Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bruno Panunzi

“Credo nella tradizione orale”

I suoi pochi scritti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rinascimento nel Lazio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da

“Lunario Romano 1980”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

F. Barberi

Libri e stampatori nel Lazio del Quattrocento e Cinquecento

 

B. Bilinski

Itinerari laziali dell'Ambasciatore polacco Ocieski nel 1541

 

S. Coggiatti

Tra giardini e piante nel Rinascimento

 

N. Pavoncello

Le comunità ebraiche laziali prima del bando di Pio V

 

L. Stroppiana

L'assistenza ospedaliera nel Lazio del Cinquecento

 

 

Viterbo e Tuscia

 

F. Aquilanti

Fascino di S. Maria della Quercia

 

B. Barbini 

Vicino Orsini e il palazzo di Bomarzo

 

A. M. Corbo

Note sulla "Pietà" e sulla "Flagellazione" viterbesi di Sebastiano del

Piombo

 

V. Frittelli

La Bolla delle Gabelle, le "delizie" di Bagnaia e i cardinali Gambara e

Borromeo

 

R. Lefevre

Interrogativi e ipotesi sul "sacrarium" farnesiano dell'Isola Bisentina

 

G. L. Masetti Zannini

Spettacolarità di sacre rappresentazioni a Viterbo (1462-1582)

 

G. Sacchi Koch

La "moda" cinquecentesca dell'affresco geografico e il Palazzo Farnese di

Caprarola

 

 

Rieti e Sabina

 

V. Di Flavio

Il Vignola a Rieti e nel Reatino

 

E. Leoni

Profilo dell'umanista sabino Francesco Florido

 

 

Roma

 

J. Coste

Un diario inedito degli anni 1519-1521

 

R. Chiomenti Vassalli

Una donna del Rinascimento: Giulia Farnese

 

A. Schiavo

I Rovereschi alla "Messa di Bolsena" di Raffaello

 

S. Vismara

Una grande figura religiosa del Rinascimento: Egidio da Viterbo

 

 

Roma

 

A. Amati

I Colonna "commendatari" di Subiaco

 

G. Antoniazzi

Un umanista eremita sul Soratte: Paolo Giustiniani

 

L. Bianchi

Il "Palestrina" e la sua Palestrina

 

M. Bosi

Alla riscoperta di "Villa Catena" a Poli

 

I. Campagna

Carpineto e il suo statuto del 1556

 

F. Caraffa

Nell'alta valle dell'Aniene alla fine del Rinascimento: Filettino

 

L. Devoti

Il castello di Giuliano della Rovere a Grottaferrata

 

L. Lotti

Nepi sotto le signorie dei Borgia e dei Farnese

 

A. Lucarelli

Agnesina di Montefeltro, castellana di Marino

 

B. Panunzi

La breve "stagione" di Juan Borgia, tra Bracciano, Ostia e Roma

 

C. Pierattini

Soggiorni papali a Tivoli nella Rinascenza

 

G. Sacchi Lodispoto

La fortezza di Civitavecchia e la pirateria lungo le coste laziali nel

Cinquecento

 

M. T. Bonadonna Russo

Appunti sulle bonifiche pontine nel Cinquecento

 

 

Il Lazio meridionale

 

G. Catracchia

L'umanista ferentinate Novidio Fracco e il "Sacco" di Roma

 

M. D'Alatri

Egnazio Danti, scienziato, cartografo e vescovo di Alatri

 

M. Marazzi

1557: la battaglia di Paliano e la pace di Cave

 

W. Pocino

Il card. Baronio, sua madre Porzia e Sora sua patria

 

G. Sperduti

Una figura sconcertante del Cinquecento: il verolano Aonio Paleario

 

B. Valeri

Il frusinate Silvio Galassi e la sua visita pastorale nella Valle del Sacco

(1585)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Palazzo o Villa Farnese Farnesea Caprarola, Viterbo

 

Costruita dalla potente famiglia Farnese, è una delle loro

molte dimore edificate nei propri domini e viene oggi

considerato uno dei migliori esempi di dimora signorili

rinascimentale.

