Vai al sito Redazione e informazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole

Mappatura del portale | Ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Piccolo Museo

del Lavoro e dell'Industria

Annotazioni storiche

“Da qui gli Etruschi...”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalle origini 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dello Stato della Chiesa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ai recenti tentativi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di manipolazioni storiche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caduta Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

la penisola italiana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

si sgretola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo i saccheggi di Roma, prima ad opera dei Visigoti di

Alarico e poi dei Vandali di Genserico, nel 476 crolla

l'Impero Romano d'Occidente, mentre le regioni

orientali dell'Impero sopravvivono con Costantinopoli

capitale, sorta sulle rovine dell'antica Bisanzio e

denominata la “Nuova Roma”.

 

Nel 553 l'Imperatore Giustiniano I è appena riuscito a

scacciare gli Ostrogoti dall'Italia con una guerra quasi

ventennale, quando l'invasione dei Longobardi del 568

spezza definitivamente la penisola italica in un Regno

Longobardo ed i Territori Bizantini.

 

 

Ma il Regno Longobardo non rimane unito a lungo, 

frazionandosi a sua volta via via in “Ducati” sempre più

autonomi, come pure i Territori Bizantini si frantumano

in nuclei sempre più piccoli e sempre più locali.

 

Alcuni di questi nuclei restano sotto il governo

dell'Impero Romano d'Oriente, come l'Esarcato di

Ravenna e il Ducato di Calabria, ma i più acquistano

totale autonomia, come i Ducati di Venezia, Napoli,

Gaeta, Amalfi, Sorrento e Roma.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La croce d'oro e pietre preziose (lapislazzuli) di Agilulfo, Re

dei Longobardi e Re d'Italia dal 591 al 616: probabilmente

una croce votiva appesa al centro della sua corona

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Ducato di Roma in particolare ha confini molto incerti,

diviso in due dal Tevere, con a Nord la cosiddetta

Tuscia Romana e a Sud la “Campagna” o "Campania

Laziale".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cosiddetto “Patrimonio”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

o “Beni di San Pietro”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In questi anni di estrema incertezza e instabilità

politica, già dalla metà del V sec chi è rimasto nella non

più gloriosa né potente Urbe vede come ultima difesa

contro le ripetute invasioni e distruzioni barbariche

della Capitale null'altro che il prestigio spirituale del

Vescovo di Roma, in qualità di “successore di Pietro”.

 

Quindi i Romani, anche dopo la riconquista del territorio

da parte di Giustiniano, considerano come proprio

naturale difensore più il Pontefice che il Governatore

Imperiale e quando poi Papa San Gregorio I Magno

salva Roma dalla minacciosa avanzata dei Longobardi,

sostituendosi così d'autorità ad un Esarca di Ravenna

del tutto impotente, l'episodio sancisce l'inizio di un

governo di fatto della città e dei suoi territori da parte

della Chiesa Romana, pur continuando questa a

iconoscere formalmente l'autorità di Bisanzio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cosiddetto "Liber Diurnus Romanorum Pontificum", il

codice vaticano scoperto nel 1646 nella Biblioteca Romana

del Monastero di S. Croce in Gerusalemme, una delle più

antiche testimonianze della storia della Chiesa e del Papato

durante i secoli dal VI al IX, un antico libro pergamenaceo

di formule della Cancelleria Pontificia, tra cui

l'amministrazione del Patrimonium Petri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A dire il vero il “potere della Chiesa Cattolica Romana

dell'epoca non è, come alcuni vorrebbero asserire,

esclusivamente basato sul suo prestigio spirituale, ma

anche su cospicue ricchezze fondiarie, andatesi

accumulando nei secoli attraverso donazioni di fedeli più

o meno ricchi, conosciute sotto il nome di offerte a San

Pietro: fin dal 321 alla Chiesa Romana viene infatti

permesso di poter trasmettere il titolo di proprietà dei

suoi possedimenti.

