Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bruno Panunzi

“Credo nella tradizione orale”

I suoi pochi scritti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Girolamo Gastaldi:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il cardinale contro la peste”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Chiesa di S. Bartolomeo  nell'Isola Tiberina, trasformata dal Cardinale

Gastaldi in ospedale per gli appestati durante l'epidemia del 1656

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[La peste raggiunge Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

nel 1656]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando, nei primi mesi del 1656, giunse a

Roma la notizia che c'erano casi di peste

nelle vicinissime Civitavecchia e Nettuno si

capì che non era più possibile sperare di

essere risparmiati da quella terribile

epidemia che durava ormai da anni e, solo a

Napoli, aveva ucciso metà della popolazione.

 

Secondo le cronache del tempo proprio da

Napoli, invece che dai due paesi della costa,

la peste penetrò in città per mezzo di un

soldato infetto.

 

 

Era l'inizio di una strage o meglio avrebbe

potuto essere l'inizio perché, in effetti, le

vittime furono pochissime rispetto alle altre

città per merito di Girolamo Gastaldi, una

delle figure più interessanti e sconosciute

del Seicento italiano.

 

Tutti i contemporanei descrivono il Cardinale

Gastaldi come un uomo bruttissimo, dal

volto devastato dal vaiolo, cieco da un

occhio e famoso per il rigore e l'intolleranza

del comportamento.

 

 

In gioventù avvocato; la sua carriera

ecclesiastica era stata brillante; Presidente

della dogana e della grascia, Tesoriere

generale, Cardinale legato a latere di

Bologna ed Arcivescovo di Benevento sotto

Innocenzo XI.

 

Un ritratto poco invitante, tutto sommato,

se non fosse per quell'unico occhio

rimastogli brillante di un'umanità profonda

e sofferta, conquistata giorno per giorno

nella coscienza del proprio orrore fisico.

 

 

A Roma la paura della peste cominciò a

fermentare nell'aria torbida di quella

primavera caldissima con la vischiosità di

una macchia d'unto.

 

In quell'atmosfera di attesa che rende gli

uomini come sospesi, fuori dalla vita, ed è

temuta proprio perché non sanno se e

quando li lascerà precipitare, solo lui, il

Gastaldi, sembrava aspettarla calmo.

 

 

Erano anni infatti che pur non essendo

medico studiava questa malattia attraverso

le opere del Fracastoro, Atanasio Kircher, e

del Settala grande coadiutore di S. Carlo

Borromeo nella peste di Milano del 1576.

 

Opere notevoli, soprattutto, per

l'individuazione della natura contagiosa del

male con le conseguenti prescrizioni e

dettami igienico sanitari sull'isolamento dei

malati nei lazzaretti e sull'istituzione dei

convalescenziari.

 

Molto meno valide nelle terapie consigliate,

non essendo possibile, allora, conoscere la

causa microbica della peste.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Riti propiziatori,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

processioni, voti collettivi,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

untori, maghi e streghe]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come esperto indiscusso in materia, al

Cardinal Gastaldi, già da tempo Commissario

per i Lazzaretti, ed ora Capo della

Congregazione della Sanità, fu affidata la

difesa della città, con pieni poteri.

 

I primi tempi furono i più difficili.

 

 

I romani, condizionati dalle troppe chiese,

che hanno reso la divinità ed il

soprannaturale a portata di mano, ad una

dimensione familiare, amica, spesso non si

rendono conto della realtà, indifferenti a

tutto perché abituati a pensare di aver visto

tutto.

 

La peste arrivò come un'offesa personale al

popolo romano e per i primi tempi ignorata

come impossibile, assurda diceria di donne,

o realtà che si può dominare con una corona

di diamanti donata a qualche Madonna

celebre, accompagnata dalla promessa

ammiccante di una nuova bontà che anche

se non mantenuta sarà compresa.

