Vai al sito Redazione e informazione

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo

del Lavoro e dell'Industria

“La Via delle Acque”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il progetto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dell'Architetto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Curatolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'approccio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riscoprire una risorsa del territorio - ormai sconosciuta

ai più e considerata “obsoleta” dai pochi che la

conoscono - come catalizzatore per l'innesco di nuovi

processi di rivitalizzazione del territorio.

 

Creare acculturanti sinergie tra attività e benefici

materiali ed attività e benefici immateriali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le risorse

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Risorse primarie obsolete:

 

- l'Acquedotto Industriale Odescalchi

 

- le sorgenti idriche storiche

 

- il sistema dell'acquedotto, con i suoi opifici e la

campagna irrigua.

 

 

Risorse collegate obsolete o

sottoutilizzate:

 

- le fonti archivistiche e documentarie

 

- memorie orali e tradizioni

 

- idrogeologia del territorio come risorsa culturale

 

- beni mobili ed attrezzature artigianali antiche

utilizzate nell'artigianato locale

 

- professionalità sottoutilizzate o non utilizzate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le finalità sociali

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riscoperta della “scontata” disponibilità dell'acqua

come conquista civile ed unificante per la comunità.

 

Incitamento a rispetto e tutela della risorsa “acqua”.

 

Sottolineamento culturale del passaggio dalla

dispersione e privatizzazione delle risorse alla loro

regolata condivisione (l'acquedotto anche come rete

simbolica).

 

Rivalorizzazione storica della Via delle Acque come

“rituale” di transizione economica e produttiva verso un

sistema produttivo, in cui l'acquedotto è forza motrice e

volano di migliorate attività rurali ed artigianali.

 

Recupero dell'identità tradizionale locale indotta dalla

cultura del fare.

 

Recupero dei valori unificanti legati alla completezza del

ciclo produttivo ed all'interazione sinergica dei settori.

 

Restituzione di segni materiali di civiltà con cui

identificarsi e da cui trarre stimoli di crescita personale,

professionale e collettiva.

 

Riscoperta delle radici della cultura locale e del Genius

Loci nella visione pagana-ctonia (galleria del Gatto) e

poi cristiana (Chiesa della Fiora).

 

Condivisione del proprio specifico patrimonio culturale

di valori (evoluzione del concetto di “turismo”).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le finalità economiche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Creazione di posti di lavoro e nuove professionalità per

la gestione delle strutture realizzate.

 

Inserimento di aree e risorse ora passive nel ciclo

produttivo.

 

Miglioramento ed incremento dei ricerca e ed

estensione dell'“alta stagione”.

 

Ricerca attiva di fondi di investimento per flussi turistici

sviluppo nel campo storico artistico architettonico ed

imprenditoriale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le azioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Documentarie:

 

- archivio tematico dedicato (fonti e documenti)

 

- bonifiche, ricognizioni, restituzione di dettaglio ed

aggiornamento sia cartografico che fotografico

 

- allestimento di schede tematiche per tema e

manufatto

 

- cartografia e studi idrografici, geologici, naturalistici

e vegetazionali.

 

 

Iconografiche, promozionali e

comunicative:

 

- segnaletica tematica sul percorso e di indirizzo

 

- cartografia e guide

 

- pubblicazioni tecniche e storiche

 

- cantiere-evento, mostra documentaria dei lavori in

corso per pubblico ed, in particolare, scuole

 

- seminari preparatori e di studio.

 

 

Imprenditoriali ed economiche:

 

- carta delle opportunità, censimento di beni, risorse

materiali/immateriali, aziende attive o attivabili per

interagire con il sistema in progetto

 

- specifici progetti di impresa (singoli e a sistema)

 

- punti di informazione ed illustrazione del sistema in

edifici pubblici ed esercizi commerciali qualificati.

 

 

Materiali:

 

- bonifica e recupero delle risorse idriche storiche

(sorgenti)

 

- individuazione, definizione di proprietà, bonifica e

restauro di sorgenti e fontanili, manufatti

dell'acquedotto ed opifici e strutture da esso

alimentate

 

- percorsi pedonali e ciclabili per visite all'acquedotto e

alle sorgenti, con aree attrezzate

 

- relativa segnaletica con pannelli informativi.