 

Comuni per simili dimore del territorio laziale tra XV e XVI

sec, le sue iniziali caratteristiche erano difensive ed il

progetto di dimora fortificata venne inizialmente affidato

dal cardinale Alessandro Farnese il Vecchio ad Antonio da

Sangallo il Giovane: i lavori, iniziati nel 1530, furono

sospesi per l'elezione al soglio pontificio del cardinale

come Paolo III.

 

Fu il nuovo imquilino, il cardinale Alessandro il Giovane, a

riprerli nel 1559 avendone affidato il completamento a

Jacopo Barozzo da Vignola, che ne modificherà il progetto

originale in modo radicale.

 

Sulla pianta pentagonale della fortificazione, la fabbrica

venne ora trasformata in una imponente residenza per il

cardinale e la sua corte, i bastioni angolari terrazzati al

primo piano con vista sulle campagne circostanti, al centro

della planometria un cortile circolare a due piani, eleganti

scalinate esterne con una nuova strada rettilinea in asse

attraverso il paesino sottostante, rendendo il celebrativo

ingresso al palazzo una esaltazione visiva della sua

posizione dominante sull'intero circondario. 

 

A decorare gli interni della sontuosa dimora lavorarono poi

i migliori pittori dell'epoca, come Taddeo e Federico

Zuccari, Jacopo Zanguidi detto il "Bertoja", Giovanni de'

Vecchi e Raffaellino da Reggio.

 

Alle spalle della villa-palazzo gli "Orti farnesiani", iniziati

nel 1565 da Giacomo Del Duca, splendido esempio di

giardino tardo-rinascimentale, arroccati su un colle e

connessi alladimora con un sistema di terrazzamenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“La breve ‘stagione’

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Juan Borgia tra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano, Ostia e Roma”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Prima parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il 10 Agosto 1496 si annunciò fin dalle prime

ore come una giornata molto calda.

 

Nel suo nuovo appartamento in Vaticano

Alessandro VI stillava sudore ed impazienza

per il ritardo del fastoso corteo che,

avanzando lento nell'aria tremante di caldo,

accompagnava l'ingresso in città del figlio

Juan Borgia, duca di Gandia.

 

 

Sulle pareti delle stanze, aperte una dentro

l'altra come scatole magiche, i figli e gli

amici erano ritratti da Pinturicchio in vesti di

re e di santi splendenti di quella giovinezza

che gli appariva allora come la migliore

garanzia dell'avvenire dei Borgia.

 

 

Si era malignato molto su certe

identificazioni degli affreschi; Lucrezia e S.

Caterina, ad esempio.

 

Ma erano colpi a vuoto che si perdevano

nella astrattezza lunare di quella sua figlia

bionda e preziosa così ben affiancata da tre

fratelli maschi, che Dio li conservi.

 

Per altro, la sensualità trattenuta di

Pinturicchio non rendeva appieno la natura

avvampata e prepotente delle persone

ritratte, che sembravano guardare con ironia

la corte papale che affollava le sale

provocando la teutonica ira del Burcardo,

capo cerimoniere pochissimo ascoltato.

 

 

Le maggiori cariche della città, i cardinali

con le loro famiglie e una scorta d'onore

guidata dal fratello Cesare erano andate

incontro al figlio di “Nostro Signore”, che ora

precedeva il lunghissimo corteo per il quale

niente era stato lasciato al caso dalla regìa

borgiana, gran maestra nell'arte

dell'apparire.

 

Come ultimo tocco, il giovane duca, vestito

con un giubbone di velluto bruno riccamente

ricamato sul petto, le maniche coperte di

gioielli, si era circondato di sei staffieri

spagnoli e di un palafreniere moro che

guidava suo cavallo baio bardato di “fregi

d'oro e campanin d'argento”, secondo la

descrizione contenuta in un mediocre

sonetto caudato del mediocrissimo umanista

Bernardino Corso.

 

 

Juan Borgia 1 tornava dalla Spagna dove

aveva sposato Maria Enriquez nipote del re

d'Aragona, preso possesso di un feudo che

rimarrà unico patrimonio ai Borgia anche

dopo la rovina che li travolgerà, e dove si era

annoiato malgrado la ricchezza e una corte

personale di centotrentacinque caballeros e

il primo posto in quella di Re Ferdinando.

