Vai al sito Redazione e informazione

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo

del Lavoro e dell'Industria

“La Via delle Acque”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Progetto di recupero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e conservazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

delle antiche Ferriere 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dell'Architetta Lisa Lorenzi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una Tesi di Laurea

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La scelta dell'argomento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'idea di sviluppare la mia tesi sul restauro e,

soprattutto, il riuso/recupero delle antiche Ferriere di

Bracciano nasce durante la preparazione dell'esame di

Restauro.

 

 

Una scelta quella della Seconda Ferriera Odescalchi

nella mia città, Bracciano, zona Chiesa della Madonna

del Riposo, di un edificio storico di dimensioni modeste

e nelle immediate vicinanze, che mi permetteva sia di

farcela da sola (così fuori sede e senza un gruppo) che

di lavorarci a verifica fisica nell'immediato, al bisogno,

in qualsiasi momento e senza spostamenti.

 

Inoltre mi entusiasmava l'opportunità di dedicarmi ad

un progetto di archeologia industriale, lavoro di nicchia

che professionalmente mi ha sempre affascinata.

 

 

In questa breve introduzione partirò quindi dal “mio”

concetto di “restauro”, mai puro “consolidamento”,

quanto vero e proprio “recupero” - anche sociale - degli

spazi rivisitati, perché no, in chiave moderna e

tecnologica, per restituire dovuta importanza a quella

parte già così centrale del nostro vivere collettivo

altrimenti trascurata e in totale abbandono,

progressivamente cancellata dalla memoria della

Comunità.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il restauro come lo vedo io

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Da qualche parte deve esistere,

credo, una ragione protetta nella

quale il nuovo, deponendo le

armi e issando la bandiera bianca

della pace, possa penetrare

senza troppi danni.

 

[....]

 

Non esiste l'illimitato e il puro

‘avvenire’ così come non esiste

niente che vada definitivamente

‘perduto’.

 

Nell'avvenire c'è il passato.

 

 

L'antichità può sparire dai nostri

occhi, ma non dal nostro

sangue.” 

 

 

Joseph Roth  (Vedi Nota 1)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da quando il moderno concetto di “restauro” viene

formulato, si assiste ad una progressiva maturazione

della teoria e della prassi che intorno ad esso ruotano. 

 

Per grosse linee, i perni fondamentali delle elaborazioni

teoriche da circa metà XIX secolo ad oggi sono stati - e

sono tuttora - due atteggiamenti antitetici:

 

- il restauro-“rifacimento”, il ripristino cioè delle forme

architettoniche con operazioni anche complesse,

lasciando in secondo piano la storia del manufatto,

ovvero il fattore tempo;

 

- il restauro-“conservazione”, che non crede nel ritorno

a forme e stati conservativi passati, dando legittimità

solo ad operazioni di riconoscimento stratigrafico e

rallentamento del degrado. 

 

 

Primo teorizzatore della linea che valuta il monumento

come insieme opera-tempo, cioè storia, il britannico

John Ruskin (Vedi Nota 2)

 

Al di là delle teorie estreme, la figura di riferimento,

mitigatrice e tutta italiana, di Camillo Boito***:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Che direbbe ella di un

antiquario, il quale, avendo

scoperto, mettiamo, un nuovo

manoscritto di Dante, monco o in

gran parte illeggibile, si

adoperasse a riempire di suo

capo, le lacune, per modo di

rendere impossibile il distinguere

le aggiunte dall'originale?

 

 

Non maledirebbe l'abilità

suprema di quel falsario?

 

Non riempirebbero il cervello di

dubbi?

 

 

Il monumento è dunque un libro,

che io intendo leggere senza

riduzioni, aggiunte o

rimaneggiamenti... e come

caccerei in galera il falsificatore

di vecchie medaglie, così vi

manderei a marcire i falsificatori

di un vecchio edificio.” 

 

 

Da “Il nuovo e l'antico in architettura 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Boito pone l'accento sulla questione del “falso” come

affermazione dell'ineludibilità della storia e forte

reazione al restauro “di stile”. 

