Vai al sito Redazione e informazione

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo

del Lavoro e dell'Industria

“La Via delle Acque”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'acquedotto industriale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del Ducato di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Bruno Panunzi e Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La mappa originale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dell'acquedotto del 1727

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le opere realizzate dal Principe Baldassarre Odescalchi

tra il 1709 ed il 1727, a proseguimento, completamento

e ampliamento di quelle iniziate un decennio prima da

suo padre, il Principe Livio, colui che acquista il Ducato

di Bracciano messo all'asta dagli Orsini.

 

 

La mappa in originale delle dimensioni di 960 x 380 mm,

donata da Bruno Panunzi al divenendo Museo del Lavoro

e dell'Industria e già affidata a Luciano Russo, è stata

da questi data in prestito al Museo Civico del Comune di

Bracciano il 30 marzo 2006 in occasione della sua

inaugurazione il seguente 1° aprile e sarà lì esposta fino

alla realizzazione del nuovo museo.

 

Le foto documentali ad alta definizione della mappa

usate in questa pagina sono state eseguite da Luciano

Russo assistito da Bruno Panunzi e la mostrano nel suo

precario stato di conservazione all'atto della donazione

al divenendo Museo del Lavoro e dell'Industria, prima

cioè del malaugurato “restauro” operato su iniziativa

del Museo Civico con dubbi risultati...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le opere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Baldassarre Odescalchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pianta dell'Edificij Eretti

dall'[...] del Sig.[nor] Duca

D.[on] Baldassarre Odescalco nel

Suo Distinto Feudo della Città di

Bracciano dall'anno 1709 su fino

all'anno 1727 - mediante le

nuove accque ritrovate nelle sue

Macchie alla Fiora e

sotterraneamente e su archi in

d[ett]o luogo condottate.”  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Scala di Canne Cento"

La particolare scala della mappa in "canne": la canna "agrimensoria" (per

misurare i terreni) è all'epoca di circa 2 metri in Sicilia, da 2,1 a 2,6 nel

Napoletano, 2,5 a Genova e in Romagna, ma arriva fino a 2,9 metri a

Firenze

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altra peculiarità, il simbolo

"@" adottato per la canna

agrimensoria, identico alla

"chiocciola" dell'indirizzo di

posta elettronica dei nostri

giorni...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del Settecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La piantina schematica del centro di "Bracciano" inizi Settecento (dall'alto

in basso e da sinistra a destra):

- [Strada da Cappuccini à] Bracciano detta Borgo Flavio, oggi Via

Principe di Napoli - Rione Cartiere

- “Monache” , oggi Via XX Settembre, Via Cavour

- “Osteria di Bracc[ian]o, oggi angolo Via Principe di Napoli - Via

Traversini, già Albergo e Ristorante Sabazio, oggi Bar Principe di Napoli

- “Borgo Livio”, oggi Via Agostino Fausti, Via Salvatore Negretti - Rione

Borgo

- “Ponte di Bracc[ian]o, oggi Piazza 1° Maggio, Via Umberto I

- “S.[ant]a M.[ari]a Novella, oggi come già allora

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I tracciati della piantina settecentesca sopra marcati in rosso su una

odierna foto satellitare, asse Via Principe di Napoli dai Cappuccini a Sud-

Est attraverso Piazza 1° Maggio a proseguire verso il Castello e I Monti a

Nord-Ovest con Via Umberto I, Via Agostino Fausti convergente da Sud-

SudOvest su Piazza 1° Maggio, da cui le due trasversali a tagliare Via

Principe di Napoli entrambe verso Nord-Ovest, prima Via Traversini a

proseguire in Via XX Settembre e poi Via Giulio Volpi a proseguire in Via

del Lago

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Particolare del “Cabreo Odescalchi” rappresentante l'intera cittadina

Foto Sandro Carradori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Conosciamo la Bracciano della metà del Settecento

anche attraverso il cosiddetto “Cabreo Odescalchi” di

Palazzo Odescalchi a Roma:

 

- in alto, è riconoscibile il Castello Orsini-Odescalchi, con

a destra la Chiesa di Santo Stefano, e le mura di difesa

 

- più sotto, dalla Chiesa di Santa Maria Novella, con ben

discernibile il ponte di Bracciano di accesso alla parte

fortificata della Città, la strada di Borgo Flavio verso

Cappuccini (oggi Via Principe di Napoli), rettilinea e

perpendicolare verso il basso dell'immagine

 

- nell'angolo inferiore destro l'antica strada di ingresso

a Bracciano, oggi Via Giuseppe Palazzi e, dal Vecchio

Ospedale, Via Cupetta del Mattatoio, che va a

ricongiungersi con la Strada Braccianese-Claudia al

semaforo in Località La Rinascente

 

- dal centro dell'immagine e il Palazzo del Municipio,

verso l'estrema sinistra in alto, la serie di sei ferriere

descritte in questa pagina, le prime quattro delle quali

quasi imperniate ad arco di cerchio con centro nella

Chiesa della Madonna del Riposo, lungo l'odierna Via

del Lago.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Particolare del Cabreo Odescalchi rappresentante l'intera cittadina

Foto Sandro Carradori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ulteriore ingrandimento del “Cabreo Odescalchi” a focalizzare il sistema

industriale del “fornaccio” e delle ferriere di Bracciano:

- 16 "Fornaccio" (odierna Via del Fornaccio)

- 17 Prima Ferriera (Auditorium)

- 18 Seconda Ferriera (Pomponi)

