Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lorenzo Paolini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Materiale originale © Lorenzo Paolini e Forum - Magazine di riflessioni,

attualità, società, arte e cultura, da cui l'articolo è qui ripubblicato, uno

dei contributi sui temi Etica e Religione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Paolesimo" e Cristianesimo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Una sostanziale confusione]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non sarebbe ora di tornare all'esempio

e all'insegnamento dell'uomo Gesù e

riconquistare alla vita spirituale

centinaia di milioni di cervelli

affascinati sempre più dalla materialità

piuttosto che dall'etica?

 

 

Gli "incontri online" sono ormai moda diffusa e

risultano essere una delle più redditizie attività per le

web company.

 

Tra le considerazioni che emergono

dall'osservazione dei database nei più popolari siti

di questo tipo, è interessante sottolineare la qualifica

di "Cattolico/Non praticante" che uomini e donne

appongono accanto alla casella "Religione" (... non

che le altre osservazioni relative ai "Cattolici/Non

praticanti" siano meno interessanti, come le più

svariate aspettative in funzione delle fasce d'età,

come il rapporto che la divorziata/separata "over 40"

ha con il potenziale compagno avendo la sua vita di

madre con figli da crescere, come il fatto che mentre

la maggioranza delle divorziate è in cerca del

principe azzurro, sono molti di meno gli uomini di

età analoga che cercano null'altro se non avventure

poco impegnative).

 

 

La risposta ad un incalzare di domande provocatorie

circa la descrizione apposta a fianco della casella

"Re­ligione" fa emergere una sostanziale confusione

che dimostra quanta poca riflessione si faccia nel

mondo della gente comune sull'essenza della

"Cattolicità", quando non del Cristianesimo in

generale.

 

A questa confusione dovremmo aggiungere un

dubbio che ci rode da quando il fenomeno "Codice

da Vinci" è assurto a dimensioni di isteria collettiva.

 

 

Il dubbio che dovrebbe sorgere, data la fiducia che

milioni di lettori occidentali hanno riposto nel mare

di paccottiglia propinatovi, è il seguente:

 

"Se costoro credono a non più del 30% di ciò che vi

è contenuto, allora le Chiese dovrebbero svuotarsi e

la gente dovrebbe cominciarsi a porre delle domande

serie su ciò che ha sempre dato per scontato!"

 

Giacché questo non accade la risposta non può che

essere:

la gente non sa cosa sta credendo.

 

 

In realtà detiene fin dall'infanzia nell'inconscio una

serie di condizionamenti stratificati e non

organizzati, accettati come si è accettata l'esistenza

di Babbo Natale.

 

La differenza è che con il tempo la vita reale svolge il

proprio copione che prevede che il concetto di

"Babbo Natale" percorra la strada di demistificazione

segnata, mentre ciò che attiene alla sfera religiosa

continua ad essere sostenuto come reale.

 

 

La metafisica religiosa, dunque, sembra ormai

essere un pianeta indistinto in cui ciascuno

"inventa" una propria dimensione all'interno della

quale porre il rapporto fra il sé e un oscuro principio

creatore dalle attività indistinte e spesso

contraddittorie.

 

Le perle escono ancor di più quando si provocano le

signore che si definiscono "Cattoliche praticanti" e

che hanno indicato con "mai più" la propria

opinione circa il matrimonio.

 

"… Ma scusa", provoco, "qualora trovassi qui l'uomo

della tua vita, per bene, romantico, affidabile… ti

rendi conto che - se sei Cattolica praticante - ti

sarebbe vietato farci l'amore?

 

E non solo perché non intendi sposarlo, ma

soprattutto perché, alla tua età, credo tu escluda la

finalità procreativa dal rapporto sessuale...".

 

 

E qui partono una serie di risposte contraddittorie,

confuse che sottendono una religione "fai da te" che

nulla ha a che vedere con gli insegnamenti di Santa

Romana Chiesa e col suo Catechismo.

 

Superstizione e formalismo sono dunque gli

elementi che contraddistinguono la media delle

persone "intervistate", le quali appartengono ad una

classe economico-culturale superiore, con un grado

di istruzione che và dalla maturità alla laurea, con un

lavoro di concetto e la capacità di usare un

computer.