 

 

Poi venne la corsa ad accaparrarsi unguenti

e rimedi, cibo da nascondere, falsi

lasciapassare.

 

Cominciarono i riti di propiziazione, con le

processioni, i voti collettivi, si cercavano

motivi che non esistevano a quel castigo,

giustificazioni che facessero capire,

conoscere la peste, ridurla a qualcosa di

comprensibile, aiutare la paura a non essere

illimitata ma racchiusa negli effetti e nelle

cause.

 

 

Quasi naturalmente prendevano corpo le

ombre degli untori, dei maghi, e delle

streghe con i loro malefici.

 

Ormai tutti, la gente minuta, la nobiltà,

tradizionalmente vicina al popolo in queste

occasioni, sentivano disperatamente il

bisogno di vedere la peste, esserne

circondati, verificare se sarebbero riusciti a

sopportarla.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[L'opera preventiva

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del Cardinal Gastaldi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nuova cultura medica e

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

radicate superstizioni]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A questo punto intervenne il Cardinal

Gastaldi e cominciò ad ordinare con calma,

senza cedimenti, ma sempre con una sorta

quasi di tenerezza e tutti cominciarono a

fermarsi nel loro agitarsi incoerente, ad

ascoltarlo, magico pifferaio che cercava di

incantare la loro fantasia.

 

Non è un santo.

 

 

Roma è una città povera di santi e

comunque non li ha mai avuti al momento

opportuno, santi di passaggio sì, ma pochi

gli stabili, quelli su cui si può contare per

avere conforto, miracoli, forse solo meno

paura.

 

Non ha nemmeno “le physique du rôle”

giusto.

 

 

Manca del gran naso araldico di Carlo

Borromeo o della affinata spiritualità di

Federico, per i quali tanto aveva contato

essere amati dai milanesi, riconosciuti come

dei loro, santi domestici in fondo.

 

È un uomo tra gli uomini e porterà in quei

giorni convulsi la sua faccia stravolta di

tragico pagliaccio come una cosa preziosa

da mostrare nel paragone terribile della

peste, con un'umanità inimitabile, senza le

sfumature eroiche dei due Borromeo e senza

il distacco crudele dello studioso interessato

solo a verificare le sue ipotesi.

 

 

Tutta la sua esperienza romana la esporrà

più tardi, nel 1684, a Gorizia durante una

opera analitica che racchiude il meglio della

cultura medica del tempo e i suoi studi

diretti, con intuizioni folgoranti sulla natura

contagiosa del male che, è convinto, si

diffonde attraverso “semi” somiglianti alle

“particelle attivissime” del lievito di birra

che si riproduce e rigenera la fermentazione

anche se ridotto a piccolissime quantità.

 

Afferma inoltre l'importanza della

predisposizione degli organismi,

dell'isolamento dei malati e della selezione

dei farmaci; riporta 245 bandi, editti ed

istruzioni di sanità emessi durante i due

anni dell'epidemia.

 

 

Poi, improvvisamente, dopo tanta

insospettata chiarezza di idee, lo ritroviamo

uomo del suo tempo quando, dopo aver

negato qualsiasi origine della peste

derivante da influenze astrali, accenna

rapidamente, quasi a volersene scusare,

agli untori, demoni e streghe come possibili

cause della malattia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Un vero piano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di emergenza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

con metodi e sistematicità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

della moderna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

protezione civile]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel 1656, a Roma, quando ancora la città

era immune dal contagio, organizza un

servizio di vigilanza sanitaria a tutte le

porte con stazioni di disinfezione della posta

proveniente da Napoli e di osservazione dei

viandanti, che dovevano essere muniti di un

foglio di sanità rilasciato dal magistrato di

sanità del paese di provenienza.

 

Fa interrompere il Tevere con una grande

catena che lo attraversava per impedire

l'ingresso di merci e persone infette, mentre

erano sorvegliati a vista gli acquedotti.

