Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bruno Panunzi

“Credo nella tradizione orale”

I suoi pochi scritti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Palazzi Municipali del Lazio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da

“Lunario Romano 1985”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I. Palazzi municipali della Tuscia

 

Fabio Aquilanti

Il municipio di Vitorchiano e i "fedeli del Campidoglio"

 

Bruno Barbini

Mezzo millennio di storia nel palazzo viterbese

 

Roberto Fagioli

Documenti sulla costruzione del palazzo comunale di Nepi

 

Maria Luisa Polidori

Riscoperta del "Palazzo" di Tarquinia 

 

 

II. Palazzi municipali della Sabina

 

Vincenzo Di Flavio

Ombre e luci sul palazzo priorale di Rieti

 

Andrea Di Nicola

Il vecchio "Palazzo della Comunità" di Città Ducale

 

Giuseppe Vico

Il "Palazzo baronale" di Poggio Catino 

 

 

III. Palazzi municipali della provincia romana Nord

 

Anna De Luca

Dalla "Cancelleria comunitativa" al palazzo Orsini

 

Carlo De Paolis

Civitavecchia: il "Palazzo del Pincio" da Casa del balilla a residenza civica

 

Renato Lefevre

A Formello tra vecchia e nuova sede municipale

 

Bruno Marchetti

Il "superbissimo Palazzo Orsini" di Monterotondo

 

Renzo Mosti

Le antiche sedi municipali di Tivoli e il palazzo S. Bernardino

 

Bruno Panunzi

Il "Palazzo fuori della Porta", municipio di Bracciano

 

Riccardo Rinaldi

Palazzo comunale e palazzo camerale ad Allumiere

 

Francesco Zozi

Appunti sulle sedi municipali di Sant'Oreste

 

 

IV. Roma

 

Armando Ravaglioli

I Palazzi Capitolini, sede comunale del Popolo romano

 

 

V. Palazzi municipali della provincia romana Sud

 

Maria Teresa Bonadonna Russo

Le tormentate vicende del "Palazzo priorale" di Velletri

 

Niccolò Del Re

I palazzi Altemps e Borghese a Monte Compatri

 

Luigi Devoti

Le sedi municipali della "Civitas Tuscolana"

 

Felice Guglielmi

Il pubblico palazzo Savelli di Albano

 

Antonia Lucarelli

Divagazioni sul palazzo Colonna di Marino

 

Bruno Navarra

Segni: dal medievale "Palazzo della Comunità" al "Collegio dei P.P.

Dottrinali"

 

 

VI. Palazzi municipali della Ciociaria

 

Filippo Caraffa

Le residenze comunali di Filettino

 

Gioacchino Giammaria

Documenti sul vetusto "Palazzo della Comunità" di Patrica

 

Luigi Gulia

Da "Collegio dei Gesuiti" a palazzo municipale di Sora

 

Giampiero Raspa

Note storiografiche sul palazzo civico di Anagni

 

Marcello Rizzello

Arpino e il suo palazzo municipale

 

Giuseppe Sperduti

Vecchio e nuovo palazzo del Comune ad Alatri

 

Marcello Stirpe

Sul palazzo comunale di Veroli

 

Biancamaria Valeri

Vicende dei palazzi comunali di Ferentino 

 

 

VII. Palazzi municipali nella provincia pontina

 

Gaetano Andrisani

Fondi: dal Convento dei Francescani al Municipio

 

Francesco Berti

Note sul restauro del palazzo comunale di Priverno

 

Italo Campagna

Il palazzo municipale di Maenza: una memoria di Papa Pecci

 

Salvatore Ciccone

Una storia e un appello per il palazzo municipale di Formia

 

Francesco D'Eerme

La fondazione di Littoria e il palazzo comunale di Latina

 

Luigi Zaccheo e Fausto Orsini

I due palazzi comunali di Sezze

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Sigillo del Comune di Vitorchiano

 

Il sigillo di Vitorchiano che campeggia sulla sopraccoperta

del Lunario Romano 1985, XIV della serie, oltre che

adeguarsi ad una impostazione grafica ormai tradizionale

di questa annuale pubblicazione del Gruppo Culturale di

Roma e del Lazio, rappresenta una efficace raffigurazione

emblematica del tema che il Lunario stesso quest'anno è

chiamato a svolgere: quello dei Palazzi Municipali del Lazio.

 

Lo rappresenta infatti per la raffigurazione schematica di

una città medievale dominata dalla Torre civica, e anche

perché motto da cui il sigillo e circondato ('Sum

Vitorclanum Castrum Membrumque Romanum') esprime lo

stretto legame, pur tanto spesso sofferto, che unisce da

millenni, in tanto drammatica successione di eventi, la

Urbs alla sua regione.

 

È un legame, questo, che in verità è evidenziato in tutti i

volumi della serie e soprattutto in quelli phi recenti in cui

più esplicitamente si esprime il programma assunto dal

Gruppo di accentuare la sua vocazione laziale, conforme

alla norma statutaria che sottolinea il programma di

contribuire alla maggiore conoscenza, tutela e

valorizzazione del patrimonio storico, monumentale,

artistico, etnografico e paesistico di una regione che

tuttora e da 'scoprire' nella sua multiforme realtà."

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Il ‘Palazzo 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

fuori della Porta’

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Municipio di Bracciano”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Palazzo del Comune, Bracciano - Anni Dieci del XX secolo (Cartolina)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La storia di un palazzo è spesso simile a

quella di un uomo, difficile da ricostruire

interamente in tutti quegli avvenimenti o

modifiche che non riguardano soltanto le

murature e le decorazioni ma ancora di più

l'utilizzazione, la vita che si e svolta al suo

interno.

 

Quando poi il palazzo è la sede di una

Comunità antica e vitale come quella di

Bracciano il problema si accentua anche se,

in questo caso, si è avuta la fortuna di

scoprire un materiale d'archivio inedito e

particolarmente ricco che mi ha fatto

decidere di realizzare, dopo questa prima

presentazione, uno studio più vasto ed

organizzato sul palazzo 1.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 1

 

Le citazioni del testo provengono da documenti dei

seguenti Archivi:

 

Archivio storico del Comune di Bracciano:

R 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 11 - Consigli 1563-1772

R 37, 38, 42, 67 - Entrate-Uscite 1625-1821

R 17 - Patentati 1619- 692

SII 27, 28, 29, 30, 31, 33 - Mandati 1710-1806

SII 41, 61, 63, 77 - Mandati 1763-1848

RI 5, 7, 8 - Consigli 1882-1898

Pergamene 1541-1552

Statuto 1552.