 

 

Elementi che sinceramente non ci si aspetterebbe di

trovare in una audience ben diversa dalla massa

cattolica dei secoli passati, volutamente mantenuta

nella paura e nell'ignoranza.

 

Ma la civiltà mediatica, la scuola riformata e la

famiglia assente, malgrado l'innegabile percorso di

crescita compiuto dalle popolazioni del cosiddetto

"primo mondo", sembrano aver prodotto in campo

religioso solo risultati che navigano esclusivamente

nel range delimitato dai due estremi "superstizione -

appartenenza".

 

 

L'approfondimento religioso, dunque, diviene di

fatto impossibile:

la Religione Cattolica [altra confusione, purtroppo

anche da parte dell'Autore: "Religione" è e rimane

soltanto il "Cristianesimo", mentre "Cattoliche" si

autodefiniscono invece alcune "Chiese" cristiane,

quindi non solo quella di Roma, da cui leggi

volentieri "la Religione Cristiana come insegnata

dalla Chiesa Cattolica Romana" - NdR] non è

passibile di "critica" o discussione, o si accetta "a

pappagallo" o si rifiuta totalmente, sia come

religione che come magistero ecclesiastico.

 

Non c'è dubbio che questa discrasia dipenda dalla

divaricazione dei percorsi del Vaticano e della

Società Civile a partire dagli Anni '70.

 

 

E ci si domanda: con i ritmi frenetici con cui si

modifica l'inconscio collettivo grazie al progresso

tecnologico e all'informazione globalizzata, si può

ancora pensare ad una religione immutabile,

sclerotizzata da dogmi e convinzioni estranei al

sentire della gente e costruiti su una società

aristocratico/contadina?

 

L'unico neo del Pontificato di Woityla è stato quello

di non capirlo.

 

 

Questo ha di fatto allontanato i greggi dai pastori,

continuando a tenerli legati in modo tenue solo dalla

tradizione e dalla superstizione.

 

Ma possiamo senz'altro affermare che la pratica

quotidiana dei Cattolici d'oggi è tutt'altro che

conforme a quanto prescriverebbe la Chiesa, e che

- a guardar bene - tutti costoro vivono in costante

situazione di "peccato mortale".

 

 

Tale incapacità di cambiare ha portato un grave

danno al Vaticano, al punto che l'anno passato in

una città come Milano il numero dei matrimoni civili

ha superato quello dei matrimoni religiosi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cambiamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Eppure in venti secoli molti cambiamenti sostanziali

sono stati fatti.

 

 

La mentalità e la strategia della Chiesa, ad esempio,

in tema di dottrina sociale costituisce una mutazione

epocale sulla quale non si riflette mai abbastanza.

 

Da quando nel 1891 Leone XIII, con la "Rerum

novarum", affrontò il tema dei diritti sociali dei

lavoratori, la visione del gregge da parte dei Pastori

è passata dal mero assistenzialismo caritatevole ad

una gestione consapevole di una società complessa

immersa nei propri bisogni esistenziali, sociali e

politici.

 

 

Non così è stato nei riguardi dei due grandi problemi

che hanno accentuato la dicotomia fra Chiesa e

Società Civile:

la morale sessuale e la dignità della donna.

 

Problemi che, insieme a quello del rapporto con la

Scienza in tema di biogenetica, costituiranno la

grande sfida del prossimo Pontificato.

 

Sfida che con l'elezione di Ratzinger potrebbe

continuare a non essere accettata.

 

 

Non v'è dubbio che la politica della Chiesa

proseguirà spedita su temi quali l'Ecumenismo e il

dialogo interconfessionale:

temi di grande attualità e del tutto missione

"pacificatrice" ormai fisiologica nella Dottrina

Cattolica moderna.

 

È meno ovvio pensare che il prossimo Pontefice sia

disposto fare concessioni sulla linea conservatrice

di Papa Woityla e di Ratzinger in tema di morale

sessuale.

 

È meno ovvio augurarsi che finalmente la Chiesa

abbia il coraggio di tornare al vero messaggio di

Cristo, anziché restare ancorata all'interpretazione

data da San Paolo a tale messaggio e da questi

diffusa nell'Occidente Romano.

 

 

Vedo i miei quattro lettori agitarsi sulle sedie.

 

"Dove vuole andare a parare l'autore dell'articolo?"...

 

"Ecco le solite elucubrazioni dei laici, quando

contestano la Fede!".

