Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo

del Lavoro e dell'Industria

I dialetti

Così parlavamo 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una introduzione a

“'R Dizzionario Braccianese Onlaine

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La nostra lingua

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

è il dialetto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La comunicazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

interpersonale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La comunicazione interpersonale si basa su una

relazione di vicendevole influenza che avviene

attraverso tre “linguaggi”:

 

- quello verbale, attraverso l'uso delle parole
 

- quello non-verbale, cioè senza l'uso di parole, quanto

piuttosto mimica facciale, sguardi, gesti e postura
 

- quello para-verbale, attraverso la modulazione della

voce nella scansione dei suoni, il loro tono, volume  e

ritmo, nelle lunghezza e nella frequenza delle pause di

silenzio, nell'emettere altri suoni che le parole, come

schiarirsi la gola e tossire, ovvero attraverso attività

del tutto estranee alla comunicazione stessa, vale a

dire scarabocchiare o giocherellare con un oggetto,

guardare da un'altra parte o nel vuoto.

 

 

In effetti in qualsiasi comunicazione interpersonale il

vero significato delle parole dette viene confermato,

negato o modificato dalla coerenza o meno del

linguaggio non-verbale che le accompagna, nonché dalla

presenza o meno di attività paraverbali.

 

Chi riceve un messaggio ne decide la qualità

sintonizzandosi su tutte e tre le lunghezze d'onda,

chiedendosi innanzitutto dell'interlocutore “cosa voglia

veramente dire” e “in che stato d'animo si trovi”, per

poi con queste chiavi d'interpretazione passare a

decifrare le parole, non tanto fermandosi al loro

significato “letterale”, quanto andandone a identificare

i significati “nascosti”.

 

 

A loro volta però le parole, per essere almeno

“intellegibili ”e quindi “decriptabili”, devono far parte di

una “lingua”, un sistema di comunicazione codificato

attraverso un vocabolario (la raccolta delle parole di

una lingua o di un dialetto), un sistema fonematico (le

regole di pronuncia di questi vocaboli in “fonemi”), una

grammatica (le norme della lingua o del dialetto nel loro

sistema fonematico, morfologico e sintattico, come

riflesso nelle singole espressioni), una sintassi (la

connessione di parole per formare il contesto della

frase) ed una gamma di stili, (particolari modi di

esprimersi adeguati, consoni e costanti alla materia

trattata, al pensiero da esprimere, al contesto sociale

privato, letterario o di lavoro, attraverso precise scelte

lessicali, grammaticali e sintattiche nell'articolare il

periodo), tutto questo in modo da poter acquisire la

migliore nozione teorica e l'esperienza pragmatica della

lingua o del dialetto, insieme ad una ricchezza e

precisione di espressione come pure una sensibilità di

interpretazione.

 

La versione scritta della lingua deve inoltre basarsi un

sistema di “segni” comune.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lingua e linguistica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La “lingua” è un innato potenziale degli umani (e non

solo) di creare “linguaggi” e la “linguistica” la disciplina

che ne studia le regole e l'uso.

 

 

Al mondo gli umani parlano oggi quasi 7.000 lingue

diverse, tra cui le più diffuse, nell'ordine, il Cinese

Mandarino, l'Inglese, l'Hindi/Urdu, lo Spagnolo, il Russo,

l'Arabo, il Bengali, il Portoghese, l'Indonesiano ed il

Giapponese, mentre l'Italiano è solo al al 20º posto con

circa 70 milioni di locutori.

 

Ciascuna lingua ha poi una sua evoluzione storica nella

propria area geografica e contesto sociale, o perché è la

lingua storico-naturale del luogo, o perché vi è stata

esportata ed imposta.

 

 

Come già accennato, gli umani non sono unici nell'uso di

segnali convenzionali, ma mentre fra gli altri animali

avviene un mero scambio di informazioni, la

comunicazione umana può raggiungere forme di

“pensiero verbale”, dimostrandosi quindi strumento

molto più potente e raffinato di rappresentazione

simbolica, il quale da la capacità di trasmettere

“concetti” e di organizzatore logicamente sia esperienza

che pensiero.

