Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo

del Lavoro e dell'Industria

I dialetti

Così parlavamo 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Modi di dire

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

detti e proverbi popolari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

braccianesi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Parla come magni!”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cultura popolare trae ovvia ispirazione

dagli aspetti basilari della vita materiale,

come il cibo necessario per la sopravvivenza,

da cui Ma... parla come magni!”, “Sii te

stesso!”, uno dei modi di dire più riusciti,

insieme a “Bbono come 'r pane!”, fragrante,

verace egenerosamente saziante.

 

E poi “Pane pe' li denti” di fronte a sfide

ardue, e ancora “Chi c'ha li denti nun c'ha 'r

pane e chi c'ha 'r pane nun c'ha li denti” di

quasi rassegnata autocommiserazione

di contro alla imperante ingiustizia del

destino, e infine l'eloquente “Tocca da porta'

a ccasa la pagnotta” e “È ddura la

pagnotta!”, che appunto la dicono tutta sulla

lotta continua della piccola gente per

sopravvivere.

 

 

Allo stesso tempo sa attingere copiosamente

anche dalla “Comedia Dantis Alagherii,

Florentini natione, non moribus”, quella

somma “Divina Commedia” vera miniera di

citazioni e proverbi peraltro in tutti i contesti

socio-culturali.

 

Singoli versi o addirittura singole locuzioni

dantesche diventeranno modi di dire

proverbiali, nella quasi totalità tratti, come

immaginabile, dall’“Inferno”: due fra tutti, il

“Senza 'nfamia e senza lode” e quel

“Lasciate 'gni speranza o voi ch’entrate”, ma

così pure già lo strafamoso incipit “Ne 'r

mezzo de 'r cammin de nostra vita”, il quale

in bocca al “compare”, che buio fatto

dall'osteria cerca barcollante di tornarsene a

casa, si sviluppa in un “ma ritrovai 'n de 'na

strada scura, che nun sapevo si era scesa o

era salita”...

 

 

Il che anche a confermare i proverbi e i detti

come “filosofia popolare”, distillato della

saggezza di un popolo, dei suoi usi e

costumi, nonostante queste frasi idiomatiche

siano spesso snobbate quali “frasi fatte” in

senso decisamente dispregiativo.

 

Innegabile è che riconducano comunque a

sentimenti ed usanze popolari, come tali di

fatto e di diritto parte integrante della nostra

cultura, tanto da pronunciarle tutti noi senza

praticamente accorgercene, con significati

rimasti in molti casi immutati anche a secoli

e secoli di distanza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Solo li stronzi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

resteno sempre a ggalla”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In un gruppo linguistico-dialettale le parole

assumono un senso sociale simbolico che

unisce fortemente e l'espressione dialettale

funziona spesso e volentieri come valvola di

sicurezza per scaricarsi di dosso aggressività

frutto di frustrazione da vissuta impotenza,

quasi unica arma a disposizione degli

oppressi contro un'odiata autorità, dello

Stato o della Chiesa (all'epoca dello Stato

della Chiesa addirittura un tutt'uno!).

 

Anche per questo nei modi di dire popolari

c'è una quasi totale assenza di inibizione

linguistica, con parole e frasi anche molto

“colorite”, senza filtri né belletto o, come

diremmo oggi, “senza quell'autocensura del

politicamente corretto” su vocaboli

altrimenti nei piani alti della società ritenute

“volgari” o “indecenti”, quella “parolaccia”

addirittura giudicata turpiloquio e quindi per

lunghissimi tempi punita a vario titolo e in

vario modo.

 

 

Tale ricchezza di vocaboli e frasi scurrili del

linguaggio popolare, solo apparentemente

offensivi, fa parte di un modo di comunicare

spontaneo e assolutamente non concettuale,

fatto di una materialità volutamente

esasperata, grottesca e blasfema, bagaglio

culturale di generazioni e generazioni.

 

Molto viene affidato alla sonorità e iconicità

della parola più che al suo significato -

parolaccia, sconcezza o bestemmia che sia.

 

 

“Moccolo” (anche candela) sa descrivere 

indiscutibilmente molto meglio il muco che

scende dal naso di bambini e vecchi, come è

del tutto normale che si riprenda un figlio

con “A fijo de 'na mignotta!”, senza per

questo la madre sentirsi minimamente

insultata.

 

E quel “Aoh te trovo 'n forma, pozzin'

ammazzatte!” non risulta affatto strano nel

suo rallegrarsi per la buona salute dell'amico

contraddittorio all'augurargli di morire

malamente, come “Va' mmori' ammazzato!”

manda a quel paese l'interlocutore, ma

senza alcuna cattiveria...

