Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Impresa e sviluppo

 

Vai al sito Cultura e società

 

Vai al sito Natura e ambiente

 

Vai al sito Turismo e tempo libero

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Le canzoni del portale Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un posto a sé

"Nun me romp er ca'!" - "Gigi" Proietti

"Gigi" Proietti

 

Nel mondo di De André

La più bella canzone anarchica

"Dolcenera"

Fabrizio De André

Cantautori

"A muso duro"
Pier Angelo Bertoli
"Adagio"
Lara Fabian

"Che il Mediterraneo sia"

Eugenio Bennato

"Amen"

Francesco Gabbani

"La storia siamo noi"

Francesco De Gregori

"Occidentali's Karma"

Francesco Gabbani

Sottofondi

"Toccata in la per arpa sola"

Pietro Domenico Paradisi 

"Pastime With Good Company", "Passatempo in buona compagnia"

Henry Tudor

"Romance de amor", "Romanza d'amor"

Anonimo 

"Concierto de Aranjuez", "Concerto d'Aranjuez"

Antonio Rodrigo

"Boléro", Bolero"

Maurice Ravel

Cantico delle Creature, Laudes Creaturum

Francesco da Assisi

Un posto a sé

"Nun me romp er ca'!"

Gigi Proietti

 

Pagina di origine

Fabrizio Cristiano De André – Uomo, poeta, anarchico

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Al Libro dei Visitatori

 

Un posto a sé  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  "Nun me romp er ca'!" - Gigi Proietti
                               

 

 

 

 

 

 

 

(Abbi pazienza ed aspetta il caricamento dell'audio:
dipende anche dalla qualità della tua connessione...)

 

 

 

 

 

 

 

Il testo

 

 

 

 

 

 

Nun me romp er ca'!

La parodia

 

 

 

Ne me quitte pas

L'originale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

 

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…



Tu m’ha' rott er ca’…
Tu m’ha' rott er ca’…

Tu m’ha' rott er ca’…

Tu m’ha' rott er ca’…

Tu m’ha' rott er ca’…

Tu m’ha' rott er ca’…

Tu m’ha' rott er ca’…

Tu m’ha' rott er ca’…
 


Perciò…

Si me romp er ca’…
Si me romp er ca’…
Si me roooooooooomp er ca’…

 

 

[Parlato]

 

No, me no...

me no, no...

no, none, no...

nun...

me...

romp...

er ca'...

er ca' no...

me no, no...

no, no...

nun me romp er ca'...

no...

me no...

no, no, nun me romp er ca'...

no, no, no, no, nooo...

Tuà a muà...
nun m'ha' da romp er ca'!

No, no...

 

 

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er ca’…

Nun me romp er caaaaa’…

 

 

[Parlato]

 

Tu m'ha rott er ca'!

 

 

 

Ne me quitte pas
Il faut oublier
Tout peut s'oublier
Qui s'enfuit deja
Oublier le temps
Des malentendus
Et le temps perdu
A savoir comment
Oublier ces heures
Qui tuaient parfois
A coups de pourquoi
Le coeur du bonheur
 

Ne me quitte pas (4 fois)

Moi je t'offrirai
Des perles de pluie
Venues de pays
Où il ne pleut pas
Je creuserai la terre
Jusqu'apres ma mort
Pour couvrir ton corps
D'or et de lumière
Je ferai un domaine
Où l'amour sera roi
Où l'amour sera loi
Où tu seras reine
 

Ne me quitte pas (4 fois)

Ne me quitte pas
Je t'inventerai
Des mots insensés
Que tu comprendras
Je te parlerai
De ces amants là
Qui ont vu deux fois
Leurs coeurs s'embraser
Je te racont'rai
L'histoire de ce roi
Mort de n'avoir pas
Pu te rencontrer
 

Ne me quitte pas (4 fois)

On a vu souvent
Rejaillir le feu
De l'ancien volcan
Qu'on croyait trop vieux
Il est paraît-il
Des terres brûlées
Donnant plus de blé
Qu'un meilleur avril
Et quand vient le soir
Pour qu'un ciel flamboie
Le rouge et le noir
Ne s'épousent-ils pas
 

Ne me quitte pas (4 fois)

Ne me quitte pas
Je ne vais plus pleurer
Je ne vais plus parler
Je me cacherai là
À te regarder
Danser et sourire
Et à t'écouter
Chanter et puis rire
Laisse-moi devenir
L'ombre de ton ombre
L'ombre de ta main
L'ombre de ton chien
 