 

Archivio di Stato :

Buste 4, 5 - Congregazioni religiose, Agostiniani in

Sant'Agostino, Catasto Gregorian Brogliardo Mappa 63.

 

Archivio storico del Duomo di Bracciano:

Libri Battesimi 1544-1558, 1629-1691, 1659-1680.

 

Desidero ringraziare sentitamente la Dott.ssa Brigida

[Mantini] Benedicti per la fondamentale collaborazione

ricevuta per le ricerche nell'Archivio Storico del Comune di

Bracciano.

 

Al contesto della nota

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I precedenti storici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le più antiche notizie sulla comunità di

Bracciano sono testimonianze di tradizione

orale che ci portano ai primi secoli del

cristianesimo con il ricordo delle chiese e

catacombe di Fonte li Santi e S. Celso e con

quello di un Santo Alessandro martirizzato

sulla Via Clodia e capo della “Ecclesia”

braccianese.

 

Testimonianze che meriterebbero

un'indagine storica ed archeologica più

approfondita ma che inducono ad ipotizzare

l'esistenza di un piccolo nucleo abitato

dipendente dalla sede vescovile Forum

 

Clodii che fu poi trasferita a Monterano ed

infine assorbita dalla diocesi di Nepi e Sutri.

 

 

La prima traccia documentale certa che

riguarda Bracciano sembra essere un laudo

del 10 gennaio 1234 fatto “in castro

Brachiani in platea ante domum Arsoli de

Porta” con il quale diversi personaggi della

famiglia dei Prefetti di Vico regolavano la

divisione delle loro quote di beni e nel

medesimo tempo determinavano i confini

dei castelli di Bracciano e Santa Pupa.

 

L'origine longobarda o germanica della

famiglia dei Prefetti di Vico signori del

“castrum Brachiani” sicuramente già da

molto tempo prima di quella data, è

testimoniata da un atto di vendita del 1290

con il quale Diodato di Vico di Santa Pupa

vende la sedicesima parte dei suoi diritti

sulla rocca e sul lago di Bracciano ed a

questo atto, secondo il diritto germanico,

prendono parte tutti i suoi parenti 2.

 

 

Una signoria, quella dei Prefetti di Vico,

condizionata proprio dall'uso del diritto

germanico che, dividendo tra vari possessori

ed in diverse parti la proprietà del feudo fu

causa di una debolezza politica e militare di

cui approfittarono gli Orsini, per i quali il

possesso del territorio di Bracciano

significava il completamento di un enorme

blocco di feudi che partendo dalle contee di

Tagliacozzo, Alba e Carsoli nel regno di

Napoli, scendeva per il Sublacense e la

Sabina fino a raggiungere il mare a Palo

attraverso la zona Sabatina.

 

Gli Orsini furono quindi costretti a numerosi

acquisti che durarono oltre

centocinquantanni, fino alla metà del XV

secolo, per ricomporre la proprietà del feudo

ed ancora nel 1427 troviamo impegnati

Carlo, Francesco e Orso Orsini nell'acquisto,

per 200 ducati d'oro, di una parte del

castello di Bracciano “idest mediam quartam

partem minus tertiae partis de tribus

principalibus partis Castri Bracciani...”.

 

 

È interessante notare come alle porzioni di

proprietà del castello corrispondevano diritti

e ragioni sulle case del borgo, le acque del

lago, i mulini, le terre e che una parte di

questi diritti costituirono la base di quelle

che più tardi saranno le proprietà della

Comunità di Bracciano e nello stesso tempo

fonte di interminabili contese con il

feudatario che durarono fino ai primi anni

del nostro secolo.

 

Napoleone Orsini fu il primo vero signore

della nuova casa feudale di Bracciano, nata

da uno dei rami principali della famiglia

Orsini, quello di Tagliacozzo, ed a lui e a suo

figlio Gentil Virginio si deve la costruzione,

nella seconda metà del XV secolo, del

palazzo-fortezza di Bracciano cui, come

vassalli, lavorarono gli abitanti di Bracciano

e Trevignano.

 

 

Per la comunità di Bracciano, nata

verosimilmente dall'aggregazione di

agricoltori un tempo sparsi nella vicina

campagna, era un tributo pesante ma

necessario in cambio della sicurezza

garantita dagli Orsini al paese e se ne ebbe

una prova nel 1496 in occasione della

guerra voluta da Alessandro VI contro Gentil

Virginio e la sua famiglia.

 

La difesa di Bracciano, assediata dai

pontifici comandati da Juan Borgia e

Guidobaldo di Montefeltro, fu affidata a 

Bartolomeo d'Alviano ed a sua moglie

Bartolomea Orsini che “con meravigliosa

prestezza fortificò Bracciano d'un forte

bastione, racconciò l'artiglierie vecchie,

raunò, armò quasitutti i contadini de quella

contrada, fece lavorare fuoco da lanciare in

pentole di terra” 3.

 

 

Dopo la vittoria ottenuta sull'esercito

pontificio Bartolomea Orsini in

ringraziamento per l'aiuto ricevuto donò ai

Braccianesi i suoi diritti su alcune cave di

pietra vicino l'abitato ed alcuni anni più tardi

il 22 marzo 1541 Francesco Orsini, abate di

Farfa, donò “ai dilettissimi nostri vassalli e

massari della Comunità ed a tutte le persone

della terra nostra di Bracciano” i diritti

feudali sul macello, la pizzicheria, il mulino,

la selva e la gabella coi rispettivi frutti, utili,

proventi, ragioni e giurisdizioni.

 

In cambio i “massari Bernardinus q.

Pucciotti, Antonius q. Dominiconi, Nardus q.