 

In Juan erano distillati gli umori più profondi

della sua famiglia; era ambizioso, arrogante,

amava il lusso vistoso, cosa che gli farà

spesso rasentare un sospetto di volgarità, di

ridicolo, dai quali si riscattava con un suo

fascino umanissimo, eredità sicura del padre,

“il più carnale homo” del suo tempo, come

era stato definito.

 

E qui “carnale” voleva dire, prima di ogni

altra cosa, umano.

 

 

Le occasioni per creare la sua fortuna non

sarebbero mancate, anzi già se ne

presentava una, la guerra contro gli Orsini,

ribelli dichiarati all'ingordigia papale di terre

e di feudi a cui si aggiungeva, non ultima

causa di rancore, la passione del papa per

Giulia Farnese moglie di Orsino Orsini, figlio

di Adriana de Mila sua cugina e marito

affatto rassegnato alle “corna papalesche”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 1

 

Juan era nato nel 1476 dall'allora cardinale Rodrigo Borgia,

nipote del papa Callisto III e da Vannozza Cattanei che

dette al futuro Alessandro VI altri tre figli: Cesare nel 1475,

Lucrezia nel 1480 e Jofrè nel 1482

 

Al contesto della nota

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Seconda parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Della già tanto intrigata tela politica di quella

fine secolo, Alessandro VI seguiva la precisa

volontà di ricostituire la base territoriale

dello Stato Pontificio annullata dai vari

signori e feudatari insofferenti anche del

ricordo delle antiche investiture, e subito

dopo creare, a tutto danno dei succitati

signori, spazio per il gran “clan” borgiano:

figli, nipoti ed amici, tutti ruotanti in modo

ormai insostenibile sulla corte romana.

 

L'impresa non era facile ma si sarebbe

tentata; ed intanto, per cominciare, ecco la

guerra agli Orsini che erano rivelati

avversari di giusta misura, sottovalutati fino

ad allora non nelle loro possibilità materiali

ma nella costanza dell'atteggiamento

opposto alla sfida papale.

 

 

Il momento era particolarmente sfavorevole

agli Orsini.

 

Lontano da Roma il capo della casata Gentil

Virginio al seguito dell'esercito francese,

sempre in maggiori difficoltà a difendere

quel regno di Napoli che si mostrava senza

dubbi un infausto miraggio per la corona di

Francia, gli altri si affrettarono a rinchiudersi

nei loro castelli o a cercare ospitalità presso

amici fidati.

 

Ultimo a muoversi sarà il cardinale Orsini,

come apprendiamo da una lettera del

cardinale Ascanio Sforza dell'11 novembre

1496:

 

“Si è inteso ch'el card. Ursini era cum

alchuni pochi cavalli in quello stato di Perosa

et poi si era partito, nè sin ad hora si sa

quale camino habia piliato”.

 

 

La scomunica solennissima 2 contro Gentil

Virginio e la sua famiglia era stata

proclamata il 2 giugno, ma soltanto dopo la

capitolazione delle ultime truppe francesi ad

Atella e la notizia dell'imprigionamento

dell'Orsini nel castello dell'Ovo a Napoli si

cominciarono i preparativi per l'occupazione

dei suoi feudi.

 

 

Il 23 ottobre Juan Borgia, che fin dal

settembre era stato nominato legato nel

Patrimonio, ricevette solennemente in San

Pietro le insegne di capitano generale delle

truppe pontificie; ma l'amore paterno non

accecò del tutto Alessandro VI che ben

conosceva il fondo del suo carattere, privo

della robustezza dell'esperienza e di quella

naturale, che tanto faticosamente

dissimulava l'altro suo figlio Cesare, sempre

costretto nella porpora cardinalizia.

 

Così, con il sembrare divertirsi a formare

una cavalcata di giovani brillanti, gli mise a

fianco Guidobaldo di Montefeltro, già

sperimentatissimo uomo d'arme, e

Giampiero Gonzaga; seguivano poi Fabrizio

Colonna, sorretto se non altro dall'odio

antico per gli Orsini, e come legato il

cardinale Lunate, uno dei suoi cortigiani

fidati.

