Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bruno Panunzi

“Credo nella tradizione orale”

I suoi pochi scritti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano e gli Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tramonto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di un progetto feudale 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da

“Il '400 a Roma e nel Lazio”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A. Mignosi Tantillo

Uomini famosi: committenze Orsini nel Lazio durante il  '400

 

B. Panunzi

Gentil Virginio Orsini: vita e imprese di un feudatario romano

 

A. Cavallaro

Gentil Virginio Orsini: vita culturale e committenze artistiche

 

R. Cantone

Il castello Orsini di Bracciano: equilibrio di architettura castellana e civile

 

P. N. Pagliara

Il castello Orsini a Bracciano: rapporti con altre esperienze fortificatorie

quattrocentesche

 

C. Conti

Ragguaglio tecnico sui dipinti presi in esame nel castello di Bracciano

 

A. Cavallaro

Il dipinto con scene della vita di Gentil Virginio Orsini

 

A. Cavallaro

Il fregio dei "Putti"

 

M. Calvesi

Due cicli di affreschi nel Castello di Bracciano: nota introduttiva

 

R. Siligato

Ciclo delle figure femminili

 

R. Siligato

Ciclo di Ercole

 

A. Uguccioni

Musica e danza nel ciclo delle figure

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Gentil Virginio Orsini:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

vita e imprese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di un feudatario romano”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Prima parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella prima metà del XV sec da uno dei rami

principali della famiglia Orsini, quello di

Tagliacozzo, ebbe origine la casa feudale di

Bracciano.

 

Al pieno possesso del paese e del territorio

di Bracciano gli Orsini erano giunti

attraverso una lunga serie di acquisti dai

numerosi condomini che secondo diritto

longobardo, ancora presente nella zona in

epoca medioevale, avevano raccolto l'eredità

dei Prefetti di Vico, antichi signori del luogo.
 


Nello stesso tempo ne avevano ricercato

l'investitura formale, ottenuta per la prima

volta nel 1419 da Martino V che concesse a

Francesco, Carlo e Orsino Orsini “in

vicariatum castrum Brachiani” per il censo

annuo di un avvoltoio.

 

 

Con l'acquisto di Bracciano gli Orsini

avevano completato la creazione di un

enorme stato feudale che partiva dalle

contee di Tagliacozzo, Alba e Carsoli nel

regno di Napoli, scendeva per il Sublacense

fino a raggiungere il mare a Palo attraverso

la zona Sabatina, controllando le più

importanti vie d'accesso a Roma.

 

Primo fra i feudatari della chiesa e tra i

maggiori di Napoli, Napoleone Orsini elesse

Bracciano a piccola capitale del suo stato e

verso il 1470 iniziò la trasformazione della

rocca dei Prefetti di Vico nell'attuale castello

concepito per essere ad un tempo

piazzaforte militare e palazzo di

rappresentanza.

 

 

Suo modello ideale sembra essere Federico

da Montefeltro, a cui fu legato da lunga

amicizia, ed il ricordo dell'inimitabile

“domus” urbinate e forse tra i motivi non

minori che lo spinsero alla creazione del

palazzo-fortezza di Bracciano, monumento

alle più antiche e recenti fortune familiari.

 

 

Capitano generale della Chiesa sotto diversi

pontefici, Napoleone si distinse tra i piccoli

condottieri militari del suo tempo per la

sontuosità del modo di vivere che per le

effettive doti militari, ma seppe sfruttare

appieno l'influenza politica che gli derivava

dall'importanza strategica delle sue terre e

che lo rendeva alleato prezioso per gli stati

confinanti, come appare chiaro dalle

alleanze e dai matrimoni che gli vennero

offerti dai Medici o dagli Aragona.

 

Dal suo matrimonio con Francesca Orsini di

Monterotondo nacque un unico figlio

maschio, Gentil Virginio, che aveva passato

la giovinezza alla corte di Napoli, allora una

delle più fastose e colte d'Europa,

frequentando sicuramente la sua

famosissima scuola di armi e formandosi

culturalmente nel clima fervido

dell'umanesimo napoletano dominato dalla

figura del Pontano.

 

 

Il matrimonio di Gentil Virginio con Isabella,

figlia di Raimondo Orsini principe di Salerno

e di Eleonora d'Aragona, rafforzò i legami

con il ramo meridionale della sua famiglia e

con gli Aragona, presso i quali fece le sue

prime esperienze militari.

 

Nel 1463 agli ordini del duca di Calabria,

affiancato dalle truppe pontificie comandate

dal padre Napoleone, partecipò alla guerra

contro Carlo d'Angiò meritando per il valore

dimostrato l'ordine dell'Ermellino, che gli fu

conferito da re Ferrante.
 


