Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

Annotazioni storiche e sociali

"Da qui gli Etruschi..."

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roma città etrusca - Eccome!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli Etruschi a Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ancora prima che esista

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le prime tracce di vita umana nel territorio risalgono a circa

650.000 anni fa, lungo l'antico corso del Fiume Tevere a circa

250.000 anni e nella zona dei Sette Colli al 1.400 aC.

 

Tradizionalmente le relazioni fra Roma e gli Etruschi si sono fatte

iniziare con le vicende legate alla dinastia dei Tarquini, nella

cosiddetta "Seconda Età Regia" di Roma, una serie di eventi

storici, anche se poi rimaneggiati, che comunque incidono in

modo decisivo sull'evoluzione politica ed istituzionale della città

nel suo passaggio dalla fase monarchica a quella repubblicana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Lapis niger, una lastra di pietra nera con un'iscrizione "bustrofedica"

in alfabeto latino arcaico (scrittura cioè con righe alternate da sinistra

a destra e viceversa, come il solco continuo tracciato dai buoi

nell'aratura di un campo, ed in caratteri di derivazione greco-etrusca),

ritrovata nel Foro romano da Giacomo Boni nel 1899

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma la presenza in loco di popolazioni di origine etrusca sui colli

dove poi nascerà Roma è archeologicamente oggi provata, tra

l'altro, dal recente ritrovamento di reperti databili alla prima Età

del Ferro, con chiari influssi della Cultura Tardo-Villanoviana,

oltre che da fonti epigrafiche e letterarie, le quali ultime

accennano a contatti fra il Re di Alba Longa Amulio ed il Re

etrusco Vel o Vipe, molto probabilmente di Vejo.

 

Questo avviene prima della fondazione di Roma,

convenzionalmente collocata, secondo una consolidata

tradizione, a metà dell'VIII sec aC, più precisamente il giorno

21 aprile del 753 aC, seguendo i sacri riti etruschi, come descritto

da Tito Livio nell'Ab Urbe Condita, "Dalla fondazione di Roma".

 

 

Inoltre questa presunta data coincide non solo con la fine del

periodo dello sviluppo delle Civiltà Villanoviane etrusche, ma

anche con l'inizio della colonizzazione greca nell'Italia Centro-

Meridionale, intorno al 775 aC, lo stanziamento cioè dei Greci a

Pitecusa, sull'Isola d'Ischia.

 

Lo scenario storico porta quindi a considerare, anche se non

provati, almeno plausibili contatti diretti, scambi commerciali e

contaminazioni culturali delle Popolazioni Latine lungo il Tevere

con Etruschi a Nord e Greci a Sud.

 

 

La Civiltà Etrusca non solo precede quella Romana, ma ne va a

costituire una parte essenziale e sopravviverà anche dopo la fine

dell'indipendenza delle Città-Stato etrusche.

 

In Età Augustea una forte corrente anti-etrusca porta a riscrivere

la storia, cercando di dissociare gli Etruschi dalle origini di Roma:

di fatto però la città nasce proprio dall'unione dell'Etruria con il

Lazio antico, cui Virgilio esplicitamente riferisce con il suo

"Tuscum Tiberim et Romana Palatia":

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Di patrii, Indigetes, et Romule

[Vestaque mater,

quae Tuscum Tiberim et Romana

[Palatia servas,

hunc saltem everso iuvenem

[succurrere saeclo

ne prohibete! "

 

"O Dei patrii, o Eroi protettori del

[paese, e tu o Romolo e tu madre Vesta,

che proteggi il Tevere Etrusco e il

[Palatino Romano,

non impedite

che almeno questo giovane soccorra al

[secolo rovinato!"

 

 

Publius Vergilius Maro, "Georgica"

Publio Virgilio Marone, le "Georgiche"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La principale divinità del popolo etrusco, senza alcun corrispettivo

romano, a rappresentare l'eterno mutare delle stagioni:

Vetumnus, centro del suo culto il Fanum Voltumnae nella città di

Volsinii (Bolsena), massimo centro religioso della confederazione

etrusca.

 

Sopra, nella statua marmorea "Vertumno e Pomona" di Camille

Claudel, 1905, unito alla ninfa della frutticoltura e degli innesti arborei,

poi dea romana Patrona pomorum o "signora dei frutti", con un bosco

sacro - il Pomonal - sulla Via Ostiense, nei pressi dell'odierno Castel

Porziano.