 

In questo modo diviene non solo “strumento di

comunicazione”, ma essenziale parte integrante

dell'“espressione culturale” di quanti la parlano, del

loro modo cioè di vedere sé stessi come esseri viventi e

pensanti anche e soprattutto in relazione al proprio

contesto, sia naturale che sociale.

 

 

Infine, la “linguistica” come scienza nasce solo molto

recentemente, a inizi Novecento, con la prima

fondamentale definizione distintiva di “significante” e

“significato”, vale a dire:

 

- la produzione verbale di segni o suoni a richiamare il

significato correlato ad un concetto, oggetto,

fenomeno, relazione o azione, condizionatamente alle

strutture emotive e cognitive proprie di chi la

interpreti

 

- l'asserzione che tutti i segni linguistici sono duplici

(significato-significante), arbitrari e convenzionali,

tipici e spesso unici della “comunità linguistica” che li

genera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le famiglie linguistiche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quasi tutte le lingue possono essere ricondotte a delle

cosiddette “Famiglie Linguistiche”, come i “rami” di un

albero genealogico della lingua umana, un gruppo di

lingue derivanti cioè da una comune lingua originaria o

“proto-lingua”, ad esempio:

 

- l'antica lingua comune della famiglia di Lingue “Indo-

europee” è un non affatto documentato ma in parte

ricostruibile “proto-indoeuropeo”

 

- oppure le varietà “dialettali” del Latino cosiddetto

“volgare”, cioè parlato dal popolo, o “proto-romanze”

sono all'origine dell'evoluzione delle moderne Lingue

“Romanze”

 

- mentre il “Norreno” è la proto-lingua delle moderne

Lingue Scandinave e Islandese.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Famiglie Linguistiche geograficamente più diffuse sul

Pianeta sono:

 

- quella cosiddetta “Indo-Europea”, con circa 450 lingue

e con il maggior numero relativo di parlanti, tra cui i

Gruppi Albanese, Anatolico, Armeno, Baltico, Celtico,

Germanico, Greco, Illirico, Indo-Iranico, Italico, Slavo,

Tocario e Traco-Frigio, ad includere lingue come

Inglese, Tedesco, Francese, Spagnolo e Italiano

 

- la “Altaica”, con solo circa 60 lingue, inclusi Turco,

Mongolico, Tunguso, più - secondo alcuni - Coreano e

Giapponese, distinte in “Uralo-Altaiche” e “Uraliche”,

tra quest'ultime Ungherese, Finlandese ed Estone

 

- la “Afro-Asiatica” o “Camito-Semitica”, fra cui

dominante l'Arabo, ma ad includere anche Ebraico e

Maltese, distinta in Lingue “Semitiche”, “Camitiche”,

“Cuscitiche”, “Ciadiche” e “Omotiche”, in tutto circa

350 lingue

 

- la “Niger-Kordofaniana”, che include quella “Niger-

Congo”, in assoluto la più numerosa con oltre 1.500

lingue!

 

- la “Sino-Tibetana”, circa 500 lingue, ad includere

Cinese Moderno Standard con il dialetto Cantonese,

Tibetano e Birmano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Famiglia Linguistica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Indo-Europea

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Famiglia Linguistica Indo-Europea comprende

originariamente la quasi tutte le lingue parlate in

Europa, sia vive che morte, con enormi propagini in

tutta l'Asia Centrale fino al Pacifico ad Est e all'Area

Medio-Orientale e al Sub-Continente Indiano a Sud.

 

Proprio in quest'ultimo si sviluppa, diffondendosi verso

il Mediterraneo, il “Sànscrito”, , samskrtam in

Devanagari, oggi una delle lingue ufficiali dell'India, dal

quale deriveranno molte moderne lingue del Paese

stesso, come il diffusissimo Hindi, ma anche le “radici”

di moltissime parole in tutta una serie di lingue, fino in

Europa al nostro Latino e Greco Antico.