 

 

Nella vasta ed asimmetrica piazza di fronte

alla vecchia basilica costantiniana di San

Pietro sfilò il piccolo esercito fitto di vessilli,

con i colori pontifici alternati a rossi tori

borgiani, mentre Alessandro VI disegnava

nell'aria larghe benedizioni e il popolino

romano delirava, con i suoi facili entusiasmi,

per la bellezza olivastra del duca di Gandia

sottolineata da grandi gioielli, cui si

contrapponeva il Montefeltro, con le sue

vesti scure ravvivate da pochi e

raffinatissimi ornamenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 2

 

Il testo della scomunica, di cui si riportano alcuni brani,

mostra la preoccupazione di Alessandro VI di giustificare

l'azione di forza contro gli Orsini, tentando di coinvolgere

in essa il duca di Milano, Venezia e la Spagna.

 

"Nonostante che da gran tempo fosse noto al figlio

dell'iniquità ed alunno della perdizione, Virginio Orsini,

domicello romano, quanti gravissimi danni erano derivati

dalla calata di re Carlo VIII in Italia, e dall'invasione e

violenta occupazione del regno, che è patrimonio della

Chiesa e dal non voler ancora cedere Ostia; per le quali

violenze tanto il re che i suoi partigiani, consiglieri, fautori

sono incorsi nelle pene gravissime, che si publicano nel dì

della Cena...

 

Noi nondimeno, volendo con lui abbondare di clemenza e

amarlo come figliolo, spedimmo a lui il Nostro caro

Vincenzo, eletto vescovo di Conversano, con ufficio di

nunzio e con amplissima facoltà di trattare, così da parte

Nostra come degli eccellentissimi duchi di Milano e di

Venezia, Nostri alleati, al fine di tirarlo alla Nostra Milizia,

esortandolo che per suo obbligo e vassallaggio volesse

accettare la condotta che noi gli offrivamo e le onorevoli

condizioni... ma egli quanto più si vedeva pregato, tanto

più ostinatamente si teneva duro; finché, a meglio

convincerlo di sua ostinazione, per togliergli in avvenire

qualsiasi pretesto, da capo gli inviammo il suddetto

Vincenzo con tutta facoltà di combinare e firmare prezzo

della condotta e parimenti i suddetti duchi inviarono i loro

ministri con ogni necessaria facoltà, per vedere di

convincerlo e persuaderlo che, per amore e salute di tutta

quanta la Chiesa e il riposo d'Italia, desse il suo nome al

comune esercito; per meglio riuscirvi gli altri Nostri

confederati, Massimiliano, Ferdinando, Isabella, per mezzo

di illustri ambasciatori, andarono a confortare lui

ardentemente".

 

Al contesto della nota

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Terza parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'inizio della campagna fu inaspettatamente

facile.

 

 

I castelli degli Orsini cadevano uno dietro

l'altro 3 o si arrendevano al solo apparire

delle truppe papaline, trasformando la

guerra in una lunga passeggiata nella

Tuscia, terra da “chanson de geste”, con i

suoi castelli medioevali alti sui colli vulcanici

striati di boschi fittissimi con radure

improvvise come pause di respiri.

 

Le vie consolari erano allora in gran parte

transitabili, qua e là si disfacevano

lentamente i resti di ville e templi antichi, e

numerosissimi si aprivano i vani scuri delle

tombe etrusche.

 

Erano stati luoghi cari alle divinità etrusche

e romane, che nelle polle e sorgenti sulfuree

si erano materializzate misteriose e

inaccessibili: luoghi che gli Orsini avevano

subito amato, ritrovandoci forse un ricordo

vaghissimo delle diavolerie longobarde dalla

cui razza si diceva discendessero.

 

 

Il Duca di Gandia ed i suoi compagni erano

ormai alle porte di Bracciano, piccola

capitale feudale del ramo principale della

grande tribù orsinesca, con il suo enorme

castello che tre anni prima aveva ospitato

Carlo VIII di Francia entusiasmando, con la

sua grandezza e le attrezzature belliche, i

cronisti di corte 4.