 

Queste proprietà della Chiesa vengono già dall'inizio

organizzate in grandi aziende rurali, singolarmente

denominate patrimonium e ciascuna autonomamente

gestita da un “rector”, alto funzionario di un'articolata

amministrazione pontificia centralizzata che viene

direttamente nominato dal Papa: l'insieme dei

“patrimonia vengono collettivamente detti

Patrimonium Sancti Petri.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prove generali di potere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

perché niente succede

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

per caso o all'improvviso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Patrimonio di San Pietro, il quale costituisce fin dai

primi secoli una estesissima rete di territori, ben oltre i

confini della penisola italica, viene fortemente ridotto

nel VII sec, sia dalle conquiste longobarde che dalle

confische bizantine, fino a limitarsi all'Italia Centrale,

ma sempre gestito nella continuità del vincente, perché

estremamente adattabile, modello organizzativo dei

singoli “patrimonia”, un modo omogeneo ed unificante

di amministrarlo, che sopravviverà al fitto susseguirsi di

diverse reggenze territoriali e supererà tutte le nette

distinzioni politiche fra Regni Romano-Barbarici e

Territori Bizantino-Imperiali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I magnifici mosaici nella Chiesa di San Vitale a Ravenna, mostrano in tutto

il loro splendore rispettivamente l'Imperatore Bizantino Giustiniano con il

seguito dei suoi dignitari e militari, sopra, e l'Imperatrice Teodora con

quello dei suoi dignitari e dame di corte, sotto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In altre parole la Chiesa di Roma già molto prima degli

eventi storici determinanti e formalizzanti del suo

potere “temporale” e politico, si sviluppa e si afferma

come scaltra e ben oliata realtà amministrativa,

costituita da una grande e complessa struttura

organizzativa, con quadri dirigenziali e numerosissimo

personale “qualificato”, in possesso cioè di un'ampia

gamma di competenze essenziali per la gestione di

vastissime proprietà.

 

 

È proprio questo presupposto, costruito con tenacia,

pazienza e lungimiranza, che gli permetterà poi di

assumere, gradualmente e senza sforzi né traumi,

responsabilità di governo territoriale ben più ampie.

 

Non è a caso dunque che il ruolo politico della Chiesa si

evolva durante l'VIII sec fino a porla esplicitamente alla

guida dell'emancipazione dell'Italia da Bisanzio,

adattando con estrema facilità le proprie istituzioni alle

necessità di un governo territoriale su tutt'altra scala.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le proprietà della Chiesa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

come

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“res pauperum Christi”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla fine del VII sec l'Italia Bizantina è ormai sotto la

guida politica, sociale ed economica di famiglie sempre

più legate a comunità locali ben definite, una

aristocrazia militare ed una nuova struttura sociale

che non necessariamente discendono più dai vertici

dell'Impero.

 

Ad eccezione di Ravenna che rimane sotto il diretto

potere di Bisanzio e, anzi, lo rappresenta nella penisola,

le popolazioni locali delle altre Province, coltivatori

agricoli in gran maggioranza legati al Patrimonio della

Chiesa, riconoscono in essa l'unica istituzione rimasta in

grado di garantirgli una pacifica ed ordinata convivenza

sociale, cosa che né Bizantini né Longobardi possono

più.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La rievocata figura del Buon Pastore, qui in una statua dalle

Catacombe di Domitilla

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Inoltre l'amministrazione ecclesiastica, già liberale in

opere di carità e di assistenza ai bisognosi, proprio

grazie ai redditi derivanti dalle proprietà acquisite - per

questo alla fine denominate “res pauperum Christi” -

viene chiamata in modo naturale sempre più a

soddisfare i bisogni dell'intera popolazione,

assumendosi anche responsabilità d'interesse collettivo

fino ad ora compito dei poteri laici del Municipio e dello

Stato.

 

 

In due lettere del 739 a Carlo Martello, Maestro di

Palazzo alla Corte dei Re Merovingi e padre di Pipino il

Breve, viene usata da Papa Gregorio III per la prima

volta l'espressione “Populus peculiaris Beati Petri” per

le popolazioni del Ducato Romano, di Ravenna e della

cosiddetta “Pentapoli”, tra Romagna e Marche, in altre

parole il “gregge” prediletto:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Quia populus sanctus es Domino

Deo tuo.

 

Te elegit Dominus Deus tuus, ut

sis ei populus peculiaris de

cunctis populis, qui sunt super

terram…”

 

 

“Perché tu popolo sei santo al

Signore Dio tuo.