 

 

Chiedo solo un attimo di attenzione.

 

Talvolta l'analisi storica di un laico, non influenzato

da posizioni dogmatiche e in grado di vedere

storicamente figure altrimenti ammantate di "Verità"

e "Divinità", può essere utile e obiettiva e portare a

conclusioni interessanti e coerenti con quelle di chi

ha Fede, ma nondimeno necessita di soddisfare

anche la logica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vorrei fare una premessa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La conoscenza catechizzata che ci è stata fatta

succhiare col latte materno, ci ha mostrato come

scontati certi percorsi che non lo sono affatto,

facendoci vedere in chiave di mito (o di "pensiero

magico") certi accadimenti che, se esaminati con

metodo storico, assumono significati diversi e molto

più comprensibili.

 

Fornendo, oltretutto, argomenti solidi e logici alla

Fede di molti.

 

 

Non è più questo il tempo in cui a masse ignoranti e

incolte veniva chiesto solo di ripetere a pappagallo

formule incomprensibili e sperare in un futuro

premiante ultraterreno.

 

Se oggi alle genti d'Occidente venissero fornite delle

spiegazioni più convincenti, anche in termini umani,

probabilmente la forbice fra "magia religiosa" e

"pratica cristiana" si inizierebbe a stringere,

soprattutto se consideriamo la pervasività dei

messaggi edonistico-materialisti con cui i media ci

innaffiano.

 

 

Detto ciò, passo a definire la mia tesi.

 

Nel "vero" messaggio di Gesù (e non a caso non ho

usato il termine "messaggio evangelico", più avanti

capirete perché) non esiste traccia di mentalità o

comportamento sessuofobico e/o misogino.

 

 

Tali aspetti sono l'effetto della traslazione nel mondo

romano del messaggio di Gesù, filtrato attraverso la

visione giudaico-orientale di Paolo di Tarso, un

gigante dal punto di vista dell'energia e della

comunicazione, ma un uomo profondamente turbato

emotivamente.

 

Quello che oggi si definirebbe clinicamente un

"isterico", affetto da una personalità fobico-

ossessiva, caratterizzata da una pessima capacità di

gestione della rabbia.

 

 

Un uomo che ha avuto il potere di "vendere" al

mondo romano il suo giudaismo farisaico attraverso

l'innovazione cristiana, pur non avendo mai

conosciuto Gesù.

 

Operazione di marketing straordinariamente efficace,

in quanto innestata su un mercato particolarmente

pronto a recepirla.

 

Operazione che ha influenzato per venti secoli la

storia del mondo e la condizione femminile.

 

 

Non sarebbe ora di tornare all'esempio e

all'insegnamento che si può intravvedere

interpretando le tracce di quello che dovrebbe essere

stato l'insegnamento dell'uomo Gesù e riconquistare

alla vita spirituale centinaia di milioni di cervelli

affascinati sempre più dalla materialità e dal

consumismo piuttosto che dalla spiritualità?

 

 

Il mistero del successo del "Codice da Vinci" non

dovrebbe far riflettere qualcuno in Curia?

 

Come può un libro che presenta la Chiesa e l'Opus

Dei come due gigantesche cosche criminali,

accreditandole di seminare menzogna e addirittura

assassinii, vendere milioni di copie a quelle stesse

persone che hanno assistito, disperate, al calvario di

Papa Wojtyla e hanno istericamente seguito con

atteggiamento da orfani abbandonati l'elezione di

Papa Ratzinger?

 

 

È evidente che il mondo mediatico e globalizzato sta

sviluppando una confusa visione della realtà,

partecipando agli eventi non per la loro sostanza, ma

semplicemente per esserci.

 

Esso beve qualsiasi cosa sia "incartata" in modo

seducente e comunicata attraverso un linguaggio

immaginifico e comprensibile.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come parlare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

a questi "nuovi selvaggi"?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oggi la Chiesa non ha più interessi temporali.

 

Non serve più terrorizzare con le pene dell'inferno le

masse incolte al fine di ottenerne obbedienza supina

per assicurare braccia per la terra e carne da

cannone.

 

Serve invece che genti, alfine maturate, sappiano

riflettere, scegliendo l'essere al posto dell'avere.