Sempre al seguito delle milizie napoletane,

nel giugno 1465 prese parte alla spedizione

contro Deifobo e Francesco d'Anguillara

voluta dal papa Paolo II, comandata dal

padre e da Federico d'Urbino.

 

L'indebolimento degli Anguillara, che pure

erano legati agli Orsini da strettissimi vincoli

di parentela, consentirà a questi ultimi di

impadronirsi dopo pochi anni delle loro terre,

raggiungendo così la massima espansione

territoriale dello stato di Bracciano.
 


L'elezione a pontefice di Sisto IV, favorita in

modo determinante dal cardinale Latino

Orsini, che pure era uno dei maggiori

candidati alla tiara, guadagnò alla famiglia

Orsini la riconoscenza papale per tutto il

lungo pontificato roveresco.

 

Gentil Virginio visse in quegli anni più spesso

a Roma presso il padre, nominato nel 1477

Gonfaloniere della Chiesa, ospitando più

volte il Papa, a causa delle pestilenze

ricorrenti, a Campagnano ed a Bracciano,

dove Sisto IV soggiornò dal luglio al

settembre del 1478 nella nuova rocca di S.

Giacomo ancora in fase di trasformazione.
 


Si era al culmine dell'antico contrasto tra il

papa e Lorenzo de' Medici, riacceso dalle

sanguinose repressioni seguite alla fallita

congiura dei Pazzi e i due Orsini, stretti

congiunti dei Medici, dando prova di

notevole disinvoltura politica ospitarono

nelle stesse settimane i rappresentanti di

Venezia, Milano, Ferrara e del re di Francia

che stilarono un documento ufficiale di

condanna del comportamento di Sisto IV

firmandolo il 1° agosto “in dom. Napoleonis

de Ursinis et in palatio sive fortitio dicti

oppidi Bracchiani”.
 


Il 5 dicembre re Ferrante, dimenticando di

essere il principale alleato del Papa contro

Firenze, accolse a Napoli Lorenzo de' Medici

con il quale firmò un trattato di pace che, si

disse pubblicamente, era stato possibile per

la mediazione e l'influenza goduta presso il

re da Gentil Virginio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Seconda parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla morte del padre nel 1480, Gentil

Virginio ereditò la sua organizzazione

militare e si trovò a capo della casata e del

partito guelfo di Roma.

 

Gli Orsini, spesso divisi da contraddittorie

posizioni personali, sempre però riconciliate

dai prelati di famiglia, avevano trovato nel

guelfismo una costante comune che, assieme

ad opportune scelte matrimoniali ed al

tradizionale mestiere di uomini d'armi, li

aveva imposti sulla scena politica romana

come protagonisti delle principali vicende

della città, in contrapposizione ai Colonna,

capi del partito ghibellino.

 

 

Gentil Virginio aveva dunque il difficile

compito di mediare gli interessi della fazione

guelfa con quelli della sua famiglia divisi tra

Roma e Napoli, non dimenticando la sua

personale carriera di capitano d'arme.

 

Un ruolo che comportava necessariamente

un continuo adeguarsi ai precari equilibri

politici del tempo, e ciò va tenuto presente

per comprendere i numerosi cambiamenti di

campo di Gentil Virginio, che sarebbero

altrimenti inspiegabili.

 

 

I suoi rapporti con Sisto IV non si erano

incrinati per l'aiuto dato ai Medici, e nel

1481 ritroviamo il papa di nuovo suo ospite

a Bracciano, dove concede a lui ed a sua

moglie il privilegio, allora ambitissimo, di

possedere un altare portatile.

 

Sempre durante questo soggiorno Sisto IV il

13 o il 14 settembre del 1481 ebbe la notizia

della riconquista di Otranto, come attestano

numerosi brevi e lettere scritte da Bracciano

al Cardinal Fregoso legato della flotta

crociata ed alle potenze cristiane per

annunziare la splendida vittoria.

 

 

La occupazione di Otranto concluse però la

crociata sistina, a causa tra l'altro della

defezione della flotta napoletana che si

rifiutò di navigate verso Valona aggiungendo

nell'animo del Papa un ultimo e pesante

motivo di rancore contro re Ferrante, che già

lo aveva abbandonato nella guerra contro

Firenze obbligandolo ad una pace

sfavorevole.

 

A questo si aggiungeva la personale

avversione contro gli Aragona di Gerolamo

Riario, nipote amatissimo del Papa e

principale ideatore della guerra contro

Ercole d'Este, duca di Ferrara, feudatario

pontificio che ostentava troppa indipendenza

dalla Santa Sede e, per di più, genero del re

di Napoli.

 

 

L'amicizia di Gentil Virginio con Gerolamo

Riario, malgrado la fedeltà sempre

dimostratagli dall'Orsini, indusse re Ferrante

a privarlo dei suoi feudi abbruzzesi a favore

dei Colonna e spingendolo, secondo

Sigismondo dei Conti, ad istigare Gerolamo

ad una guerra contro Napoli.