 

Ed il Signore Dio tuo ti ha scelto,

affiché tu sia il suo popolo

prediletto tra tutti i popoli, che

esistono sulla Terra...”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rinasce la “respublica”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel 726, l'imperatore Leone III Isaurico scatena la lotta

contro il culto delle immagini - la cosiddetta

“iconoclastia” - la quale, aprendo una profonda, grave e

prolungata crisi religiosa, da il colpo di grazia a quello

che rimane del potere bizantino in Italia: Papa Gregorio

II condanna il decreto imperiale sulle icone, le Province

italiane prendono l'occasione per rivoltarsi non solo

contro la politica religiosa dell'Imperatore e le missioni

punitive dei funzionari imperiali che tentano di farla

applicare, ma anche la sua sempre crescente pressione

fiscale.

 

Una volta allentati i legami fra la penisola e

Costantinopoli, si arriva a considerarne necessario il

totale e definitivo il distacco, anche se questo comporta

il problema di sapersi difendere da soli contro i

Longobardi: così da circa il 680 il Pontefice Romano si

trova nel duplice ruolo politico di guida dell'opposizione

ai Bizantini ed al tempo stesso organizzatore della difesa

della penisola contro i Longobardi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sopra, il sigillo del "Patrimonium Beati Petri" e, sotto, la

Cripta del Duomo di Sutri, la cui datazione potrebbe essere

di epoca longobarda, quindi proprio del tempo della

Donazione di Liutprando

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando il Re Longobardo Liutprando, messo in atto un

già dai suoi predecessori a lungo meditato tentativo di

unificare la penisola italica sotto il proprio potere e

sconfitti più volte i Bizantini, può finalmente minacciare

seriamente Roma, ma intimorito dalle aperte ostilità

delle popolazioni assoggettate e dalla decisa

opposizione dei Pontefici, desiste per ben due volte

dall'occupare Roma.

 

Alla fine preferirà addirittura cedere formalmente o

“restituire” a Papa Gregorio II e al Ducato Romano,

apertamente riconosciuto per la prima volta come

"respublica", prima, nel 728, il "Castrum" di Sutri ed i

castelli di Bomarzo, Orte e Amelia, nella Tuscia Romana,

e successivamente, nel 742, altre quattro sue Città e

parte dei patrimonia della Chiesa nella Sabina, già

sotto il Ducato di Spoleto.

 

 

Queste azioni, diremmo oggi, di “good-will o buona

volontà politica, vengono considerate una Restitutio

al “Beato Petro Apostolorum Principi”, cioè una

restituzione al legittimo proprietario nella persona del

Pontefice, nella sua qualità di successore di Pietro, e

formalmente intraprese “per donationis titulo”, quindi

con tanto di Atto Regio.

 

Nelle trattative relative alla restituzione di questi beni,

la figura del Papa, oltre che nella sua veste tradizionale

di capo spirituale della Chiesa o “Vicario di San Pietro”,

debutta ufficialmente anche nel nuovo ruolo di

riconosciuto rappresentante politico del "Populus

Romanus" - una infelicissima contaminazione di cui

ancora oggi si continuano a pagare le conseguenze.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Repubblica si consolida

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sopra, il busto-reliquiario del Re Franco Carlo Magno -

Carolus o Karolus Magnus, Charlemagne, Charles the Great

- capostipite della Dinastia Carolingia, poi Imperatore del

Sacro Romano Impero, conservato nella Cattedrale di

Aachen, in Germania, e, sotto, la sua firma-sigillo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gradualmente, ma con fermezza, applicando la

comprovata “strategia dei piccoli passi”, i successivi

Papi si sentono sempre più a loro agio nel guidare il

movimento politico-religioso che porterà al completo

riscatto della “respublica” di San Pietro dall'Impero

Bizantino.

 

Nel ventennio dal 730 al 750 il Vescovo di Roma

trasferisce passo passo su di sé il potere politico già

dell'Impero Romano d'Oriente, a capo di un giovane

“Stato” senza confini certi né una forza militare capace

di contrastare i Longobardi.

 

 

A questo penseranno i Re Franchi, cui il Papa si rivolge

sia per la difesa della “Repubblica” che la definizione

dei limiti territoriali.

