Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bruno Panunzi

“Credo nella tradizione orale”

I suoi pochi scritti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Il cannocchiale conteso”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Due cannocchiali di Galileo: al centro, nella placca ovale, la

lente obiettivo che si ruppe durante gli ultimi anni della sua

vita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[“Un occhiale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di due lenti composto”]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Intorno al mese di aprile o di maggio del

1609 si diffuse in Italia una notizia che mise

a rumore il mondo fervido ed impaziente

degli scienziati italiani, malamente

controllato dal gelido controriformismo del

cardinal Bellarmino.

 

Alcuni viaggiatori raccontarono “che un tal

occhialaio di Middleburgo aveva offerto in

dono al principe di Nassau un occhiale di

due lenti composto, la cui mercé le cose

lontane quasi vicine e più grandi d’assai del

vero si scorgevano”.

 


Non era una novità assoluta, considerando

che fin dal Medio Evo gli artigiani occhialai

adoperavano vetri a forma di lente per

correggere i difetti della vista, ma questa

sua nuova utilizzazione prometteva di avere

grandissime possibilità d'impiego.

 

In particolare ne fu colpito il Galilei che

lavorando freneticamente, in una sola notte,

“indovinando più che copiando ciò che

aveva fatto l'occhiaiaio” creò il suo

cannocchiale basato sulla combinazione di

una lente concava con una convessa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Il cannocchiale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Giovanni Battista

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

della Porta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e il telescopio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Galileo Galilei]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non senza ragione il Conte Algarotti, celebre

cattiva lingua del tempo, commentò che era

una vergogna per il genere umano non

essere giunti prima a quella scoperta, dopo

che da almeno tre secoli le lenti erano

trattate dai più grandi studiosi.

 

Ma chi rimase addirittura sconvolto dalla

scoperta dell'olandese fu G. Battista della

Porta scienziato e commediografo

napoletano che sulle lenti aveva scritto venti

anni prima un trattato fondamentale (“De

refractione optices parte” - Napoli 1593 ).

 

 

Il della Porta è il prototipo dello scienziato

come era inteso in quei primi anni del XVII

secolo, dalla cultura farraginosa e

dispersiva; filosofo e ricercatore, viaggiatore

e commediografo il tutto amalgamato da un

eclettismo a volte geniale ma sempre

caotico.

 

In relazione con i massimi nomi della cultura

europea del suo tempo e notoriamente in

voce di mago, il processo per stregoneria

che aveva subito nel 1558 a Napoli appare

quasi un naturale ed inevitabile

completamento del suo personaggio.

 

 

Nel suo libro sulla Rifrazione il della Porta

era arrivato a descrivere il principio del

cannocchiale senza fare però il piccolissimo

passo che lo separava dalla sua

realizzazione pratica.

 

Immediatamente costruì anche lui uno

strumento ottico, ma ormai il male era fatto,

tanto più che a sua insaputa il Galilei,

perfezionato rapidamente il suo telescopio

per la ricerca astronomica, scopriva le

macchie della luna, i quattro satelliti di

Giove e le fasi di Venere che avrebbe

pubblicato l'anno successivo 1610 a Venezia

nel “Nuncius Sidereus”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tavola astrologica composta dal Principe Federico Cesi nel 1603, con

l'oroscopo sulla nascita della Accademia dei Linceia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[La corrispondenza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di della Porta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

con l'Accademia dei Lincei]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ancora ignaro delle scoperte galileiane,

della Porta era tanto sicuro che nessuno gli

avrebbe contestato la priorità

dell'invenzione, da rispondere così a

Federico Cesi Principe dell'Accademia dei

Lincei che gli chiedeva chiarimenti sulla

nuova invenzione:

 

“... Del secreto dell'occhiale l'ho visto, ed è

una coglioneria, ed è presa dal mio libro 9 -

de Rifractione, e la scriverò che volendola

fare V. S. ne avrà pur piacere.

 

È un cannello di stagno o d'argento lungo un

palmo, e grosso di tre diti di diametro che

ha nel capo un occhiale convesso: vi è un

altro canal del medesimo di quattro diti

lungo che entra nel primo ed ha un concavo

nella cima saldato come il primo.