 

 

Tutte le cloache e le strade venivano

accuratamente ripulite.

 

Come era prevedibile non riesce ad isolare

la città, ma quando si manifestano i primi

casi di malattia non lo trovano impreparato.

 

 

I sospetti malati vengono raccolti in

osservazione nel Convento di S. Pancrazio,

quelli accertati in un piccolo ospedale

ricavato nel Casaletto di Pio V al Gianicolo

che si rivela presto insufficiente.

 

Con una decisione geniale si trasferisce

nell'Isola Tiberina, naturalmente isolata

dalla acque del Tevere, e la trasforma, a

cominciare dalla Chiesa di S. Bartolomeo, in

un immenso ospedale.

 

 

L'isola, sacra nell'antichità ad Asclepio,

sembrò rivivere l'antico culto, misto

inscindibile di medicina empirica e credulità,

per il quale chi vi si faceva trasportare

fidando nel dio guariva.

 

Dopo i primi giorni decide di isolare il

quartiere di Trastevere, il più colpito,

sigillandone le case dei malati, o sospetti

tali, segnalate da un cartello con la scritta

“Sanitas”.

 

 

Passando sopra alla tradizione creduta

inviolabile di seppellire i morti in chiesa

ordina, pena castighi severi, di aprire fosse

comuni profondissime nei prati di Castel

S. Angelo ed in seguito di fianco alla Basilica

di S. Paolo.

 

I tribunali e gli altri luoghi di riunione

pubblica vengono chiusi e si impone a tutti

i sanitari ed ecclesiastici l'immediata

denunzia dei casi di peste.

 

 

Chiunque, non appartenente al servizio di

sanità, e sorpreso nei luoghi di quarantena

viene condannato a morte.

 

Sono proibite le feste religiose, il commercio

dei panni, non si possono prendere cose di

nessun genere dalle case infette, due ospizi

vengono aperti per i mendicanti vaganti,

potenziali portatori di contagio.

 

 

Fuori Porta Portese e Porta Flaminia

nascono due “espurgatori” per la

disinfezione dei vestiti ed oggetti infetti, i

neonati sono allevati artificialmente con

latte di capra.

 

I Romani, da sempre abituati a far

dipendere il proprio destino dall'umore dei

loro santi ingemmati, rimasero sconcertati

dall'efficienza tutta umana dei

provvedimenti del Cardinale.

 

 

Ma le ironie, le battute finirono presto e le

misure contro il morbo divennero quasi un

drammatico gioco alla moda.

 

Certo si andava ancora in cerca di polvere di

liocorno, acque magiche o comunque di tutto

quello che per esotismo o mistero sembrava

efficace, ma ci si lavava anche di più, si

disinfettavano le case con la calce, non si

beveva l'acqua del Tevere, con la filosofia

tutta romana del “male nun fà, stamo a

véde”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'Isola Tiberina a Roma, trasformata, durante l'epidemia del 1656, in

Lazzaretto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Il progressivo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

perfezionamento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dell'organizzazione e

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

informazione sanitaria]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Gastaldi continuava intanto a perfezionare

la sua organizzazione sanitaria aprendo

nelle Carceri Nuove, appena costruite, uno

ospedale di quarantena destinato ai

convalescenti, imponendo agli ospiti un

bagno all'ingresso ed uno all'uscita, ed altri

locali per i sospetti nei conventi di S. Vito,

S. Giuliano e S. Eusebio.

 

Convinto dell'importanza di sterilizzare ogni

tipo di panno requisisce tutte le folloniche o

invalche, piccoli stabilimenti usati per pulire

e digrassare le stoffe di fabbrica, e ne fa

aprire due nuove sul Fiume Almone ed a

S. Gregorio, mentre si costruiscono in poche

settimane tre nuovi espurgatori a Porta

S. Paolo, presso la Madonna del Sole e

nell'interno dei ruderi delle Terme Antonine.

