Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

 

Annotazioni storiche e sociali

"Da qui gli Etruschi... "

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli Etruschi a Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ancora prima che esista

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Latium arcaico e antico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'area del futuro Lazio o Latium diventa fin dalla prima Età del

Bronzo dimora di popolazioni stanziali dedite alla pastorizia e

all'agricoltura, tribù e piccolissimi gruppi portatori di linguaggi e

culture sia indo-europei che non, distribuiti a pelle di leopardo su

tutto il territorio, un'area ben conosciuta dagli Antichi Greci e,

ancor prima, dai Greci Micenei.

 

Il nome della regione deriva molto probabilmente dal Latino latus,

cioè territorio "ampio", ad esprimere l'idea caratterizzante di

"pianura" per differenziarla dalla adiacente Sabina, molto

montuosa, ma potrebbe anche essere l'evoluzione di una sua

precedente denominazione non indo-europea.

 

 

L'originario Lazio, detto anche Latium Vetus o "Campagna

Romana", è esclusivamente la zona a Sud del basso Tevere,

limitata dai Colli Laziali e Tiburtini all'interno verso Est e con una

superficie massima di circa 1.200 chilometri quadrati.

 

Saranno le conquiste militari Latine prima e Romane poi a

espandere il territorio e il concetto di Lazio attraverso successive

"annessioni".

 

 

Prime fra tutte quella delle terre a Sud degli Italici Volsci (vale a

dire dalle città etrusche Volsini Veteres e Novi, dalle valli

appenniniche come quella del Liri - Volsci Ecetrani - fino alle

Coste Tirreniche fra VI e V sec aC - Volsci Antiati - con capitale

Antium, zone parte collinose e parte paludose confinanti con

Aurunci e Sanniti a Sud ed Ernici ad Est) e Osci o Oschi

(indoeuropei sannitici del gruppo Osco-Umbro o Latino-Falisco,

inglobati dai Sanniti fino a coincidere all'epoca delle Guerre

Sannitiche).

 

Poi il Circeo, e ancora la terra degli Equi (fra il Lazio e l'Abruzzo,

Valle superiore dell'Aniene, affluente del Tevere, il "Cicolano",

Valle del Salto tra piana di Rieti a Nord, Sabina a Ovest, Montagne

della Duchessa e Marsica con Fucino a Sud e Valle dell'Aterno o

Conca Aquilana a Est, spartiacque appenninico) e degli Ernici (tra

il Lago del Fucino e il Fiume Sacco con le Città di Aletrium,

Anagnia, Ferentinum e Verulae).

 

 

Da qui al Latium Vetus si aggiunge il Latium Novum e il Latium

viene conseguentemente diviso nell'Antichità in Latium Vetus vel

Antiquum, a Sud di Roma dai Colli Albani fino a Terracina, e

Latium Novum vel Adiectum, dalle valli del Sacco fino ancora più a

Sud al bacino del Garigliano.

 

Non fa decisamente parte del Latium tutta la regione a Nord-Ovest

del Tevere, quella è "Etruria"!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sopra la "Tuscia Antiqua" molto distintamente contenuta fra il Mar

Tirreno, gli Appennini a Nord e il fiume Tevere fino alla foce, e, sotto,

il Latium classico a Sud - Sud-Est del Tevere, comrendente Latium

Vetus e Latium Novum

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli Etruschi dai loro vicini insediamenti nell'Etruria o Dodecapoli

Centrale - all'incirca gli odierni Lazio Nord-Occidentale, Umbria e

Toscana - eserciteranno però una fortissima influenza culturale e

politica sul Latium già a partire dall'VIII sec aC, non riuscendo a o

non volendo tuttavia mai consolidarvi una totale egemonia, anche

perché il loro "controllo del territorio" viene organizzato attraverso

piccole Città-Stato ciascuna autonomamente.

