Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bruno Panunzi

“Credo nella tradizione orale”

I suoi pochi scritti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Tecnica 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di un colpo di stato”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'epigrafe tarentina di Giulio Cesare (Disegno e ricostruzione del Prof.

Lidio Gasperini)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un'epigrafe tarentina di

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caio Giulio Cesare Dittatore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pochi anni fa, tra le tante iscrizioni romane

del Museo di Taranto, veniva scoperta e

pubblicata dal Prof. Lidio Gasperini

un'epigrafe riguardante Caio Giulio Cesare

dittatore, destinata a rivoluzionare tutte le

precedenti teorie sui modi ed i tempi della

sua fatale presa di potere.

 

Illustrando l'epigrafe tarentina, fino ad

allora stranamente inedita, il Prof. Gasperini

affermò il carattere sillano della dittatura

perpetua che vi era citata.

 

 

Nella sua integrazione del testo, in parte

mutilo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

C-IVLIO-C[-F-CAE]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SARE-PAT[RE-PATR-]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IMPERATO[RE-DICT-]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

REI-PVBLIC[AE-CON

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

STIT]VEND[AE]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[NdR]

 

si legge infatti nella lista delle cariche

“CAIO IVLIO CAESARE FELICE PATRE

PATRIAE, IMPERATORE, DICTATORE REI

PUBLICAE CONSTITVENDAE”.

 

 

Le varie dittature esercitate da Cesare od

almeno l'ultima sono dunque da

riconsiderare sotto il profilo dell'evidente

ricordo di quella rivestita a tempo

indeterminato da Silla, il cui carattere

“costituente” era comprensivo di ogni altra

qualifica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Pater patriae

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

imperator

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dictator rei publicae

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

constituendae]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispetto a questo problema gli storici e gli

studiosi di diritto romano, fino ad oggi, si

sono raggruppati in due grandi correnti il cui

punto fondamentale di divergenza e, tutti

concordano con l'aspirazione monarchica di

Cesare, se egli avesse voluto attuare un

modello di regno ellenistico o romano

arcaico.

 

L'aspetto sacrale della sua persona, il potere

sull'esercito, la sua politica provinciale sono

tutti elementi conseguenti a ciò pur

cambiando valore e disposizione a secondo

della teoria adottata.

 

 

Impostato così il problema, si sono

inevitabilmente considerati i due sistemi

ignorando il mezzo dove non c'è sempre la

“virtù”, ma forse questa volta qualcosa di

molto simile.

 

Si è infatti ignorata l'esperienza di potere

assoluto più vicina e realizzabile che Cesare

aveva vissuto ed osservato: quella di Silla.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lucius Cornelius Sulla Felix o Lucio Cornelio Silla, nelle

epigrafi "L·CORNELIVS·L·F·P·N·SVLLA·FELIX", Roma, 138 -

Cuma 78 aC, militare e dittatore romano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Silla e Cesare]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Certo non è possibile affermare che la sua fu

una copia conforme del potere raggiunto da

Silla ma indubbiamente hanno molti punti in

comune.

 

Entrambi nascono dalla lotta tra aristocratici

e popolari, sono il prodotto di una guerra

civile e portano al governo il generale

vittorioso, nella realizzazione pratica

seguono invece una linea divergente a causa

del diverso impegno politico.

 

 

Silla non è, in fondo, la figura enigmatica

che siamo abituati a vedere, piuttosto

l'insieme contraddittorio di molti fattori.

 

In lui convivono l'analfabeta politico, come

lo definisce Cesare, il restauratore della

Monarchia e della tirannide, secondo

Cicerone, il leone e la volpe di Plutarco.

 

 

In realtà le stesse accuse saranno poi rivolte

a Cesare e, sostanzialmente, le loro

incertezze e contraddizioni sono il riflesso e

la più tipica espressione di un certo mondo

che si andava formando.

 

La società romana era scossa da violenti

conflitti di classe, dal problema degli schiavi,

dalle rivendicazioni dei veterani delle

continue guerre.

 

 

Le leggi e le riforme non riuscivano più a

sopprimere la piaga dell'usura, dalle

malversazioni dei governatori, mentre le

provincie premevano per meglio inserirsi

nella Repubblica, grande divoratrice dei loro

uomini e beni senza offrire niente in cambio.

 

Una società tanto divisa e turbata da aver

perso il senso dello Stato e bisognosa di una

nuova classe dirigente in un rinnovato

ordine politico.