 

 

Gustavo Giovannoni (Vedi Nota 3) da poi sostanziali

indicazioni di metodo per “far rivivere un edificio”, tra

cui fondamentale l'accurata indagine storico-artistico-

iconografica, uno studio complessivo di indagini anche

materiali lasciando che l'opera stessa si racconti nella

propria storia, suggerendo contestualmente soluzioni di

restauro. 

 

Il metodo indicato da Giovannoni esercita tuttora forte

impatto sull'approccio al restauro, sia che si traggano

conclusioni progettuali “conservative” che

“ripristinatorie” o “innovative”: ad uguali premesse,

infatti, il progetto può rispondere con infinite possibilità

di soluzioni, le quali dipendono sempre e comunque

dalla sensibilità e dalla cultura di chi progetta.

 

 

Ai nostri giorni pertanto da un lato si riaffermano teorie

di lontana ascendenza ruskiana, come quando Marco

Dezzi Bardeschi (Vedi Nota 4) scrive:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Il pretendere di ricomporre lo

smembrato, riunire il disperso,

reintegrare le lacune, è

espressione di una ben eversiva

concezione della tutela...

 

Limitiamoci dunque saggiamente

alla manutenzione e al

consolidamento di quanto resta,

cercando di ottimizzare sempre

più i modi e le tecnologie di

intervento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dall'altro ha preso vita una seria riflessione sulla

possibilità anche del restauratore odierno di ripetere

processi tecnologici e produttivi della materia della

architettura storica, ammettendo quindi sostituzione,

riproduzione e addirittura “riprogettazione”, in cui

all'architetto si concedano operazioni non solo

strettamente conservative della “materia” esistente. 

 

 

D'altronde l'assoluta “conservazione” non può in pratica

esistere nell'operatività progettuale, semplicemente

perché anche l'intervento più rispettoso comporterà

comunque una ineludibile modifica della materia su cui

viene attuato. 

 

Alla fin fine conta il significato che l'opera trasmette nel

suo insieme e non i suoi singoli componenti, i quali

possono al bisogno essere tranquillamente replicati:

questo l'approccio di Paolo Marconi (Vedi Nota 5),

secondo il quale quindi la problematica dell'autenticità

in contrapposizione al “falso” della materia in realtà non

si porrebbe affatto. 

 

 

Considerate le tendenze storiche quanto le attuali,

quale delle due strade scegliere per restaurare?

 

A mio parere, né l'una né l'altra!

 

 

Come afferma Giovannoni, credo anch'io che sia

l'edificio in sé, svelandosi alla nostra indagine, ad

offrirci gli strumenti di giudizio sui diversi parametri -

quali fasi d'intervento, loro qualità progettuali,

materiali, stato conservativo, ecc. - i quali, sintetizzati,

faranno scaturire con naturalezza la gamma di

interventi progettuali nel caso specifico considerabili e

realizzabili.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Note della Redazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 1 su Joseph Roth

 

Joseph Roth, scrittore e giornalista austriaco morto nel 1938, nostalgico

cantore del dissoluto Impero Austro-Ungarico che aveva saputo riunire

popoli di lingue, religioni e tradizioni così diverse, lui stesso natone alla

estrema periferia orientale, in una zona di fiorente cultura ebraica della

Polonia.

 

                 

 

 

Torna alla lettura

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 2 su John Ruskin

 

John Ruskin, scrittore, pittore, poeta e critico d'arte britannico

dell'Ottocento, la cui interpretazione di arte e architettura influenzeranno

fortemente l'estetica sia vittoriana che edoardiana.

 

Nella sua teoria generale di uomo e arte profondamente radicati nella

natura e nell'etica, molto particolare la sua concezione di restauro

architettonico, definito "romantico", ritenendo immorale la sostituzione

dell'originale con copie: pur sostenendo la necessità di conservare

l'esistente ammette solo interventi di comune manutenzione, così che

all'architettura antica venga riconosciuto il diritto di morire.

