Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo

del Lavoro e dell'Industria

I luoghi

Così erano 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cartoline del Vocabolario

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano com'era

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Panorama

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anni Cinquanta del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Panorama di una Bracciano come uscita dalla

Seconda Guerra Mondiale, ancora non

totalmente deturpata dall'edilizia selvaggia

iniziata alla fine degli Anni Cinquanta del

secolo scorso, ma comunque già avviata con

il palazzo all'estrema sinistra della cartolina,

località che corrisponde a Via Giuseppe

Palazzi.

 

 

Dietro l'oliveto in primo piano, il grande

complesso dell'Università Agraria dove - fino

all'avvento della ghigliottina, che sarà

posizionata sulla Piazza del Pratoterra -

hanno luogo le esecuzioni capitali per

impiccagione.

 

A seguire verso l'alto, le case medievali e

rinascimentali del Fossaccio e dei Monti

fanno da piedistallo all'imponente mole del

Castello Orsini-Odescalchi e della Chiesa

Collegiata, dedicata a Santo Stefano

Protomartire.

 

 

Completa il paesaggio un lembo del lago,

sormontato dal Monte Rocca Romana con i

suoi 612 metri slm.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Principe di Napoli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Primi Novecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano, “Via dei Cappuccini” - già “Via di

Borgo Flavio” ed oggi “Via Principe di

Napoli” - nei primi anni del XX sec.

 

 

Sulla destra lo storico Albergo, Ristorante e

Caffè “Sabazio”, che fin dal Seicento (allora

sotto il nome di “Osteria di Bracciano”)

rappresenta non solo un degno e

rassicurante rifugio per il viandante che

arriva in paese, ma anche il punto d'incontro

per concludere un affare o per

scambiare quattro chiacchiere con gli amici

dopo il lavoro, nonché la sede per

festeggiare i principali eventi.

 

All'angolo con Via Traversini spicca

l'accattivante insegna di ferro colorato che

raffigura un vispo galletto intento a cantare,

con sotto un rubicondo oste che srotola una

pergamena con l'insegna “Sabazio”.

 

 

A fine Ottocento l'attività è gestita dal Cav.

Giuseppe Savelli, mentre successivamente e

fino alla sua chiusura, negli Anni Sessanta

del secolo scorso, dalla Famiglia Ferranti.

 

Sia l'esterno che soprattutto l'interno

dell'edificio, uno dei più importanti del 1600,

subiscono notevoli cambiamenti.

 

 

Sulla facciata resta immutato il

monumentale ingresso ad arco, ed il lato

loggiato su Via Traversini, mentre il muro

perimetrale di facciata su Via Principe di

Napoli, con le due finestre a grata, risulta

oggi completamente sventrato con due

moderni ingressi squadrati di locali

commerciali (già negozio di calzature, al

momento “Bar del Corso”)...

 

Per non parlare delle non sempre

felicemente riuscite trasformazioni interne,

che, stravolgendo la planimetria

dell'originale piano lasciano (ancora?)

pressoché intatti solo due bellissimi camini

in peperino, monumentali quanto l'ingresso,

e il rialzamento di diversi piani che falsa

completamente le proporzioni del palazzo.

 

Quasi inalterate le facciate degli altri palazzi,

così come lo sfondo fino a “Piazza del Ponte”

(oggi Piazza I Maggio 1945) - “Via Santa

Maria Novella” (oggi Via Umberto I) e Piazza

Giardino (oggi Piazza Mazzini).

 

 

Una piccola curiosità.

 

Il medaglione metallico posto sul palazzetto

all'angolo con Via XX Settembre è la

pubblicità dell'Albergo-Ristorante

concorrente del Sabazio, vale a dire

l'“Albergo della Posta”, la cui originaria

ubicazione si sviluppa - non visibile in questa

cartolina - alle spalle del fotografo, sulla

sinistra, fino all'angolo con Via Ettore Latini,

continuando su questa fino al cortiletto

dell'ex-maniscalco, oggi...

 

Ma questa è tutta un'altra storia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Flavia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Primi Novecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Flavia - ora “Via Agostino Fausti” - ai

primi del Novecento, vista da “Piazza del

Ponte” (poi “Piazza Mariano Catena” ed oggi

“Piazza I maggio 1945”).