 

Virginio esigeva da Ferrante le contee di

Alba Fucense e Tagliacozzo, che

appartenevano al suo retaggio paterno,

mentre il re le aveva vilmente vendute per

12.000 ducati a Lorenzo Oddone Colonna ed

al fratello di costui.

 

 

La perdita delle contee abruzzesi che

garantivano, secondo il Commynes, 20.000

scudi annui, rappresentava un danno

enorme per Gentil Virginio, che soffriva di

una perenne mancanza di denaro.

 

Il carattere esclusivamente fondiario del

reddito degli Orsini di Bracciano, con tutta la

sua precarietà già in quegli anni mostra i

primi segni della rovina economica che

coinvolgerà la famiglia dopo due secoli di

continue ed inarrestabili vendite.

 

 

Le contee abruzzesi furono la vera causa

della ripresa a Roma delle lotte fra Colonna

e Orsini, riaccesa dallo scontro tra le

famiglie Della Valle e Santacroce loro

fautrici.

 

Il 3 aprile 1482 i Santacroce con lo aiuto

delle guardie palatine mandate da Gerolamo

Riario, assalirono e distrussero le case dei

loro avversari uccidendo nella mischia

Girolamo Colonna.

 

 

Malgrado la punizione durissima ordinata dal

papa per i Santacroce, il re di Napoli con il

pretesto di difendere i Colonna fece arrivare

l'esercito in vista di Roma già alla metà di

aprile e chiese ufficialmente il permesso di

passaggio in territorio pontificio per le sue

truppe che andavano in soccorso del duca di

Ferrara.

 

Sisto IV rifiutò sdegnato ma il 30 maggio le

milizie napoletane riuscirono ad entrare in

città anche se furono ricacciate con molti

sforzi da Girolamo Riario e da Gentil Virginio

a cui si erano affiancati il figlio Gian

Giordano e Niccolò Orsini di Pitigliano.

 

 

L'arrivo di Roberto Malatesta con un forte

contingente di truppe veneziane portò alla

vittoria dei pontifici nella battaglia di

Campomorto il 21 agosto, con un gran

bottino di cannoni.

 

Girolamo Riario, con il pieno consenso di

Gentil Virginio, organizzò l'ingresso dei

prigionieri a Roma nella falsariga degli

antichi trionfi romani.

 

 

Fu questo uno degli episodi che più

pesarono contro gli Orsini per la casa

Colonna e per molti dei signori napoletani

presenti nel corteo vittorioso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Terza parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roberto Malatesta, cui era stato affidato il

compito di eliminare le ultime resistenze

nemiche, morì il 10 settembre

probabilmente di malaria, lasciando al Riario

ed all'Orsini il compito di finire quella triste

guerra da soli, poiché le truppe veneziane,

malgrado le promesse e le preghiere del

Papa, ripartirono subito.

 

Nel difficile assedio di Cavi, importante

piazzaforte colonnese, Girolamo Riario si

lasciò andare a violenze incredibili,

arrivando a distruggere la chiesa di S.

Stefano piena di gente che vi cercava rifugio,

con il pieno consenso del Papa che aveva

ordinato, se necessario, di uccidere tutta la

popolazione.

 

 

Gentil Virginio, ben comprendendo che il

completo annientamento dei Colonna poteva

essere fatale anche per la sua famiglia,

cominciò a prendere le distanze dal Riario

riservandosi a Cavi un ruolo di tecnico

militare e sperimentando per la prima volta

in grande l'uso delle artiglierie.

 

Per l'assedio si fece mandare da Roma 20

carri di bombarde di travertino rotonde e

due carri di torce da bruciare per uso del

campo, per dare battaglia di notte e per

seppellire i morti.

 

 

Le bombarde furono lavorate a Marmorata

e materiale si ottenne finendo di distruggere

un antico ponte romano sul Tevere chiamato

di Orazio Coclite.

 

Il riavvicinarsi a Roma dell'esercito del duca

di Calabria unito alla scarsità di truppe,

indussero Sisto IV a trattare la pace, che fu

firmata il 12 dicembre, concludendo la

guerra di Ferrara con la reciproca

restituzione delle terre occupate.

 

 

In una delle clausole del trattato di pace si

stabilì che sarebbero state riconsegnati ai

Colonna i loro feudi, mentre il protonotario

Lorenzo Colonna avrebbe restituito agli

Orsini le contee della Marsica contro il

rimborso dei 12.000 ducati da lui pagati a re

Ferrante per l'investitura.

 

L'applicazione di tale convenzione, male

accettata dalle parti, riaprì la guerra nei

rispettivi feudi per tutto 1483, aggravata da

un arbitrato di Gerolamo Riario partigiano a

favore di Gentil Virginio in modo insultante.