 

 

Ma si può ottenere ciò continuando a prescrivere

comportamenti fisiologicamente contrari

all'evoluzione sociale del mondo occidentale?


Come conciliare il consumismo e l'edonismo con

l'intellettualità e la spiritualità?

 

 

Vietando tout court ogni "piacere" e bollando come

"peccatori" la maggior parte delle brave persone che

hanno l'unico torto di vivere la condizione umana?

 

Oppure facendo finta di niente e tollerando di fatto

l'inevitabile promiscuità sessuale della maggior parte

dei "fedeli"?

 

Cioé in pratica quello che accade ora, attraverso

l'abuso della referenza circolare "peccato-

confessione-penitenza-assoluzione-peccato".

 

 

Perché non rivedere piuttosto l'essenza degli

insegnamenti di Gesù, discernendola dalle

stratificazioni giudaiche operate negli anni 40-60 da

Paolo (il cui personale disegno fu in aperto

contrasto con quello di Pietro, Giacomo e Matteo),

da quelle studiate dalla Curia di Costantino dopo il

320 (per fini politici imperiali) e da quelle successive

legate al problema del primato papale della Chiesa di

Roma?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ebraismo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paganesimo e Culti Misterici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel I secolo tra le classi sociali più evolute

dell'Impero, profondamente intrise di ellenismo, si

erano diffusi i culti cosiddetti "misterici", provenienti

dall'Oriente, che davano risposte appaganti al

bisogno emergente di etica, di spiritualità e di

immortalità.

 

La rozza "religio" del Periodo Repubblicano,

sostanzialmente accettata come "patto" con le forze

misteriose che regolavano il mondo, veniva seguita

solo nella forma, ma nuove dottrine si facevano

strada in una società la cui sensibilità si andava

raffinando.

 

 

Le conquiste di Alessandro Magno avevano finito

per mettere a contatto la Civiltà Greca con altre

civiltà, quelle di Egitto, Siria, Frigia, Cappadocia e

Mesopotamia.

 

L'elemento ellenico prevalse nell'attività intellettuale,

(grazie anche a un'organizzazione scolastica che

coinvolgeva gran parte della popolazione in un

sistema educativo efficace e capillare) mentre quello

orientale mostrò maggior forza nella sfera religiosa.

 

 

I culti orientali, nel loro complesso a tendenza

misterica, integrarono i bisogni sia dell'Occidente

latino che dell'Oriente ellenizzato.

 

La penetrazione dei culti orientali a Roma divenne

intensa soprattutto dopo la conquista di vasti

territori da parte di Pompeo e di Marco Antonio.

 

 

Palestina, Egitto, Persia e molti altri territori dell'Asia

Minore furono annessi all'Impero e molti abitanti di

quei paesi giunsero a Roma come schiavi:

tra essi insegnanti, scribi, uomini di legge, filosofi,

astrologi.

 

Un'invasione di dei si riversò sul mondo greco-

romano:

dall'Egitto arrivarono Iside, Osiride e Serapide, dalla

Siria Adone-Tammuz, Atargatis e Baal, dalla Frigia

Cibele, Attis e Asabazios, dall'Iran e dalla

Mesopotamia Mitra e Ishtar.

 

 

Questa proliferazione religiosa era il frutto di alcune

condizioni generali:

debole, in preda al destino, alla sofferenza, alla

morte, l'individuo era considerato incapace di fare

qualcosa per la propria salvezza, che appariva come

una grazia arbitraria che la divinità poteva concedere

agli eletti e rifiutare ai reprobi.

 

L'intercessione e l'assistenza di un essere salvatore

era dunque essenziale.

 

 

Nel mondo pagano astrologia e magia con i loro

strumenti conoscitivi legati a una gnosi ingenua,

avevano conquistato un posto importante nella vita

quotidiana;

la loro popolarità era diffusa, e queste pratiche

finivano per diventare contigue alla religione perché

gli astri erano considerati espressione del divino e i

destini degli uomini collegati intimamente al dramma

cosmico.

 

Quanto alla magia, le sue ricette bizzarre le

permettevano di formulare visioni del mondo

seducenti e la sua capacità di alludere a relazioni

armoniche fra i corpi e la natura dava sfogo

all'animismo e alla voglia di immortalità emergenti.

 

Cominciò ad essere diffusa l'idea che l'anima

dell'uomo, proveniente dagli astri, dopo la morte

sarebbe tornata nel suo ambiente originario.