 

È un modo molto analogo a quelle strutture di potere instaurate

dalle Città-Stato nell'Antica Grecia, certamente prese a originario

modello, data la estrema vicinanza culturale e geografica del

Mondo Greco continentale, come pure di quello Fenicio,

insediatosi in gran parte della Sicilia, entrambi per secolare

tradizione in ricchissimi rapporti di scambi commerciali, culturali

e politici con le Popolazioni Italiche pre-Romane.

 

 

Fra i primissimi insediamenti non etruschi storicamente

documentati nel Latium la quasi mitica Città di Alba Longa, a Sud-

Est della futura Roma, secondo Livio ed altre autorevoli fonti

antiche "sede centrale" della cosiddetta "Lega Latina", una

coalizione di Città-Stato a Sud-Est del Tevere, nata per contrastare

gli interessi commerciali degli Etruschi, già a Nord propagatisi

fino alle Alpi ed ora decisamente con mire volte verso Sud, a

competere con altri Popoli Italici e i colonizzatori greci.

 

La Città-Stato di Roma vede agli inizi la costruttiva coesione tra

Etruschi, Latini e Sabini e può anche dirsi che tutto il suo

processo di urbanizzazione abbia luogo proprio grazie all'apporto

culturale etrusco e alle sue avanzate - all'epoca uniche in Europa -

conoscenze sia in campo ingegneristico idraulico che urbanistico

e politico.

 

 

Una Roma affamata di dominio emergerà rapidamente quale

dominante fattore politico-militare nell'intera regione, iniziando

con la distruzione della sua "prima madre" di latte Alba Longa a

metà del VII sec aC e, successivamente, con il rapido prevalere

sull'alleato Popolo Sabino.

 

Infine l'inizialmente molto lenta ma sempre progressiva invasione

e conseguente "colonizzazione" delle Città-Stato etrusche, con un

devastande effetto domino a cominciare dalla adiacente Vejo,

dopo una estenuante guerra di quasi trenta anni per il controllo

delle saline presso la foce del Tevere, fino a ridurre anche la sua

"seconda madre", l'Etruria, a semplice Regio.

 

 

Sarà infatti l'Imperatore Augusto il primo ad "unificare"

ufficialmente l'intera Penisola Italica in una singola unità geo-

politica, la prima "Italia", organizzandola e controllandola

attraverso la costituzione di undici "Regioni".

 

Paradossalmente però questo processo di "unificazione" della

Penisola comporterà alla fine anche la contestuale

"frammentazione" del Latium, il territorio a Nord di Roma incluso

nella Regio VII Etruria, la estrema parte Sud nella Regio IV

Samnium, mentre il resto del Lazio propriamente detto formerà

un'unica grande regione con l'odierna Campania, la greca Nea

Polis, cioè Napoli, compresa, la Regio I Latium et Campania.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La "Tabula Italiae Antiquae in regiones XI ab Augusto divisae", mappa

della Penisola Italica divisa da Augusto in undici Regioni, di cui al

centro "Etruria" e "Latium et Campania", più due Province, la

Sardegna e la Sicilia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La preistoria e protostoria di Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La storia è

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

sempre scritta dai vincitori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le origini di Roma nel racconto di Tito Livio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sorvoliamo rapidamente la "doppia discendenza divina" di Roma -

da Enea, figlio di Venere, e Romolo, figlio di Marte:

la di molto successiva "grandezza" dell'Urbe sembri dar pieno

diritto di nobilitarne le origini "divinizzandole".

 

La fondazione della città viene riportata da Tito Livio, nella "sua"

storia di Roma, come un momento magico al termine di una lunga

storia...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Enea, figlio di Anchise ed, appunto,

della dea Venere, sopravvive alla

guerra di Troia, giunge nell'attuale

Lazio e si stabilisce nelle terre del Re

Latino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Su questo "fatto" si basa poi tutto il successivo impianto narrativo

- i Latini sono già qui quando gli altri popoli arrivano:

è la loro terra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'affresco pompeiano di "Enea ferito", recuperato nella cosiddetta

"Casa di Sirico" durante gli scavi archeologici della città e databile

alla metà del I sec dC, un omaggio al mitologico racconto delle origini

di Roma, oggi esposto al Museo Nazionale Archeologico di Napoli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'inevitabile scontro che ne segue fra

Latini e Troiani termina con una pace,

suggellata dal matrimonio di Enea con

la figlia di Latino, Lavinia, alla quale

l'eroe dedica la sua nuova città di

Lavinio, in cui i due si trasferiscono e

dove nasce il figlio Ascanio.