 

 

Nel maggio 1484 anche Roma cominciò ad

essere sconvolta dalle lotte fra le due fazioni

ed il Papa, tramite i più prestigiosi cardinali

della Curia, invitò il protonotario Colonna a

presentarsi in Vaticano per arrivare ad una

composizione della vertenza.

 

I partigiani di Lorenzo, temendo per la sua

sicurezza, gli impedirono di recarsi dal Papa,

dando cosi pretesto a Girolamo Riario ed a

Gentil Virginio di assalire le case dei Colonna

con quasi 4.000 uomini che misero a sacco

l'intero quartiere colonnese.

 

 

Le circostanze della cattura del protonotario

sono particolarmente importanti per

comprendere la personalità di Gentil

Virginio, che si dimostrò dotato di un non

disprezzabile intuito politico ed umano che

gli farà adottare, in quella come in diverse

altre circostanze, una equilibrata misura di

comportamento.

 

Anche se non volle o non riuscì ad evitare la

morte atroce di Filippo Savelli e di altri

colonnesi, si oppose alla uccisione di Lorenzo

Colonna con una sorta di rispetto

cavalleresco per un uomo in cui riconosceva

i medesimi connotati di casta, e con una

sfumatura di calcolo politico per mantenersi

una via aperta alla conclusione ancora non

sicura dell'episodio.
 


Scrive l'Infessura

 

“Et trovaro lo protonotaro incluso in una

camera, assiso sopra una cassa, et ferito in

una mano alloquale dissero che andasse

presone; et lui li rispose: 'ammazzateme

prima'.

 

Alhora li disse lo Signor Virginio: 'arendite a

me, et non havere paura'.

 

Et allhora disse: 'Io sono contento'; et così lo

menaro... et lo protonotaro, sotto la fede

dello ditto Virginio, fu menato allo Papa in

iuppetto avvengo che dopo lo fosse prestato

una cappa de nero et quando se menava, lo

conte Hieronimo li disse:

 

'an, an, traditore, che come iongi che te

impicco per la gola'

 

et lo Signor Virginio li rispose:

 

'Signore, impicarai inanti me, che lui'; et più

volte cacciò lo conte Hieronimo lo stocco, et

ammennollo per volerlo occidere et lo ditto

signor Virginio sempre se contrapose, et non

volle mai che li facesse male.

 

Sisto IV, ormai sofferente da più di un anno,

non seppe opporsi al nipote, e malgrado le

suppliche di parecchi cittadini e l'intervento

indignato del cardinale della Rovere, ordinò

la decapitazione del protonotaro che fu

eseguita a Castel S. Angelo il 30 giugno.

 

 

Gentil Virginio, non sappiamo con quali

sentimenti, presenziò all'esecuzione con il

Riario quindi ripartì subito per guerreggiare

contro i Colonna e pose l'assedio a Paliano.

 

Le notizie delle difficoltà incontrate a Paliano

e l'aggravarsi della sua malattia, il 12 aprile

portarono alla morte il Papa, provocando lo

sbandamento delle truppe pontificie che

abbandonarono l'assedio; Girolamo Riario si

rifugiò nel castello Orsini di Isola, mentre

sua moglie Caterina Sforza, mostrando

tutt'altro coraggio, si impadroniva di Castel

S. Angelo che rivendette tardi al collegio dei

cardinali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Quarta parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell'ultimo anno del pontificato di Sisto IV

che tanti avvenimenti, e non sempre felici,

aveva prodotto per gli Orsini di Bracciano,

era avvenuta la pacificazione tra Gentil

Virginio e re Ferrante, che il 20 giugno 1484

lo investì unitamente al figlio Gian Giordano

dei contesi feudi marsicani assegnandogli

una ulteriore pensione di 6.000 scudi da

esigersi sulla tassa del sale.

 

La consegna dei feudi da parte del

commissario reale avvenne il 1° agosto e,

data l'assenza di Gentil Virginio impegnato

nella guerra colonnese, agirono come suoi

rappresentanti il figlio Gian Giordano e la

moglie Isabella che ricevettero subito dopo

il giuramento di fedeltà dei vassalli.

 

 

È da quel momento che il signore di

Bracciano, chiusa definitivamente la

parentesi delle incomprensioni con gli

Aragona, divenne il naturale rappresentante

del re di Napoli alla corte pontificia ed in tale

veste assolverà incarichi diplomatici o

militari, mischiando però a questi gli

interessi della sua casata in situazioni dove

non sempre è facile distinguere gli uni dagli

altri.

 

Nei giorni della sede vacante i cardinali

riuscirono a convincere i capi delle diverse

fazioni ad uscire da Roma e Gentil Virginio si

ritirò con i suoi a Viterbo, dove il 19 agosto

lo raggiunse la notizia dell'elezione del

cardinale Cibo con il nome di Innocenzo VIII.