Mutii, Paulos q. Petri”, insieme a diversi altri

popolani si impegnarono a difendere la loro

terra da ogni nemico.

 

La selva nominata nella pergamena di

donazione era l'attuale Macchia Bandita che,

da allora, è sempre rimasta libera ed

assoluta proprietà dei Braccianesi 4.

 

 

Nel 1552 il Cardinale Guido Ascanio Sforza

di S. Fiora, tutore del minorenne duca Paolo

Giordano I, concesse uno statuto a

Campagnano e Bracciano sul modello di

quello già emanato nel 1551 per Anguillara

e che sarà dato nel 1553 a Cerveteri.

 

Con questi statuti, forse copie riformate di

documenti più antichi, il Cardinale Sforza,

Camerario di SRE, tentava di regolare i

rapporti tra il feudatario ed i vassalli,

oramai raccolti e rappresentati nelle varie

Comunità, ed arginava il pericoloso

interesse del governo pontificio ad

intervenire in questo tipo di problemi.

 

Lo Statuto di Bracciano 5 oltre a confermare

i diritti ed i privilegi già concessi alla

Comunità regolò l'uso civico di semina, di

legnatico, delle fronde, del pascolo e della

spiga.

 

 

Paolo Giordano I, infine, con un atto dell'11

gennaio 1556 si rivolse ai “Dilectis nobis

massariis et hominibus Castri nostri

Bracchiani" e li sollevò da tutte le tasse,

gabelle, imposizioni sia pubbliche che

private salvo "vigilias seu nocturnas

custodias circa muros facere et advenientes

militis seu quosvis alios in propriis domibus

ac dormiendum recipere et albergari

teneatur”.

 

Al duca rimase comunque il controllo delle

funzioni pubbliche ed in particolare:

designare il governatore del paese,

amministrare la giustizia, garantire la

sicurezza attraverso gli sbirri e confermare

le nomine dei rappresentanti eletti dalla

popolazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 2

 

C. Calisse, I Prefetti di Vico (Roma 1888),

pp. 23 e 49 segg.

 

Al contesto della nota

 

 

Nota 3

 

B. Panunzi: La breve " stagione" di Juan Borgia tra

Bracciano, Ostia e Roma, da Lunario Romano 1980

pag. 503 segg.

 

Al contesto della nota

 

 

Nota 4

 

E. Panunzi, Gli usi civici in territorio di Bracciano (Ancona

1979), p. 10 segg.

 

Al contesto della nota

 

 

Nota 5

 

La copia dello Statuto conservata a Bracciano fu trascritta

da Paolo Pucci fiorentino, massaro di Bracciano, nella

stessa forma di quello di Campagnano il 26 agosto 1552 e

firmato ufficialmente il 10 dicembre 1552 dal Cardinale

Sforza

 

Al contesto della nota

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Palazzo del Comune, Bracciano - Anni Venti del XX secolo (Cartolina)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La “fabrica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

fuori della Porta”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con questa ultima donazione di Paolo

Giordano I la comunità di Bracciano

possedeva un considerevole patrimonio di

terre ed entrate che la rendeva in gran parte

autonoma dal feudatario ed in grado di poter

contribuire, a volte in maniera determinante,

alla realizzazione di importanti opere civili e

religiose nel paese e nel circondario.

 

 

Una delle prime costruzioni a cui si cominciò

a pensare fu una sede stabile della Comunità

all'interno della cinta fortificata, per evitare

che il Consiglio fosse costretto a riunirsi

alternativamente in casa di madonna

Candida Pagnotta, presso il Governatore, nel

Granaro, o nella “Saliera della piazza”.

 

Il primo palazzetto acquistato dalla

Comunità era posto nella piccola piazza dopo

la porta grande del paese, vicino alla chiesa

di S. Maria Novella e, in uno dei più antichi

verbali del Consiglio, nel 1563, è fatto

obbligo ai Priori e consiglieri di “far

residentia nel loro palazzo deputato” e le

riunioni venivano convocate “domo solita

residentia”.

 

 

Un pagamento del 23 dicembre 1565 ad uno

scalpellino “per suo credito del lavoro delle

pietre fatte alla Comunità alla fabrica del

palazzo” attesta la cura per questa sede che

pure era sicuramente troppo piccola e nel

1594, il 5 dicembre, il Consiglio esaminava

una proposta di acquisto per 1.146 scudi

della casa di Alessandro Pagnotta da

utilizzare per sede della Comunità, casa del

medico, del balio e “per cavare pigione”.

 

Le difficoltà di trovare un'area

sufficientemente ampia per un nuovo

edificio all'interno delle mura ed “havendo li

frati di S. Maria un pezzo di terra contiguo al

borgho fuora della Porta di Bracciano...”

spinsero il Consiglio il 7 gennaio 1619 a

deciderne l'acquisto, se possibile, attraverso

una permuta con un altro pezzo di terra.

 

 

Si iniziò subito una costruzione affidata a

maestranze locall ma senza un'idea chiara

delle dimensioni e dei costi tanto che la

“fabrica nova” causò una preoccupante serie

di debiti, 167 scudi solo verso il duca nel

1622, ed obbligò la Comunità nell'ottobre

1625 a vendere a Roma “rubbie cento venti

di grano per il prezzo del quale havevi a

servire per detta fabrica...”.

 

Ad aggravare la situazione nel 1626

intervenne il duca tramite Ferdinando

Gambacorta che dichiarò in Consiglio come

“la medesima Eccellentia haveria gusto che

s'accomodasse et abbassasse la piazza fuori

della porta avanti il nuovo Palazzo”; ai Priori

il duca lasciò la scelta se coprire le spese

corrispondenti attraverso le decime oppure

“un tanto per testa”, mentre fu perentorio

nell'ordinare agli stessi di farsi delle vesti

“di damasco lunghe con altrettante berette

di velluto”.

 

 

Il 18 gennaio di quell'anno la

preoccupazione dei Consiglieri della

Comunità aveva fatto proporre che

essendosi cominciata la fabrica del Palazzo

si facessero officiali deputati sopra detta

fabrica, et anche fare un deputato

depositario separato che havesse cura di

pagare li lavoratori in detta fabrica et ognun

dica, viva voce, deputati sopra detta fabrica

furono fatti li signori Ferdinando

Gambacorta et Arcangelo Bonamici, et

Depositario fu fatto il signor Antimo

Baccioni.