 

 

Tra i rami della Famiglia Linguistica Indo-Europea

troviamo il Greco, le lingue “Indo-Iraniche”, quelle

Slave, le Germaniche e le “Romanze” o “Neo-Latine”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima documentata conoscenza del Sanscrito in

Europa risale al XVI sec, sistematizzata solo a fine XVIII

sec, con la scoperta di “somiglianze” con l'Italiano

prima e successivamente anche con le altre Lingue

Europee, aspetto che, approfondito, dimostrerà come la

Lingua Sanscrita sia riconducibile al medesimo ceppo

linguistico e delle Lingue “Classiche” dell'Antichità

Mediterranea e di quelle “Germaniche”.

 

In pratica tutta la linguistica storica comparata parte da

qui, con lo studio delle:

 

- cosiddette “radici” comuni, ad esempio il Sanscrito

“tan”, da cui rispettivamente “dan”za in Italiano,

“dan”se in Francese, “dan”ce in Inglese e “tan”z in

Tedesco

 

- “declinazioni”, ad esempio il Sanscrito “pitar”, da cui

“pater” in Greco e Latino, “padre” in Italiano, “père”

in Francese, “father” in Inglese e “Vater” in Tedesco.

 

 

Prezioso per gli studi linguistici è nel Sanscrito il suo

“non evolversi”, conservando più di ogni altra lingua

indo-europea pressoché intatte tutte le sue forme

linguistiche originarie, cioè:

 

 

- le “nostre” “declinazioni dei nomi” o “sostantivi”, con

 

- otto “casi” (nominativo, genitivo, dativo, accusativo,

vocativo, strumentale, ablativo e locativo, tuttora in

uso nelle Lingue Baltiche e Slave, cioè uno in più del

Latino Arcaico e due in più di quello Classico)

 

- tre “numeri” (singolare, “duale” e plurale del Greco

Antico)

 

- tre “generi” (maschile, femminile e neutro, una delle

poche “evoluzioni” dal Proto-Indoeuropeo, in cui -

forse - non si distingue ancora maschile da

femminile)

 

 

- le “coniugazioni dei verbi”, con

 

- quattro “modi finiti” (indicativo, congiuntivo,

“ottativo” e imperativo, come nel Greco Antico)

 

- cinque “tempi” (presente, imperfetto, aoristo,

perfetto e un “futuro” non esistente nel Proto-

Indoeuropeo, ma senza “piuccheperfetto” e “futuro

perfetto” di Latino e Greco)

 

 - tre “forme” (attiva, passiva e “media”).

 

 

Ma è anche vero che la Famiglia Linguistica Indo-

Europea nel corso di alcuni periodi storici raggiunge una

rapida, progressiva espansione, grazie a considerevoli

flussi migratori e una lunga serie di violente cosiddette

“colonizzazioni” - militari, politiche, economiche e

culturali (quindi anche linguistiche) - soprattutto ad

opera delle popolazioni europee, diffondendosi

conseguentemente per imposizione in tutti i Continenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'odierna diffusione delle lingue indo-Europee nel

mondo è praticamente distinguibile in due grandi aree,

cioè:

 

- quella dominante di Paesi in cui una maggioranza

parla una o più lingue indo-europee (in ben quattro dei

cinque Continenti!)

 

- l'altra di Paesi in cui una minoranza linguistica indo-

europea è ufficialmente riconosciuta  dai rispettivi

Stati (in Europa ad esempio la Finlandia, quasi tutta

l'Africa Centro-Occidentale e Australe).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Lingue Romanze 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Lingue “Romanze” o “Latine” o “Neo-Latine”

derivano dal Latino, non quello classico però, quanto

dalle sue varianti popolari o “volgari” - appunto dal

Latino vulgus, “popolo” - sovrappostesi alle preesistenti

rispettive lingue locali con la progressiva l'espansione

dell'Impero Romano.