 

 

Le religioni dei misteri offrirono una risposta

"organizzata" a questa domanda di misticismo:

le loro promesse consolatorie erano gradite a tutti

coloro che si sentivano schiavi del proprio destino e

in quei culti trovavano una strada di salvezza

attraverso la possibilità di assorbire forze e qualità

ultraterrene che li rendevano divinizzati e quindi

capaci di superare ogni avversità.

 

I culti frigi di Attis, quelli egizi di Iside e di Osiride,

quelli siriaci di Adone dettero origine a comunità

riservate solo a chi spontaneamente accettava di

percorrere la strada dell'iniziazione:

non più per razza o nazione né per censo, ma per

libera unione.

 

 

I riti e le dottrine di tali comunità offrono alla

riflessione un argomento sconosciuto ai più:

la maggior parte dei riti e dei dogmi del

Cristianesimo come Paolo decise di "venderlo" nel

mondo romano e romanizzato, altro non sono che

una sintesi delle liturgie misteriche, annegate in un

tessuto dogmatico essenzialmente farisaico.

 

 

In pratica, se vogliamo definire l'operazione in

termini di marketing, partendo da un bene di

innegabile valore intrinseco, venne "confezionato"

un prodotto incartato dall'essenza farisaica del suo

ideatore e venduto attraverso un linguaggio di

comunicazione tarato su ciò che l'audience voleva

sentirsi dire e basato su ciò che potesse

comprendere.

 

Un prodotto ben lontano dal "bene" originario:

il rivoluzionario messaggio dell'amore, della pace e

dell'uguaglianza fra tutti gli uomini per cui quel

Gesù, che Paolo non conobbe mai, fu messo a morte

da Farisei e Romani come perturbatore ed eversore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qualche esempio?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I misteri di Eleusi, che si fondavano sulla morte e

sulla resurrezione di un dio offrivano all'uomo la

speranza che fosse possibile non morire con la

morte del corpo, bensì essere santificato, risorgere e

vivere una vita dopo la morte.

 

Cibi e bevande sacre permettevano ai fedeli di Attis,

Osiride e Adone di partecipare della natura divina di

Dio facendo loro acquisire energie straordinarie.

 

 

Nei riti simbolici gli adepti vivevano l'esperienza

della morte e della rinascita della loro divinità.

 

Bagni di purificazione (nei culti di Mitra e Iside) e

rudimentali riti battesimali nel culto di Cibele e di

Bellona) e l'opportunità di cibarsi delle carni del dio

facevano penetrare nell'iniziato la sua sostanza

salvifica.

 

 

I culti orfici e dionisiaci, si basavano sull'idea di

immortalità e sulla convinzione che l'essere umano

potesse conoscere la vita dell'oltretomba, più felice

di quella sulla terra, proponevano con sfumature

diverse o una vera e propria dottrina della salvezza o

quantomeno il raggiungimento di una immortalità

beata.

 

I misteri orfici si concludevano con esperienze di

estasi mistica con il divino, ottennero vasti consensi

anche perché era gradita l'idea che attraverso una

purifìcazione del corpo fosse possibile arrivare a una

completa unione mistica dell'anima con gli dei.

 

 

Del dio Attis si diceva che poteva essere sacrificato

come offerta di propiziazione per la gente e per i

suoi peccati e che sarebbe risorto per una vita

eterna.

 

Il babilonese Baalbeck Marduk veniva arrestato

e messo a morte come un malfattore mentre un altro

malfattore veniva liberato;

una donna puliva il sangue che scaturiva dal corpo

del dio sconfitto trafitto da un giavellotto.

 

 

La leggenda narra che fosse stato trovato negli

Inferi, dove una dea si prendeva cura di lui.

 

Sarebbe così ritornato a vivere dopo poco tempo,

emergendo dalla montagna in cui era stato nascosto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il culto di Mitra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il culto di Mitra, infine, è quello che ha più

influenzato la Religione Cristiana.
 

 

Sia a Mitra/Dio Sole sia ad un suo profeta,

Zarathustra, sono accreditate nascite il 25

dicembre, molti secoli prima della nascita di Cristo.