- 19 Terza Ferriera (Cumar)

- 20 Quarta Ferriera (Fanton)

- 21 Quinta Ferriera (Villa già mulino e ruderi conceria poi  saponificio)

- 22 Sesta ed ultima Ferriera (Fedeli)

Eccellente punto di riferimento la Chiesa di Santa Maria del Riposo su Via

del Lago, contrassegnata con il numero "8", attuale sede dell'Associazione

"Forum Clodii"

Foto Germano Lucci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una nota storica sui Cabrei

 

"Cabreo" - dal Latino cabreum o capibrevium o caput breve, letteralmente

"elenco condensato", quindi sommario, lista per sommi capi - indica in

origine la lista dei privilegi della Monarchia nella Castiglia del Medioevo,

redatta nella prima metà del 1300 su iniziativa di Alfonso XI.

 

Più tardi il termine "cabreo" andrà poi ad indicare, in senso più lato,

l'"inventario dei beni" appartenenti a grandi organizzazioni, siano esse

amministrazioni ecclesiastiche di tipo religioso, ordini di cavalieri o

famiglie nobiliari, Comuni.

 

I Cabrei prendono il nome o dal proprietario dei beni (come qui, "Cabreo

Odescalchi") o da quello del luogo dei beni (come il Cabreo "della Pieve" o

"di Làtera" o "della Tuscia").

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il magnifico Cabreo settecentesco della Città

Papale di Viterbo  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I Cabrei sono commissionati:

- sia come atti giuridici pubblici, per definire confini e rapporti con

confinanti, eredi ed istituzioni

- sia come simboli di stato sociale, quindi dipinti sulle pareti o sui soffitti

dei saloni del proprio palazzo (è il caso del nostro Cabreo Odescalchi)

- sia come garanzia contro eventuali dispersioni dei beni o tentativi di

usurpazione di diritti (come gli erbatici, legnatici, fungatici ed usum

aquae in occasione di transazioni o cessioni), cioè dei propri e veri

inventari.

 

La realizzazione di questi documenti viene affidata ad un notaio o

direttamente ad un cosiddetto agrimensore (minimo capomastro, ma il più

delle volte architetto, e, dal 1700, anche  geometra) o regio compassatore,

agrimensore ufficiale nominato dal Re, sulla base di precisi rilevamenti

topografici, riportati in mappa o in legenda, con gli esatti confini e le aree

di ogni proprietà, con antiche unità di misura locali vigenti i quello Stato

(dato che non esiste ancora una standardizzazione).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri esempi di cabrei: dall'alto in basso da

sinistra a destra, il Cabreo del 1774 della

"Commenda della Chiesa di San Pancrazio"

a Genova, quello di "Piana di Settimo" in

Toscana, del 1760, la "Tavola 14 della

Grancia di Laurenzana" del "Cabreo

Inventarium sive Platea Commendae Terrae

Grassani, Anno 1737-38", Taranto (al Sud

il cabreo viene anche chiamato "platea"), il

Cabreo "de’ Beni, con Casa Masserizia ed

Orto" della Tenuta La Tordela, Bergamo, del

1790 o il Cabreo del complesso del "Gran

Priorale del Sovrano Militare Ordine di

Malta" in Venezia del 1766

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I documenti che normalmente lo compongono sono mappe di interi

territori, ma anche particolareggiate di singole particelle, elenchi di beni

mobili ed immobili, diritti e servitù, valutazioni economiche delle proprietà.

 

Il cabreo classico consiste infatti di una parte descrittiva, con ubicazioni,

misurazioni, prezzi, canoni e quant'altro, corredata da allegati, spesso

stupende tavole disegnate e acquerellate, ricche di particolari.

 

Oggi i Cabrei rappresentano di fatto una delle più valide, consistenti ed

omogenee fonti archivistiche a nostra disposizione per poter documentare

l'evoluzione del paesaggio sia urbano che rurale e per lo studio della storia

del territorio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Descrizzione dello stato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 de soprad[et]ti edificij”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“A. Botte dell'Accqua”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“B. Cartiera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“C. Mola à due Macine

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“D. Carbonili

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“E. Canicchio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“F. Camerotti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“G. Spiazzo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“H. Rengrane

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“I. Spiazzo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“L. Distendino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“M. Vasca”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“N. Prima Ferriera”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“O. Chioderia”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“P. Fossetto”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Q. 2.a Ferriera”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“R. 3.a Ferriera”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“S. 4.a Ferriera”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“T. Confine di Sito di d[ett]e

Monache”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“V. Arco soprastrada”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“X. 5.a Ferriera”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Z. Confine di d[ett]o Sito

entrando altro Sito”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Y. Confine del Sito di d[ett]o

Ricciotti”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“&. Sesta Ferriera”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“+. Bottaccio e Torretto di Sesta

Ferriera”  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“A. Botte dell'Accqua”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A. Botte dell'Accqua... su la Strada de

Cappuccini [‘da Cappuccini à Bracciano

detta Borgo Flavio] dove terminano li

condotti sotterranei e superiori fatti dalla

Ch:[iarissima] Me:[emoria] del Sig.[nor]

P[ri]n[ci]p[e] D.[on] Livio e sino alla

L[ette]ra B. sono @ 36 di longhezza,

condotti fabricati in sito che era di

Venanzo di Fran.[ces]co pagato con

ordine al Severini Ministro quietanza in

atti del Praier Cancel[lie]re di

Bracc[ian]o li 17...”