 

Sotto, nel dettaglio di uno splendido mosaico romano conservato al

Museo Archeologico Nazionale di Madrid.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E ancora, dopo l'invasione dei Galli la salvezza di Roma viene

proprio dall'etrusca Cere:

 

- la Prima Coorte Pretoria del futuro Augusto è reclutata in Etruria,

una delle terre più genuinamente vetero-romane

 

- nel Foro Romano viene collocata la statua del dio nazionale

etrusco Velthune o Veltumna o Voltumna, per i Romani

"Vertumno"

 

- l'Imperatore Claudio, oltre che storiografo è un competente ed

entusiasta etruscologo

 

- l'Haruspex Primarius o Maximus dell'Ordo LX Haruspicum

diventa in Età Imperiale l'aruspice ufficiale dell'Imperatore ed

aruspici vengono trovati nelle terre più lontane dell'Impero,

segno, viceversa, di un'espansione della cultura etrusca anche

fuori dell'Etruria e della stessa Penisola Italica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prototipo etrusco dell'"auriga", i suoi splendidi cavalli in terracotta

ritrovati a Tarquinia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I veri problemi per l'antichissima Disciplina Etrusca inizieranno

solo con l'ambiguità di Costantino!

 

Nel 319 dC con un primo Editto proibirà la consultazione privata

degli aruspici, per poi raccomandarla due anni dopo, attraverso

un altro Editto, nel caso un fulmine sia caduto su un edificio

pubblico...

 

 

Ancora lo stesso Costantino fonderà l'Altera Roma,

Costantinopoli, nel 324, etrusco ritu (!), secondo cioè i sacri riti

etruschi, come Romolo, per poi, tra i suoi ultimi atti ufficiali,

emettere il Rescritto di Hispellum - la concessione agli Umbri di

riunirsi annualmente non più a Volsinii insieme agli Etruschi, ma

in Umbria in un edificio celebrativo della Gens Flavia, detto

tempio, a condizione che non sia "contaminato dagli inganni di

qualsiasi contagiosa superstizione".

 

Il documento decreta, in pratica, la fine dell'Unione delle Comunità

Umbre con la Federazione religiosa Etrusca, da tempi antichissimi

con sede nel Fanum Voltumnae, a Bolsena.

 

 

Ma nonostante tutti gli attacchi e le persecuzioni subite dall'antica

religione, si hanno notizie di uno sviluppo della Disciplina Etrusca

ancora nel VI sec dC.

 

 

E, stranamente, la produzione letteraria etrusca è andata

completamente perduta, non solo gli antichi originali, ma anche le

loro più tarde trascrizioni di Epoca Romana, della cui esistenza

abbiamo comunque numerose prove, e addirittura la stragrande

parte della storiografia latina che tratti la questione etrusca...

 

Eppure sappiamo per certo che agli inizi dell'Impero Romano,

a 30 anni circa cioè dall'inizio del nostro calendario con la nascita

di Cristo, ancora viene conservato innumerevole e preziosissimo

materiale etrusco, in Lingua Etrusca e sugli Etruschi.

 

 

Questo materiale è sufficiente perché l'Imperatore Claudio possa

ad esempio comporre i suoi Tyrrenikà, monumentale opera in ben

20 libri di storia, cultura e arte etrusche riguardanti un arco di

tempo quasi millenario.

 

O perché Marco Terenzio Varrone, direttore della biblioteca

pubblica di Roma (!), possa far diretto riferimento a fonti storiche

etrusche quando cita le Tuscae Historiae nei suoi Antiquitatum

rerum humanarum et divinarum libri XLI, cioè nei suoi 41 libri,

divisi in 25 libri Rerum humanarum e 16 Rerum divinarum!

 

 

Anche le scene dipinte nella Tomba dei Saties o cosiddetta

"François"a Vulci raccontano episodi storici in cui Eroi etruschi

combattono contro altri Etruschi di città alleate con i Romani e

contro Etruschi di Roma.