 

Mitra è fatto partorire da una vergine, è denominato

"il buon pastore", aveva 12 compagni, effettuava

miracoli, sepolto in una tomba è risorto dopo tre

giorni e la sua resurrezione veniva celebrata ogni

anno.

 

 

Zarathustra, che si ritiene nato nel 714 aC in Persia,

propose una religione universale e monoteista

basata sul "Giusto sentire, giusto parlare, giusto

operare" richiamandosi all'antico culto del Dio Sole

Mitra e facendolo confluire successivamente nel

nuovo Dio Mazda.

 

Al Mitraismo sono accreditati:

 

- i rituali e le credenze della recitazione delle

preghiere  

 

- dell'atto delle mani giunte

 

- la genuflessione

 

- la confessione delle colpe che contemplavano

penitenze (prima corporali, poi sostituite da lavori

socialmente utili)

 

- il segnarsi la fronte con le dita

 

- l'esposizione dell'ostia-disco solare sull'altare

 

- la credenza nei premi e nelle pene nell'aldilà, e nel

giudizio divino

 

- il paradiso (parola che in Persiano ancor oggi vuol

dire "giardino")

 

- l'inferno con fuoco e fiamme (non è eterno e i

"cattivi" verranno restituiti al mondo nel giorno

della resurrezione)

 

- la disposizione dell'altare (il banco di pietra

davanti l'Abside)

 

- la stola

 

- il copricapo dei Vescovi (che si chiama ancora

"mitria")

 

- le vesti

 

- i colori

 

- l'uso dell'incenso

 

- l' aspersorio

 

- e dei lumi accesi davanti all'altare

 

- la stessa architettura delle basiliche, dove si

eseguivano i riti in pompa magna.

 

 

Mitra, soprannominato "Il Salvatore" salì al cielo col

Carro del Sole dopo aver consumato il pasto sacro;

la sua resurrezione avveniva in primavera ed i suoi

sacerdoti così recitavano:

 

"Rallegratevi, iniziati;

il vostro Dio è risorto dalla morte.

 

Le sue pene e sofferenze saranno la vostra

salvezza."

 

 

Tutti i miti ed i culti appena elencati proliferarono

con diversi nomi e con infinite variazioni e furono

popolarissimi:

l'idea che un dio potesse morire e risorgere era

dunque diffusa molto prima della nascita del

Cristianesimo.

 

In questo clima la comparsa di una nuova fede

fondata sull'evento straordinario della resurrezione

di un uomo e ancorata a un'etica forte e a

un'esplicita promessa di salvezza, ma attenta anche

ad assorbire e non distruggere culti e comportamenti

radicati nel tessuto sociale trovava condizioni molto

favorevoli per un'ampia diffusione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paolo di Tarso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ebreo e cittadino romano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I motivi per i quali Paolo [Shaul di Tarso, fariseo filo-

romano e filo-erodiano, chiamato erroneamente

"apostolo", autonominato "missionario", Ebreo di

formazione greco-ellenista e Civis Romanus, il cui

nome viene prima grecizzato in Σαuλος, Saulos, poi

latinizzato in Saulus ed infine italianizzato in Saulo

- NdR] avvertì una necessità compulsiva di

"esportare" una dottrina ebraica e orientale, seppur

profondamente innovata, nel mondo romano (che

aveva un rapporto con la religiosità del tutto proprio

e molto "pratico") sono da ricercarsi nella sua

personalità e nel suo carattere, incredibilmente attivi

e passionali, ma instabili.

 

Tutta la sua biografia e le sue opere sono

disseminate di episodi in cui la sua emotività e la

sua irascibilità gli procurarono non pochi problemi.

 

 

Gli Atti degli Apostoli affermano che "infuriava

contro la Chiesa e entrando nelle case prendeva

uomini e donne e li faceva mettere in prigione" (8,3).

 

Per tutto il periodo del suo "apostolato" manterrà un

suo carattere bellicoso al punto da venire più volte

arrestato, spesso malmenato e scacciato (Antiochia,

Listra, Filippi, Tessalonica...) o semplicemente

deriso (all'Aeropago di Atene).

 

 

Il complicato carattere di questo personaggio ha

dato un "imprinting" decisivo alla trasformazione

della cultura romana (modernista, complessa,

razionale e rispettosa del ruolo femminile) in quel

compendio di mistica orientale di origine desertica

che ha generato le tre grandi religioni monoteistiche.