 

A rovinare l'idillio l'ex-fidanzato di

Lavinia, Turno, Re dei Rutuli, che, per

gelosia, si allea ai vicini Etruschi ed

attacca una coalizione di Latini e

Troiani guidati insieme da Latino ed

Enea:

il primo muore in battaglia ed anche

l'eroe-semidio, pur uscitone vincitore,

perde poi la vita.

 

 

Gli succede il giovane "Ascanio, nato a

Lavinio", sotto la guida della "madre

Lavinia" (anche se da altri autori

identificato invece come "Iulo, figlio di

Enea e di Creusa, nato a Troia", e per

questo progenitore della futura Gente

Giulia, quindi anche di Giulio Cesare...).

 

Ascanio o Iulo che sia, lascia Lavinia e

fonda Alba Longa, creando un nuovo

Stato a Sud del fiume, che gli Etruschi

chiamano "Tevere" e i Latini "Albula".

 

 

Nella discendenza di Ascanio due

fratelli, il primogenito Numitore ed

Amulio, il quale sottrae il legittimo

potere al fratello maggiore.

 

Per eliminare la possibilità di altri

pretendenti al trono, Amulio

costringerà la nipote Rea Silvia a farsi

vestale (oggi diremmo "a farsi suora"),

ma questa, nonostante il suo solenne

voto di verginità a vita, verrà messa

incinta dal dio Marte e partorirà due

gemelli,  Romolo e Remo.

 

 

Abbandonati alle acque del Tevere, i

gemelli sono salvati da Faustolo,

mandriano del Re, ed allevati dalla

moglie Larenzia, detta "Lupa" (e un

motivo ci sarà perché per i Romani

l'appellativo significherà "puttana"...).

 

Da grandi i gemelli, ucciso Amulio,

riconsegnano Alba Longa al vecchio

Numitore, ricevendo in cambio dal

nonno il permesso di fondare a loro

volta una nuova città.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Romolo e Remo", olio su tela di Peter Paul Rubens dipinto nel 1614,

con Faustolo che scopre i gemelli mentre vengono allattati dalla lupa,

con la madre, la vestale Rea Silvia, ed il vecchio fiume Tevere che

stanno a guardare compiaciuti: il quadro può essere ammirato nella

Sala di Santa Petronilla, nei Musei Capitolini a Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Essendo gemelli ed in mancanza quindi

di una vera primogenitura, i fratelli

lasciano che siano "gli dei" a decidere.

 

 

Remo prende per primo i suoi

"auspici" (ricorda forse qualcosa?...)

vedendo 6 avvoltoi sull'Aventino, a

Romolo ne appaiono poco dopo 12 sul

Palatino.

 

Da qui una difficile questione di

"interpretazione" su chi dovrà fondare

la città:

chi abbia visto "prima" gli uccelli o chi

ne abbia visti "di più"?

 

 

Fatto sta che, guarda caso, Remo

muore (molto probabilmente ucciso dal

fratello!) e sarà quindi Romolo a

fondare Roma.