 

 

Nessuno osava però assumersi l'onere di

dichiarare esaurito il vecchio ordine

repubblicano e presentarne uno aderente al

tempo.

 

Ormai al di sopra dello Stato erano le fazioni,

perturbatrici senza costrutto, che avevano

bisogno di riconoscersi nella personalità dei

propri uomini di parte nei campi opposti

dell'aristocrazia e dei democratici, ma non

sempre rigidamente.

 

 

Silla non fu amato dall'aristocrazia che pure

non ne poté fare a meno per mantenere il

proprio potere ed i privilegi di classe e

dovette, di conseguenza, subire parecchi

limiti politici ed economici.

 

Cesare cercò spesso aiuto tra i cavalieri e la

nobiltà anche a costo di incomprensioni e di

rancori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[La preziosa esperienza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Silla]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'opera sillana non fu solo una semplice

restaurazione del regime tradizionale

ottenuta con l'abrogazione delle riforme

strappate dai democratici con lunghe lotte

dolorose.

 

Investì tutto l'ambito costituzionale

cercando di adeguarlo alla nuova realtà, e

spezzando il precario equilibrio delle forze

che era stato fino ad allora il baricentro

della Repubblica.

 

 

Ma né lui, con il suo egoismo tipo “après de

moi le deluge”, né la classe oligarchica

avrebbe potuto salvare dal crollo una tale

riforma odiata dal popolo, in parte anche

dagli aristocratici, invisa ai provinciali, e

fiaccamente sostenuta dall'esercito.

 

Silla non aveva mirato alla Monarchia,

malgrado le accuse di Cicerone, la sua

dittatura con tutto il potere effettivo rimane

sempre una magistratura temporanea che

depose il prima possibile.

 

 

Non gli sarebbe stato facile comunque

divenire un monarca, anche se avesse

voluto, e proprio per l'opposizione della

classe dirigente romana, dell'aristocrazia

ancora potentissima.

 

Malgrado dopo la guerra civile avesse un

potere esclusivo e sostanzialmente assoluto

non volle o non riuscì a dar vita che alla

dittatura organo delle magistrature

repubblicane dotato di poteri amplissimi e

superiore a tutti gli altri, ma non monarchia.

 

 

Il precedente era tuttavia gravissimo e

pericoloso per le istituzioni dello Stato e fu

per Cesare una lezione di inestimabile

valore.

 

L'azione di Silla si rivolse anche verso

l'esercito divenuto fattore decisivo nelle

lotte politiche: chi aveva il suo appoggio era

superiore ai magistrati, al Senato, alle

assemblee popolari.

 

 

Ormai era l'unica via per il potere tanto più

che, essendo formato essenzialmente da

uomini del proletariato, aveva una larga

base tra il popolo.

 

Altro fattore abilmente utilizzato fu la

connessione tra religione e politica che nella

società romana aveva fatto sempre

dipendere dagli dei la fortuna degli uomini

di stato e dei generali.

 

 

Sfruttò la superstizione dei militi e dei

cittadini fino a farsi tributare onori divini

con il circondarsi di parvenze soprannaturali

adatte a colpire la fantasia dei più semplici.

 

In conclusione Silla, più che per la sua

riforma della costituzione rivelatasi

debolissima, è da considerare per aver

introdotto tali importantissimi precedenti

nella vita costituzionale romana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[La strategica scalata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Cesare al potere]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tornando al tempo di Cesare ci accorgiamo

che molto dell'opera sillana è ormai superato

dagli avvenimenti e dagli uomini ma tuttavia

rimane lo schema ottimo per raggiungere il

potere.

 

Nella seconda metà del primo secolo avanti

Cristo l'impero si era enormemente dilatato,

la situazione economica gravissima, le

guerre duravano ininterrotte da quasi

cinquanta anni.

 

 

Cesare arrivò alle soglie della dittatura con

un patrimonio di esperienze e preparazione

mai avuto da nessuno prima di lui.

 

Grande conoscitore del mondo provinciale,

era il maggior generale del momento e

l'indiscusso capoparte dei democratici.

 

 

Aveva seguito regolarmente il cursus

honorum per essere padrone della

amministrazione pubblica e parallelamente

aveva conseguito la massima carica

sacerdotale, il pontificato massimo.

 

Possedeva il genio politico di cui mancava

Pompeo e la gloria militare che difettava a

Crasso, in una parola era l'uomo giusto al

momento opportuno.