 

Vengono chiamate “romanze” proprio dall'espressione

latina “romanice loqui” o “parlare un Latino derivato o

volgare ovvero romanico” contrapposta all'altra “latine

loqui”, cioè “parlare il Latino classico”, dal quale

avverbio romanice il francese “romanz”, da cui a sua

volta l'Italiano “romanzo”.

 

 

Le Lingue Romanze sono oggi parlate nel mondo da

circa un miliardo e 200 milioni di persone come lingue

primarie e da altre circa 300 milioni come seconda o

altra lingua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche le Lingue Romanze possono essere distinte a

livello planetario in due grandi blocchi, cioè:

 

- quello, dominante, dei Paesi in cui almeno una lingua

romanza è lingua nazionale 

 

- l'altro dei Paesi in cui una o più lingue romanze

vengono comunemente parlate, pur non essendo la

lingua nazionale ufficiale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cosiddetto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Gruppo Italico”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel cosiddetto “Gruppo Italico” delle Lingue Indo-

Europee, alle Lingue Romanze appartengono tra le altre

la Lingua Sarda, quella Spagnola, la Rumena, la

Catalana, l'Occitana, la Portoghese, la Francese e

l'Italiana, in totale, dialetti compresi, circa 200 varianti

“italiche”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra le Lingue Romanze le geograficamente più diffuse

in Europa quella cosiddetta “Galiziano-Portoghese”,

l'“Aragonese”, parte del moderno Spagnolo, la

“Lingua d'oil, parte del moderno Francese, il

“Daco-Rumeno” e il Toscano, all'origine del moderno

Italiano.

 

 

Queste tutte le varianti, lingue e dialetti del “Gruppo

Italico”:

 

- Osco-Umbro, estinto, con Osco, Umbro e Dialetti

Sabellici

 

- Latino-Falisco o Veneto-Latino, con Veneto o Venetico,

estinto, Falisco, estinto, e Latino Arcaico, Classico e

Volgare, anche questi tutti estinti

 

 

Dal Latino Volgare:

 

- Lingue Romanze o Neo-Latine, come

 

- Romanzo Insulare (Sardo Logudorese e Sardo

Campidanese)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- Lingue Italo-Romanze o Romanzo Settentrionale

(Lingue Gallo-Italiche - Piemontese, Lombardo

Occidentale o Insubre e Orientale, Ligure, Emiliano,

Romagnolo, Veneto e Istrioto

Dialetti Toscani - Toscano, Italiano, Corso -

Cismontano, Oltremontano, Gallurese e Sassarese;

Dialetti Centro-Meridionali fra cui

Dialetti Mediani con Romanesco, Ciociaro, Viterbese,

Reatino-Sabino, Dialetti Umbri, Marchigiano e

Aquilano

Meridionale con Abruzzese, Molisano, Napoletano,

Lucano, Pugliese e Tarantino

Meridionale Estremo con Salentino, Calabrese,

Siciliano/Reggino e Pantesco)

 

- Balcano-Romanzo (Rumeno o Daco-Rumeno, Istro-

Rumeno, Megleno-Rumeno, A-Rumeno o Macedo-

Rumeno)

 

- Dalmata o Dalmatico, estinto

 

- Reto-Romanzo con Romancio, Ladino e Friulano

 

- Gallo-Romanzo

Gallo-Romanzo Meridionale o Occitanico con Occitano

(Provenzale, Alverniate, Linguadociano, Guascone) e

Catalano (Catalano Settentrionale, Valenziano,

Algherese)

Galloromanzo Settentrionale o Oitanico con Franciano

o Francese (Francese Belga, Canadese, del Québec,

Acadiano, di Terranova, Svizzero, Cajun o della

Louisiana, d'Africa, del Maghreb, Sub-Sahariano,

popolare Burkinabé, Ivoriano, Camfranglais,

dell'Oceano Indiano, Creolo Francese, Pittavino,

Normanno o Normando, Piccardo, Galló, Champenois,

Lorenese e Vallone)

Arpitano o Franco-Provenzale

 