 

 

Gli espurgatori, che ebbero una parte

rilevante nelle misure ideate dal cardinale,

erano divisi in due parti di cui la prima,

“purgatorio brutto”, raccoglieva gli oggetti

che venivano bolliti in grandi caldaie oppure

immersi in vasche o canali d'acqua corrente.

 

Nella seconda, “purgatorio netto”, erano

asciugati al sole ed al fumo di bacche e legni

aromatici.

 

 

Una delle combinazioni era:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- Ragia di Pino

- Pece greca

- Incenso

 

libbre 5

libbre 5

libbre 1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I legni più usati erano quelli di quercia,

cedro e faggio e, per ridare il buono odore ai

panni, venivano aggiunte coccole di ginepro,

di alloro ed ambra gialla.

 

Le case che avevano ospitato malati erano

invece lavate con latte di calce e lisciva di

cenere ed esposte al fumo di resine o di

legna per due o tre ore.

 

 

Gran conoscitore dell'indifferenza dei

romani li martella con editti, notificazioni e

bandi con i quali li informa giornalmente

della situazione igienico sanitaria,

dell'interruzione e della ripresa dei

commerci con i paesi della campagna, a

seconda che fossero infetti o liberi della

peste.

 

Arriva persino a raccogliere le varie

Ordinanze di Sanità in opuscoli “Pro sanitate

tuenda”, facendoli distribuire da squadre

apposite.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Editto di sospensione del commercio con Bracciano, emesso il 24

settembre 1656 a Roma, a causa di sospetti casi di peste in quel paese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[La breve parentesi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

della peste

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

in quel di Bracciano]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'episodio di un canonico di Bracciano

ammalato che nell'agosto del 1656 riuscì a

passare il blocco sanitario alle porte della

città, per tornare al suo paese, appare

incredibile tanto era stretta la vigilanza.

 

 

Ma quasi contemporaneamente, il 24

settembre, fu affisso un bando di

interruzione di commercio per 15 giorni con

Bracciano per sospetto di casi di peste, a

prova che il servizio di informazioni del

cardinale funzionava però benissimo.

 

Il canonico sparse l'infezione a Bracciano

ma tutto fu tenuto nascosto dal Parroco che

registrò i numerosi decessi come naturali e,

solo dopo qualche anno, annotò accanto al

nome del canonico come si erano svolti

realmente i fatti.

 

L'operazione riuscì benissimo tanto che già

il 2 ottobre ci fu un secondo editto che

autorizzava il libero commercio con il paese,

essendosi rivelate infondate le voci di casi

di peste nel suo territorio.

 

 

Il Gastaldi proseguiva nella sua opera con

la serena consapevolezza di chi è sicuro di

se stesso e sa utilizzare l'opera degli altri.

 

Cosa, questa, subito compresa nell'ambiente

difficile dei medici romani che si misero tutti

indistintamente al suo servizio, ed

accettarono in pieno le teorie modernissime

e rivoluzionarie sulla cura e la profilassi

della peste.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Editto di restituzione di libero commercio con Bracciano, essendosi

accertata l'infondatezza di casi di peste in quel paese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le due chiese gemelle di Piazza del Popolo a Roma, terminate a spese del

Cardinale Gastaldi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[“La descrizione del male,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ricette e vari rimedi”]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa atmosfera di calma e di fiducia la

ritroviamo in un documento dell'archivio

Odescalchi datato 18 agosto 1656, in pieno

contagio dunque, pubblicato qui per la prima

volta, che contiene la descrizione del male,

ricette e vari rimedi.

 

Scritto in quell'Isola Tiberina trasformata

in ospedale e diretta personalmente dal

Cardinale Gastaldi, se non addirittura di sua

mano, sicuramente dettato od ispirato da

lui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   

 

                                   

 

 

“Adì 18 agosto 1656.
 

Nel Lazaretto di Roma.