 

 

La mancanza di direzione dei lavori rese

facili gli attacchi degli artigiani locali ed alle

proteste di un mastro Francesco scalpellino

di “esser messo a parte nelli lavori” il

Consiglio decide che “detto mastro

Francesco lavori... e che tutti li artigiani

habbiano parte in detto lavoro et che

possino fermare tutti il piede in questa

nostra patria et che creschi maggiore il

numero dell'Artigiani per honore d'essa...”.

 

Belle parole che non nascondevano però la

lunghezza ma soprattutto il disordine dei

lavori del palazzo come risulta evidente dal

registro delle uscite di quegli anni in cui

troviamo mischiati a pagamenti per muri

che ancora si innalzavano, quelli di porte ed

impannate e “per doi invitriate fatte fare a

Roma per doi finestre della m/ Sala”.

 

 

Il 6 novembre 1629 il Consiglio deve

prendere atto dell'impazienza del duca e

“come S.E. vole e comanda che si debba

ridurre a perfezione il Palazzo cominciato

fuori della Porta acciò che restando nel

modo ch'al presente si trovi imperfecto non

ruini et si perda tutta la spesa fatta tanto

più essendosi offerta di muratori che

s'obbligheranno farlo in tre anni se pare

bene alle S.S.V. che si faccia istrumento con

chi farà miglior offerta e partito di finir detta

fabrica et detto Palazzo in termine di tre

anni col l'assignamento di trecento scudi

l'anno, et paga anticipata di scudi 300...”.

 

In quella data fu lasciata la più ampia

facoltà di decisione ai Priori che subito

chiesero l'intervento di un noto architetto

nativo di Bracciano, anche se allora

residente a Roma, ed il 6 marzo 1630

troviamo registrate “spese per il viaggio da

Roma a Bracciano dello architetto Orazio

Turriani per dar e far il disegno novo et

misure a nostri muratori per fabricar il

nostro già cominciato palazzo fuori della

porta”.

 

 

Ad Orazio Turriani 6, che è il primo dei

diversi architetti che incontreremo nella

storia del nostro palazzo, si deve, oltre alla

riorganizzazione dell'interno, la prima

bellissima facciata sulla piazza cosi come la

possiamo vedere nell'unico e fino ad oggi

inedito documento iconografico che ho

rintracciato presso la famiglia Odescalchi;

una pianta del feudo e del paese di

Bracciano dipinta su carta telata nel 1752

dall'agrimensore Girolamo Piaggese.

 

La facciata si sviluppava verticalmente sotto

la spinta di due alti loggiati identici e

sovrapposti, coronati dalle piccole finestre

quadrate del mezzanino e delle soffitte,

ripetendo uno schema bipartito tipico

dell'epoca, appena ritmato da paraste e

fregi in stucco.

 

 

Nel marzo del 1630 i Priori avevano

stipulato un contratto con mastro Tullio

Quadri e compagni muratori e stuccatori per

il completamento del palazzo in tre anni ma

in realtà di anni ne passarono sei prima che

il 15 maggio 1636 il Consiglio della Città di

Bracciano potesse essere “congregato e

coadunato nella sala del nuovo Palazzo della

residenza di essa Comunità”.

 

Mancavano molte porte, le finestre erano

senza vetri, non esistevano i pavimenti, ma

si pensava già all'arredamento e il 14

maggio di quell'anno troviamo un

pagamento a Filippo Sermattei per “scudi 2

moneta quali se li fanno pagare cioè scudi

uno per una giornata che fu in Roma per

servizio della nostra comunità per caparrare

li mattoni per mattonare il nuovo palazzo ed

altri giulii dieci se li pagano per prezzo di

due campanelle di ottone con mascaroni

date per la porta della sala del detto palazzo

e per giulii tre spesi per la nostra comunità

in piombo per impiombare i ferri de palii et

chiodi per chiodare la lama di ferro nel

camino della cucina...”.

 

 

Sulla facciata splendeva “un'arma grande

(della Comunità) di palmi sette fatta ad olio

per sei e messa nella loggia del nuovo

palazzo” opera del pittore Francesco Rossi.

 

Il 12 agosto si discusse in Consiglio “come il

signor Horatio Turriani nostro collega et

compatriotto desidera esser sodisfatto della

mercede misure et fatiche fatte per servizio

della nostra Comunità del novo palazzo

pretendendo sessanta scudi e... fu resoluto

viva voce che in remunerazione delle sue

fatiche se li dia rubbia quattro di grano”.

 

 

I lavori proseguono ma varie parti della

costruzione minacciano rovina e del 1638 si

fanno frequenti i pagamenti per catene di

sostegno dei muri e delle volte fino a che il

Consiglio il 15 febbraio 1639 decide che “il

signor Pompilio Crudele vadi a Roma e ne

parli con il signor Duca per pigliare

l'espediente che sari necessario per

rimediare a questa ruina con menar fuori un

architetto e che detto nostro Pompilio habbi

la cura di rimediare a questa ruina a spese

della Comunità con protesta in contro il

muratore che li ha fabricato”.

 

Alla proposta di murare alcune porte e

finestre aperte ai venti con danno del

palazzo i consiglieri rispondono seccamente

che questa decisione “tocca alli signori

Priori e che lo faccino loro”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 6

 

Le opere principali di Orazio Turriani esponente del

Barocco Romano furono realizzate a Roma come la facciata

di S. Lorenzo in Miranda (1602), costruita all'interno del

colonnato del tempio di Antonino e Faustina, e la chiesa di

S. Francesco di Paola (1624-30).

 

Il Turriani, socio della congregazione dei Virtuosi dal 1613,

dell'Accademia di S. Luca tra il 1630 ed il 1655 e architetto

del convento di S. Agostino, restaurò inoltre la chiesa dei

SS. Cosma e Damiano (1623-44) ed il palazzetto e la

chiesa di S. Marco (1651-57).

 

L'attività del Turriani svolta a Bracciano, e qui segnalata

per la prima volta, rende possibile chiarire ed integrare in

modo definitivo il suo profilo umano ed artistico.