- Ibero-Romanzo con Galiziano-Portoghese (Galiziano,

Eonaviegano o Galiziano-Asturiano), Portoghese

(Lusitano e Brasiliano), Fala de Xalima (Portoghese

Arcaico parlato in Spagna), Spagnolo o Castigliano

(Andaluso), Aragonese, Lingue Asturiano-Leonesi

(Asturiano, Leonese, Mirandese), Lingua Estremegna

(Leonese-Spagnolo con dell'Andaluso)

 

- Romanzo Meridionale (Moz-Arabo, estinto)

 

 

e da ultimo:

 

- Latino Tardo, estinto

 

- Latino Umanistico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Dialetto e lingua

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Originariamente la cosiddetta “koinè” o più

precisamente Κοινή 'Eλληνική, Koinè Elleniké, è un

antico dialetto greco, ma indica ormai per estensione la

variante accettata in una vasta area geo-linguistica

come la “versione di riferimento” di quella lingua,

qualsiasi essa sia, per distinguerla dalle altre “varianti

locali” della medesima.

 

La koinè ellenistica nella storia della Lingua Greca è

infatti il primo dialetto comune, antenato del Greco

moderno, lingua degli scambi commerciali in tutto il

Mediterraneo, lingua originale del Nuovo Testamento

nella Bibbia Cristiana, seconda lingua ufficiale

dell'Impero Romano.

 

 

L'uso moderno del termine “koinè” riferisce quindi ad

una lingua che progressivamente si impone in modo

spontaneo o viene imposta come lingua comune di

un'area omogenea dal punto di vista geo-culturale-

politico.

 

Da notare come di questa lingua il termine ne indichi

non soltanto la variante “colta”, ma tutte le sue

diversità stilistiche, la letteraria, quella burocratica e

quella parlata.

 

 

Il cosiddetto “dialetto” è al contrario un idioma o

varietà linguistica usata dagli abitanti di una particolare

area geografica all'interno della comune area

linguistica, a parte il “numero” di persone che lo parli o

le “dimensioni dell'area interessata, dal Greco Antico

διάλεκτος, dĭălectŏs, “colloquio”, poi ripresa dal Latino.

 

Un dialetto può a sua volta avere varianti e queste delle

sottovarianti - per studiare scientificamente un dialetto

esiste una specifica disciplina detta “Dialettologia”, che

significa:

 

- trovarne differenze e affinità con altri dialetti

 

- classificarlo

 

- definirne i rapporti con la lingua ufficiale del luogo ma

anche con gli idiomi limitrofi

 

- infine relazionarlo ad usi, costumi e cultura della

popolazione anche nei suoi diversi strati sociali.

 

 

Le particolarità del dialetto sono molte e rilevanti:

 

- è un “idioma” come qualsiasi altro, lingua o dialetto

che sia, con una sua caratterizzazione territoriale

 

- è il continuum linguistico” di un'area geografica,

riferito ad una famiglia linguistica e alla sua forma

linguistica di riferimento o “koinè”, per cui si tratta del

dialetto di una lingua o varietà linguistica comunque

intelligibile nell'ambito del gruppo cui appartiene

 

- è “assoggettato” ad una lingua ufficiale, ma spesso

forzatamente e per motivi politici, per cui viene

volentieri “degradato” o come privo di “rilevanza

politica” o “prestigio letterario”, anche se

linguisticamente nulla abbia a che fare con la lingua

ufficiale attualmente vigente nel territorio

 

- è quindi storicamente “combattuto” dai poteri forti ed

arbitrariamente escluso dall'insegnamento scolastico,

chiamato “dialetto” e con questo illegittimamente e

indebitamente subordinato alla lingua “politicamente

ufficiale, anche se non derivi né dipenda da essa né

ne sia mutualmente intelleggibile!