 

 

Ma sopra ogni cosa aveva chiarissimo il

modo di arrivare al potere nel rispetto

formale degli istituti repubblicani, pur se

svuotandoli del loro contenuto, con

l'appoggio dell'esercito e del fanatismo

religioso delle masse.
 


Mentre Silla aveva preso il potere di colpo,

Cesare lo assunse per gradi con una

trasformazione della costituzione che, per

essere stata intervallata da lunghe assenze

da Roma, dovute alla guerra contro Pompeo,

fu possibile far accettare più facilmente.

 

 

I suoi avversari sperarono fino all'ultimo

nella vittoria di Pompeo e solo nel 44 aC

quando fu proclamato dictator perpetuus ci

si accorse che tale perpetuità, che aveva

impedito alla dittatura di Silla di

trasformarsi in monarchia, era ora per

Cesare un fatto compiuto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gaius Iulius Caesar o Gaio Giulio Cesare, nelle epigrafi

"C·IVLIVS·C·F·CAESAR" e "DIVVS IVLIVS", Roma 101 - 44

aC, militare, politico, console, dittatore, pontefice massimo,

oratore e scrittore romano, uno dei personaggi più

importanti e influenti della storia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Un ritorno alle

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

origini etrusco-romane]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si diceva che Silla si fosse ispirato a Servio

Tullio ma accontentato di una dittatura di

durata “a sua volontà”, Cesare, che ne aveva

duramente criticata la realizzazione, si era

assicurato che la sua fosse irrevocabile, a

vita: come era realmente stata quella del

primo magister populi Macstarna.

 

Era dunque semmai un ritorno, il suo, alle

origini romane [vale a dire etrusche! - NdR]

e non una copia dei sistemi dei tiranni greci

o dei re ellenistici.

 

 

In questo senso vanno intese le sue riforme

che investono tutti i campi della vita

pubblica e religiosa.

 

Nei suoi ultimi anni di vita tenterà un

ritorno, forse ormai impossibile alla antica

“romana virtus”.

 

 

Tutto questo unito al suo fascino personale

ed alla tradizionale democraticità della

famiglia Julia gli assicurerà l'appoggio

popolare ed infatti le magistrature plebee

furono le uniche non riformate ed anzi

ampliate durante la dittatura.

 

Poggiandosi su questo punto fermo e sulla

fedeltà dell'esercito poté iniziare a salire i

gradini del potere dove come unico ostacolo

trovò la nobiltà arroccatasi nel Senato.

 

 

La riforma della massima assemblea ebbe

un carattere politico e sociale che andava

oltre il voler mettere in minoranza gli

aristocratici, scopo d'altronde

brillantemente raggiunto.

 

I nuovi membri, che portavano le presenze a

novecento unità, non erano una turba di

libertini, centurioni e scribi ignoranti persino

della lingua latina come ci vuol far credere

Cicerone.

 

 

La reale condizione di essi, provenienti

dall'Italia, la Spagna e le Gallie, era quella di

esponenti della classe dei ricchi o dei nuovi

ricchi nerbo allora del partito democratico.

 

Era dunque una politica di allargamento

verso i provinciali nel tentativo di cercare

una migliore integrazione dei territori delle

Province sia nel tessuto amministrativo che

nella sfera dei diritti civici dello Stato.

 

 

Fa ciò spezzando la secolare gelosia italica e

concedendo la Cittadinanza a tutto l'Impero!

 

C'è chi vede in questo un tentativo di

monarchia ellenistica, aggrappandosi ad

inconcludenti indizi esteriori, e dando

un'etichetta volutamente esotica a quella

che era indubbiamente una riforma

“romana” per un nuovo e maggiore Stato

romano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Tutto ma non re] 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non era il nome di re che ambiva Cesare ben

comprendendo che quel titolo, da sempre

odiato dai romani, poteva compromettere

tutti i suoi progetti.

 

Né i suoi tre rifiuti della corona possono

giudicarsi in altro senso, a meno di volergli

attribuire un'astuzia francamente meschina,

ed interpretarli come prove generali di un

disegno nascosto.

 

 

Per quanto riguarda le cariche sacerdotali,

tanto tradizionalmente importanti nella

politica romana, Cesare, che sull'esempio di

Silla fu un cultore delle divinità familiari e

del suo genius, faceva parte del collegio dei

pontefici, di quello degli auguri e dal 63 aC

era pontefice massimo.

 

Tuttavia il culto del divus Julius lo troviamo

espresso principalmente nell'innalzamento

di un tempio alla “Clementia Caesaris” e del

suo apposito sacerdozio.