 

 

Grande elettore del nuovo papa era stato il

cardinale della Rovere, notoriamente ostile

agli Orsini, a cui fu affidato il governo dei

maggiori affari della chiesa.

 

Ma già ai primi di febbraio del 1485 il futuro

Giulio II, che pure era il patrono degli

interessi francesi a Roma, ebbe modo di

misurare la potenza degli Orsini quando,

avvicinandosi alla città il corteo del cardinale

legato di ritorno dalla Francia, parecchi

cardinali gli andarono incontro aspettandolo

nel castello di Bracciano ed il giorno

successivo, insieme all'ambasceria francese

condotta da Gilbert de Bourbon, conte di

Montpensier “introrno con grandissimo

tronfo nella Casa di Campo dei Fiori delli

signori di Casa Ursina e furono circa cento

cavalli”.

 

 

Nel marzo 1485, sparsasi la voce di una

grave malattia del Papa, Gentil Virginio con

il cugino, Paolo Orsini di Lamentana,

tentarono di impadronirsi di Roma ma furono

respinti ed i Colonna, che si erano sentiti

minacciati da quell'attacco, riaprirono la

guerra nella campagna romana occupando le

terre dei d'Estouteville e facendo prigioniero

Girolamo cognato di Gentil Virginio e capo di

quella famiglia che avrebbe poi tanto

contribuito alle scelte francesi degli Orsini.

 

Malgrado gli inviti di Innocenzo VIII ad una

tregua, dopo aver occupato Civita Lavinia,

Gentil Virginio si ritirò a Vicovaro, il più

importante dei suoi feudi dopo Bracciano, e

lì ricevette le truppe mandate da re Ferrante

ormai in guerra aperta con il Papa per l'aiuto

dato da quest'ultimo ai baroni napoletani,

che sotto la guida dei Sanseverino, si erano

riuniti nella celebre e sfortunata congiura.

 

 

A Vicovaro giunsero nel novembre 1485

1.000 cavalieri e 700 pedoni inviati dal re

d'Ungheria Mattia Corvino, genero del re di

Napoli, 12 squadre di cavalieri comandate

dal duca di Calabria, un buon numero di fanti

fiorentini ed appena 100 cavalieri milanesi

che erano però latori di un prezioso diploma

con il quale Gian Galeazzo Maria Sforza, duca

di Milano, nominava Gentil Virginio

governatore delle sue truppe e gli inviava il

vessillo e le insegne sforziane dichiarando

che la famiglia Orsini di Bracciano occupava

il principato fra le più nobili d'Italia.

 

L'esercito della, lega, comandato da Gentil

Virginio, occupò ponte Nomentano e pose

campo di fronte a Roma, mentre in città il

Cardinale della Rovere scatenava le

rappresaglie contro gli Orsini.

 

 

Narra il De Vaschi

 

“ricordo in questo dì primo di decembre,

come la mattina fu veduto Monte Giordano,

Casa degli Ursini abbrugiare, e questa fu che

il cardinale di S. Pietro in Vincoli et il

cardinale Savello, et il cardinale Colonna la

notte con molta gente andarono in detto

luogo e mesero fuoco per dispetto di Casa

Ursini perché questi erano soldati della lega

del re e del duca di Milano e di Fiorentini et

per odio che havevano col papa per causa di

questo cardinale di S. Pietro in Vincula il

qual foco, quando il papa lo scelse, mandò a

smorzarlo.

 

 

A Gentil Virginio, sprovvisto di sufficienti

artiglierie per poter tentare un assalto alle

mura di Roma non rimase che rispondere

alla distruzione del suo palazzo facendo

circolare libelli infamanti contro il “marinaro

genovese” falso pontefice e promettendo di

far girare per le strade entro pochi giorni la

testa del cardinale della Rovere infissa ad

una picca.

 

Nella città in preda ai saccheggi arrivò il 24

dicembre Roberto Sanseverino, appena

nominato gonfaloniere della chiesa, che

rioccupò lo stesso giorno ponte Nomentano e

costrinse alla ritirata le truppe di Gentil

Virginio mentre i Colonna invadevano i feudi

orsineschi mettendo a sacco Bracciano e

Galeria ed occupavano le contee della

Marsica.

 

 

Visti i successi dei pontifici, il cardinale

Giovanbattista Orsini si recò a Roma per

riconciliarsi con il Papa ed il duca di Calabria

si rifugiò a Pitigliano facendo precipitare le

sorti della lega ed impedendo a Gentil

Virginio di contrattaccare.