 

La situazione italiana è particolarmente ambigua, sia

dal punto di vista politico, che, conseguentemente, da

quelli legislativo e giuridico, perché vi vengono definiti

come “dialetti” idiomi storici - Romanzi e non - quando

in effetti dobrebbero godere dello status di “lingua

coufficiale”, vedi ad esempio la Lingua Piemontese, la

Lombarda, la Napoletana, la Veneta, la Siciliana per

citarne alcune, che non sono “dialetti dell'Italiano”, ma

di quella Regione Italiana, e vanno a rappresentare

piuttosto un bilinguismo di fatto, tutte con una loro

storia e cultura a sé stante

 

- non è sinonimo di “vernacolo” o “parlata”, in quanto la

“lingua vernacolare” è appunto una lingua, anche se

parlata dalla popolazione in una zona geografica molto

limitata, e come tale contrapposta ad altre lingue e

distinta dal dialetto.

 

 

Gli idiomi storici, in quanto “lingue minoritarie” di

minoranze storiche riconosciute dallo Stato (vedi ad

esempio il Friulano, il Sardo e il Catalano) dovrebbero

essere insegnate nelle scuole pubbliche a spese dello

Stato ed usate nella comunicazione in coufficialità con

l'Italiano nelle rispettive aree.

 

Detto questo, gran parte dei cosiddetti “dialetti” d'Italia

sono in effetti “idiomi” tra loro linguisticamente

indipendenti e spesso non intercomprensibili, e non

“varianti” dell'Italiano: le uniche vere varianti della

Lingua Italiana solo le “parlate” toscana e romanesca,

anche se svariate sono le forme di “Italiano Regionale”,

influenzate queste o da una lingua minoritaria o dal

dialetto locale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Volendo quindi

ridefinire “dialetto”

sul piano linguistico

 

è un

“sistema completo

di comunicazione verbale

vale a dire

orale e/o a segni

ma non necessariamente

scritto”

 

con un proprio vocabolario

e grammatica 

esattamente come qualsiasi

altra lingua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Infine, anche i cosiddetti “criteri” usati per classificare

alcune varietà linguistiche come “dialetti”, piuttosto che

“lingue”, rimangono altamente criticabili:

 

- “non è una lingua letteraria, in quanto non ha una

propria letteratura - falso!

 

- “alla comunità che la usa non corrisponde uno Stato o

gruppo etnico che vi si riconosca” - falso!

 

- “non viene usata in documenti ufficiali” - politicamente

e storicamente ipocrita!

 

- “non gode di prestigio presso parte della popolazione

ed altri” - politicamente e socialmente ipocrita!

 

 

Quindi: qualsivoglia identificazione di una variante di

una lingua come “versione standard” e “corretta”

dipende quasi sempre ed esclusivamente da fattori

politici e sociali più che linguistici!

 

La distinzione fra “lingua ”e “dialetto” è nella maggior

parte dei casi  conseguentemente arbitraria ed in primo

luogo “imposta” da eserciti per poi essere “consolidata”

dalla classe di élite di una società.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le “lingue”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e i “dialetti” d'Italia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

oggi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sul territorio dell'attuale Stato Italiano le popolazioni

parlano prevalentemente Lingue Romanze, ma anche

Germaniche, Slave, il Greco e l'Albanese.

 

In effetti, linguisticamente parlando, in Italia vivono:

 

- Toscani

- Italiani Centro-Meridionali

- Italiani settentrionali

- Corsi e Sardo-Corsi

- Sardi

- Provenzali

- Franco-Provenzali

- Catalani

- Retoromanzi

- Rumeni

- Tedeschi

- Slavi

- Arbëreshë

- Greci.

 

 

Il “bilinguismo” di fatto in ambito familiare nelle

diverse Regioni d'Italia:

 

- arriva ad apici di circa il 75%, vale a dire 3 famiglie

su 4 in

 

- Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste

- Trentino-Alto Adige/Südtirol

- Friuli-Venezia Giulia

- Veneto

- Basilicata

- Calabria 

- Sicilia

 

- con vaste aree dal 50% al 75%, cioè metà delle

famiglie, in

 

- Abruzzo

- Molise

- Puglia

- Campania 

- Sardegna.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo sradicamento

e appiattimento culturale

perpetrato

dallo Stato Italiano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come lo Stato Italiano nasce dalla malriuscita fusione

ideologico-politica di aree affatto omogenee iniziata da

gruppi elitari, così la Lingua Ufficiale dello Stato Italiano

altro non è che il Toscano letterario del 1300 evolutosi

ed assurto a modello linguistico di riferimento un secolo

e mezzo fa.

