Vai al sito Redazione e informazione

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo

del Lavoro e dell'Industria

“L'Industria”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Ars Volandi Mira Est”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Rossi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pioniere, aviatore,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

eroe, imprenditore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pioniere del volo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nasce a Carpaneto Piacentino, Piacenza, il 15 maggio

1881 da Giuseppe e Angelica Guardiani, la cui famiglia

borghese lo fa crescere in un agiato anonimato.

 

Atletico e sportivo è attivo ginnasta, pratica

sollevamento pesi e lotta e si dedica con successo al

ciclismo: durante la gara ciclistica Piacenza-Ponte Taro

e ritorno del 1904 diventa famoso per aver bruciato i

cento chilometri del tracciato in sole tre ore, una vera

impresa se si tiene conto delle stato delle strade e della

tecnologia delle biciclette di allora.

 

 

L'interesse per tutti i nuovi mezzi meccanici, la voglia

di uccidere la noia della provincia e le possibilità

economiche della famiglia, lo attirano da subito verso le

spericolatezze delle prime automobili e poi dei primi

mezzi volanti fino ad appassionarlo, entusiasmato

anche dalle prodezze dei fratelli Wright, di Farman e

Bleriot.

 

Una serie di coincidenze porta rapidamente il giovane

“Pipòn” - come lo chiamano in paese - a diventare

pioniere dell'aviazione, uno dei primi Italiani a staccarsi

dal suolo con un fragile aereo di legno e tela e primo

pilota piacentino: amico dell'asso motociclistico ed

automobilistico Umberto Cagno, quando questi passa

all'aviazione lo segue prima a Torino e poi a Pordenone.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un giovanissimo Marcel Hanriot insieme al padre Réné a bordo del proprio

aereo nel 1911: Marcel ottiene il suo brevetto internazionale di pilota

numero 95 nel 1910, a soli 16 anni (!), diventando così il più giovane

aviatore d'Europa - "the Boy Aviator".

 

Padre e figlio saranno fonte di ispirazione e sprono per Giuseppe Rossi, il

quale lo stesso anno precede comunque Marcel con il proprio brevetto

addirittura numero 27, un solo anno dopo quello del padre Réné,

costruttore di "bolidi" prima marini e poi aerei.

 

Giuseppe Rossi, dopo aver testato un biplano, sceglierà molto presto

proprio il primo monoplano Hanriot in legno e tiranti di acciao del 1909

(molto simile a quel "Bleriot XI" con cui Louis Blériot proprio lo stesso

anno attraversa per primo La Manical con un mezzo aereo più pesante

dell'aria) per i suoi primi voli, competizioni e successi.

 

(Dall'album privato del Comandante Giuseppe Rossi, per gentile

concessione della Famiglia Rossi-Pizzorni, attraverso Luis M. Pizzorni, suo

nipote)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Viene seriamente iniziato all'ars volandi nella Scuola di

Volo di Pordenone da due istruttori di eccezione come il

francese Chevret e lo stesso Cagno: nel 1910 si brevetta

pilota d'aereo nei cieli friulani con la “Tessera di Pilota”

italiana numero 27 rilasciata dalla Federazione

Aeronautica Internazionale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un giovane Giuseppe Rossi a bordo del suo

primissimo biplano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le brughiere fra Lonate e Castano Primo, al confine tra

le Province di Varese e Milano, già  per tutto l'800 e i

primi del '900 aree di esercitazione militari prima degli

Austriaci e poi degli Italiani, divengono nel primo

decennio del XX secolo una delle culle dell'Aviazione in

Italia.

 

Tra il 1909 ed il 1912 sorgono qui i primi campi

d'aviazione civile con scuole di pilotaggio ed officine, su

iniziativa di alcuni pionieri del volo.

 

 

A Vizzola Ticino Gherardo Baragiola, Luigi Gex ed Ettore

Introini, a Cascina Costa Rinaldo Togni, Giglio Gigli e

Giuseppe Rossi.

 

A Cascina Malpensa invece già dall'aprile 1910 l'Ing.

Gianni Caproni con il fratello Federico ed pochi operai

danno vita ad una delle prime ditte aeronautiche in

Italia, la “Caproni”: il primo apparecchio è un biplano, il

Caproni Ca. 1, che si alza in volo a fine maggio 1910

(alla fine del 1911, quando il campo d'aviazione di

Cascina Malpensa tornerà ad usi militari, la Caproni si

trasferirà a Vizzola Ticino).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non senza rischi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Manifestazione Aviatoria di Piacenza del 1911 - Giuseppe Rossi a bordo

del suo aereo si prepara al decollo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In occasione delle solenni celebrazioni del

Cinquantesimo dell'Unità d'Italia del 1911, a Piacenza si

organizza una grande Manifestazione Aviatoria di tre

giornate il 25, 26 e 27 marzo, cui grazie alle insistenze

di Giuseppe Rossi, aderisce anche Umberto Cagno.