 

Esempio tra i più compiuti di costruzione

militare e di palazzo di abitazione

rinascimentale, alla decorazione del suo

interno avevano lavorato Francesco di

Giorgio Martini, Antonazzo Romano ed altri

artisti operanti a Roma in quegli anni e

rimasti sconosciuti, come l'architetto che

l'aveva ideato.

 

 

Il castello, monumento orgoglioso di

apoteosi familiare, si alzava compatto e

liscio come un monte di pietra sul borgo ed

era difeso da Bartolomea Orsini e da suo

marito Bartolomeo d'Alviano che, ad ultima

sfida, avevano alzato sulle torri la bandiera

francese e scelto come grido di guerra

“Francia”.

 

 

Bartolomea, lei non bella, aveva sposato

l'Alviano, uno dei più brutti  uomini di tutta

la rinascenza italiana, ma di valore accertato

che, scrive il Giovio 5,

 

“haveva raccolto i soldati spogliati d'arme,

di cavalli, di vestimenti, a ciascuno haveva

consegnato cavalli non domati dalle mandre;

con la liberalità di Bartolomea, donna

d'animo virile, la quale era sorella di

Virginio, gli haveva rimesso in arnese,

havendo ella allegramente messo fuora le

cintole maritali tutto il suo corredo, le vesti

nuttiali, per farne saioni a' soldati.

 

Et anco con meravigliosa prestezza fortificò

Bracciano d'un forte bastione, racconciò

l'artiglierie vecchie, raunò, armò quasi tutti i

contadini di quella contrada, fece lavorare

molto fuoco da lanciare in pentole di terra.

 

Furono anco poste travi cariche di pietre su

la corona dei merli, per ruinarli addosso ai

nemici.

 

 

Come si capì subito, una coppia dura, decisa

a vendere cari la vita ed i propri averi a quel

giovane alla moda circondato da preti e

dignitari, che era costretto dalla resistenza

della rocca di Trevignano, sulla sponda

opposta del lago, a dividere poco

felicemente le sue forze su due differenti

fronti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 3

 

Caddero per primi i castelli lungo la via Cassia: Isola,

Campagnano, Scrofano, Sutri, Bieda e Viano.

 

Ritornate indietro sulla direttrice della via Clodia, le truppe

del Papa occuparono Galeria e Cesano mentre sembra che

Anguillara si arrendesse spontaneamente.

 

Al contesto della nota

 

 

Nota 4

 

Comnynes, cronista ufficiale dell'impresa italiana di Carlo

VIII, nelle sue "Mémoires" scrive di Bracciano "principale

place du Seigneur Virgile Ursin, qui estoit belle, forte et

bien garnie de vivres"

 

Al contesto della nota

 

 

Nota 5

 

Il testo è preso come anche gli altri riportati

successivamente dalle "Istorie del suo tempo" di Paolo

Giovio

 

Al contesto della nota

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Quarta parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non si era finito ancora di mettere il campo

di fronte a Bracciano che il Duca di Urbino fu

ferito e l'intero peso di dirigere la campagna

restò a Juan, su cui si appuntarono gli occhi

di tutte le corti d'Italia.

 

 

“Lo esercito quale è in la impresa de li Ursini

si trova anchora ad Trivigliano non essendo

possuto prima che heri arrivare l'artiglieria

regia in campo, la quale facendo lo effecto si

spera expugnare in brevi quello loco et N. S.

farà procedere alla impresa etiam che qui

siino tempi pluviosi et pessimi”.

 

Così scriveva da Roma il cardinale Ascanio

Sforza il 22 novembre 1496 a suo fratello

Ludovico il Moro.

 

 

I due d'Alviano si erano intanto divisi i

compiti; lui dirigeva difesa e sortite, mentre

la moglie si incaricò di tenere sollevato

l'umore dei soldati, cercando

contemporaneamente di abbattere quello

dei papeschi con continui incitamenti ed

insulti.

 

L'assedio era un'occasione unica per gesti e

parole da passare alla cronaca e chissà, con

un po' di fortuna, alla storia.

 

Gli esempi classici e quelli più vicini di donne

famose si affollavano nella mente di

Bartolomea, che scelse infine una parte a

metà strada fra l'eroina romana e la

castellana assediata dai turchi e, in quanto

ad ingiurie, i papalini furono forse anche

peggio trattati.