 

Tra Ruskin, "rovinista romantico" ed "estremista della conservazione", ed

Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc, fautore della "ricostruzione ex novo", si

svilupperà una visione del restauro cosiddetto "all'italiana", più

equilibrata ed efficace: contributi fondamentali ne verranno prima da

Camillo Boito e poi da Gustavo Giovannoni (il metodo verrà applicato, tra i

primi e con successo, da Pietro Saccardo, nel restauro della Basilica di

San Marco a Venezia).

 

Punti centrali del "restauro filologico" di Boito, promotore nel 1883 della

"Prima Carta Italiana del Restauro", a metà strada fra l'inglese Anti-

Restoration Movement e il Restauro Stilistico francese:

 

- rifiuto del "restauro stilistico" di Viollet-Le-Duc

- rispetto e tutela dei valori artistici e storici conservando lo "splendido

sudiciume del tempo"

- "consolidare piuttosto che riparare, riparare piuttosto che restaurare".

- indispensabile distinguibilità tra originario ed aggiunto (materiali diversi

e riduzione stilizzante dei volumi).

 

La "Carta del Restauro" del 1972 costituirà comunque la rivincita di una

"morale del restauro" à la Ruskin, ritenendo inaccettabile integrare parti

mancanti con materiali identici all'originale (antico e moderno devono

essere chiaramente distinguibili!), e, a maggior ragione, ricostruire ex-

novo manufatti andati perduti (a meno che i loro componenti originali non

siano recuperabili, vedi ad esempio la parziale ricostruzione post-

terremoto della Basilica Superiore di Assisi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                 

 

 

Torna alla lettura

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 3 su Gustavo Giovannoni

 

Con questo architetto ed ingegnere italiano, a cavallo tra Ottocento e

Novecento, l'interesse della cultura storica si estende dal monumento al

suo ambiente, il cosidetto "monumento d'ambiente", secondo i criteri

della moderna urbanistica tedesca e l'interesse tipicamente inglese per

l'ambiente umanizzato.

 

Studia in particolare il rapporto tra nuovo e antico, storicità e

contemporaneità degli edifici, proponendo adeguamenti funzionali sia per

il nuovo come per l'antico, un "restauro filologico scientifico" capace di

conservare sia il monumento sia l'ambiente che lo circonda, senza fissare

criteri univoci.

 

La sua concezione del restauro si colloca fra la corrente "archeologica"

per un mantenimento dello stato di fatto e quella "stilistic" per il ripristino

di un ipotetico stato originario, preferendo nel restauro opere di

consolidamento e manutenzione realizzabili anche attraverso tecniche

moderne, e prevedendone i possibili interventi, cioè consolidamento,

"anastilosi" (dal Greco αναστήλωσις, "riedificazione", elemento per

elemento, con parti originali), liberazione, completamento e innovazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                 

 

 

Torna alla lettura

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 4 su Marco Dezzi Bardeschi

 

Classe 1934, ingegnere e architetto italiano, poi teorico del restauro

architettonico, nei primi Anni Sessanta attivo nell'avanguardia

architettonica neobarocca con Paolo Portoghesi, senza punti di vista

preferenziali dell'edificio, deformazione delle pareti, cortine curvilinee di

raccordo esterni-interni, dialogo con il passato, integrazione di tecniche

costruttive povere antiche e moderne.

 

Ordinario di "Restauro dei monumenti" dal 1976, poi docente alla "Scuola

di specializzazione in Restauro dei monumenti", nel 1993 fonda e da

allora dirige la rivista "Ananke": il suo motto "Aggiungere semmai, non

sottrarre risorse al contesto", a favore dell'inserimento dell'architettura

moderna in contesti storici in accesa polemica con Soprintendenze,

e figure mediatiche come Vittorio Sgarbi. opinione pubblica

 

Il suo atteggiamento verso il preesistente è di conservazione totale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                 

 

 

Torna alla lettura

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota 5 su Paolo Marconi

 

Nell'Italia del Secondo Dopoguerra, a seguito delle distruzioni belliche, la

teoria del restauro lascia il filologico-scientifico per evolversi verso il

cosiddetto "restauro critico", una nuova corrente con al suo interno

posizioni anche molto contrapposte.