 

A Bracciano, oltre il Palazzo della Comunità, Turriani

progettò il convento della Visitazione (1641), una delle

facciate e parte della chiesa di S. Maria Novella (1628-

1630), il Duomo di S. Stefano (1638-52).

 

Al contesto della nota

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Palazzo del Comune, Bracciano - Anni Trenta-Quaranta del XX secolo

(Cartolina)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le palazzine laterali,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

la fontana, il teatro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sulla sinistra del palazzo si era costruito

nello stesso periodo un piccolo palazzo

privato e nel 1639 Orazio Turriani, eletto

Priore, chiede “di fabbricare la casa di già

cominciata dal Parmigiano a man dritta del

nostro palazzo e domanda... in gratia come

cittadino e compatriotto donarli l'appoggio

che farà al detto Palazzo assieme con il sito

dietro la casa che fabricherà.

Fu risoluto e detto che se li concede e dona

l'appoggio che farà al palazzo della nostra

Comunità con questo che non passi la prima

spalletta che risguarda verso il giardino de

l'altro fino ad alto di maniera tale che le

fenestre di tutta la fabrica tanto fatte

quanto da farsi del palazzo della nostra

Comunità siano libere tanto al lume quanto a

vista e se li dona anche il sito dietro detta

fabrica che farà alla medesima proportione

che piglierà la Comunità restandoci la strada

con questo che fra un anno habbi finita la

facciata dinanzi alla sua fabrica et parimenti

habbi appoggiato la loggia quando

imposterà la facciata della fabrica a

proportione della casa deli Jacomini...”.

 

 

La costruzione di questo secondo palazzo

che fu abitazione del Turriani e della sua

famiglia per lunghissimo tempo, contribuì

ad irrobustire e definire il prospetto del

palazzo della Comunità così come, salvo le

successive modifiche della facciata, lo

possiamo vedere ancora oggi.

 

Tra il 1641 ed il 1643 si arrivò anche ad una

composizione tra il Consiglio e mastro Tullio

Quadri che, per l'ultimazione del nostro

palazzo, dagli originali 1.200 scudi aveva

presentato un conto di 4.211 scudi, con

perizie e controperizie del Turriani e

dell'architetto Pucci fatto venire da Roma

per “rivedere le mesure” e costò solo lui 25

scudi.

 

 

Ma il palazzo era ormai in piena funzione e

non si mancava di utilizzarlo in festività ed

avvenimenti come nel dicembre 1641

quando per illuminare la facciata mastro

Francesco Grilli dipinse 50 arme per

contenere altrettante candele di sego fornite

dal pizzicarolo locale.

 

L'arredamento interno era però scarso e

nell'aprile del 1651 si decise di vendere li

pochi argenti della Comunità... che spesso

ne manca qualche pezzo” per comperare

sedie decenti per i consiglieri; le sedie

rimasero sempre un problema tanto che nel

1671 fu fatto un decreto “che nessuno possa

portar fuori del Palazzo et imprestar sedie

eccetto quattro quando si fanno le feste

della Comunità sotto pena di scudi cinque

per ciascheduna volta....

 

Il palazzo era molto grande, forse troppo,

per le dimensioni e le possibilità del paese

ma rappresentava bene le ambizioni della

Comunità che lo ostenta in occasione del

passaggio di Cristina di Svezia e di

Innocenzo X e se il “Duca padrone” per

l'inaugurazione del convento della

Visitazione nel 1669 fa innalzare dal castello

sfere di fuoco e rombare i cannoni, i Priori

rispondono facendo fiammeggiare

pericolosamente logge e finestre del palazzo

e strepitare pifferi e tamburi.

 

 

La casa Orsini era molto amata e

particolarmente l'ultimo duca, don Flavio,

come dimostrano la sua sollecitudine ad

inviare architetti ed a dimenticare i debiti

della Comunità nei suoi confronti, ma pure lo

spontaneo impegno dei Priori, ad esempio

nel 1675, ad organizzare per lui “qualche

segno di allegrezza con far fare qualche arco

trionfale e fuochi, come anco di far

accomodare le strade pubbliche...”.

 

L'occasione era la visita a Bracciano della

seconda moglie di don Flavio, quella sublime

intrigante di Anna Maria de la Trémoille, alla

quale si regalò un'altra volta, per un suo

ritorno, “dodici mazzi di candele e dodici

pani di zuccaro”.

 

 

Il duca nel 1659 aveva proposto al Consiglio

di fare una fontanella nella piazza davanti al

palazzo della Comunità per il beneficio

pubblico della Città ma anco per poterne

partecipare qualche hora della notte al

Monastero (della Visitazione)... e l'opera fu

subito eseguita anche se, per la cattiva

qualità dei condotti di coccio, l'acqua di

frequente non arrivava.

 

Non si conoscono né l'ubicazione né altri

dettagli di questa fontana e solo in via

ipotetica si può attribuirle una posizione di

fronte al convento della Visitazione sul lato

ovest della piazza e forse qualcuno degli

elementi di pietra (uno stemma, una piccola

vasca, ed un mascherone) di una altra

piccola fontana costruita molto più tardi sul

lato opposto in basso sulla strada che

conduce verso il lago.

 

 

Sul passaggio e l'ispezione delle condutture

nei terreni di privati nacque una disputa tra

un certo Volpi e la Comunità alla quale don

Flavio Orsini, chiamato ad arbitro, fece

sapere che sarebbe venuto il Signor

Domenico Rainaldi (allora suo architetto di

casa) per riconoscere il sito per di poi

haverebbe detto il suo parere...” 7.

 

A seguito dell'intervento del Rainaldi, molto

presente a Bracciano in quegli anni, si

costruì un condotto di piombo “per la

lunghezza di canne 87” e nel 1690 furono

affissi gli editti per l'offerta del

mantenimento dell'acqua cui risposero con

offerte sigillate mastro Giò di Marco e

mastro Filippo Vignoli.

 

Il nome di quest'ultimo mastro muratore

generò successivamente un equivoco per il

quale la fontana è stata attribuita con

ostinata sicurezza dalla memoria popolare al

famoso Vignola. 