 

 

I giorni si macchiavano di ombre altissime

che sfumavano i contorni del lago e dei

monti Sabatini, viola e gialli nei loro colori

invernali, mischiando la realtà delle cose con

le nebbie vaganti sulla grande piana della

Tuscia.

 

Gli assedianti si accorgevano che gli Orsini

non erano rimasti affatto spaventati dal loro

apparato di artiglieria e bandiere, né

tantomeno dalle minacce e dalle proposte di

resa che tamburini e banditori facevano in

continuazione.

 

Anzi, provocazioni e sberleffi aumentavano

di torso, facendo illividire il capitano

generale, che tentava di trattenersi, ma

nell'urlìo degli orsineschi si distingueva

troppo facilmente “bastardo del papa” per

non farlo infuriare e rispondere con insulti

agli insulti.

 

 

Il ridicolo della situazione cominciò a

dilagare in tutta Italia, sottolineato dalla

tempesta di brevi e di messaggi che

Alessandro VI infuriato inviava quasi

giornalmente all'accampamento sempre più

sprofondato nel fango di quell'inverno

piovosissimo, fino a cadere malato per la

rabbia e la preoccupazione.

 

Non si riusciva in particolare a interrompere

i rifornimenti di uomini e vettovaglie tra i

due castelli, che avvenivano attraverso il

lago su piccole barche; ed allora il Papa, con

una di quelle dimostrazioni di potenza che

amava tanto, ordinò che fosse tirato in secco

un brigantino dal Tevere e trasportato nel

lago per bloccarli.

 

 

L'impresa dal sapore virgiliano fu affidata al

Bargello ed a Troilo Savelli, che dell'eroe da

poema aveva il fisico ed il coraggio.

 

Il brigantino iniziò così di notte, tra un

rosseggiare di torce fumose, il suo surreale

viaggio via terra verso il lago ma, a sei

miglia da Roma, il convoglio fu attaccato da

Bartolomeo d'Alviano che, uscito

segretamente da Bracciano, mise in fuga le

truppe del Bargello e bruciò il brigantino con

grande disperazione di Troilo Savelli, che si

ritrovò solo a fare l'eroe giovinetto, neanche

preso troppo sul serio dagli avversari, che se

ne ritornarono indietro ridendo grosso della

beffa così ben riuscita.

 

 

Ma l'effetto dell'episodio fu contrario agli

Orsini.

 

Infatti

 

“intesa questa nuova nel campo del Papa,

altramente da quel ch'aveva pensato

l'Alviano s'infiammarono grandemente gli

animi di tutti: perciocché molte volte

avviene, che anco i soldati vili s'accendono

alla virtù per il dolore di qualche villania

ricevuta.

 

Furono adunque rotte le mura di Trevignano,

v'entrarono dentro; gli Orsini sopra fatti

dalla moltitudine cedettero loro; sì che la

terra fu presa e messa a sacco”.

 

 

Concentrate truppe ed artiglieria a

Bracciano si credette certa una rapida

conclusione dell'assedio; ma ancora una

volta, malgrado la conquista dei bastioni

esterni, i papalini furono respinti ed umiliati

dagli assediati che, uscendo campo aperto,

si impadronirono delle loro artiglierie e le

danneggiarono in modo irreparabile.

 

Gli Orsini sembravano incontenibili.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Quinta parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo la sortita del brigantino ne fecero

un'altra fino alla periferia di Roma,

mancando per caso di catturare Cesare

Borgia che partecipava ad una battuta di

caccia sulle pendici di Monte Mario.

 

 

L'attesa nel gocciolio esasperante della

pioggia snervava Juan Borgia, inducendolo

ad un comando fiacco e contradditorio.

 

Tutto sembrava lordarsi e spegnersi nel

fango; vestiti, parati, le tende certo inadatte

all'inverno.

 

L'insultarsi da lontano non era più

divertente, se mai lo era stato, e diveniva

certezza il vecchio sospetto che le vittorie

rapidissime ottenute all'inizio fossero state

troppo facili, una mossa degli Orsini per

attirarli in un terreno sfavorevole.