 

Tale lingua certamente non è una lingua “parlata dal

popolo” all'“unificazione politica” nel Regno d'Italia del

1861, quanto piuttosto la lingua minoritaria di una

molto piccola parte della popolazione.

 

 

Questo pianificato “sradicamento” ed “appiattimento”

culturale - altro che “unificazione”, un fenomeno che

dovrebbe la sua “ricchezza” nel “rispettare” tutte le

“diversità” non distruggerle (!) - avviene attraverso:

 

- dapprima l'introduzione di una lingua coercitivamente

“imposta” e diffusa attraverso l'istruzione obbligatoria

delle nuove generazioni già nell'uso del linguaggio

finalizzata a penalizzare il carattere profondamente

identitario di qualsiasi altra più che legittima lingua o

variante o dialetto

 

- poi un servizio militare di leva “obbligatoria”, che

catapulta “di norma” i giovani da un capo all'altro

della penisola, a creare una solo all'apparenza

“democratica” nuova mescolanza culturale, mai

raggiunta altro che in superficie, lasciando intatti o

addirittura radicalizzando pregiudiziali sentimenti,

opinioni, attitudini e comportamenti di “alterità”

 

- quindi i “forzati” e culturalmente distruttivi flussi

migratori all'interno del Paese, frutto di lungimiranti

inique politiche di “sviluppo” economico, a

beneficiarne esclusivamente le sue aree settentrionali,

a politicamente deciso totale e dalla storia confermato

discapito di quelle meridionali ed insulari, molte già

precedentemente più avanzate, produttive, moderne 

e acculturate delle settentrionali, solo per poi

marchiarle di penalizzante inefficienza ed arretratezza

 

- un uso e fortemente voluto “abuso” politico-tecno-

burocratico di una lingua “artificiosa” a rendere

la nuova lingua “ufficiale” ancora più inaccessibile,

ossia autentica ed efficace lingua “di potere”, dallo

“stile” ampolloso, criptico e del tutto sia

esageratamenteformale che inutilmente complicato,

adottato in piena consapevolezza ad asservire,

confondere e intimidire i Cittadini quali legittimi

potenziali utenti tanto di “informazione” politica e

sociale (!?) quanto di “servizi” (!?) pubblici, piuttosto

che ad aiutarli a rispettivamente capirne e usufruirne

 

- infine il pesante, ininterrotto e sempre crescente

“bombardamento” dei mezzi di “informazione” e

“comunicazione” di massa, come giornali, radio e

televisione, a “plasmare” la popolazione attraverso

una censurante filtrazione “propagandistica” dei

contenuti, vale a dire nascondendo o esaltando fatti 

ed eventi, creando opinioni e mode anche linguistiche,

attraverso un manipolante (tutto settentrionale) uso

di un certo linguaggio, i tanti inutili “anglicismi”,

“inglesismi” e “anglo-americanismi” inclusi, con

quell'ammaliante sapore di pacchianamente falsa

“modernità” da ostentato mondo tecnologico di

industria e finanza, quanto più alienante dalla nostra

naturale e culturale “mediterraneità” rurale.

 

 

Ciò nonostante ancora oggi, come l'Italia Unita rimane

al di là da farsi, i Cittadini Italiani che alternano la

Lingua Ufficiale con un'altra lingua supera

incomparabilmente il numero dei puri “italofoni”, quelli

cioè che usano esclusivamente l'“Italiano”, in pratica gli

unici a farlo i Toscani!