 

Le cose vengono fatte in grande: quattromila lire di

compenso ai due piloti, viaggio e permanenza gratuiti,

indennità di trasporto e custodia degli aeroplani e si

stampano in gran numero cartoline-ricordo dell'evento.

 

 

La stampa locale crea un clima di orgogliosa curiosità

intorno alla figura del “compaesano Giuseppe Rossi”

attirando pubblico dall'intera provincia, tanto che in

città vengono istituite speciali corse tramviarie a tariffe

ridotte.

 

Così quel sabato 25 marzo la Piazza del Castello è

gremita di folla, gli occhi magnetizzati sui due

“Farman”, farfalloni di tela, legno, fili e tubi montati su

quattro ruote da bicicletta...: ma il tempo è impietoso e

minaccia la manifestazione, solo Cagno approfitta di

una schiarita per alzarsi in un breve volo e atterra fuori

le mura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Manifestazione Aviatoria di Piacenza del 1911 - Giuseppe Rossi a bordo

del suo aereo in volo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il pomeriggio di domenica 26 marzo le condizioni non

sono migliorate e tira forte vento.

 

Cagno decolla per primo ma si limita ad un frettoloso

volteggio sul campo, poi è la volta di Rossi che spinge

testardamente il motore al massimo, raggiunge una

cinquantina di metri di altezza ma finisce col perdere il

controllo dell'aereo, va ad con l'estremità dell'ala contro

un tetto e precipita fragorosamente al suolo.

 

 

Lo estraggono dai rottami miracolosamente indenne ad

eccezione di un piede ferito e di lì a poco il Sindaco di

Carpaneto gli consegnerà una medaglia d'oro - un eroe!

 

Il maltempo fa spostare il rimanente programma all'1 e

2 aprile e già in quell'occasione Rossi rivola e questa

volta bravamente e a lungo tra il generale entusiasmo.

 

 

Il successo ottenuto porterà a far ripetere la

manifestazione aerea di Piacenza anche a Ferragosto

1912.

 

Piloti questa volta Giuseppe Rossi e Romolo Manissero,

che l'anno precedente è salito a 3.000 metri “sfiorando

il primato del mondo”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto ricordo della Manifestazione Aviatoria di Piacenza del 1911 - Da

sinistra il Sindaco di Carpaneto, Conte Riccardo Scotti, che consegnerà a

Rossi una medaglia d'oro a nome di tutti i Carpanetesi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Durante la due giorni Rossi si esibisce ripetutamente

su Piacenza ed il 15 agosto vola fino a Carpaneto per

salutare dall'alto la mamma, fatto emotivamente

enfatizzato da un cronista dell'epoca così:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il viaggio a Carpaneto riusciva

felicemente, roteava più volte

sopra il centro abitato e tutti gli

abitanti, appena avvistatolo, si

riversarono sulle piazze e nelle

vie, acclamando il concittadino

aviatore.

 

Rossi compiva diversi giri sopra

il paese abbassandosi fino a

cento metri.

 

 

Mentre stava passando sopra la

casa abitata dalla sua famiglia,

egli veniva scorto e riconosciuto

da una sorella che, richiamata

dalle grida della folla, era

accorsa alla finestra.

 

La signorina, allora, gridava alla

madre intenta a preparare il

pranzo: ‘Mamma, mamma, corri,

arriva Peppino’.

 

 

La signora si precipitò alla

finestra, mentre sulla strada

passava un'automobile puntò lo

sguardo su quella, cercando il

figlio Peppino che, invece,

dall'alto mandava saluti e baci

con la mano.

 

A tal sorpresa la signora, che

vedeva per la prima volta il figlio

volare, venne colta da un

tremito, che si tramutò in una

crisi di pianto a dirotto.

 

 

Rossi s'innalzava ancora a 500

metri, scomparendo verso

Piacenza, dove scendeva con un

applaudito volo librato.”  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Rossi orgoglioso sul suo Hanriot

 

(Dall'album privato del Comandante Giuseppe Rossi, per gentile

concessione della Famiglia Rossi-Pizzorni, attraverso Luis M. Pizzorni, suo

nipote)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Rossi posa vincitore con il suo aereo dopo il Grand Raid Militare

Torino-Milano e ritorno del 1913

 

(Dall'album privato del Comandante Giuseppe Rossi, per gentile

concessione della Famiglia Rossi-Pizzorni, attraverso Luis M. Pizzorni, suo

nipote)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pilota militare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Rossi trentunenne in divisa a Tobruk, Libia, in

una classica foto ricordo di ateljé, il 5 novembre 1912

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Volontario in Libia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell'autunno del 1911 Giuseppe Rossi si arruola come

volontario nella Guerra Italo-Turca e viene destinato

alla Compagnia Aerea del Tenente Capuzzo sul fronte

libico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Rossi alla guida di un Asteria No. 3, biplano di tipo "pusher" -

primo aereo usato in guerra durante la Campagna Italiana a Bengasi

nell'ottobre 1911.