 

Nel 754, infatti, Papa Stefano II, sentendosi minacciato

dal Re Longobardo Astolfo, va di persona in Francia per

chiedere aiuto e sollecitare attivamente l'intervento del

Re dei Franchi Pipino il Breve, con cui stipula un Patto di

“amicitia” - in pratica una autentica alleanza politico-

militare.

 

(Per capire comunque l'importanza di un tale atto, basti

ricordare che dopo oltre un millennio, precisamente nel

1929, un altro "Pactum Amicitiae" sarà stipulato tra

l'anticlericale Mussolini e la Chiesa di Roma, di cui

conosciamo bene le conseguenze, anche se non del tutto

rispettato ed applicato.)

 

 

Questa prima alleanza dello Stato della Chiesa fonde

motivi religiosi a realtà politiche, instaurando un

rapporto diretto fra il “Vicario di San Pietro” ed i Re dei

Franchi - la monarchia, cioè, successivamente

denominata “carolingia” da Carlo Magno.

 

L'alleanza si dice “fondata su legami cristiani di pace e

di carità”, ma comporta implicazioni di natura pratico-

politica, avendo a tutti gli effetti un valore pubblico

giuridicamente vincolante.

 

 

È di fatto un pragmatico “scambio”, in cui il Sommo

Pontefice, non solo sedicente “Vicario di San Pietro ma

anche rappresentante di Cristo in terra, con il

“potere conferitogli da Dio (?!) “incoronando” Pipino e

concedendogli il “titolo”, se pur onorifico, di “Patricius

Romanorum, ne ricava però in cambio una cruciale

garantita protezione militare del Patrimonio di San

Pietro.

 

Un baratto puramente politico e di potere, se pur

furbamente indorato di “religioso”, che diventerà

classico e anzi “modello” per tutta la nefanda futura

azione politica del nuovo Stato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La “Constitutio Romana”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con gli accordi politici stretti con Pipino, la Chiesa di

Roma si arroga, e ad oggi sembra irreversibilmente, un

ruolo politico che la renderà meno credibile a livello

spirituale.

 

Tali patti verranno infatti successivamente confermati

da altri tre Imperatori - Ludovico il Pio, carolingio

nell'817, Ottone I di Sassonia, nel 962, e Sant'Enrico II,

sempre di Sassonia, nel 1020.

 

 

L'intervento di Pipino spinge i Re Longobardi Astolfo ed

il suo successore Desiderio a “gareggiare con i Franchi,

rilanciando la propria posta attraverso ulteriori

concessioni territoriali al Papa, tra cui la Città di

Ravenna e la cosiddetta “Pentapoli”, all'incirca

corrispondente alla attuale Regione Marche, con le Città

di Rimini, Pesaro, Fano, Senigallia e Ancona.

 

Anche qui si dice di voler effettuare una “restitutio” alla

“respublica Romanorum” nella persona del Pontefice,

che in realtà non ha mai vantato diritti "diretti" su

questi territori, i quali dovrebbero semmai essere

restituiti ai Bizantini, cui sono stati sottratti e da cui

formalmente ancora dipendono...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cosiddetto "Privilegium Ottonianum", scritto in oro, con

cui l'Imperatore Ottone I, alla sua incoronazione nella

Basilica di S. Pietro in Roma da parte di Giovanni XII il 2

febbraio 962, riconferma al Papa le donazioni fatte da

Pipino e Carlo Magno allo Stato della Chiesa ed allo stesso

tempo regola i Diritti Imperiali su Roma e sull'elezione del

Pontifice, secondo l'originaria "Constitutio Romana" di

Lotario dell'anno 824

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nonostante tutti i gesti propiziatori, i Longobardi

continuano a minacciare Roma e nel 774 il Papa Adriano

I chiama in Italia il Re Franco Carlo Magno, che

sconfigge Re Desiderio.

 

Ormai il gioco politico prende il sopravvento e Carlo

Magno vuole sigillare definitivamente i per lui

legittimanti legami con il Papato, concedendogli ancora

nuovi territori, sia nel 781 che nel 787.

 

 

Da tener conto che lo Stato della Chiesa” si è nel

frattempo già notevolmente accresciuto con

l'annessione sia del Ducato di Perugia che, addirittura,

di una parte della stessa “Tuscia Longobarda”, cioè

l'attuale Regione Toscana.