 

 

La cura del palazzo è continua e si decide, in

quest'ultimo scorcio del secolo, di fare una

condotta di piombo per raccogliere l'acqua

piovana che provocava danni a causa della

poca pendenza del tetto “come anche di

liberare detto palazzo dall'inondazione che

riceve per la parte di dietro per la gran terra

che vi si trova, la parte selciata et anche

riparare al pregiudizio che riceve la nostra

fontana avanti il palazzo da bestiami che

vanno ad essa”.

 

 

Nel 1701 il nuovo duca di Bracciano don

Livio Odescalchi invitò i priori ad imbiancare

la facciata e gli stucchi del palazzo ed a fare

boccagli di ferro “nelli luoghi soliti per

mettere i Palii” secondo l'offerta di Giovan

Battista Fontana, suo capo mastro

muratore 8.

 

La famiglia Odescalchi aveva acquistato il

ducato di Bracciano nel 1696 e riorganizzato

in breve tempo l'amministrazione del feudo,

gestito in maniera confusa ed

approssimativa dai rappresentanti degli

ultimi Orsini, facendo rifiorire le ferriere e la

cartiera importantissime per l'economia del

paese, ed iniziando una serie di impegnative

opere pubbliche come, nel 1702, l'adduzione

dell'acqua potabile all'interno dell'abitato.

 

 

Uno dei progetti di maggior interesse portati

avanti dalla amichevole ma ferma mano di

don Livio I fu, nel 1701, la realizzazione, o

forse meglio la “stabilizzazione” di un teatro

all'interno del palazzo comunitativo per il

quale il duca contribuì con material vari,

scene e pitture.

 

Una certa tradizione teatrale a Bracciano

esisteva almeno dalla metà del XVI secolo

ed era legata ad una festa dei primi giorni di

maggio, di antica origine etrusco-romana,

durante la quale si faceva “la

representazione del glorioso martire Santo

Sebastiano facendo correre palii et altre

cose degne...”.

 

 

Nella seconda metà di quel secolo e per

tutto successivo si trovano diverse ed

inequivocabili tracce di una attività teatrale

come spese per costumi, tra cui una pelle

d'orso (evidente riferimento alla casa

Orsini), fondali ed attrezzi che si

trasportavano da Roma a Bracciano e

viceversa.

 

Le rappresentazioni si facevano a maggio,

nel periodo di natale e di carnevale o in

occasione di visite di personaggi di riguardo;

nel 1747 abbiamo una lunga lista di spese

fatte per la venuta “del duca Padrone con la

Sposa” e relative alla ripulitura e

ridecorazione del palazzo, della loggia ed in

particolare del teatro che ebbe anche un

sipario nuovo.

 

 

Ai primi del Settecento troviamo il palazzo

di nuovo colpito dal suo eterno male la

“minaccia di ruina” e nel gennaio 1710 si

affidò a mastro Filippo Vignoli la

soprintendenza alle opere di restauro

secondo la stima e misure di Carlo Buratti,

architetto 9 di casa Odescalchi, che

suggerisce di aspettare “fino al mese di

marzo a porre mano all'opera di rifacimento

tanto più che non vi è pericolo evidente in

questo tempo e adesso fanno le gelate”.

 

L'intervento del Buratti riguardò anche gli

interni ed 14 maggio si discute in Consiglio

“... che in occasione di riattare questo

nostro palazzo essendo stato necessario

riattare anco il teatro in esso esistente e

ridotto nella forma, che lor signori han

veduto, si propone alle signorie loro di voler

ordinare se si deve terminare o no”.

 

 

I lavori di rifacimento sono appena terminati

che inizia una lite “poiché li muratori fatta

fare la misura e stima di detti lavori dal

signor Carlo Buratti questa si è conosciuta

patentemente alterata...”.

 

Si pensa alla nomina di un terzo perito, poi

si rinuncia; l'esperienza fatta all'epoca del

Turriani era stata d'insegnamento.

 

Subito dopo è la volta della loggia superiore

che minaccia di crollare ed i Priori decidono

di far salire “sul tetto della Loggia del

Palazzo di questa nostra comunità

l'architetto di S. E. Padrona (il Buratti) per

ripararla, vedendosi che per le continue

piogge esser quasi scoperta, minaccia ruina,

quale architetto avendola riconosciuta ha

detto che sarebbe bene ponerci le converse

di piombo e perciò fu resoluto che si faccino

di piombo”.

 

 

L'acqua della fontanella sulla piazza intanto

ricominciava a mancare perché un tratto

dell'acquedotto di entrata nel paese, lungo

la via dei Cappuccini, era di canali di coccio

e sopra terra ed era continuamente guastato

dal passaggio dei carri.

 

I Priori furono ripresi dal demone della

competizione e, mostrando di “concorrere

al genio di S. E. Padrona che ha di rendere

questa città più ornata che sia possibile,

mentre a proprie spese ha fatto di nuovo

il ponte e la selciata per la strada fuori di

esso e risarcita e decorata la chiesa di S.

Stefano” chiesero al duca il permesso di

poter costruire una nuova fontana sulla

piazza.

 

 

Il principe Odescalchi nel 1741 concesse il

permesso e si degnò di “consolare” la

comunità regalando “per servizio di detta

fontana la quantità di once tre d'acqua...”.

 

Anche la Sacra Congregazione del Buon

Governo dette parere positivo alla richiesta

del Consiglio ordinando che si facesse

un'accurata valutazione delle spese e fu

incaricato Mario Asprucci 10, architetto del

duca, di presentare il disegno della fontana

e perizia dell'importo del lavoro.

 

Il preventivo dell'Asprucci fu di 400 scudi e

non considerava certo le difficoltà delle

canalizzazioni necessarie per una fontana

così grande, il trasporto dei materiali da

Roma, ed il trasferimento a Bracciano di

operai esperti.

 

 

Le conseguenze furono le solite ed a lavori

finiti, nel 1743, il costo della fontana era

arrivata a 1.231 scudi dei quali ne restavano

da pagare 129 allo stagnaro e 298,40 al

muratore, ma il risultato fu di estrema

soddisfazione.