 

Mirando con quel solo primo si vedranno le

cose lontane vicine; ma perché la vista non

si fa nel catheto paiono oscure ed indistinte.

 

Ponendovi dentro l'altro come concavo che

fa il contrario effetto si vedranno le cose

chiare e dritte; e si entra e cava fuori come

un trombone, finché si aggiunga alla vista

del riguardante, che tutte son varie...”.

 

 

Il “Nuncius Sidereus” colpì il della Porta alla

sprovvista.

 

Si rese subito conto che le scoperte

astronomiche di Galileo erano talmente

importanti da far apparire ridicolo qualsiasi

suo tentativo di rivendicare l'invenzione del

cannocchiale.

 

 

Era l'inizio per lui di un lungo periodo di

amarezze solo a tratti temperato da una

ironica e gustosissima autocommiserazione

tipicamente partenopea.

 

Gli stessi amici, all'inizio, con le loro

affermazioni intempestive aggravarono

talmente la situazione da costringerlo a

controbattere pubblicamente le tesi di

Francesco Sizzi che, in un libro scritto in suo

favore, tentava di togliere il merito del

ritrovamento a Galileo.

 

 

Ancora in una lettera al Principe dei Lincei,

dei quali in quel 1610 era entrato a far

parte, scrive con malcelata stizza:

 

“... Ho ricevuto il libro contro il Signor Galilei

del quale non ho visto cosa più spropositata

al Mondo.

 

In esso si gloria l'Autore con tanti argomenti

provare contrario, e non ne vale niente, e

mentre ha pensato torgli l'autorità gliel'ha

più confermata.

 

Attesta me nella Prospettiva molte volte, e

mai a proposito...”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Lo scontro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

tra l'empirismo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e il metodo scientifico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

della “scienza nuova”]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Galileo fu quasi costretto a rispondere e lo

fece nel suo latino limpido e misurato

ricordandogli, infine, che la teoria è

vaniloquio se non è sorretta da conclusioni

concrete.

 

Era lo scontro tra l'empirismo, inteso nel suo

senso più dilettantistico, e la ricerca di un

metodo strettamente scientifico volto a

cogliere l'essenza delle sostanze materiali,

l'elemento immutabile della realtà.

 

 

Il primo rimaneva sempre a metà strada

tra l'alchimia e la scienza, tra le intuizioni

brillanti e le lusinghe di una facile

astrologia, l'altro, attraverso l'esperimento,

ricercava “la qualità occulta della materia”.

 

Gli stessi Lincei amici comuni di entrambi,

pur con il loro prezioso impegno per una

“scienza nuova”, erano spesso ben lontani

dal rigorismo scientifico propugnato da

Galileo.

 

 

Ancora nel 1603, ad esempio, li troviamo

impegnati ad ammirare una tavola

astrologica composta da Federico Cesi con

l'oroscopo sulla nascita dell'Accademia.

 

Intuirono del resto immediatamente sia il

peso rivoluzionario delle scoperte galileiane

che le polemiche inevitabili che ne

sarebbero sorte, come appare da una lettera

del 15 settembre 1610 di Francesco Stelluti

al fratello Giambattista:

 

“Già credo che a quest'ora abbiate visto il

Galileo, cioè il suo Sidereus Nuncius, et le

gran cose che dice.

 

Ma ora il Keplero, allievo di Ticone, già ha

scritto contro, et già n'è venuto di Venetia

un libro al padre Clavio et gli dice che lui si

dà autore di quell'istrumento et sono più di

trentanni che lo scrive Giovanni Battista

della Porta nella sua Magia Naturale, et lo

accenna anco nel libro De Rifractione

optices...”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Schema ottico del prototipo di cannocchiale  di G. B. della Porta, disegnato

in una lettera al Principe Federico Cesi, nel 1609

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[La lunga e accesa diatriba

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

tra della Porta e Galilei]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contro ogni aspettativa, dopo alcuni mesi,

della Porta caldeggiò l'entrata di Galileo

nell'Accademia dei Lincei ma, costretto ad

abbandonare i toni accesi, sentì pesargli

ancora di più l'aria sfumata di compatimento

di tanti scienziati europei.

 

Tra le rare eccezioni il Keplero forse non del

tutto immune anche lui da una certa invidia

professionale.