 

 

Si inasprirono vecchi dissidi tra il duca di

Gandia e gli altri capitani; la rabbia

impotente di Fabrizio Colonna cominciò ad

essere intollerabile come la freddezza

distaccata del Montefeltro che pesava a

tutti, rendendo inutili gli sforzi del cardinale

Lunate, che tentava pazientemente di tenere

insieme quella male assortita compagnia.

 

 

Il nodo principale del malumore erano i

rapporti tra Juan ed il duca di Urbino che

cominciava a chiedersi sempre più spesso se

non aveva fatto un grosso sbaglio a

mischiarsi con questi Borgia dei quali si

conoscevano più le grandissime ambizioni

che gli antenati.

 

Il suo modo di fissare le persone con

sguardo assente, quasi disgustato, dovuto

ad un principio di miopia, lo rendeva

insopportabile al capitano generale, che

finiva per ignorare i suoi consigli solo per il

gusto di ostentare indipendenza.

 

 

Liti di paggi e staffieri scoppiavano ogni

giorno sostenute, quando non provocate, dai

due signori, e nella divisione del bottino

fatto a Trevignano arrivarono a lasciare sul

terreno due o tre morti e diversi feriti.

 

La faccenda, che andava chiusa con quel già

triste risultato, si aggravò invece per

l'intervento dei due giovani duchi, uno

facendosi forte della sua nascita e l'altro del

suo potere di figlio di “Nostro Signore”.

 

 

Non era più possibile ormai nascondere

l'insuccesso di un intero, anche se piccolo

esercito, fermo da mesi di fronte ad un

castello e quotidianamente beffato dagli

assediati, dando da scrivere a tutte le

cancellerie italiane che si scambiavano le

novità su gli episodi più divertenti di quella

guerra da opera buffa.

 

 

L'apice del ridicolo fu raggiunto quando il

duca di Gandia, dimenticando forse che i

suoi avversari erano vecchi soldati e

contadini fedelissimi agli Orsini, li invitò

solennemente, tramite gli araldi, ad

abbandonare la difesa di Bracciano

promettendo loro l'immunità ed una paga

più alta.

 

 

Il silenzio che seguì all'annuncio fece

sperare al duca di aver trovato alla fine il

tono e gli argomenti giusti per quella

irriducibile gente orsinesca, tanto più che il

ponte levatoio del borgo cominciò ad

abbassarsi tra le urla trionfanti dei soldati.

 

Passarono diversi minuti e poi dalla porta

uscì un piccolo asino che si avviò deciso

verso l'accampamento del capitano generale

con legato al collo un cartello con su scritto:

 

“Lasciatemi andar per la mia via che vado

ambasciator al duca di Gandia”.

 

 

Ma il vero messaggio, come ci informa il

Sanudo, era altrove; infatti l'asino

 

“dietro la coda havia una lettera drizzata al

ditto ducha, che diceva assai mal”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Sesta parte]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il tempo passato davanti a Bracciano aveva

giocato a sfavore del Papa, dando tempo agli

Orsini, finanziati nemmeno troppo

segretamente da Carlo VIII, di raccogliere

uomini a Roma e nell'Umbria per mezzo di

Vitellozzo Vitelli e Ambrogio da Landriano

che li radunarono nel castello di Soriano,

dove si erano rinchiusi il cardinale Battista

Orsini e suo fratello Giulio.

 

Per non restare presi da fermi, tra Bracciano

ed i suoi soccorritori, Juan Borgia e

Guidobaldo da Montefeltro, messi d'accordo

dalla necessità, decisero di avvicinarsi a

Soriano dove i due eserciti, a causa del

terreno coperto di boschi, il 24 gennaio si

trovarono improvvisamente di fronte.

 

Dopo qualche scaramuccia di cavalleria, le

bande orsinesche furono messe in fuga e

fatti prigionieri Roberto da Città di Castello e

Franciotto Orsini, futuro cardinale, ma

 

“il duca d'Urbino e 'l duca di Candia

richiamarono i suoi, ch'erano scorsi troppo

innanzi, perché questi Capitani non volevano

venire a battaglia con la fanteria dei nemici,

se prima non menavano l'artiglieria davanti

all'ordinanze, e non spingevano innanzi la

fanteria tedesca, la quale essi havevano

lasciato nella retroguarda”.