 

 

Inutile sottolineare come mentre ci si impegna per

difendere specie animali o vegetali “a rischio di

estinzione”, le lingue locali in uso prima

dell'introduzione-imposizione dell'Italiano siano state -

e in molti casi siano tuttora - oggetto di enormi quanto

arbitrarie discriminazioni durante tutto il secolo scorso.

 

Nonostante una conseguente drastica riduzione dell'uso

di tali lingue regionali, molte delle quali quasi cancellate

dal nostra contesto culturale, fortunatamente tale

tendenza è stata comunque invertita negli ultimi anni a

rivalutare sia lingue di macroaree che dialetti.

 

 

A parte i venti di rinascita, le minoranze linguistiche

tutelate dalla Costituzione Italiana sono soltanto 12 con

le rispettive seguenti Lingue:

 

- Occitano

- Francese

- Franco-Provenzale

- Friulano

- Ladino

- Tedesco

- Sloveno

- Albanese

- Croato

- Greco

- Sardo

- Catalano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'attuale Italia linguistica

nella realtà

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco nei fatti la situazione linguistica dell'Italia di oggi,

checché ne pensi e dica la Costituzione della Repubblica

Italiana e al di là di tutti gli artificiosi confini politici

regionali:

 

- il Napoletano è oggi parlato da 11 milioni di Italiani in

Campania, Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata

 

- il Siciliano da 8 milioni di Italiani in Sicilia, Puglia e

Calabria

 

- il Lombardo da 7 milioni di Italiani in Lombardia e

Piemonte

 

- il Roman(esc)o da oltre 5 milioni di Italiani nel Lazio e

in Abruzzo

 

- il Veneto da quasi 3 milioni e mezzo di Italiani in

Veneto, Trentino e Friuli-Venezia Giulia

 

- il Sardo da quasi 1 milione e mezzo di Italiani in

Sardegna

 

- il Friulano da oltre mezzo milione di Italiani in Friuli-

Venezia Giulia e Veneto.

 

 

Poi, sempre in ordine decrescente, si parla:

 

- il Tirolese, che deriva dal Tedesco, in Alto Adige e

Veneto

 

- l'Occitano in Piemonte, Liguria e Calabria

 

- il Sassarese in Sardegna

 

- il Corso Gallurese in Sardegna

 

- il Franco-Provenzale in Piemonte, Valle d'Aosta, Puglia

e Calabria

 

- l'Arbëreshë o Arbërisht, di origine albanese, in

Calabria, Sicilia, Molise, Campania, Basilicata, Puglia e

Abruzzo

 

- il Gallo-Italico di Sicilia in Sicilia

 

- il Ladino in Trentino-Alto Adige e Veneto

 

- lo Sloveno in Friuli Venezia Giulia

 

- il Catalano in Sardegna

 

- il Francese in Valle d'Aosta

 

- il Greco in Calabria e Puglia

 

- il Bavarese, dal Tedesco, in Veneto e Trentino

 

- il Croato in Molise

 

- il Carinziano, anche questo dal Tedesco, in Friuli-

Venezia Giulia

 

- il Carnico in Friuli-Venezia Giulia e Veneto

 

- il Romaniska, di origine zingara con influenze iberico-

ebraica, albanese e neo-greca, in Friuli, Sardegna,

Calabria e Sicilia.

 

 

Non so se mi spiego...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Lingue e i Dialetti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del Centro Italia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra le Lingue e Dialetti Romanzi dell'Italia Centrale

ritroviamo:

 

- il “Toscano” di Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno,

Lucca, Pisa, Pistoia, Prato e Siena

 

- il “Romanesco” appartenente al gruppo dei Dialetti

cosiddetti “Mediani”, parlato prevalentemente a Roma

e solo piccola parte della sua Provincia

 

- i Dialetti Umbri Sud-Occidentali, di influenza

soprattutto nel Nord-Ovest Laziale, il “Viterbese”

 

- i Dialetti Sabini nel Nord-Est

 

- i Dialetti Campani a Sud-Est, tra cui il cosiddetto

“Ciociaro” o “Laziale Meridionale”.