 

Assicurerà la difesa della città con

"possenti mura", decidendo poi di

considerarne "Cittadino" chiunque

indistintamente scelga di abitarvi ed

introducendovi anche precise norme

giuridiche a garanzia di una civile

convivenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fin qui il glorificante racconto dello "storico" romano Tito Livio...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fin dall'inizio nonostante tutto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comunque la si metta, "stranamente" la cerimonia di fondazione

della città di Roma segue una liturgia sacra tipicamente etrusca -

l'aratro di bronzo, il solco, il perimetro quadrato, l'orientamento, la

divisione in quartieri con cardus e decumanus - Romolo fa quindi

tutte "sue" le tradizioni etrusche, evidenzia il suo "primato"

circondato o processionalmente preceduto dodici "littori", sia

"fasci" littori (scuri cerimoniali dal lungo manico "fasciato" di

dodici verghe tenute strettamente insieme da lacci di cuoio) che

numero dodici sicuri simboli etruschi del potere del Re.

 

Le dodici Città-Stato delle tre rispettive "Dodecapoli" etrusche - la

Tosco-Umbro-Laziale, la Veneto-Padana e la Campana -

forniscono ciascuna al proprio neoeletto Re un littore a garanzia

del suo potere.

 

 

Così come altre forme e simboli di potere tradizionali etruschi si

ritrovano fin dall'inizio nella vita pubblica di Roma, come la toga

orlata di porpora, cosiddetta "toga pretesta", o la sedia curule,

posta un carro, da cui il magistrato giudicante emette le sue

sentenze.

 

Storicamente contestualizzato, il pur mitizzante racconto di Tito

Livio sulle origini di Roma, rappresenta nonostante tutto una

"credibile" realtà locale della preistoria e protostoria della futura

Urbe o "città per eccellenza", inclusa la tutta profonda influenza e

la onnipresente contaminazione culturale etrusca nei suoi

costumi, vita e società.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il frammento cosiddetto "Rilievo dei littori", già elemento decorativo

di un'ara funeraria o di un monumento celebrativo, con scena

sacrificale di epoca augustea, proveniente dalla colonia romana Iulia

Concordia, oggi Concordia Sagittaria o, in friulano concordiese,

Cuncuardia, Venezia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La città dei sette colli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Saeptimontium

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prima della cosiddetta "fondazione di Roma" esiste già un

"villaggio" sul Palatino, o, meglio, più insediamenti umani sulle

due alture del colle, il "Germalo" o Germalus, in Latino arcaico

Cermalus, a Nord-Ovest, ed il Palatium, separate da un

avvallamento detto "intermontium".

 

Ne esistono anche sul Velia, propaggine dell'Esquilino, tra

Palatino e Oppio, in gran parte sbancata da Mussolini negli Anni

Trenta del secolo scorso per l'apertura della nuova, pomposa e

propagandistica cosiddetta "Via dei Fori Imperiali".

 

 

A questo "villaggio", che ha, secondo l'uso etrusco, un capo o re

sicuramente con compiti sacerdotali, fanno riferimento anche gli

altri agglomerati sui colli circostanti:

 

- sul già citato Esquilino, il colle più alto ed esteso della zona, con

le alture del Cispius a Nord, Oppius a Sud (il nome gli verrà dato

più tardi, dal tuscolano Opiter Oppius, che difenderà Roma da

attacchi nemici mentre Tullo Ostilio sarà occupato ad assediare

Vejo)

 

- sul Fagutalis ad Ovest,a ridosso del futuro Colosseo, confinante

con Velia e Cispio

 

- sul Caelius, già prima denominato "Querquetulanus" per il suo

querceto, poi "Celio" dall'eroe etrusco Celio Vibenna

 

- sulla Subura o Suburra, alle pendici di Quirinale e Viminale verso

l'Esquilino.