 

Il progressivo estendersi dei beni da tutelare dalle sole opere d'arte a

oggetti di interesse etno-antropologico e di cultura materiale ne porta a

un maggiore interesse per la conservazione materiale oltre che formale

(ad esempio nuovi metodi per il consolidamento dei materiali lapidei).

 

Negli Anni Settanta poi la cosiddetta "teoria della conservazione", con il

rifiuto di qualsivoglia tipo di integrazione stilistica a favore di una tra

esistente integralmente conservato e aggiunte palesemente moderne, di

cui uno dei massimi esponenti appunto Marco Dezzi Bardeschi.

 

Ma l'inizialmente così dialettico contrasto fra teoria della conservazione e

restauro critico si attenuerà fino a convergere in posizioni critico-

conservative, salvo alcune voci isolate che addirittura proporranno teorie

radicali: ad esempio appunto Paolo Marconi, per cui in architettura non

esiste "autenticità materiale", dato chi concepisce non è chi poi esegue

l'opera, ricongiungendosi così alle ottocentesche teorie del restauro

stilistico e storico, opponendosi a riconoscibilità d'intervento e

semplificazione di integrazione, proponendo addirittura il rifacimento

identico di eventuali parti mancanti ad annullare la dimensione storica del

monumento.

 

                 

 

 

Torna alla lettura

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le mie linee guida

per questo progetto conservativo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“La gloria più grande di un

edificio non risiede nè nelle

pietre nè nell'oro di cui è fatto, la

sua gloria risiede nella sua età.” 

 

John Ruskin

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“L'importante monumento [...] è

tutto racchiuso in una verde

veste d'edera che ne fa

un'insieme di mirabile bellezza

pittoresca; ma questo stato di

cose tende inesorabilmente a

sgretolare ed a rovinare il

monumento perchè [...] l'edera

si abbarbica prepotentemente

sulle pareti e sulle sconnessure.

 

E allora che fare?

 

 

Toglierla e distruggere il bel

quadro?

 

Lasciarla e distruggere l'edificio?

 

Diradarla e potarla togliendola

dai punti in cui produce maggiori

danni?” 

 

 

Gustavo Giovannoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Premessa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I resti del Sistema dell'Acquedotto e degli Opifici storici

di Bracciano costituisce oggi un organismo didelicata

simbiosi tra pietra e vegetazione”, che nel tempo è

andato diversamente articolandosi e, per alcuni aspetti,

addirittura consolidandosi.

 

La fase di conoscenza mi ha consentito di

comprenderne il “senso” attraverso quei molteplici

segni presenti come materia stratificata nel contesto

delle mura di fabbrica.

 

 

Secondo la filosofia conservativa del citato Ruskin

abbiamo visto come ogni traccia del passato, intesa

come risultante dell'opera congiunta di uomo, natura e

tempo, sia da considerarsi “religiosa memoria” di

un'architettura nobilitata dall'opera della natura.

 

Inoltre il “pittoresco” è innegabilmente molto

affascinante per la sua impalpabilità e

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

quando [...] riesce a mantenersi

coerente con i caratteri

intrinsechi dell'architettura, ecco

che la funzione di questa forma

di sublimità esteriore

dell'architettura è senz'altro più

nobile di quella di qualsiasi altro

oggetto [...].

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dunque il pittoresco sublima l'architettura.

 

Questa chiave di lettura suggerisce un modo di

guardare alla superficie lapidea come realtà materiale

storicizzata, struttura complessa dei segni del tempo,

sia come scansione di cicli costruttivi che hanno

caratterizzato la storia degli edifici - segni culturali - sia

come durata che testimonia l'età ed il trascorrere delle

cose - segni naturali.