 

 

Breve relazione

del mal corrente

nel Lazaretto dell'Isilo

con tutti i segni

per quanto sinora

s'è potuto osservare.

 

 

- Il male per se medesimo, com'altri più

virtuosi hanno sin qui osservato è

contagioso ma non totalmente pestifero,

contagioso per la facile comunicanda di

soggetto in soggetto coli medesimi segni,

cioè de buboni e pustole, come

chiaramente si vede non totalmente

pestifero, perché non a tutti vi duce

subitamente la morte col non offendere la

testa, come parte più fragile del corpo,

dando parimente tempo di potere

soccorrere con medicamenti adeguati,

come si dirà sotto nella sua cura.

 

 

- L'infermi, che vengono, e sono portati in

questo Lazzaretto hanno per il più buboni

nell'inguine destro e sinistro, con carboni

in diverse parti del corpo, non essendo

essi carboni luogo determinato con febre,

quale serva la natura di maligna qualità,

con sete ardentissima, lingua arida, e con

petecchie.

 

Altri vengono con emorigia, con flusso di

sangue dalle narici, li quali difficilmente si

risanano.

 

Altri con stordimento di capo, con effetti

vertiginosi e delirio e questi per il più non

ricevono beneficio da qualsivoglia

medicamento, benché con le viscicatorie

applicate, et altri medicamenti dolorifici,

se ne conosca qualche sollievo per all'hora,

non di meno il male non cede alli

medicamenti totalmente, il cavar sangue

dal piede dritto e dalla parte affetta dal

bubone, o nero carbone, e in apparizione

assai giovivile, e si vede da essa manifesto

utile all'infermo, li sudoriferi hanno

medesimo e la polvere di lauro opera

grandemente.

 

 

- Gl'altri farmaci e gl'antidoti fanno

beneficio manifesto, ma continuati con

giacinto, alchermes, perle, acqua triacale

di cardo santo, conserva di bugalosa, e

simili e, perché in tal modo non vi è tempo

d'espurgare rettamente il corpo dalle

soprabondanze, et putredine, con

medicamenti lenienti e solutivi, e perché

sono condotti cadaveri spiranti si è veduto

essere a sufficienza un christiero

medicinale e poi li sudoriferi.

 

 

- Quei a quali si conosce mal affetto di capo

da principio si rende quasi impossibile il

resanarli, così anche quelli, che hanno

buboni vicino le parti animate e vitali,

come si è osservato in atto pratico per la

sua mala qualità.

 

Si medicano buboni con medicamenti

locali, e prescindendo dal fuoco nel

prencipio per non impedire il flusso della

materia, che si fa dalla parte interna

all'esterna cioè con medicamenti

relassanti, et emolienti con l'applicarvi

sopra un ciroto dato da Monsignor

Gastaldi, dal quale sene riceve qualche

giovamento e dopo questo ciroto

s'applicano altri medicamenti conseguenti

per la materia flussa nella parte, e cosi si

curano.

 

 

- Li sopradetti buboni però si medicano in

questo modo, cioè essendo crostosi si

carnificano, e poi si adoperano

medicamenti resistenti alla putredine e

velenosità di essi, e questi medicamenti

sono fatti con triaca trementina, sugo di

scabiosa, e di consolida maggiore.

 

Gl'altri carboni che compariscono con bolle,

e senza croste si tagliano superficialmente

con forbici applicandovi triaca con il

digestino e così molti si risanano, come

hoggi si sono trovati nel detto Hospitale 19

infermi senza febre e distinati per la loro

convalescenza sperando per l'avvenire per

la Dio grazia che le cose anderano assai

meglio, stante le diligenza e buoni esiti de

medicamenti provati da alcuni.

 


Questo è quanto si è potuto osservare con

l'intelligenza che si è havuta in questo e, se

Iddio ci preserverà dal male in questi giorni

determinati con quela carità che si richiede,

si servirà per quanto si deve.”