 

 

Alla Clementia non all'uomo e proprio sulla

base dell'encomio che ne aveva fatto lo

stesso Cicerone, nemico di sempre,

sublimandola in un altissimo senso morale.

 

L'adorazione del suo genius non si discostò

da quella che già aveva avuto Silla, ebbe

soltanto una naturale proiezione nello Stato

e nell'impero divenendo parte del culto

nazionale, simbolo dell'antica solidarietà

repubblicana che onorava se stessa nel suo

uomo migliore.

 

 

Tutti gli altri onori o cariche religiose non

aggiungono o tolgono molto a questa

fanatica venerazione raggiunta nell'esercito

e tra il popolo, ma rimangono nell'ambito

della cultura romana, niente concedendo

all'oriente ed agli influssi egiziani, come

qualcuno ha affermato.

 

Una volta neutralizzato il Senato, sostenuto

dai tribuni della plebe e dai militari, Cesare,

maggiore personalità religiosa del suo

tempo, gradualmente raggiunse il potere

assoluto sommando alla massima carica

ordinaria della repubblica, il Consolato,

rivestito quasi ininterrottamente dal 48 al 44

aC, la massima straordinaria, la dittatura, di

cui fu investito nel 49 aC.

 

 

A queste si aggiunsero nel 46 a.C. la

importantissima cura morum e via via tutti

gli altri uffici e poteri.

 

Di fatto, l'ampiezza del suo potere era

diventata illimitata, come capo dell'esercito,

detentore degli auspici, superiore a tutti i

magistrati ed ai tribuni della plebe che non

potevano intercedere contro di lui, arbitro

dell'azione del Senato che gli sottometteva i

suoi consulta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Liquidatore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

della Repubblica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e introduttore di

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

un nuovo ordine statale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'Impero]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che egli avesse ormai raggiunto quanto

voleva e considerasse chiuso lo sviluppo del

suo potere, lo dimostrano i provvedimenti

che seguirono la dittatura perpetua;

l'amnistia e lo scioglimento della guardia,

ritenendosi difeso dal giuramento dei

cittadini.

 

Non gli rimaneva che assicurare la

successione e questa è l'unica caratteristica

monarchica, insieme alla perpetuità del

potere, che troviamo nel governo di Cesare.

 

 

Veniva così naturalmente completato il

vecchio modulo sillano, questa volta però

poggiato su una radicale riforma delle

strutture della repubblica profondamente

sentita dai cittadini.

 

È quasi impossibile stabilire quale sarebbe

stata l'evoluzione di tutto ciò, se il nuovo

dictator perpetuus non fosse stato ucciso.

 

 

Indubbiamente la nomina del successore,

anche se non è chiaro se l'indicazione di

Ottaviano fu espressa in forma di comando o

di raccomandazione, e la dizione “dictatura

rei publicae constituendae causa” data

all'ultima dittatura furono chiarificatori delle

intenzioni di Cesare.

 

Per la prima volta, gettando la maschera del

rispetto formale alle leggi repubblicane,

mostrava la vera natura del suo potere nato

dalla simbiosi di alcune cariche repubblicane

e della monarchia arcaica, il tutto modificato

ed adattato alle esigenze dell'impero.

 

 

Cesare si era assunto l'ingrato compito di

liquidatore della repubblica e di introduttore

di un nuovo ordine statale, ma, rendendosi

conto delle enormi difficoltà del suo compito,

aveva cercato di salvare le apparenze

almeno all'esterno, con una serie di manovre

diplomatiche.

 

“Tattica questa che si rivelerà non sempre

felice, non sufficientemente cauta, anzi

fatale, e che sarà profondamente meditata

e superata, con sottile senso politico dal

giovane Augusto” 1.

 

 

Vittima necessaria di quel periodo

burrascoso di passaggio tra repubblica e

stato imperiale, Cesare aveva però mostrato

che il potere di Roma doveva, come era già

considerato nelle provincie, trasformarsi in

monarchico seppur in mezzo alle istituzioni

repubblicane e fondato sull'esercito.

 

Avendo ben compreso che oltre a realizzare

le sue ambizioni personali doveva mettere i

romani di fronte alla responsabilità morale e

politica dell'impero.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 1

 

L. Gasperini in "Seconda Miscellanea Greca e Romana -

Studi Pubblicati dall'Istituto Italiano per la Storia Antica",

Fasc. XIX - Roma 1968, pag. 388

 

Al contesto della nota