 

Le scene presuppongono una tradizione storica, per il semplice

fatto che gli affreschi tombali, scoperti solo a metà del 1800,

risalgono con certezza al 340-310 aC circa, mentre gli avvenimenti

che rappresentano devono necessariamente essere avvenuti due

secoli prima.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lotta di eroi etruschi negli affreschi della Tomba François a Vulci:

Celio Vibenna  o Caile Vìpinas liberato da Mastarna o Macstrna,

identificabile come Servio Tullio, secondo Re etrusco di Roma - opera

di grandissimo interesse dal punto di vista storico della nazione

etrusca, dipinta proprio all'epoca dei contrasti con l'aggressiva Roma,

cui il centro costiero di Vulci, come ad una ad una tutte le altre città-

stato etrusche, sarebbe stato destinato a soccombere nel 280 aC

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I Re di Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Su otto quattro Latini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

uno Sabino e tre Etruschi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima fase storica di Roma è caratterizzata da un governo di

tipo monarchico, il quale si conviene tradizionalmente si sviluppi

dal 753 al 510 aC:

il suo inizio coincide con la mitica fondazione della città e termina

con una rivolta popolare che instaurerà la Repubblica - l'ultimo Re

di Roma è un Etrusco e non è il solo.

 

A sua volta nell'iniziale periodo di monarchia si possono

distinguere una Prima ed una Seconda Età Regia, quest'ultima

etrusca, dall'inizio del VII all'inizio del VI sec aC.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Romolo e Remo allattati dalla "lupa" in una siliqua, moneta romana

d'argento coniata per la prima volta da Costantino, a celebrare le

mitiche origini divine di Roma, nel 323 dC.

 

Questo avviene dieci anni esatti dopo il famoso "Editto imperiale di

tolleranza" di Milano, che pone ufficialmente fine alle persecuzioni

religiose con la proclamazione della "neutralità" dell'Impero nei

confronti di ogni fede, poi nella tradizione della Chiesa reinterpretato

(e da molti ancora creduto!) come l'innalzamento del Cristianesimo

a Religione di Stato nell'Impero.

 

Una manipolazione storica supportata da "pie leggende cristiane",

come quella dell'In hoc signo vinces, "Con questo segno vincerai",

nella battaglia decisiva contro Massenzio, tramandata prima

dall'apologista Lattanzio e poi dal Vescovo Eusebio di Cesarea,

secondo i quali il segno sarebbe stato "una croce con il monogramma

di Cristo", il chi-rho formato dalle lettere greche X e P sovrapposte...

 

Molto più attendibilmente si tratta di "un cerchio raggiato", il simbolo

pagano del Sol Invictus, "il sole mai sconfitto".

 

Le conseguenze dell'Editto e di altri atti ufficiali dell'Imperatore

Costantino verranno di fatto usati per dar inizio ad una accanita, ma

mai citata, raccontata, ricordata o commemorata persecuzione, quella

della Religione Etrusca, della sua antica Disciplina e dei suoi

sacerdoti, gli aruspici.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le grandi opere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

della Roma etrusca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I sette - in verità otto! - Re di Roma governano la città per un

periodo di circa 250 anni, dalla mitica fondazione alla Repubblica,

ultimo tra loro l'etrusco Tarquinio il Superbo.

 

Gli Etruschi influiscono profondamente non solo sulle vicende

storiche e culturali di Roma, ma anche sul suo sviluppo

urbanistico, fino alla caduta di Vejo nel 396 aC.

 

 

Gli scavi archeologici, dal primo '900 ad oggi, confermano le

caratteristiche di Roma come città etrusca!

 

Non dimentichiamo che la prima, "scientifica" ricostruzione

dell'evoluzione urbanistica ed architettonica di Roma parte senza

neppure conoscere dove esattamente sia ubicato il Foro Romano,

preceduta da sporadici scavi nelle vicinanze degli Archi di

Settimio Severo e di Costantino, delle tre colonne di Castore ed il

Tempio della Concordia.

 

 

Il salto di qualità viene con Roma Capitale del Regno d'Italia nel

1870 (appartiene fino ad allora allo Stato della Chiesa) e la

successiva protezione dell'area di scavi come "zona

archeologica".

 

È merito dell'architetto ed archeologo veneziano Giacomo Boni,

disegnatore di grande qualità, rispettoso del carattere storico dei

monumenti antichi, cui nel 1898 l'allora Ministro della Pubblica

Istruzione affida la direzione degli "Scavi del Foro Romano" -

Foro, Palatino e Campidoglio.

 

 

La svolta arriva con le indagini sistematiche del sottosuolo, che

danno subito ottimi risultati.

 

Nei pressi dell'antica Via Sacra nel Foro un cimitero arcaico

dell'VIII sec aC, sul Palatino puntelli di capanne e cocci di vasi

esattamente databili al medesimo periodo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'architetto e archeologo Giacomo Boni nel suo studio sul Palatino

all'epoca degli scavi del Foro Romano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sull'Esquilino reperti e tracce di abitazioni e necropoli della prima

metà del II millennio aC hanno già mostrato chiaramente l'avvio

degli insediamenti umani sulle alture del Tevere, cui se ne vanno a

sovrapporre successivi fino all'VIII sec aC.