 

 

Tutti questi "nuclei" diventeranno con il tempo così

interdipendenti che, per assicurare la propria esistenza, difesa e

sopravvivenza decidono di costituire una "lega", con vincoli

federali, il cosiddetto "Settimonzio" o Saeptimontium, la

Federazione, cioè, "dei Sette Colli".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sopra, i "tradizionali" sette colli principali della futura città di Roma

con, sotto, le loro - sicuramente meno conosciute - rispettive "alture",

"propaggini" e "depressioni" intermedie:

 

- Aventino o Mons Aventinus, a Sud-Ovest

 

- Palatino o Mons Palatinus, quasi al centro

 

- Campidoglio o Mons Capitolinus, ad Ovest, con le sommità

settentrionale, Arx, e meridionale, Capitolium, separate dalla "sella"

dell'Asylum

 

- Quirinale o Collis Quirinalis, a Nord, con le alture secondarie dei

Colles Latiaris, Mucialis e Salutaris

 

- Viminale o Collis Viminalis, a Nord, sotto il Quirinale

 

- Esquilino o Mons Esquilinus, ad Est, con le alture settentrionale del

Cispius e meridionale dell'Oppius

 

- Celio o Mons Caelius, a Sud-Est, con la propaggine orientale del

Celiolo o Caeliolus.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La letteratura latina a noi pervenuta parla di "feste", riportate come

istituite dal Re Numa Pompilio e celebrate nei mesi di Maggio e

Dicembre, comprendenti tra l'altro una processione lungo tutti i

sette colli "originari", ma che "originari" sappiamo non essere. 

 

Questa processione rituale viene inoltre chiamata "del

Saeptimontium", con sacrifici sulle 27 tombe o sacella o sacraria

degli Argei, ovvero sacra Argeorum.

 

 

Secondo Varrone gli Argei sono eroi che, venuti in Italia con

Ercole, strappano quelle terre laziali a tribù di Siculi e Liguri,

stabilendosi poi in un villaggio addirittura "fondato dal Dio

Saturno sul Campidoglio", il luogo però non confermato

archeologicamente come tra i primissimi insediamenti.

 

I "sacrari" potrebbero comunque simboleggiare un'antica

divisione territoriale, di sicuro precedente a quella delle quattro

Regiones di Servio Tullio, e legata proprio al Settimonzio e alle

"Curie".

 

 

A ulteriore conferma delle sue lontanissime origini e del suo

evolversi con la successiva espansione urbana, la celebrazione

del Saeptimontium è riservata dapprima alle popolazioni di origine

latina, venendo poi estesa ai Sabini del Quirinale.

 

Diventerà infine "di tutta la città" perdurando così fino in Epoca

Imperiale, ma svuotata del suo vero significato delle origini.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La palude del Velabro,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il cosiddetto "Lupercale"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e il Vicus Tuscus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa realtà storica esiste quindi già molto prima di quando

Romolo, secondo la tradizione, fonda la "sua" città sul Mons

Palatinus e gli scavi archeologici lo confermano con

importantissimi reperti molto antichi dei primi insediamenti di tipo

urbano, sia sul colle che sulle sue pendici verso il Tevere, nella

zona del Velabrum, un'area pianeggiante tra Palatino e

Campidoglio, così chiamata in antico dal Latino "a vehendis

ratibus", cioè letteralmente "da attraversarsi in zattera".

 

È proprio in quest'ansa, allora paludosa, che, secondo la

leggenda, si arenerà la cesta con i gemelli Romolo e Remo,

forzatamente abbandonati da Rea Silvia, poi trovata da Faustolo e

nutriti dalla lattifera "lupa".

 

 

E non può essere neppure un altro "caso", che nella Roma più

antica di tipo urbanizzato, il Velabro si estenda proprio lungo il

Vicus cosiddetto "Tuscus", corrispondente al lato Nord-Ovest

dell'irregolare quadrilatero del Palatino, dal centro del futuro Foro

fino a terminare "verso il" o "al" Tevere (o perché no, guardando

le cose da una prospettiva "alternativa" a tutte le fantasiose "verità

storiche" propinateci dai Romani e camminando per una volta nei

sandali degli Etruschi lì prima di loro, che, partendo "dal" Tevere,

porta nel cuore di Roma!).