 

 

Tale condizione propria della superficie, l'essere luogo

cioè dei molteplici segni del tempo, la definisce come

veicolo fondamentale per la conoscenza dell'edificio e

suggerisce un'impostazione del problema del “degrado”

non solo come decadimento materiale in sé, ma anche

come insieme di tracce, segni che, pur nella loro

discontinuità, testimoniano le dinamiche evolutive del

manufatto.

 

Da questo punto di vista, la presenza della vegetazione

va considerata come segno naturale che caratterizza

l'identità del complesso, la sua “aurea”.

 

 

Nel mio progetto, quindi, scelgo di considerare anche

gli aspetti di natura estetica e percettiva e di rimuovere

la vegetazione solo se causi problemi di conservazione

al paramento murario, suggerendo la conservazione

delle essenze erbacee ed un'azione di manutenzione

per quelle essenze arbustive impossibili da rimuovere

in toto o che non presentino particolari problemi di

invasività.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Interventi di “conservazione”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La scelta del metodo di intervento conservativo nasce

ovviamente da un'accurata analisi degli edifici e del tipo

di degrado dei materiali.

 

Consapevole dell'esistenza di infiniti sistemi di

intervento, che l'opera umana rimanga per sua natura

oggetto di inarrestabili processi di deperimento e che

qualsivoglia intervento possa soltanto contenerne e

rallentarne il degrado, ne ho individuati cinque in

distinte fasi:

 

- 1ª fase: diserbo

 

- 2ª fase: rimozione di riprese cementizie, eccessi di

malta, intonaci residui, patina biologica ed

elementi metallici

 

- 3ª fase: pre-consolidamento

 

- 4ª fase: pulitura

 

- 5ª fase: consolidamento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Interventi di riuso”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Propongo di trasformare il “Sito A” - già Seconda

Ferriera Odescalchi, oggi in Via della Ferriera a

Bracciano - in un Museo interattivo delle Arti e dei

Mestieri, rivolto soprattutto ai più piccoli, dove con

supporti multimediali e didattici potrebbero:

 

- capire il funzionamento dei mulini idraulici,

- conoscere la storia del ferro e

- come se ne costruivano utensili artigianalmente.

 

 

Il “Sito B” - già Sesta Ferriera Odescalchi, in Via della

Cisterna - potrebbe invece diventare punto di ristoro,

facilmente e convenientemente utlizzabile anche per

eventi culturali, ad esempio musicali e non solo.

 

Un riuso collettivo questo di cui l'intera Comunità locale

potrebbe godere, contribuendo inoltre all'auspicato

sviluppo turistico qualitativo della zona.

 

 

Naturalmente l'intero percorso a congiungere il “Sito A”

al “Sito B” , in pratica seguendo l'antico tracciato

dell'acquedotto industriale, dovrà essere

conseguentemente riqualificato, consolidando le parti

ancora in vista dell'acquedotto e evidenziandone tutti

gli originali opifici, in modo particolare quelli non più

esistenti o trasformati in abitazioni, con apposite targhe

e cartelli visualmente esplicativi e ricostruttivi, per

raccontare adeguatamente la storia del sistema

protoindustriale dei 7 opifici del Ducato di Bracciano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La struttura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di presentazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del risultato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una prima lettura del materiale può essere fatta

velocemente scorrendo la serie delle “Tavole Base”,

facilitando così anche la mappatura mentale del suo

contesto.

 

Ciascuna area di approfondimento è poi accessibile nei

quattro “Album delle Schede” più un “Album

Fotografico”.

 

 

I menù interattivi danno inoltre la possibilità di tornare

velocemente al contesto ed alternarlo a piacere

/bisogno con gli approfondimenti, in una libera lettura

cosiddetta “ipertestuale”.

 

Leggendo invece il materiale linearmente [cioè nella

data sequenza - NdR] con lo “scroll” orizzontale per

sfogliare la sequenza si va dalla prima all'ultima tavola

passando poi serialmente agli approfondimenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La serie delle “Tavole Base”