 

La “generosità del Re dei Franchi, ora anche Re dei

Longobardi, porta i confini della “Repubblica dei

Romani oltre ogni aspettativa o rivendicazione

territoriale dello Stato della Chiesa, preludio ad un

nuovo e decisivo “scambio in cui il Papa andrà ad

incoronare Carlo Magno “Imperatore del Sacro Romano

Impero”.

 

 

Dopo Carlo Magno, nell'824, il Papa Eugenio II e Lotario

I, figlio di Ludovico il Pio e quindi nipote di Carlo Magno,

stabiliranno con la “Constitutio Romana” il definitivo

assetto delle reciproche relazioni diplomatiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'inventata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Donazione di Costantino”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella seconda metà dell'VIII sec, quando il potere della

Chiesa si estede ormai a tutti i possedimenti dei

Bizantini dell'Italia Centrale, viene creato, o per ordine

diretto del Papa o comunque per iniziativa di un alto

prelato romano residente al Laterano, allora sede del

Governo della Chiesa - un apocrifo “storico”, la

cosiddetta “Donazione di Costantino” o “Constitutum

Constantini”.

 

Il documento è mirato a “giustificare gli attuali

possedimenti della Chiesa, redatto cioè per legittimare

le “usurpazioni” papali in Italia, facendo intendere come

sia l'Imperatore Costantino in persona a donare a Papa

San Silvestro I, all'inizio del IV sec, sia il Palazzo del

Laterano con la corona e gli altri simboli imperiali, che le

Province Occidentali dell'Impero, la Città di Roma

compresa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sopra, l'imperatore Costantino offre a papa Silvestro I la tiara imperiale,

simbolo del potere temporale, affresco di anonimo nell'Oratorio di San

Silvestro a Roma, e, sotto, la trascrizione della cosiddetta "Donazione di

Costantino", a sinistra in Latino e a destra in Greco, in un libello del XVI

sec custodito negli Archivi Vaticani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel 1442 il filologo Lorenzo Valla dimostrerà

ampiamente l'assoluta falsità del documento

nel suo

De falso credita et mentita

Costantini Donatione!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Palazzo del Laterano, o “Patriarchìo”, cioè residenza

del “Patriarca” di Roma (non “Papa”!), è fino al 1309 la

residenza ufficiale dei Pontefici, spostata al Vaticano

dopo la cosiddetta “Cattività Avignonese”, e fino al XIX

sec vi saranno incoronati  tutti i Papi.

 

 

La Cattività Avignonese - dal Latino captivus,

“prigioniero” - è l'unica volta nella storia della Chiesa,

dal 1309 al 1377, in cui la Sede Papale viene spostata

fuori da Roma, ad Avignone, in Francia, perdendo

l'Urbe, dopo più di mille anni, il ruolo di capitale del

Cristianesimo.

 

Dovuta al rifiuto di Bonifacio VIII del preteso

pagamento delle tasse da parte del clero, avanzato da

Filippo “il Bello”, Re di Francia, culmina con il giudizio di

Bonifacio quale eretico e simoniaco: la sede del Papato

tornerà a Roma ad opera di Gregorio XI, sollecitato dalla

mistica Santa Caterina da Siena.

 

 

La Basilica Laterana, originariamente al centro dei

palazzi lateranensi, è l'unica delle tre grandi basiliche

risalenti a Costantino - San Giovanni in Laterano,

insieme a San Pietro in Vaticano e San Paolo “fuori le

mura”, sulle presunte tombe dei rispettivi Apostolo e

autonominato “tredicesimo Apostolo” - all'interno delle

Mura Aureliane della città e, come chiesa “cattedrale”

del Vescovo di Roma, ha un trono papale o "Cathedra

Romana", che la rende superiore di rango a tutti gli altri

luoghi di culto della Chiesa Cattolica, perfino alla

Basilica di San Pietro.

 

Carlo detto “Magno”, il “grande”, o semplicemente

“Carlomagno”, Re dei Franchi e dei Longobardi, poi

incoronato la notte di Natale dell'800 Imperatore del

Sacro Romano Impero da Leone III, si fa battezzare

nella Basilica Laterana nel 774.