivamente "Haunebu" o "Popoli

dietro le isole".

 

Sono navigatori e pirati del Mediterraneo orientale, i quali arrivano

a tentare, via terra e via mare, una diretta penetrazione nello

stesso Egitto già una prima volta alla fine della XIX Dinastia e, più

tardi, almeno una seconda volta nell'ottavo anno di Regno del

Faraone Ramses III, della XX Dinastia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il primo tentativo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sappiamo per certo che il Faraone Merenptah ne ferma un primo

ragruppamento intorno al 1225 aC, un'alleanza bellica composta

da:

 

- gli Ekwesh, nei libri di storia a noi meglio conosciuti come

"Achei"

 

- i Teresh (un nome da ricordare!)

 

- i Lukka o "Lici"

 

- gli Šhardana

 

- i Shekelesh.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricostruzione delle rotte marittime e degli spostamenti via terra

coordinati per l'avanzata della Coalizione dei cosiddetti "Popoli del

Mare" verso l'Egitto, propedeutici alle tentate invasioni intorno al 1200

aC.

 

Un'imponente flotta navale e altrettanto ingenti forze di terra

avanzano simultaneamente da Nord, la prima dall'Isola di Cipro lungo

le coste Medio-Orientali mentre le seconde la attraverandone

l'entroterra dall'Anatolia, per poi ricongiungersi strategicamente a

cuneo sul confine Egizio a Sud e sferrare un coordinato attacco

decisivo, con la evidente finalità di indebolire la difesa avversaria

creando due fronti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Faraone Merenptah o Merneptah raffigurato mentre tiene per i

capelli dei prigionieri dell'armata dei "Popoli del Mare", in procinto di

ucciderli o di punirli.

 

Molto interessante la forma antica di "prospettiva", che si crea

nell'immagine conferendo al personaggio chiave, qui il vincitore, una

dimensione sproporzionatamente maggiore rispetto a tutti gli altri

- un'efficace e manipolativa comunicazione mediatica di oltre 3000

anni fa...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il secondo tentativo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un secondo ragruppamento semina distruzione in Anatolia, Siria e

Cipro prima di essere sconfitto dal Faraone Ramses III nel 1190 aC.

 

Questa volta lo compongono:

 

- i Peleset, i biblici "Filistei" di Sansone

 

- i Tjeker

 

- gli Shekelesh, di nuovo!

 

- i Danuna, i famosi "Danai"

 

- i Weshesh.

 

 

I Peleset finiranno poi per stanziarsi sulle coste della odierna

"Palest-ina", che  infatti proprio da loro prende il nome.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La precedente scena, con il Faraone Merenptah sopra, si ripeterà,

quasi identica nella composizione e nei dettagli.

 

Medesimo il linguaggio, medesimo il messaggio - solo che qui si

tratta del Faraone Ramses III, qualche decennio più tardi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il ruolo storico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dei "Popoli del Mare"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il ruolo storico dei cosiddetti "Popoli del Mare", sul finire dell'Età

del Bronzo, è di grande e non ancora del tutto analizzata

importanza.

 

Sono popolazioni che acquistano dignità ed identità, ribellandosi

al proprio stato di schiavi e tributari, cercando una terra nuova su

cui ricostituirsi come liberi cittadini - e si sentono forti insieme,

tanto da attaccare e distruggere città costiere importanti, come

Ugarit, verso il temuto, ma ugualmente cercato, scontro frontale

con lo strapotere del Regno, o, meglio, Impero Egizio.