 

 

Naturalistiche:

 

- creazione di nuove risorse idriche da immettere

attraverso una rete di impianti di fitodepurazione

lungo il percorso dell'acquedotto

 

- relativa segnaletica con pannelli informativi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I partner

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Istituti ed associazioni:

 

- con finalità di ricerca storica ed archeologica

 

- con finalità di promozione socio-economica

 

- con finalità di promozione turistica e naturalistica

 

- con vocazione tecnico documentaria (cartografia,

fotografia, modellistica).

 

 

Et ceteri:

 

- Studiosi locali e non

 

- Personale comunale dotato di specifiche cognizioni

in materia storico- archivistica, restauro e strategia

economica

 

- Propietari di beni mobili ed attrezzature di interesse

museale

 

- Ditte proprietarie di terreni e beni interessati alla

localizzazione dell'intervento

 

- Fondi archivistici privati e pubblici

 

- Testimoni di tradizioni e cultura materiale locali

 

- Studenti universitari e laureandi per tesi tematiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il gruppo di lavoro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Progettista incaricato, coordinatore del progetto

 

 

Staff tecnico:

 

- cartografia, espropri, catasto

- idraulica

- arte dei giardini e del paesaggio

- v.i.a.

- macchine idrauliche

- restauro e consolidamento.

 

 

Comitato scientifico:

 

- ricerche storico archivistiche

- metodologia del restauro

- promozione imprenditoriale e d'impresa

- urbanistica ed architettura partecipata

- processi amministrativi

- comunicazione e trasparenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Annotazioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

sulle Antiche Sorgenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

in Località Fiora e Gatto”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Relazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalla Premessa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“lo non sono uno studioso.

 

Sono un curiosatore di campagna

e di rovine aiutato da un certo

occhio professionale per tutto

quanto è costruzione.

 

Quanto segue è in gran parte

frutto di osservazione diretta

oppure di racconti ascoltati dagli

operai anziani del Comune

durante la mia breve ‘militanza’

come funzionario addetto alle

opere pubbliche.

 

 

Sono in più debitore al Professor

Mariani per il suo bel libro

sull'Acquedotto Odescalchi.

 

Non posso in ogni caso

trascurare di menzionare la

Dottoressa Brigida Mantini e

l'Architetto Cecilia Sodano, con

cui, prima di incontrare il mio

nume tutelare, la Dottoressa

Angela Carlino Bandinelli, ho a

lungo conversato dei temi di

queste pagine, mantenendo vivi

ricordi e sensazioni e

approfittando della loro

competenza tecnica e

documentaria.

 

 

Queste poche pagine hanno il

solo scopo di contribuire

all'avvio di una doverosa opera

di recupero della ‘memoria

dell'acqua’.

 

Nel caso di Bracciano la memoria

dell'acqua e memoria di

operosità esteriore ed interiore,

prosperità e condivisione di beni

in tempi che, a parte la presenza

di una prosperità apparente e

senz'anima, sembrano andare in

tutt'altra direzione.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Sistema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

delle Antiche Fonti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Secondo sopralluoghi

degli anni 2000 e 2004

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Per raggiungere il luogo bisogna

percorrere la Via Olmata Tre

Cancelli (o forse ‘Tre Cannelle’

come potrebbe suggerire il fatto

che lungo la strada si trovino

acqua della Fiora, acqua Precilia

alta e acqua Precilia bassa)

fino al passaggio a livello della

Ferrovia Roma Viterbo, quindi

girare a destra e percorrere la

strada sterrata fino alla casetta

comunale che ospitava il

guardiano delle fonti comunali

(ora disabitata).

 

Da quel punto inizia l'area oggi

detta Campo Pozzi e che un

tempo era la zona delle sorgenti.