 

Paolo era nato a Tarso da una agiata famiglia ebrea

che da qualche generazione aveva acquisito

l'enorme privilegio dell'ottenimento della

cittadinanza romana.

 

La differenza di status data da questo privilegio era

enorme e elevava Paolo sui coetanei, dai quali era

separato da una barriera sociale.

 

 

Benché la cittadinanza romana gli conferisse diritti

enormi se paragonati agli altri Ebrei della Provincia

di Siria, i Romani "veri" lo avrebbero sempre

considerato un "parvenu" ebreo e provinciale.

 

Rifiutato per tale diversità sia dagli Ebrei che dai

Romani il ragazzo crebbe con un carattere introverso

che spesso sfociava in passionali impeti di

veemenza.

 

 

Più romano dei Romani, si arruolò in Palestina nelle

forze di polizia ebraica che supportavano gli

occupanti nella repressione della resistenza ebrea e

dei disordini da essa provocati, e si distinse per la

sua spietatezza.

 

Fra coloro che arrestarono il giovane Stefano, lo

accusò davanti al Sinedrio e presenziò alla sua

lapidazione.

 

 

Non c'è dubbio che una personalità così dilaniata da

sensi di colpa e dicotomizzata fra la fedeltà alle sue

origini e quella alla cultura romana che lo

affascinava, soffrisse di violente crisi isteriche.

 

Nessuno qui pretende di prendere alcuna posizione

sulla celebre "conversione" durante il ritorno al

quartier generale della Provincia di Siria, a Damasco,

ma si cerca solo di dare una plausibilità scientifica al

fatto:

la letteratura psicoanalitica è piena di episodi di

psico-somatizzazione isterica che hanno dato luogo

a perdita di coscienza e cecità momentanea.

 

 

Una personalità del genere deve aver inevitabimente

vissuto la nuova fase di presa di coscienza in una

direzione piuttosto esagerata, con una visione di

tipo "mitomane" del suo ruolo e della sua missione.

 

È noto che il gruppo di Pietro e Matteo non vide di

buon occhio questa presunta conversione, della

quale - obiettivamente - era difficile fidarsi, dati i

trascorsi del personaggio.

 

 

Dunque Paolo iniziò la sua opera di pentimento e

riscatto lontano da Gerusalemme, in un ambiente

dove gli Ebrei erano una minoranza diluita fra Greci,

Romani e Orientali.

 

E è naturale che, come cittadino romano di serie B,

tendesse a diffondere le sue idee dove più gli

premeva il consenso, e cioé in quel mondo colto e

raffinato, il greco-romano, al quale tendeva più o

meno inconsciamente.

 

 

A questo punto occorre aprire una parentesi per

sottolineare quanto ciò fosse sconveniente agli

occhi degli Ebrei più ortodossi:

gente che riteneva i non-Ebrei "impuri" e che doveva

assolvere a complicati rituali qualora un "gentile"

fosse entrato in casa, li avesse toccati o avesse

toccato del cibo.

 

La Religione Ebraica da millenni non prevedeva

conversioni, se non in casi eccezionali e

estremamente motivati.

 

Essere fra i "circoncisi" era una questione di nascita

e un privilegio unico.

 

 

Va notato che il gruppo rimasto a Gerusalemme,

fedele agli insegnamenti verbali di Gesù, si

considerava ancora di Religione Ebraica, sia pur di

una "corrente" leggermente riformata dalle variabili

introdotte dal Maestro:

"ama il prossimo tuo come te stesso" e "beati gli

ultimi, perché saranno i primi".

 

Grandissime innovazioni di un tipo che oggi

chiameremmo "progressista, socialista e non

violento", ma sempre profondamente immerse nella

tradizione religiosa ebraica.

 

 

Anche gli Zeloti, che propugnavano la resistenza

armata e che di lì a pochi anni si sarebbero immolati

in un suicidio collettivo a Masada, si consideravano

di Religione Ebraica.

 

Oppure gli Esseni, che predicavano la rinuncia totale

e la vita monastica nel deserto.

 

Tutte visioni esegetiche, ma profondamente

ebraiche!

 

 

Non c'è dunque nessuna meraviglia nel constatare

che tra i Cristiani di Pietro, Giacomo e Matteo e il

gruppo che seguiva Paolo non corse mai buon

sangue e che la decisione di predicare la nuova

dottrina ai non-Ebrei, accettandone la conversione

senza circonciderli venisse avversata, talvolta

addirittura in modo violento.