 

Progettato dall'Ingegner Francesco Darbesio, Fabbrica Italiana Aeroplani

Ing. Darbesio e C. Torino, e costruito dalla Societá Aeronautica Asteria di

Torino, sia in versione monoplano che biplano: del peso di ben mezza

tonnellata, lungo dai 6 metri e mezzo ai 7 metri e mezzo e fino ai 13 metri

e mezzo di apertura alare, propulso da un Renault Gnome 70 da 50 cavalli.

 

(Dall'album privato del Comandante Giuseppe Rossi, per gentile

concessione della Famiglia Rossi-Pizzorni, attraverso Luis M. Pizzorni, suo

nipote)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Rossi, pilota, che davanti con la destra impugna sicuro la cloche

dando con la sinistra uno spavaldo segnale di pronto al decollo e, dietro,

di lui il Capitano Mantù, con il compito di "bombardiere", che orgoglioso

saluta militarmente prima della partenza per una ricognizione aerea

nell'area di Tobruk il 31 gennaio 1912.

 

Semplicemente appese sul petto del Capitano le famose due bombe

"ballerine", poi sganciate sul nemico, mentre sotto, tra il pilota Rossi e il

Capitano, è ben visibile il "lanciabombe", un modesto tubo di metallo

assicurato verticalmente da cui vedere l'obiettivo da colpire ed in cui, al

momento opportuno, lasciar cadere le granate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da pilota militare porta effettua le prime missioni

belliche di volo notturno e ricognizione sul territorio

nemico, azioni pionieristiche che gli valgono una

Medaglia d'Argento al Valor Militare con la motivazione:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pilotando l'aeroplano sugli

accampamenti nemici, continuò,

malgrado il fuoco, il suo viaggio,

dando modo al suo capitano di

effettuare il lancio di una

granata che produsse lo

scompiglio nel campo nemico.

 

Tobruk, 31 gennaio 1912

 

 

Bollettino Ufficiale, 5 aprile 1913

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Rossi a Tobruk il 5 novembre 1912, appena

trentunenne: l'aereo è il medesimo della foto precedente,

ma senza il Capitano Mantù

 

(Dall'album privato del Comandante Giuseppe Rossi,

per gentile concessione della Famiglia Rossi-Pizzorni,

attraverso Luis M. Pizzorni, suo nipote)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sempre a Tobruk Giuseppe Rossi porta a termine i primi

esperimenti aerei di telegrafo senza fili, comunicando a

terra dal suo Farman nientemeno che con lo stesso

Guglielmo Marconi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"A Guglielmo Marconi e G. Rossi Pioniere"

è dedicata la medaglia coniata in occasione

del 50º Anniversario della Fondazione

dell'Aeronautica Militare Italiana a

commemorazione dei primi "Esperimenti di

radio ricetrasmissione terra-aria condotti

da G. Marconi" in collaborazione con

Giuseppe Rossi in "Cirenaica" nel "1912"

- di fatto l'inizio dell'utilizzo della radio di

bordo su mezzi aereomobili

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I primati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e la Grande Guerra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel 1914 Giuseppe Rossi stabilisce il Primato Italiano di

durata con passeggero in carlinga con un volo per 2 ore

e 48 minuti e batte poi il Primato Italiano di volo su

circuito chiuso con 3 ore e 48 minuti.

 

Durante la Prima Guerra Mondiale, dal 1915 al 1918,

comanda la Scuola di Idroaviazione di Taranto: nel 1916

affonda con il suo idrovolante un sottomarino tedesco

guadagnando la seconda Medaglia d'Argento al Valor

Militare nonchè gli elogi personali del Duca degli

Abruzzi, all'epoca Comandante della Piazzaforte di

Taranto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Rossi, al centro, fotografato con il suo meccanico e secondo

pilota davanti ad un idrovolante della flottiglia in dotazione alla Scuola di

Idroaviazione di Taranto nel 1915

 

(Dall'album privato del Comandante Giuseppe Rossi, per gentile

concessione della Famiglia Rossi-Pizzorni, attraverso Luis M. Pizzorni, suo

nipote)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Partecipa attivamente a numerose azioni belliche, come

il bombardamento di Parenzo, in Croato Poreč, sulla

costa occidentale della Penisola d'Istria, sempre su

idrovolante e in questa occasione insieme ad Arturo

Ciano, poi Ammiraglio di Divisione della Riserva Navale

ed imprenditore, zio di Galeazzo.