 

 

Qui si svolge il mercato di frutta, verdura e

pesce, che successivamente verrà spostato

in Via Ettore Latini e Via S. Francesco

d'Assisi, poi in Via XX Settembre ed infine a

La Praterina, dove ancora si trova con ormai,

in verità, poche bancarelle.

 

 

La grande porta del locale sulla destra è

l'ingresso di un'osteria che diventerà caffè,

gestito, fino alla sua chiusura negli Anni

Settanta del secolo scorso, dalla Famiglia

Tondinelli, mentre nel negozio attiguo - oggi

la Gioielleria Dominici - c'è una Tabaccheria-

Cartoleria.

 

Il primo negozio sulla sinistra di Via Flavia è

la Macelleria F. Sala, chiamata “Beccheria

Romana”, e sulla tenda si possono

intravedere polli o abbacchi esposti in bella

mostra.

 

 

A seguire - e dove si trova ancora oggi -

l'unica Farmacia all'epoca, gestita nella

seconda metà dell'Ottocento dal Dr. Marzio

Casetti e, ai primi del Novecento, dal Dr.

Anatolio Tracchia.

 

Oltre ad occuparsi della preparazione e

vendita di medicinali, il farmacista aveva

anche il compito di riferire ai due medici del

paese - ad inizio secolo i Dottori Federico

Federici e Giuseppe Palazzi - delle visite a

domicilio che i concittadini richiedono suo

tramite.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Principe di Napoli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Primissimi Novecento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bracciano agli inizi del secolo scorso con “Via

dei Cappuccini” - oggi Via Principe di Napoli

- e parte di Piazza Dante.

 

 

Il muro in primo piano sulla sinistra delimita

una vasta superficie di proprietà del Principe

Odescalchi, chiamata “Imposto”, dove arriva

e viene ammassato il legname tagliato nei

molti boschi limitrofi di proprietà, per essere

poi inoltrato a destinazione tramite la

adiacente ferrovia.

 

Detta area di stoccaggio è compresa

inizialmente fra le attuali Via Principe di

Napoli, Via Ettore Latini, Via San Francesco

d'Assisi, Viale Odescalchi.

 

 

Il palazzo sulla sinistra - originariamente

“Albergo della Posta”, immutato ai giorni

nostri seppure ristrutturato - viene

chiamato dalla popolazione dell'epoca “Le

case nove”, mentre la prima tenda parasole

di fronte, sulla destra, è quella del primo

negozio di ferramenta della “Ditta G.

Bresciani” di Giuseppe Bresciani, gestito

dalla moglie, Camilla Ercoli (oggi “Vicolo dei

Colonna”).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via Flavia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Beccheria Romana”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Macelleria F. Sala

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anni Dieci - Venti del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Macelleria Sala, giàdetta “Beccheria

Romana” all'inizio dell'allora Via Flavia, ora

Via Agostino Fausti.

 

 

Il termine “beccheria”, tuttora in uso nel

Meridione d'Italia, ma non più nella nostra

zona, è un francesismo che deriva da

boquerie, che significa appunto “macelleria”.

 

Un'altra storica beccheria del paese era

quella di Giovanni Tarquini, di fronte alla

Chiesa di Santa Maria Novella, rimasta

aperta fino agli Anni Settanta del secolo

scorso, gestita dalla Signora Liliana Tarquini.

 

 

Per quanto riguarda la databilità

dell'immagine, quella paglietta in testa

all'uomo che posa elegante all'ingresso del

negozio, ci fa pensare che siamo tra gli Anni

Dieci e Venti del Novecento.

 

In questi anni infatti, la “maggiostrina” - il

famoso “cappello di paglia di Firenze”, anche

così chiamato perché indossato da maggio

fino al periodo della vendemmia - è un

accessorio molto in voga nella moda

maschile estiva.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Panorama del lago

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anni Quaranta del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Panorama del lago dalla strada Settevene-

Palo in direzione Trevignano Romano.

 

La doppia curva ad “S” della Via del Lago è

quella ancora esistente, appena passata la

Chiesa della Madonna del Riposo verso il

lago, sotto a destra l'edificio costruito su una

delle ferriere (oggi sede dello Studio del

Dott. Fanton).