 

All'improvviso i segni inconfutabili di nuove tribù di Latini, perché

abitano in capanne di rami ed argilla sui Colli Palatino, Esquilino

e Quirinale e, dal principio del VI sec aC, anche sui pendii dei

colli, prima usati esclusivamente per le sepolture, e poi nelle

piccole valli tra i colli, addirittura anche in zone paludose.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Roma" - Etimologia della parola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche se Roma nasce dallo stanziamento di gruppi di origine

latino-italica, il suo nome è etrusco.

 

Molto più tardi svariati scrittori latini ne diranno una storia "degna

dei suoi destini", indicandone il nome latino in Valentia,

traduzione dal Greco ρωμή, rhómee, "forza" - una palese pseudo-

etimologia, perché di certo al sorgere di quel modesto

agglomerato nessuno poteva lontanamente prevederne la futura

potenza militare e politica!...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La scultura a dimensioni naturali della famosissima Lupa Capitolina,

con le mammelle gonfie di latte, che nutre Romolo e Remo,

gelosamente custodita nei Musei Capitolini, simbolo ufficiale della

città di Roma ed icona di "romanità", conosciuta in tutto il mondo.

 

Meno risaputo è che il bronzo sia proprio un pregevole manufatto

etrusco databile al V sec aC (anche se recenti analisi lo farebbero una

copia medievale), cui Antonio del Pollaiolo, pittore, scultore ed orafo

fiorentino, aggiungerà ad hoc i gemelli solo nel tardo Quattrocento...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un fiume e la sua città

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Etrusca Roma etrusco il Tevere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il fiume che, attraversando nel suo corso finale una zona estremamente piaggiante, va

naturalmente a formare una lunga serie di anse fino al mare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dionisio di Alicarnasso non a caso scrive come la città di Roma

sia ritenuta "etrusca" da numerosi storici greci.

 

"Etrusca" non certo per la sua popolazione, la cui maggioranza è

di indubbia origine italico-latina, e neppure per i relativamente

pochi Etruschi o Luceres lì residenti:

no "etrusca" proprio per il suo nome etrusco e per il nome etrusco

del suo fiume "Tiber" - Orazio lo chiama infatti Tuscus amnis e

Tuscus alveus e lo stesso Virgilio ne fa riferimento come

Tyrrhenus Thybris.

 

 

Il tutto viene scientificamente confermato dai reperti archeologici

dell'Età del ferro rinvenuti a Roma ed appartenenti alla Cultura

Villanoviana, che precorre la Civiltà Etrusca:

questo dimostra quanto i legami tra Roma ed il mondo etrusco

siano stati strettissimi da sempre.

 

Anzi, da un punto di vista puramente archeologico, non sarebbe

affatto azzardato dire che Roma faccia effettivamente parte del

mondo etrusco, cosa oggi confermata in pratica da tutti gli

studiosi.

 

 

Non è una completa novità:

da molto tempo si è accertata la presenza etrusca nella zona "al di

là del Tevere", Trastevere o trans Tiber, di fronte cioè alla Roma

primitiva, e non dovrebbe quindi essere poi così strano che ci

fossero anche dei pastori etruschi "al di qua", su quei sette, o più,

colli, su uno dei quali sorgeranno i primi agglomerati della futura

Roma.

 

Quindi, anche se Roma nasce dallo stanziamento di gruppi di

origine italico-latina, il suo nome è etrusco ed il molto più tardo

tentativo di alcuni scrittori latini di celebrarne una storia "degna

dei suoi destini" con il nome latino Valentia, altro non è che una

cosciente forzatura e cosmesi storica in piena malafede, solo

dettata dal potere a fini puramente politici.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto satellitare dell'attuale corso del Tevere prima di arrivare a Roma

e attraversarla per poi proseguire verso il mare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una tale pseudo-etimologia è così ingenuamente palese, perché,

alla sua nascita si tratta davvero di un modestissimo agglomerato

di capanne di argilla e paglia, di cui certo nessuno mai avrebbe

potuto prevedere la futura potenza né militare né politica.