 

La pace fra re Ferrante e Innocenzo VIII fu

firmata solo dopo diversi mesi, l'11 agosto

1486 e fu preceduta di qualche giorno da un

armistizio tra Gentil Virginio ed il pontefice

concluso ad Isola dai cardinali Rodrigo

Borgia ed Ascanio Sforza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Quinta parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Durante i dieci anni successivi, tranne che

per alcuni episodi militari di secondaria

importanza sempre al servizio di Napoli,

Gentil Virginio si dedicò all'organizzazione

ed al consolidamento del suo immenso

patrimonio acquistando terre,

commissionando nuove costruzioni ed

entrando in relazione con alcuni dei più

importanti artisti del momento.

 

Particolare cura dedicò al completamento del

castello di Bracciano, sua residenza ufficiale

e sede degli oratori delle maggiori corti

italiane presso di lui, che arricchì con

decorazioni e affreschi e dove ospitò i

personaggi più in vista dell'epoca.

 

 

La riconoscenza degli Aragona verso Gentil

Virginio portò al matrimonio tra suo figlio

Gian Giordano e Maria Cecilia d'Aragona,

figlia naturale di re Ferrante, celebrato a

Napoli il 15 aprile 1487.

 

Dopo la celebrazione del matrimonio il re

concesse a Gentil Virginio il diritto di

assumere cognome ed arma di Aragona e la

iscrizione per la sua famiglia alla nobiltà

napoletana al sedile di Porta Capuana.

 

 

Le trattative matrimoniali erano state

condotte dall'oratore degli Orsini a Napoli

Antonello Sinibaldi, autore, insieme a

Bartolomeo di Bracciano, di moltissime

relazioni sugli avvenimenti romani e

napoletani del tempo che sono, con il ricco

epistolario di Gentil Virginio tuttora in gran

parte inedito, le principali fonti di notizie sul

nostro personaggio ed i suoi famigliari.

 

Sempre nel 1487 fu deciso il matrimonio tra

Franceschetto Cibo, figlio del papa, e

Maddalena de' Medici, nipote di Gentil

Virginio che, rientrato l'8 agosto di

quell'anno per la prima volta a Roma, fu

ricevuto dal papa “cum magna gratia et

benevolentia”.

 

La splendida comitiva nuziale che condusse

Maddalena a Roma nel novembre 1487, ricca

di centinaia di cavalieri guidati dalla madre

Clarice Orsini e dal fratello Piero, sostò a

Bracciano ricevendo accoglienze fastose da

Gentil Virginio.

 

L'avvenimento fu ricordato in un dipinto

celebrativo nel Castello.

 

Durante il soggiorno braccianese Piero de'

Medici offrì allo zio l'investitura di Cerreto in

Toscana decisa dal governo fiorentino e

perfezionò con lui le trattative per il suo

matrimonio con Alfonsina, figlia di Roberto

Orsini, che avvenne il 20 gennaio dell'anno

successivo a Napoli, alla presenza del re e

della corte.

 

 

Le nozze di Piero riconfermarono l'alleanza

degli Orsini con i Medici, già da tempo

consolidata, ponendo Firenze e la Toscana

come polo di interessi culturali e politici a cui

i signori di Bracciano si rivolsero sempre più

spesso.

 

Durante l'estate del 1488 morì l'ultimo conte

di Anguillara, Domenico, e malgrado avesse

lasciato per testamento il feudo alla sorella,

duchessa d'Ascoli, il papa in mancanza di

eredi diretti rivendicò il possesso di

Anguillara alla Camera apostolica per poi

investirne il figlio Franceschetto a cui già

appartenevano Monterano, Viano, Rota ed

Ischia di Castro.

 

 

Era per Gentil Virginio un fatto inaccettabile

poiché, non solo significava la costituzione di

uno stato feudale dei Cibo all'interno delle

sue terre, ma rendeva inutili tutti i suoi

tentativi di impadronirsi della contea che

duravano da anni.

 

Le lettere sulle vicende della successione del

Conte Domenico speditegli in quei mesi a

Napoli dal figlio Giangiordano rivelano infatti

che quest'ultimo da Bracciano organizzava

scorrerie ed incitava alla rivolta gli abitanti

di Anguillara per preparare il terreno

all'acquisto da parte degli Orsini.

 

 

La fermezza mostrata da Innocenzo VIII nel

far occupare Anguillara dalle truppe

pontificie ed il desiderio di non guastarsi con

i Medici legati al Cibo dalla recentissima

comune parentela gli fecero abbandonare

per il momento il progetto anguillarino,

anche se la partecipazione in quei giorni di

Luca di Tarlo, suo famigliare, ad una

congiura contro il Papa, mostrò subito che

quella decisione non sarebbe stata

definitiva.

 

Il 5 settembre 1489 re Ferrante nominò

Gentil Virginio capitano generale

dell'esercito napoletano ed il diploma

ufficiale nomina gli fu consegnato a

Bracciano il 27 ottobre da alcuni

rappresentanti della corte aragonese al

termine di una sfilata delle 14 squadre di

cavalieri e pedoni che costituivano le sue

milizie personali.