 

La fontana a due tazze di pietra

sovrapposte, separate da un nodo slanciato,

derivava formalmente dalle fontane romane

di epoca barocca, anche se con

appesantimento di gusto settecentesco

nella tazza inferiore e per alcuni particolari

ricordava i disegni illustrativi del trattato

dell'Acque correnti di Carlo Fontana

architetto che operò a lungo per gli Orsini e

fu anche vicino alla casa Odescalchi.

 

 

Un libro dei conti molto preciso ci permette

di ricostruire dettagliatamente i lavori della

fontana e le prestazioni di operai e “mastri”

tra cui lo scalpellino Ottavio Pierini che

sagomò le varie parti, i muratori Fabio

Buratti, Andrea Appiani, Paolo Rossi e lo

stagnaro Bartolomeo Ferri.

 

Sull'ampia area di fronte al palazzo spianata

e livellata un secolo prima erano state

costruite nel frattempo una decina di piccole

case che condizionavano il prospetto della

fontana rialzata dal terreno con una base

squadrata in muratura ben visibile nel

dipinto di Girolamo Piaggese.

 

D'ora in avanti la storia della fontana la

seguiremo attraverso i pagamenti del suo

mantenimento; il primo nel 1758 quello a

Francesco Sala muratore per aver “spurgato

e pulito la fontana della Piazzetta delle

Monache sia la tazza di sopra come la vasca

di sotto e polito fatto il pavimento intorno”.

 

 

Negli stessi anni il teatro della Comunità

vive la sua grande stagione, che durerà fino

alla prima metà del secolo seguente,

affrontando spese notevoli come, nel 1754,

per lavori “ad uso di pittura” fatti da

Francesco Celoni.
 

Si trattava di un'intera scenografia così

descritta: Idolo di Sicle, Idolo di Nemesi con

piedistallo, Ara per le faci, Balcone per le

Fiere, Urne sepolcrali, Barca.

 

 

Gli spettatori però corrono dei rischi perché

il tetto del palazzo è cadente, si aprono

crepe nei solai ed il vento entra dalla porta

della loggia malgrado una bussola di legno

fatta eseguire insieme ad “una credenza per

gli abiti ed una per i libri dei Priori”.

 

La situazione si aggravò a tal punto che il

Consiglio decise nella sua seduta del 1

settembre 1765 di incaricare l'architetto

Nicola Fagioli di “formare” la perizia per i

rifacimenti ed implorare dalla Sacra

Congregazione del Buon Governo la

necessaria licenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 7

 

Domenico Rainaldi, parente e contemporaneo dei due ben

più famosi Rainaldi Carlo e Girolamo, appartiene a quella

parte della cultura artistica romana impegnata nel

tentativo di fusione del tardo manierismo con il dominante

linguaggio barocco.

 

È il tipico componente di secondo piano delle grandi e

ramificate famiglie di artisti del tempo.

 

Per le sue opere a Bracciano si rimanda al lavoro di

prossima pubblicazione di Anna Maria De Luca, “Nuove

scoperte documentali sulle chiese di S. Maria Novella,

S. Stefano e dei Santi Marco, Marciano e Liberato”.
 

Al contesto della nota

 

 

Nota 8

 

Probabile membro del numeroso clan dei Fontana presenti

a Roma dal XVI al XVIII sec.

 

Va ricordata la presenza di Giovanni e Carlo Fontana nella

zona di Bracciano dove progettarono e realizzarono il

nuovo acquedotto dal lago a Roma.

 

Al contesto della nota

 

 

Nota 9

 

Architetto romano allievo di Carlo Fontana, per lungo

tempo a servizio di casa Odescalchi, restaurò e costruì la

facciata della Cattedrale di Albano ed la chiesa del

Bambino Gesù in via Urbana a Roma

 

Al contesto della nota

 

 

Nota 10

 

La fontana di Bracciano è la prima opera documentata di

Mario Asprucci padre di Antonio, allievo di N. Salvi, che

insieme al figlio Mario fu uno dei protagonist della radicale

trasformazione della villa Borghese a Roma e del

riordinamento delle sue collezioni d'arte oltre che della

sistemazione del Parco.

 

Mario Asprucci era architetto del principe Odescalchi come

dopo di lui sarà il figlio Antonio e non è più un personaggio

"di cui nulla si sa", come lo definisce Portoghesi.

 

Al contesto della nota

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Palazzo del Comune, Bracciano - Oggi (Foto di archivio)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I riattamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

settecenteschi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e ottocenteschi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il contributo di Nicola Fagioli 11, impegnato

a Bracciano per i lavori di rifacimento della

chiesa e del convento di S. Maria Novella è

difficile da valutare tanto più che pochi mesi

più tardi, nel maggio 1766, viene affidato il

medesimo incarico all'architetto Virginio

Bracci 12 che riceverà nel 1768 “scudi 25

moneta quali segli fanno pagare per suo

onorario, cibarie, accesso e ricesso in Roma

essendosi portato in Bracciano per

esaminare la qualità del materiale che deve

restare in opera, disegnare e dimostrare al

Capo Mastro Muratore li riattamenti da farsi,

concludere i capitoli da stabilirsi

nell'istromento, ed altre funzioni”.

 

Una parte delle spese, secondo le

raccomandazioni della Sacra Congregazione

del Buon Governo, dovranno essere

compensate dal mancato pagamento degli

affitti dei granai archivio, segreteria, casa

del Balivo, scuola etc. che saranno portati

all'interno del palazzo restaurato.

 

 

Era un momento difficile per la Comunità,

spesso principale o unica sostenitrice delle

grandi imprese costruttive del paese; pure

volle partecipare con un suo contributo, ai

Padri Agostiniani, per l'impianto

dell'orologio “alla facciata di loro nova

chiesa posta nella pubblica piazza con...

godibilità da ogni angolo della città”.

 

 

I lavori del palazzo furono considerevoli,

dovendosi alcuni casi demolire i muri dal

tetto alle fondamenta, ma una volta tanto

caratterizzati da una buona collaborazione

tra il mastro “fabricatore” Antonio Salzi, il

soprastante Andrea Appiani e l'architetto

Bracci che, nel 1760, ordinò tra l'altro di

chiudere l'arco posteriore dell'atrio con un

cancello di ferro “fatto da Mastro Carlo

Laurenti alle ragioni di bai otto e mezzo la

libbra a tenore del disegno formato dal

medesimo Bracci” 13.