 

Tutti i personaggi illustri e i fatti mirabili che avrebbero preceduto

l'Urbe, suggerendo fin dall'inizio valori di "predestinazione" alla

sua storia, appaiono proprio per ciò che sono - solo una eclatante

strumentalizzazione, opportuna e necessaria in epoca imperiale

per cercare  di cancellare le nient'affatto gloriose origini della

autocelebrativa "Civiltà Romana", per giunta scippata dai Latini

agli Etruschi e rietichettata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Check-point" Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il guado all'Isola Tiberina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roma viene ubicata sulla riva dell'etrusco Tevere in un luogo dalle

caratteristiche uniche:

 

- il punto fino a dove il fiume è navigabile e facilmente risalibile

dal Mar Tirreno, una naturale e, per quel tempo, eccezionale via

di comunicazione, oggi diremmo una per il territorio essenziale

infrastruttura di collegamento fra il mare e l'intero entroterra

laziale

 

- inoltre, ancora più importante, dalla sorgente alla foce il punto

più basso e guadabile del fiume, sia a piedi che a cavallo, in

corrispondenza dell'Isola Tiberina, la quale ne divide in due la

corrente mitigandola, e proprio sull'asse Nord-Sud, via obbligata

per ogni scambio commerciale e qualsiasi spostamento militare

fra Etruria e Lazio meridionale o Latium Vetus e oltre, fino alla

ricca Campania.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sopra, delimitata con una linea rossa, l'area dell'ansa del Tevere in

corrispondenza dell'Isola Tiberina, l'iniziale guado naturale a tratto

punteggiato ed il successivo ponte sul fiume a tratto unico, mentre il

piccolo quadrato ripieno indica l'esatta ubicazione del Colle Palatino,

dove, a strategico controllo del passaggio, sorgerà la prima Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da notare come  quel tempo il fiume non ha argini, il suo letto è

notevolmente più largo e meno profondo, di conseguenza la sua

corrente meno violenta, e l'Isola Tiberina occupa un'area molto

più estesa e decisamente meno elevata dell'odierna.

 

La Roma primitiva sorge quindi lì in funzione del fiume Tevere,

anzi specificamente in funzione del guado all'isola Tiberina - in

Latino vadum, da cui il verbo vadere o "andare", "spostarsi",

intatto nell'italiano e-vadere o "andare fuori", "uscire", "scappare",

"farsi libero".

 

 

Quel guado non è solo la ragione d'essere della prima Roma, ma

diventerà anche l'elemento primario della sua successiva

prosperità ed il motivo essenziale del rapido sviluppo della sua

potenza:

il pieno e facile controllo strategico del check-point tra i principali

territori italici della costa tirrenica, quello degli Etruschi a Nord e

dei Greci a Sud!

 

L'iniziale importanza di Roma deriva proprio dal fatto che sia "città

di confine" e, quindi, interfaccia - geografico, culturale e

commerciale, punto cruciale di incontro-scontro fra due grandi

raggruppamenti etnici, quello tirrenico-etrusco e l'italico-latino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Ponte Sublicio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Subito a valle dell'Isola Tiberina, verrà costruito sotto Anco

Marzio il primo ponte sul Tevere, il cosiddetto Pons Sublicius o

"ponte fatto con pali di legno", anche questo lì ubicato perché la

costruzione ne sarà ovviamente facilitata dall'Isola Tiberina a

monte, che rompe ed attenua la corrente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La dettagliata struttura di un tipico ponte ligneo fedelmente riprodotta in un'antica

incisione da bassorilievi romani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche se il ponte sostituirà il guado, l'importanza strategica del

luogo rimarrà essenziale per la città, fatto dimostrato dall'eroismo

di Horatius Cocles o Orazio Coclite, che da solo riesce a

difenderlo contro Porsenna, mentre i compagni lo tagliano alle

sue spalle - vale a dire il controllo su accessibilità ovvero

interruzione del passaggio continuerà ad essere essenziale per le

sorti della città, non esistendo all'epoca altri ponti lungo l'intero

corso inferiore del Tevere!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E pressappoco così doveva apparire il Ponte Sublicio al momento

della sua prima costruzione:

senza dubbio uno dei "passaggi obbligati" cui si può senz'altro

attribuire una importanza storica senza precedenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il ponte viene distrutto, insieme agli altri, dalla violenta piena del

Tevere nel 23 aC e poi sotto Antonino Pio.

 

Tutti ponti originariamente di legno su fondazioni murarie,

fondazioni in gran parte distrutte prima da Papa Sisto IV nel 1484

ed infine totalmente eliminate nel 1877 dai funzionari del nuovo

Regno d'Italia, come parte di un programma di prevenzione

proprio contro i danni provocati dai ricorrenti straripamenti del

Tevere.