 

 

Nel luglio 1492, morì Innocenzo VIII e dopo

un rapido conclave fu eletto il cardinale

Borgia con il nome di Alessandro VI.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Sesta parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una delle prime visite di congratulazioni al

nuovo pontefice il 15 agosto fu quella di

Gentil Virginio, nella sua doppia veste di

primo tra i domicelli romani e di

rappresentante ufficiale del re di Napoli, di

cui veniva ad attestare i poco sinceri

sentimenti di "buono ed ubbidiente figliolo".

 

Dopo pochi giorni, il 3 settembre,

Franceschetto Cibo ora senza l'appoggio del

Papa, e troppo isolato tra la nobiltà romana

per poter resistere alle pressioni degli Orsini,

vendette a Gentil Virginio la contea di

Anguillara e le sue terre e castelli di

Cerveteri, Monterano, Viano, Rota ed Ischia

per 40.000 scudi, stipulando l'atto di vendita

nel palazzo del cardinale della Rovere

davanti al notaio Beneinbene.

 

 

L'acquisto era stato possibile grazie

all'appoggio di Piero de' Medici presso cui

stava per ritirarsi il Cibo, e di re Ferrante,

che quasi certamente aveva fornito la

somma necessaria all'Orsini, sempre a corto

di denaro liquido.

 

La reazione di Alessandro VI a questo

ulteriore accrescimento dello stato di

Bracciano, che rappresentava una diretta

minaccia per il potere pontificio, fu

immediata: dichiarò la vendita nulla a causa

del suo mancato consenso; in realtà il papa

non accettava l'intervento di Firenze e

Napoli nelle terre della chiesa, realizzato

attraverso il più potente e temibile dei

baroni romani.

 

 

Accusò quindi in un Concistoro pubblico re

Ferrante di aver anticipato i denari per

l'acquisto ed il cardinale della Rovere, ora

divenuto amico degli Orsini, di fare gli

interessi dei nemici della Chiesa.

 

Quelle terre erano veramente, come dice il

Guicciardini, “un osso in gola” del Papa.

 

 

Il re negò oltre l'evidenza il suo intervento e,

assicurato Gentil Virginio del suo appoggio,

si preoccupò soltanto di giustificare il suo

comportamento presso Ferdinando il

Cattolico, il cugino spagnolo interessato, in

modo sempre più preoccupante, agli affari di

Napoli.

 

Gli Orsini, con l'aiuto di molti altri baroni

romani, compresi i Colonna, si prepararono

per la guerra che sembrava inevitabile, ma

trovarono schierati a fianco del papa

Venezia, Ferrara, Mantova e Ludovico il Moro

uniti dalla comune inimicizia per gli Aragona.

 

 

Ludovico il Moro, usurpatore del potere di

Giangaleazzo Sforza legittimo duca di Milano

e di sua moglie, nipote di re Ferrante, iniziò

un serrato lavoro diplomatico presso Carlo

VIII di Francia, invitandolo a rivendicare i

diritti ereditari che vantava sul regno di

Napoli, e cercandone nello stesso tempo il

consenso per la sua nomina a duca di Milano.

 

Il pericolo di un intervento francese,

ugualmente sgradito al papa e a re Ferrante,

li portò ad accordarsi con la mediazione di

Firenze e di Ferdinando di Spagna

sull'acquisto dei feudi fatto dal signore di

Bracciano, che il 15 agosto 1493 ne ottenne

l'investitura contro il pagamento di 40.000

scudi alla Camera Apostolica.

 

 

Il 24 luglio il Cardinale della Rovere e Gentil

Virginio, lasciata Ostia dove avevano atteso

la conclusione del Trattato, rientrarono a

Roma quasi in trionfo e furono trattenuti a

cena in Vaticano dal Papa, che ordinò di

ritirare la guardia dalle porte della città.

 

Ma, come commenta l'Infessura, “haec pax

simulata fuit, et ideo parum duravit”.

 

Per rafforzare il nuovo accordo tra

Alessandro VI e gli Aragona fu deciso il

matrimonio del figlio del Papa Jofré Borgia

con la figlia di Alfonso di Calabria Sancia.
 


Dopo il matrimonio, celebrato per procura a

Roma nell'aprile 1494 con un corteo

imponente guidato da Gentil Virginio, Jofré

arrivò a Napoli, dove si stava preparando

l'incoronazione del suocero Alfonso

succeduto a re Ferrante.

 

La cerimonia, avvenuta l'8 maggio, fu

l'ultimo e il più splendido atto pubblico della

dinastia aragonese di Napoli, e rappresentò

il culmine del favore e della riconoscenza

verso gli Orsini di Bracciano.