 

Come istruttore di volo Rossi ha tra i suoi allievi il futuro

trasvolatore atlantico Francesco De Pinedo e tra i

passeggeri del suo idrovolante personaggi illustri quali

il Principe Ajmone di Savoia, futuro Duca d'Aosta,

cui fa sorvolare la flotta ormeggiata nella rada di Bari e

da cui riceve in segno di apprezzamento una spilla con

brillanti sormontata dalle Insegne Sabaude.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'idrovolante

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“aereo del futuro”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche dopo la fine della guerra Giuseppe Rossi continua

a dedicare il proprio impegno professionale

all'evoluzione ed al perfezionamento degli idrovolanti.

 

 

Nel 1921 è pronto a presentare ufficialmente un

quadrimotore di dimensioni gigantesche, allora il più

grande idrovolante del mondo: con apertura alare di

ben 31 metri raggiunge i 19 metri di lunghezza, è

dotato di quattro motori ed il suo peso a vuoto è di 6

tonnellate (!), capace di decollavare in 500-700 metri,

raggiungere una velocità di 200 chilometri orari ed

ammarare in appena 200 metri.

 

Rossi testa con gran successo il velivolo, con a bordo

dieci persone e quintali di merci, volando da Ostia ad

Anzio alla velocità media di 179 chilometri all'ora.

 

 

Gigi Bastogi, inviato de “L'Idea Nazionale” e uno dei

passeggeri durante il volo inaugurale, ne scrive:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“L'apparecchio è dovuto a

Giuseppe Rossi, uno dei nostri

prìncipi dell'aria.

 

Fatto nella mattinata un volo di

prova di 40 minuti girando fra

Castel Porziano e Fregene, il

prudente purché abilissimo

Giuseppe Rossi giudicò di potersi

allontanare dalla base e fu deciso

di arrivare ad Anzio per la

rinfrescata.

 

 

Sull'apparecchio ancora nudo

come un atleta, c'erano già 700

chilogrammi di zavorra e 400 fra

benzina, olio e acqua.

 

Imbarcati i dieci passeggeri, il

grosso scafo lascia le acque del

Tevere alle ore 16.30, vira sopra

il faro, prende quota all'urlo dei

quattro motori, alle 16.33 sfilano

velocemente Ostia, il regale

broccato della pineta di Castel

Porziano, Pratica di mare e

siamo al traverso di Nettuno alle

16.55.

 

 

La velocità media effettiva è

stata dunque di circa 179

chilometri all'ora coi motori a

poco più di mezza potenza,

poiché il Rossi vuole arrivare

solo per gradi ad esigere dal

bestione volante tutto lo sforzo.

 

La navigazione come la felicità

non ha storia.

 

 

Unico episodio saliente: Rossi a

due riprese alza le mani e le

espone con eleganza per

parecchi minuti al bagno d'aria.

 

Ciò significa che per parecchi

minuti il velivolo procede

affidato soltanto alle sue

meravigliose doti di equilibrio e

di stabilità ed ogni minuto sono

2.140 metri percorsi.

 

 

L'apparecchio fu deposto

delicatamente dal tatto quasi

intuitivo di Rossi nel porticciolo

di Anejo, come se pesasse sette

etti e non sette tonnellate.

 

Successo pazzesco, tutta la

popolazione balneare accorre sui

moli, nelle barche, a nuoto, per

vedere il più potente e il più

importante idrovolante del

mondo.

 

 

Uno strumento formidabile per la

nostra espansione aerea, non è

facile averne uno uguale, ma è

impossibile averne uno migliore,

almeno oggi.

 

Sarebbe peccato se anche

questo, come tanti altri ci si

arrugginisse fra le mani per

mancanza di fede.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Cantiere Aeronautico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Giuseppe Rossi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si trasferisce a Bracciano, dove sulle sponde del lago,

nella zona “Sposetta” poco lontano dall'Idroscalo di

Vigna di Valle, apre una grande officina in un nuovo

hangar di 2.200 mq coperti su un'area totale di 7.200

mq, adibita sia alla costruzione che alla revisione di

idrovolanti, lavorando con aerei di tutti i tipi ed avendo

come committenti sia l'Aeronautica Militare che quella

Civile.

 

Alla sua innata passione per il volo unisce un'alta

serietà professionale che lo porta