 

Ma - dato certo - che nei racconti dell'epoca nulla c'è di "casuale",

anzi vale decisamente il contrario, tutto, anche il minimo dettaglio,

è "studiato" fin nella scelta sfumatura dei vocaboli usati, proprio

l'unico significato "plausibile" di quella toponomastica è che sia

ubicato lì perché è lì, in quell'humus etrusco, che la nuova città

affonda le sue radici, dove Roma ha le sue vere origini, prima

ancora di esistere!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In alto, le rovine della residenza di Augusto sul Palatino, la Domus

Augustiana e, sotto, durante recenti lavori di restauro gli archeologi

credono di aver identificato, grazie ad una sonda, proprio il luogo

simbolo del mito di Roma, il cosiddetto "Lupercale", la grotta, cioè, in

cui secondo la leggenda la lupa allatta Romolo e Remo, in seguito

annessa alla sua villa dall'Imperatore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima Roma è "quadrata"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'area del Palatino comincia dunque ad essere abitata già a

cavallo tra il I ed il II millennio aC.

 

Pochi ettari vivibili, circondati da paludi, ma da cui è possibile

controllare il corso del Tevere nel suo punto più strategico, un

agglomerato umano e poi "urbano" che rimane pressoché

inalterato per 2-3 secoli, la cosiddetta "Roma Quadrata", così

chiamata dalla forma irregolarmente romboidale del colle, o anche

"Roma Quadrifaria", perché divisa in quattro parti dal cardus e

decumanus etruschi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Roma Quadrata in una illustrazione del 1527 a cura del filologo

ravennate Marco Fabio Calvo, amico di Raffaello e partecipe al suo

progetto di ricostruire la Roma Imperiale:

la pianta fa parte di una serie, il primo tentativo di visualizzare

sistematico lo sviluppo urbanistico di Roma durante le diverse

epoche storiche - molte delle sue, a volte fantasiose, "ricostruzioni"

vengono poi riprodotte in incisioni di Giovanni Battista Piranesi nel

1700

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In effetti ricorrono due diverse interpretazioni della Roma

Quadrata:

 

- la prima, tra leggenda e storia archeologicamente provata, la

intende esclusivamente proprio come quel primo nucleo sulla

cima del Germalo, racchiuso nel pomerium o "solco di confine"

tracciato da Romolo, solo poi sviluppatosi ad entità urbana

 

- la seconda, come nell'illustrazione sopra e riportata anche da

Plinio, la vede con mura molto più estese, con "tre o forse

quattro porte", già a racchiudere non uno ma quattro colli,

Capitolino incluso - solo che il Campidoglio entra a far parte

dell'area urbana circa due secoli dopo l'originaria Roma

Quadrata...

 

 

Comunque sia, la prima espansione di questo primo nucleo

avviene durante l'VIII sec aC, un ampliamento cosiddetto "a

macchia d'olio", una tendenza caratteristica, ma non certo

qualitativa, che Roma purtroppo perpetuerà fino ai nostri giorni,

nulla facendo neppure intravedere in questo senso auspicabili

cambiamenti "culturali", né nella pianificazione urbanistica, né

tanto meno in quella paesaggistica.

 

Il suo "dilatarsi" da un'unica altura in tutte le direzioni verso il

territorio limitrofo la porta alla inerziale, conseguente "fusione"

geografica e sociale con le tribù stanziate nei dintorni,

un'integrazione ed assimilazione che genera gradualmente quella

"città dei sette colli", cui si usa riferire pensando a Roma.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Due mappe dell'antica Roma mostrano chiaramente il suo graduale

allargamento "a macchia d'olio" attraverso la sovrapposizione delle

varie fasi di espansione della città con le relative cinte murarie.

 

Sopra i "sette" colli di Roma con la Roma Quadrata con le "Mura

romulee" (in verde), il percorso delle "Mura Serviane" di epoca

repubblicana del IV sec aC (in rosso) e, sotto, le "Mura Aureliane" a

cui in epoca molto più recente si aggiungeranno le "Mura Leonine", le

"Mura Vaticane" e le "Mura Gianicolensi" della Roma dei Papi.