 

 

Il 15 maggio, nella cappella di Castelnuovo,

dopo una solenne messa pontificale officiata

dal vescovo di Nicastro, re Alfonso consegnò

a Gentil Virginio le insegne di Gran

Connestabile del regno di Napoli.

 

Mentre ancora duravano i festeggiamenti

per l'incoronazione di Napoli, Carlo VIII di

Francia, malgrado gli sforzi del papa per

dissuaderlo, iniziò la sua discesa in Italia con

quello che era considerato il miglior esercito

d'Europa.

 

 

Alessandro VI e re Alfonso si incontrarono il

14 luglio nel Castello Orsini di Vicovaro, ed

affidarono comando dei loro eserciti, che

dovevano opporsi ai Francesi, al duca di

Calabria Ferrandino affiancato da Virginio

Orsini, Giangiacomo Trivulzio e Niccolò Orsini

di Pitigliano.

 

L'avanzata del re di Francia, accolta

amichevolmente da tutti i signori italiani, fu

rapidissima ed il papa, in dicembre, cominciò

a trattare il suo passaggio per le terre della

chiesa, sperando che almeno Roma sarebbe

stata difesa dalle truppe degli Orsini.

 

 

In realtà Gentil Virginio, conoscendo a fondo

la crisi della dinastia napoletana e non

fidandosi di Alessandro VI, aveva già

cominciato a trattare in segreto con Carlo

VIII, a cui inviò il figlio Carlo con l'incarico di

offrirgli pieno appoggio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Settima ed ultima parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricorda il Commynes

 

“il re andò a Nepi e poi nelle terre del Signor

Virginio Orsini, consegnate tutte dal signor

Carlo, figlio di lui, che diceva aver ricevuto

quest'ordine dal padre.

 

Questo era al soldo del re Alfonso, ma diceva

che, fintanto che don Ferrante era in Roma,

o nelle terre della chiesa, gli avrebbe fatto

compagnia e non oltre.

 

Così i signori capitani vivono in Italia sempre

in maneggi coi nemici e in gran timore di

trovarsi tra i più deboli.

 

Il re fu ricevuto in Bracciano, principale

piazza del suddetto signor Virginio, bella,

forte e ben fornita di viveri.

 

Sentii poi che il re faceva gran conto di

questa e dell'accoglienza che gli era stata

fatta”.
 

Il 19 dicembre Carlo VIII entrò in Bracciano,

dove soggiornò vari giorni, ed il 24 l'esercito

napoletano abbandonò il Lazio e si ritirò

verso Napoli da cui era fuggito re Alfonso

dopo aver abdicato in favore del figlio

Ferrandino.

 

 

Gentil Virginio e gli altri capitani, constatata

l'impossibilità di difendere Capua, ultima

piazzaforte rimasta in loro mano, mandarono

a chiedere a Carlo VIII dei salvacondotti per

rientrare nelle loro terre.

 

A Nola, feudo di Niccolò di Pitigliano, furono

arrestati da un capitano francese che li

trasferì prigionieri presso il re di Francia, già

entrato in Napoli, con la promessa del re di

liberarli ad Asti quando avesse deciso di

rientrare in Patria.

 

 

Durante la battaglia di Fornovo, i due Orsini

riuscirono a liberarsi, e Gentil Virginio

raggiunse Bracciano, dove si recò Piero de'

Medici a chiedere il suo aiuto per

riconquistare Firenze, ma le difficoltà

dell'impresa dopo alcuni preparativi

indussero l'Orsini a rinunciare.

 

Pochi giorni dopo la lega antifrancese che si

era formata nel frattempo, inviò il vescovo di

Conversano a proporgli di ritornare a

combattere per gli Aragona, ma ebbe un

deciso rifiuto, motivato in gran parte

dall'invasione delle contee della Marsica da

parte dei Colonna, ora al soldo di Napoli, con

il tacito consenso di re Ferrandino.

 

 

La speranza di recuperate le contee e la

fiducia nella potenza francese decisero

invece Gentil Virginio ad entrare a servizio

della Francia insieme al figlio Giangiordano

ed al genero Bartolomeo d'Alviano,

trovandosi quasi subito coinvolto nella

disfatta francese.

 

Catturati dopo la capitolazione di Atella

malgrado la promessa di un salvacondotto,

Gentil Virginio ed il figlio furono rinchiusi

nella prigione di Castel dell'Ovo, mentre

Bartolomeo d'Alviano si rifugiava a

Bracciano.

 

 

Approfittando delle difficoltà degli Orsini,

Alessandro VI il 2 giugno 1496 pronunziò

contro di loro una solennissima scomunica

ed ordinò al figlio Juan Borgia, duca di

Gandìa, capitano generale della chiesa,

l'invasione delle loro terre.