 

 

Il sistema antico (ed anche

quello degli Anni 'Quaranta del

XX secolo) era formato da una

sorta di Y sul cui il braccio

sinistro era ubicata la sorgente

della Fiora (e forse le opere di

presa di epoca romana di cui

scrive il Professor Mariani),

mentre sul braccio destro si

trovava la sorgente della galleria

artificiale detta ‘del Gatto’.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'acqua delle due sorgenti, captate e regimate,

confluiva alla camera di manovra sotterranea posta...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una “lettura” del territorio fatta

con amore, passione e professionalità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In una valle poco lontano da Manziana, ma ancora in

territorio Braccianese, una fitta selva di fichi e sambuchi

nasconde alla vista dei più un piccolo tesoro di

architettura e di storia locale che, per i motivi che dirò

poi, meriterebbe ben altre sorti ed attenzioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il nome del luogo, per chi ha dimestichezza con la storia

locale, è legato alle sorgenti d'acqua, che fin dall'Epoca

Romana venivano attinte per le esigenze degli antichi

insediamenti prima e poi per Bracciano stessa: “La

Fiora” deriva dalla presenza di una piccola chiesa, detta

di “Santa Fiora”, sul fianco della collina che, salendo,

giunge fino a Manziana.

 

In realtà la chiesetta è invisibile dall'esterno della

massa di fogliame che l'avvolge e la copre - trovarla,

per chi non conosce il sito, non è cosa da poco: l'incuria

ed i secoli hanno fatto sì che la terra della collina

lentamente coprisse la volta della navata e delle

cappelle laterali, trasformando una costruzione in parte

elevata sul terreno, in una specie di cripta.

 

 

La chiesa fa parte di un sistema di captazione più

esteso, che drenava ricche sorgenti sgorganti in due

diversi punti della stessa valle.

 

L'altra sorgente, detta “del Gatto”, era anticamente

captata con un sistema di gallerie scavate nel

cappellaccio vulcanico ed è tuttora visitabile, non senza

la sorpresa di scoprire in ipogeo antiche opere di presa

in muratura.

 

 

Le acque emunte nel sito Fiora e Gatto (probabilmente

solo dalla sorgente Fiora) alimentarono prima

insediamenti romani (Forum Clodii è abbastanza vicino

e compatibile per quota e posizione) e poi la Bracciano

di don Livio Odescalchi, attraverso il maestoso

acquedotto che ancora vediamo attraversare il nostro

territorio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un vero tesoro nascosto

dimenticato e ignorato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Penetrando una folta vegetazione e scendendo un breve

ripido pendio, si prova l'emozione di scoprire...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

... una piccola navata aperta verso la valle, lunga circa

7 metri e larga 5, sulla cui parete di fondo spicca una

cornice in stucco che doveva incorniciare un affresco ed

a sua volta affiancata da estese tracce di colore, che

fanno pensare a figure di angeli; sotto la cornice si apre

una grossa nicchia rettangolare con architrave a

capanna che doveva sovrastare un altare oggi

scomparso o interrato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di più nella navata non è dato vedere, in quanto la terra

ormai copre addirittura  il pavimento della nicchia.

 

La misura dell'altezza originale della navata è intuibile

dal fatto che gli archi a tutto sesto delle cappelle laterali

sono interrati  almeno fino alle reni: una stima istintiva

fa supporre che il pavimento sia coperto da almeno

2 metri di terra e che quindi la navata fosse alta circa

7 metri.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Probabilmente alla chiesetta, costruita sulla sorgente e

priva di facciata, si scendeva tramite alcune scale

direttamente dal prato.

 

Ma torniamo alle cappelle laterali: l'arco di sinistra è

stato in parte demolito nella parte di chiave e fino quasi

alle reni per rendere l'accesso allo spazio più comodo e

pare addirittura singolare che non rovini - entrando

carponi sotto la volta a crociera si ha la sorpresa di

trovare non uno spazio rettangolare, quale sarebbe

lecito aspettarsi, ma uno spazio limitato a sinistra da

una parete diritta lunga circa 6 metri con cornice in

stucco in alto ed a destra da una parete retta e poi

chiusa in curva a fare spigolo con la parete di sinistra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al centro dello spazio voltato della cappella si apre un

foro circolare, che doveva consentire un contatto con un

pozzo esterno.

 

Sopra gli archi laterali di sinistra e di destra e dentro la

cappella si trovano finestre con forte strombo murate, a

confermare il fatto che la chiesa deve essere stata

colpita oltre che dall'incuria anche da una frana, che ha

ostruito le finestre.

 

 

La cappella di destra è invece murata e, affacciandosi

da un piccolo sportello di ferro, si scopre uno spazio

ampio, buio e profondo con due varchi uscenti voltati,

uno a destra ed uno a sinistra.