 

 

Di fronte, nell'ansa della seconda curva, un

terreno triangolare perfettamente coltivato

dove oggi regna l'incuria, e, sempre

proseguendo verso il lago, a sinistra, il

mulino Ramella come davvero era, all'angolo

con Via Ponte Vecchio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Mercato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

in Piazza del Ponte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anni [?] del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Piazza del Ponte”, oggi Piazza Primo

Maggio, il mercatino delle verdure e degli

ortaggi con le tipiche ceste ed i banchetti,

nello stesso luogo fino al Secondo

Dopoguerra prima di essere trasferito a

tratto basso di Via S. Francesco d'Assisi, tra

Via Ettore Latini e Via XX Settembre.

 

In alto a sinistra, verso il Castello, l'ingresso

di Santa Maria Novella, mentre in alto a

destra nell'immagine le insegne originali dei

tabacchi e de “er Forno de Lisa la Fornara”,

questa ancora oggi esistente e

perfettamente preservata: il forno verrà

gestito dalla Famiglia Coccioni fino agli Anni

Settanta del secolo scorso.
 

 

Bracciano aveva molti forni, tra cui il più

antico quello dell'Arcipretura ai Monti, nel

tratto superiore di Via di Piazza Padella,

verso Via del Moretto, poi passato alla

Famiglia Canini, dove Clara, figlia de “la

Moretta”, cuoce ancora oggi la sua porchetta

braccianese.

 

 

Altri forni storici di Bracciano erano quelli

della Famiglia Pauselli, panettieri da

generazioni, cui apparteneva anche il più

noto, “'r Forno de Biacio”:

 

- “'r Forno de Ggino, patre de Biacio”, in Via

del Pratoterra, in funzione fino alla fine

degli Anni Sessanta - inizi Anni Settanta,

oggi chiuso (attualmente di proprietà di

Ivano Michelangeli, detto “'r Picchio”)

 

- “'r Forno de Biacio, fijo de Ggino”, in Via

Girolamo Tamburri (scendendo gli scaloni,

il primo locale a destra, sotto la Chiesa

della Misericordia), in funzione fino alla

fine degli Anni Settanta, dove molte

famiglie braccianesi puntualmente anno

dopo anno andavano a cuocere le pizze di

Pasqua, purtroppo distrutto in pochissimi

anni, se non addirittura mesi, per adibire il

locale a ristorantino

 

- “'r Forno de Argentina, moije de Ggino e

matre de Biacio”, in Via Fioravanti, in

funzione fino a metà Anni Sessanta, il

quale potrebbe ancora esistere in quella

che si presenta esterioremente come una

cantina (la proprietà potrebbe essere

dell'Arcipretura, che lo ha affittato).

 

 

Ulteriori forni della Bracciano di una volta:
 

- “'r Forno de Fortini” poi “de Antonelli, in

Via Principe di Napoli, all'altezza della

Caserma Cosenz, distrutto negli Anni 

Ottanta per problemi ambientali e per

creare un locale abbastanza grande da

poter affittare

 

- “'r Forno de Rosina” Piccioni, in Via

Gabriele D'Annunzio

 

- “'r Vapoforno de Sodano”, anche

Pasticceria, in Via Principe di Napoli, anche

questo distrutto a fine Anni Ottanta - primi

Anni Novanta, nel locale a fine Ottocento

adibito a fabbrica di ghiaccio, poi già nel

Primo Dopoguerra sede iniziale del negozio

di Ferramenta della “Ditta G. Bresciani -

Bracciano”, oggi negozio di abbigliamento

“Vicolo dei Colonna”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Panorama

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anni Dieci del secolo scorso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una antica foto ritoccata a lapis del Centro di

Bracciano, con evidente l'asse di Via Principe

di Napoli, da Piazza Primo Maggio a Santa

Lucia degli Agricoltori.

 

Da notare l'idilliaco isolamento del boschetto

di Santa Lucia ed il passaggio a livello della

nuova ferrovia Roma-Capranica-Viterbo,

approvata con Regio Decreto nel 1889 ed

inaugurata nel 1894.

 

 

In alto dell'immagine, a sinistra di Via

Principe di Napoli, il grande triangolo della

Caserma Cosenz con di fronte l'antica

Cartiera, mentre in basso l'altro

caratteristico triangolo delle Carceri con agli

angoli le torrette di guardia ed all'interno il

cortile.

 

A sinistra della caserma “Villa Rosi” e a

destra l'antica Cartiera al limite del Paese,

mentre sopra le Carceri spicca il palazzo

oggi di Fedeli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via del Lago

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

con Castello Odescalchi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

già degli Orsini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anni Quaranta del Novecento