 

 

Era stato, in fondo, un tentativo di

esorcizzare la sua rabbia e non era riuscito.

 

I Lincei rimasero comunque il grande

tramite attraverso cui si svolse la

discussione tra i due.

 

 

Ricominciò della Porta con una lettera in

latino, il cui destinatario è ignoto,

sostenendo ancora una volta che il

cannocchiale è una derivazioni delle sue

teorie, pur con molti elogi, forse troppi, al

doctissimus Galileis per l'uso che ne aveva

fatto; uso però successivo ai suoi studi.

 

E qui non teme di ripetersi.

 

 

La lite andava prendendo accenti corali.

 

L'intervento di studiosi e di amici provocò,

una inondazione di scritti, memorie e lettere

che non tardarono, con la mancanza di

spirito tipica di quel secolo, a far cadere

tutto nel ridicolo.

 

 

Persino la logica lineare, quasi matematica,

del Galilei finì a questo punto per incrinarsi

e si risolse in critiche aspre e non sempre

giustificate.

 

La reazione di della Porta non si fece

attendere ed in una lettera del 1° giugno

1612 scrive al mite e dottissimo Federico

Cesi, vero vaso di coccio tra durissimi vasi di

ferro:

 

“Tutti i libri che mi ha mandati S. V. del

Telescopio non sanno se siano vivi, e

parlano allo sproposito perché non sanno di

Prospettiva; se io leverò le mani da una

Tragedia di Ulisse che compongo per un

Signore, porrò le mani a questo, e lo

stamperò con molte bellissime esperienze, e

lo manderò col Libro che se fosse visto dal

Mondo non avrebbero scritto tanti

spropositi...”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[La fine della polemica]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Della Porta era ormai ottantenne.

 

Il contrasto sul cannocchiale andava

perdendo vigore ma non sbiadiva affatto

l'ironia succosa e colorita del vecchio

studioso come ci rivela una lettera di

risposta inviata a Galilei in Firenze il 26

settembre 1614:

 

“Io stavo anchora convalescente, ma la

lettera di V. S. e l'amor che mostra di

portarmi mi ha risanato del tutto.

 

Ho questa salute molto a caro sol per essere

affettionatissimo servitore di V. S. la qual

prego mi mantenghi la sua gratia.

 

Già risorto in sanità son risorti gli antichi

capricci.

 

Fabricamo co'l S. Fabio Colonna, che è molto

ingegnoso e meccanico una nuova forma di

telescopio, qual farà centuplicato effetto più

del solito; che se co'l solito si vede fin

nell'ottava sfera, con questo si vedrà fin

nell'empireo, e piacendo al Signore

spianeremo i fatti di là su, e faremo un

Nuncio Empireo (sic!)... ”.

 

 

Erano le ultime battute di una polemica

che segnava la fine della vecchia cultura

parascientifica e, con la celebrità procurata

a Galileo, introduceva i principi irreversibili

della scienza moderna.

 

Il 10 aprile 1615 il Linceo Stelliola informava

con una lettera da Napoli il Principe Cesi di

aver terminato la sua opera sul telescopio

(sembra una mania!) e che un'altra sullo

stesso soggetto, molto estesa ed

importante, ne aveva per le mani il della

Porta e

 

“... di aver visitato il Porta due giorni

innanzi ch'ei si ponesse in letto della

malattia di cui cessò di vivere e di averlo

udito lagnarsi che l'opera del Telescopio era

quella che l'uccideva, siccome la più difficile

e la più ardua veramente di quante ne

avesse mai intraprese...”.

 

 

Su Galileo si andavano già addensando le

ombre di quella gran farsa tragica che

furono i suoi due processi per eresia in cui

tanta parte avevano le scoperte dovute al

telescopio.

 

Sembrò quasi la vendetta di G. Battista della

Porta, non per niente accusato in gioventù

di stregoneria.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota

 

Alcuni documenti citati e quelli riprodotti fotograficamente

in questo articolo sono tratti dal manoscritto originale e dal

materiale archivistico, tuttora in gran parte inedito,

raccolto dal Principe Baldassarre Odescalchi alla fine del

1700 per il suo libro “Memorie istorico-critiche

dell'Accademia dei Lincei”, pubblicato a Roma