 

Fu un errore tattico irrimediabile.

 

 

Avuto tempo di riordinarsi, le truppe degli

Orsini avanzarono tanto velocemente che i

tiri delle bombarde papali passarono sopra

le loro teste senza colpirli e riuscirono a

mettere fuori uso i pezzi prima che gli

artiglieri potessero ricaricarli.

 

Ammassata dietro le bombarde in un terreno

sfavorevole, la fanteria papale fu sterminata,

e per primi i tedeschi che

 

“affrontati in cattivo luogo, facilmente erano

passati dalle picche de' soldati di Città di

Castello, le quali erano di un braccio più

lunghe, che le tedesche, su gli occhi della

cavalleria in poco spazio di tempo furono

tutti tagliati a pezzi”.

 

 

Juan Borgia ferito leggermente al viso, si

allontanò dal campo di battaglia tra i suoi

famigli e Guidobaldo da Montefeltro

 

“fuggendo in una strada bassa, essendo

quasi oppresso dalla ruina del cavallo, che

gli era caduto addosso, si arrese a Battista

Tosi nobil cavaliere degli Orsini, e da lui fu

liberato dal pericolo della vita, che gli tagliò

le staffe dell'arcione”.

 

Circondato, fu fatto prigioniero anche Gian

Piero Gonzaga, e solo Fabrizio Colonna riuscì

a rinchiudersi a Ronciglione con Muzio

Colonna, gravemente ferito, ed al cardinale

Lunate che morirà dopo pochi giorni per la

fatica e la paura provate.

 

 

Sul terreno rimasero più di mille morti,

quasi tutti dell'esercito del Papa, che si

andarono a sommare agli altri duecento

caduti nell'assedio di Bracciano, e moltissimi

feriti; le artiglierie, gli stendardi ed i bagagli

dell'esercito papale furono trasportati nel

castello di Bracciano, dove rimasero

accatastati per anni in un grande trofeo

sormontato da una targa di bronzo che

ricordava la vittoria degli Orsini 6.

 

 

La prima reazione di Alessandro VI fu

violentissima, ma da buon politico capì che,

senza esercito e circondato come era in quel

momento da persone poco fidate, doveva

trattare.

 

 

Con la mediazione del cardinale Sanseverino

si arrivò il 5 febbraio 1497 ad un accordo per

cui gli Orsini pagavano al Papa 50.000 ducati

d'oro lasciando in sua mano, per momento,

Cerveteri ed Anguillara, senza però

risparmiargli l'ultima umiliazione di una

serie di cartelli, appesi a tutte le statue

parlanti di Roma, che invitavano a dare

notizie al duca di Gandia dell'esercito

pontificio, di cui si erano perse le tracce.

 

 

Ma Alessandro VI aveva già deciso che

l'impresa sfortunata si doveva dimenticare.

 

Già si era cominciato lasciando il duca di

Urbino in mano agli Orsini come se non si

fosse mai conosciuto, ed alla famiglia il

pensiero del riscatto.

 

La morte del cardinale Lunate la si

considerava uno sfortunato incidente e la

rabbia di Fabrizio Colonna una spiacevole

necessità che però, si fece capire subito,

non si sarebbe sopportata a lungo.

 

Juan riprese il suo posto, il primo, nella

corte del padre, aspettando un'altra

occasione che pensava immancabile e

godendosi per il momento le grasse feste del

carnevale romano con un tale desiderio di

divertirsi che appare quasi presagio del poco

tempo che gli rimaneva da vivere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 6

 

La targa, ritrovata per caso alla fine del 1800 durante dei

lavori di restauro del castello, porta incisa questa iscrizione

 

"Legito haec quisquis es advena cum Alexander Papa VI

Virginii Urs posteris bellum inferret Iulius et Carolus Urss

soluto obsidione Bracchiano profligatoque exercitu pont

hec spolia ex his hostibus qui fortissimi in aciem

descenderant rettulerunt MCCCCLXXXXVII die XXIII

ianuarii".

 

Il Carlo Orsini ricordato era il figlio naturale di Gentil

Virginio rientrato segretamente dalla Francia dove era

ostaggio di Carlo VIII.

 

Al contesto della nota