 

 

La diversa sonorità appunto con cui viene

pronunciato il vocabolo - unita a postura,

gestualità e mimica facciale - lo modula 

supplendo ad una limitatezza linguistica e

addirittura con significati anche opposti:

 

 

- “Gran paraculo”

 

complimento per un'idea geniale

 

disprezzo verso l'imbroglione

 

 

- “Li mortacci (tua)” o “(mia)”, senza

intendere offesa alcuna ai rispettivi defunti

 

espressione positiva, di sorpresa,

meraviglia, ammirazione, compiacimento,

gradimento, gioia

 

espressione neutra, rafforzativa come un

semplice punto esclamativo

 

espressione negativa, di contrarietà,

fastidio, desolazione, delusione, amarezza,

rabbia, rancore, odio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Eccheccazzo...!”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In un contesto linguistico-dialettale sempre

“colorito, non c'è volgarità neppure nel

frequente richiamo a parti anatomiche

sessuali, senza neppure diretto o necessario

riferimento al significato letterale delle

parole.

 

 

“Culo” innocuamente usatissimo.

 

“Ciccia a 'r culo!” non fa niente, “Bucio de

culo”fortuna o “faticaccia” e ancor peggio

se improduttiva, “Culo de piommo”

“pigrizia”, “Fa' 'n culo così” “vincere alla

grande” o “fargliela vedere”, “Leccaculo” è

l'“adulatore”, “Faccia come 'r culo” “senza

vergogna”, “Pijà' ppe' 'r culo” “prendere in

giro”, “Arzasse co' 'r culo a l'insù” “di cattivo

umore”, “Vàttel' a ppijà' 'nde 'r culo” “ma

fammi il piacere”, “Avecce 'r culo

chiacchierato” “ritenuto omosessuale”,

Rodimento de culo” “essere nervosi” o

“rosicare”, e infine “Appecoronasse”

“sottomettersi senza reagire”, offrendo cioè

il culo “a pecorina”.

 

 

Anche “Cazzo”, un semplice rafforzativo.

 

“Ma cche ccazzo dichi...”, “Ma cche ccazzo

sta' a ffà'!” “disappunto”, “Ma 'ndo cazzo

va'?” “sorpresa” o “incomprensione”, “Nun

capisci 'n cazzo!” “disprezzo”, “Nu' mme

frega 'n cazzo!” “indifferenza”, “Cazzata”

“sciocchezza” o “cosa di poco conto” come

pure “menzogna” o “esagerazione” o “atto

insulso”, chi la dice o la fa la Cazzata è un

“Cazzaro”, “Incazzatura” “arrabbiatura”, 

“Cazzaccio” o “Cazzone” “persona stupida” o

“insignificante”, “Testa de cazzo” “vero

cretino”, “E 'sti cazzi?” “disinteresse”, "'Sto

cazzo!" “sarcastico stupore” o “strafottente

menefreghismo”.

 

 

Come pure molte le variazioni su “Coijone”.

 

“Coijone” individuo stupido e incapace, “A

coijonella” “per scherzo” o “per gioco”,

“Cojona'” “prendere in giro”,

“Me coijoni!?...” “addirittura!” “accidenti!”, 

“Rompicoijoni” “rompiscatole” “fastidioso”

oltre che “noioso”, “'N par de coijoni”

“assolutamente nulla” o “non affatto vero”, 

“Nu' rroppe li coijoni!” “lasciare qualcuno in

pace”, “Avecce li coijoni” sia di uomini che di

donne “bravi”, “competenti”, “di carattere

forte e schietto”, “coraggiosi”.

 

 

Infine la invadente e variegata “Fregna”.

 

“Fregna!” “meraviglia” oppure

“complimenti!”, “Fregnaccia” “sciocchezza”,

“Fregnone, fregnona” una persona

“ingenua”, un “credulone” o “troppo buono e

generoso”, “Fregnacciaro” “che le

spara grosse”, “Fregno (buffo) “persona o

cosa dalle apparenze strane”, “Avecce le

fregne” “non essere dell'umore giusto”

(indirettamente riferito a chi la “fregna” la

da facilmente o per mestiere, “Fijo de 'na

mignotta” “discolo” se bambino “truffatore”

o “bastardo” se adulto.

 

 

Et cetera et cetera et cetera...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“A li pretacci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 nun j'ha' mai da créde'!”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con il Potere - religioso e istituzionale - poi

un atteggiamento altamente contraddittorio,

tanto di piuttosto superstizioso rispetto per

il “sacro” naturale quanto di dissacrante

disprezzo per l'“istituzionale” sociale.

 

 

Per quanto riguarda la religione, particolare

il rapporto con i Santi, i “Giusti”, tanto che si

raccomanda "Scherza co li fanti, ma lassa

sta' li santi", anche se poi di fatto “Santa

Rosa c'ha du' cojoni così!” e “Santa Pupa!”

“protettrice dei bambini”, li “pupi”, la si

invoca spesso, a volte “Santa Pupazza!”, e

“San Guercino!” è sempre presente quando

uno è distratto, come pure “Santa Lucia!”

dovrebbe definitivamente aiutarti se

qualcosa ti sta lì davanti agli occhi e non la

vedi...