 

Comunità ed operai si muovono con cautela

e, se mastro Antonio Salzi chiede che sia

misurato il lavoro di risarcimento degli

stucchi della facciata prima di montare a

sue spese i ponti di legno, il Consiglio del 7

luglio 1771 stabilisce che “non si deve

pagare nulla al Bracci prima che sia fatta la

terza misura degli stucchi che si devono fare

d'estate”.

 

 

Il preventivo non verrà rispettato neanche

questa volta ma la differenza non sarà

notevole e i lavori di buona qualità.

 

Il palazzo aveva una nuova facciata piena

senza le due logge, ora chiuse, un cornicione

che nascondeva il tetto e stucchi che

riflettevano il gusto corrente.

 

 

All'interno la sala consiliare era stata

spostata nella stanza ricavata nella loggia

superiore ed arricchita da un grande

camino, il teatro occupava il vecchio salone,

negli altri vani, dal pian terreno alle soffitte,

erano distribuite abitazioni, la scuola,

i granai e gli uffici.

 

Sulla facciata furono innalzate le “armi

grandi” del duca e della Comunità dipinte da

Antonio Sirleti e ricominciò l'attività del

teatro per la quale si rimborsava nel

febbraio 1774 Domenico Sabbatucci per

“compra de Lumi in occasione delle

commedie recitate nello spirato

Carnevale...”.

 

 

Nel 1782 mastro Pietro Sarti falegname

ricevette “scudo 1 moneta per coppie di

quattro regoli novi per illuminare le scene

trasparenti" e Giovanni Battista Armali

"scudi 1,50 per aver fatto num. 6 fiaccole di

seggo... e numero 6 tielle di coccio per

servizio del Teatro delle Recite delle

Commedie in Bracciano...”.

 

Sempre nel 1782 veniva pagato Giorgio

Piccioni sartore per avere “riapezato il

Sipario e le Scene”.

 

 

Alle recite assisteva qualche volta anche

il duca provocando rapide e frenetiche

ripuliture della piazza antistante il palazzo

e del teatro che nel 1785 aveva, oltre il

palcoscenico e la platea, un Banco Priorale.

 

Alle stesse recite erano forse presenti

alcune persone particolari che allora

godevano di un “sussidio caritativo”: “un

napolitano per essere stato in mano dei

turchi e vari cittadini già calvinisti e

convertiti alla santa fede cattolica”.

 

Ancora nel 1804 troviamo un'assegnazione

di trenta baiocchi a Bernardo Nicolai

venuto alla nostra Fede dal Ghetto di

Livorno ov'era Rabbino”.

 

 

Della disposizione interna del palazzo

comunitativo esistono nell'Archivio storico

di Bracciano e nell'Archivio di Stato almeno

quattro descrizioni, tra la metà del 1700 e la

metà del 1800, di cui si riporta quella del

1821:

 

“Palazzo comunitativo di quattro piani in

piazza delle Monache senza numero,

contiene cassabanchi, tavolini e sedie per

servizio, contiene pubbliche scuole, il

Magazzeno che si affitta, l'Abitazione pel

Chirurgo, la Conservatoria del censo,

l'Archivio, il Teatro Popolare, la Sala del

Consiglio, la Segreteria, e l'Abitazione per il

Segretario”.

 

 

Mentre presumibilmente alla fine del 1700

appartiene un inventario di oggetti che

stavano nella sala del Consiglio:

 

“un calamaio, ad uso di cassettina, con suo

coperchio tutto di metallo - un piatto di

ottone inargentato - un bussolo di legno a

uso di calice con sue palle dentro - un

campanello di metallo - una carta geografica

fissata al muro indicante il patrimonio di S.

Pietro”.

 

 

Erano passati soltanto trent'anni dagli ultimi

lavori quando nel 1802 il Consiglio decide di

far venire da Cesano il capomastro muratore

Gregorio Sarti per “formare la Perizia delle

Restaurazioni occorrenti in questo Palazzo

Comitativo come dagli ordini della Sacra

Congregazione del Buon Governo”.

 

Non si doveva trattare di cose urgenti

perché, a parte interventi di importanza

limitata durante tutto il secolo, il problema

dei lavori generali fu ripresentato in

Consiglio il 1 giugno 1886 quando si

esaminò il progetto di restauro predisposto

dall'ingegnere comunale Paniconi.

 

 

Il progetto, molto ampio e minuzioso,

prevedeva una revisione totale delle

coperture, modifiche strutturali e la

“riduzione” ad uffici del primo piano per la

notevole spesa di 23.203,79 lire.

 

Al palazzo veniva dato uno schema

funzionale nuovo capace di affrontare

esigenze tipiche dell'epoca postunitaria

quali un salone da ricevimento, con annesse

cucine, per i matrimoni civili o per ospiti di

riguardo, una decorazione dove

abbondavano gli stucchi e le tinteggiature a

finto legno, si eliminavano, purtroppo,

stipiti e cornici di macigno per sostituirli con

elementi in marmo bianco o pietra

Manziana, la facciata si coronava della

balaustra di una nuova copertura a terrazza.

 

 

Pochi anni prima, nel 1876, era stato

demolito il piccolo e prezioso teatro

comunale “che essendo costruito totalmente

in legname ora vecchissimo e come corpo

combustibile tiene in qualche timore di un

tristo evento”.

 

Il “disfacimento” deciso riguardò “il

palcoscenico con armatura dei scenari, giro

de 'palchi, bancate della platea, pavimento

inclinato di legname, soffitto”; è stata senza

dubbio la perdita che rimpiangiamo di più.

 

 

Nel 1887 furono affissi bandi per l'appalto

dei restauri del palazzo nei paesi vicini ma

anche a Viterbo, Marino, Frascati e Genzano,

e dopo lo spoglio delle offerte “ad estinzione

di candela vergine” risultò vincitore

Pasquale Marchi.