 

Solo nel 49 dC riunitisi tutti i Cristiani in Concilio  a

Gerusalemme, fu trovato faticosamente un

compromesso:

sarebbe stata sufficiente la fede in Cristo e nella sua

resurrezione a salvare un gentile convertito, e non

sarebbe stata necessaria anche la conversione

all'Ebraismo e la circoncisione.

 

 

Va sottolineato quindi che la matrice orientale,

orientata alla rinuncia e alla mortificazione del corpo,

di cui l'Ebraismo è permeato non sarebbe mai

penetrata nel mondo greco-romano se non ci fosse

stata l'indomabile volontà di Paolo.

 

Questi del resto era troppo ebreo per limitarsi a

proporre al mondo greco-romano le sole innovazioni

apportate all'Ebraismo da Gesù.

 

 

Ecco come la sua concezione semitica del mondo

iniziò a modificare profondamente la concezione

occidentale, più orientata all'edonismo e

all'autoaffermazione, ma non per questo meno

dotata di etica.

 

"Come in tutte le comunità dei fedeli, le donne nelle

assemblee tacciano, perchè non è loro permesso

parlare;

stiano invece sottomesse, come dice anche la Legge.

 

Se vogliono imparare qualche cosa, interroghino a

casa i loro mariti, perchè è sconveniente per una

donna parlare in assemblea"

 

(1 Cor. 14, 34-35 [cioè alla "Prima Lettera ai Corinzi",

capitolo 14, versetti 34-35 - NdR]).

 

 

"La donna impari in silenzio, con tutta

sottomissione.

 

Non concedo a nessuna donna di insegnare, nè di

dettare legge all'uomo;

piuttosto se ne stia in atteggiamento tranquillo.

 

Perchè prima è stato formato Adamo, e poi Eva;

e non fu Adamo ad essere ingannato, ma fu la donna

che, ingannata, si rese colpevole di trasgressione"

 

(1 Tim. 2,12-14 ["Prima Lettera a Timoteo" - NdR]).

 

 

"Del resto le opere della carne sono ben note:

fornicazione, impurità, libertinaggio... orge e cose del

genere"

 

(Gal. 19-21 ["Lettera ai Galati" - NdR]).

 

 

A questo proposito mi piace citare un passo tratto

dai "Sette pilastri della saggezza" di D. H. Lawrence,

più noto come "Lawrence d'Arabia", profondo

conoscitore del mondo arabo.

 

Un libro scritto alla fine della I Guerra Mondiale che

andrebbe riletto oggi con attenzione da tutti coloro

che hanno voglia di capire gli Orientali, l'Islam e le

radici di tutto come descrive la religiosità nata nel

deserto:

 

 

"La concezione semitica del mondo ignorava i mezzi

toni... il loro pensiero non si trovava a proprio agio

che negli estremi...

 

Il loro prodotto maggiore erano le religioni:

da asserzioni, qual'erano, non tesi, avevano bisogno

di profeti che le imponessero.

 

Nati in luoghi intensamente popolati, un impulso

oscuro e appassionato li spingeva presto a vivere nel

deserto, dove trascorrevano in meditazione e in

abbandono fisico un periodo più o meno lungo... non

perché vi trovassero Dio, ma perché probabilmente

in quella solitudine e nelle privazioni udivano più

limpido il verbo che portavano in loro.

 

I fondatori delle tre grandi religioni compirono tutti

questo ciclo e in tutti restava l'idea, onnipresente,

della vanità delle cose del mondo.

 

La loro repulsione profonda per la materia li portava

a predicare la nudità, la rinuncia, la povertà.

 

Nel deserto, inconsciamente, ci si imbatteva in Dio."

 

 

Fu il deserto ad ispirare l'ascetismo, la povertà, la

rinuncia, la vanità delle tentazioni contro i piaceri del

possesso, della lussuria, dei cinque sensi che le

città e la civiltà privilegiavano nella scala dei valori.

 

Furono questi i valori che Paolo volle imporre al

mondo romano e che, nei secoli trovarono facile

presa fra le miriadi di poveri e di schiavi che il

mondo romano fisiologicamente generava.