 

“E San Paolo quanno cascò da cavallo disse

'Tanto volevo scegne'!” il “non arrendersi

all'evidenza” o il “cercare di mascherare o

nascondere un insuccesso”, “Fabbrica de San

Pietro” un “lavoro che non finisce mai”, “Da

Natale a Santo Stefano” è tutto quello “di

brevissima durata”, come “San Giuseppe co'

la pialla” riferisce a una donna “piatta” e

“senza forme”, infine ci si può incazzare

rivolgendosi a “Qquer santo che nun se

trova!”... tanto per rimanere sul vago.

 

 

Con Cristo e la Madonna poi c'è un rapporto

molto particolare e ad altissimo livello, così,

pur di non bestemmiarli apertamente, se ne

storpia o sostituisce il nome e non poco

ipocritamente, dato che sia chi li nomina sia

chi lo ascolta sa benissimo di “chi” si parli...

 

Lo si fa con vocaboli o espressioni tipo

“Cristoforo Colombo! o “Cristallo! riferendo

inequivocabilmente all'uno, eppure “La

morte nun perdona manc'a Ccristo...!” per

l'“ineluttabile”, e riferendo all'altra “Porca

Madosca!” o “Porca Madora!”, ma poi di

nuovo esplicitamente “Nun ce so' né Ccristi

né Mmadonne!” per “non c'è niente da fare”.

 

E ancora “La Madonna de le Frattocchie” a

una donna troppo acchittata (di per sé

riferendo in questo caso ad una statua da

processione della Madonna, tipicamante

ingioiellata all'esagerazione), o addirittura

in "Costa 'na Madonna" con Maria presa a

specie di “unità di misura” (ma forse anche

qui con allusione al costo di una effigie sacra

ex-voto)...

 

 

Di tutt'altro tono con le “Istituzioni”, “li

pretacci” o clero in primis, dato che nella

millenaria Roma dei Papi istituzioni politiche,

amministrative civili e religiose coincidono,

così il rappresentante di Cristo sulla Terra”

è anche Re di uno Stato assolutista e

inquisitore con la scure de “Mastro Titta 'r

bboija” che pende sul collo della gente,

quindi anche il prete è sentito e visto come

“ministro di Dio”, ma allo stesso tempo

“lunga mano del Potere” in una Chiesa che

opprime quel santo “gregge di Dio”, il

Popolo, unica vittima immolata.

 

Da cui tutta una serie di detti e proverbi

popolari pesantemente anticlericali, a

stigmatizzare la miserabile condizione

umana di peccato e di bassezza che pervade

una Chiesa falsa e prepotente, non

denunciabile apertamente nonostante sia

così evidente, che il popolo deve subire.

 

 

“A Roma Iddio nun è ttrino, qui è quatrino”

e “Li Santi nun se ponno fa' senza quatrini”

perché “a comandare sono i soldi”, e ancora

“Chi a Rroma vo' ggòde' s'ha dda fa' ffrate”

e “Piove o nun piove 'r Papa magna” perché

il clero sta bene qualunque cosa accada, o

“'Ndo' ce so' campane ce so' pputtane!”

sempre a proposito di godersela alla faccia

della indigenza della povera gente da parte

di chi - come tutti da sempre ben sanno -

“Predica bbene ma razzola male!”...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Gnuno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 sa la canta e ssa la sona

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A ricordarci però quanto i modi di dire

popolari possano essere contraddittori, un

aspetto affatto trascurabile, la magistrale

filastrocca di Gianni Rodari.

 

 

Una gran confusione, altro che saggezza

popolare!

 

Piuttosto ciascuno di noi se li usa e ne abusa

“come meijo je pare”, a proprio comodo, a

seconda delle situazioni, per sostenere i

propri punti di vista e argomentazioni,

ovvero per raggiungere i propri fini! 

 

 

Dice un proverbio

[dei tempi andati:

“Meglio soli

[che male accompagnati”.

 

Io ne so uno più bello assai:

“In compagnia lontano vai”.

 

 

Dice un proverbio, chissà perché:

“Chi fa da sé fa per tre”.

 

Da quest’orecchio

[io non ci sento:

“Chi ha cento amici fa per cento”.

 

 

Dice un proverbio con la muffa:

“Chi sta solo non fa baruffa”.

 

Questa, io dico, è una bugia:

“Se siamo in tanti, si fa allegria”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abbassà' la cresta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A cchi ttocca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 nun ze 'ngrugna!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Acqua chèta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 vermini ména...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Adamo se sarvò

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ma 'n culo l'ebbe...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A l'ucello 'ngordo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 je crepa 'r gozzo!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aprile

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 'gni goccia 'm barile

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bbeato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 chi c'ha 'n'occhio!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bbuciardo come 'na

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 lapide de camposanto!