Ne me quitte pas (4 fois)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ne me quitte pas

Jacques Brel

 

 

(Abbi pazienza ed aspetta il caricamento dell'audio:
dipende anche dalla qualità della tua connessione...)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il contesto della canzone

 

Nun me romp er ca'! è la rilettura "sacrilega" di "Ne me quitte pas" di Jacques Brel, canzone scritta nel 1958 e da lui pubblicata per la prima volta l'anno seguente nell'album "La Valse à Mille Temps", una delle canzoni più note del famosissimo autore belga, incisa e reincisa più volte da Brel stesso e reinterpretata da numerose voci, molte mitiche, del Novecento: Lia Origoni, Rod McKuen, Gino Paoli, Marlene Dietrich, Nina Simone, Frank Sinatra, Dalida, Patty Pravo, Ornella Vanoni, Franco Visentin, Mireille Mathieu, Toots Thielemans, Edyta Górniak, Petra Magoni, Maria Gadú, Brian Molko, Celine Dion, Francesco Guccini, Madonna...

Già nel titolo
"Non abbandonarmi", questa peculiare canzone cult, così intervallata dall'incisivo ritornello, si dimostra una delle più struggenti invocazioni di un amante all'amata, in un drammatico crescendo, fino alla fine - diventerà un grande classico della musica francese.
 

 

"Nun me romp er ca… - tu m’ha' rott er ca'!" ne è una riuscitissima parodia proprio perché indovinatissima nella imitante fonìa e perché fatta su qualcosa di "sacro", un principio base questo che vale soprattutto per la satira vera.

 

Come confesserà lo stesso Proietti "La canzone non vuole essere dissacrante: è un semplice scherzo nato dal gusto per l’onomatopea, un gioco di assonanza", ma gli esperti, i critici, quelli reagiscono implacabili, accusandolo di "lesa maestà"!.
 


Certo, trattare in tal modo un capolavoro...:

"Lo so, ma lasciatemi divertire!".

 

"Col tempo mi sono convinto che uno dei problemi nazionali siano i cosiddetti esperti: micidiali..."

 

 

E subito dopo l'"incidente" gli esperti giurano: "Proietti in TV non buca"!

 

Poi fa "Il Maresciallo Rocca", su Rai Due, bloccando davanti al piccolo schermo oltre 15 milioni di persone, e anche sul grande schermo non è che gli vada male...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Gigi" Proietti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luigi Proietti, attore romano figlio di un umbro e di una sabina, comico, affabulatore e trasformista.

Mancato avvocato, inizia come cantante in feste studentesche, bar e poi night-club della capitale, quindi attore nel teatro sperimentale, dal 1964 in ruoli secondari, anche con Andrea Camilleri, non ancora celebre scrittore, per poi far successo nella commedia musicale, sostituendo Domenico Modugno e accanto a Vittorio Gassman, fino al vero trionfo in one-man-show dal 1976 ad oggi, monologhista, cantante, imitatore, ballerino, ottenendo un incredibile successo di pubblico, ammirato e stimato da personalità dello spettacolo come Federico Fellini ed Eduardo De Filippo.
 

 

 


Dal 1978 al 2007
direttore artistico e regista del Teatro Brancaccio di Roma, dove crea un Laboratorio di Esercitazioni Sceniche per giovani attori, proprio come Vittorio Gassman e la sua Bottega Teatrale di Firenze, quindi alla direzione del GranTeatro, sempre a Roma, e dal 2003 anche del teatro scespiriano Silvano Toti Globe Theatre, nato da una sua idea.

Oltre che attore teatrale in più di una cinquantina di rappresentazioni, anche
attore cinematografico, televisivo e radiofonico, in altrettanti film ed una quarantina di produzioni televise, doppiatore e direttore di doppiaggio, conduttore televisivo e di varietà, regista televisivo e di una quarantina di produzioni teatrali e una decina di opere liriche, poeta dialettale sulle orme di Belli, Trilussa e Petrolini, scrittore, interprete vocale discografico con una decina di album musicali e una quindicina di singoli di successo.

 

 

Commendatore al Merito della Repubblica Italiana, Cittadino Onorario della Città di Viterbo e quindi della Tuscia Romana, due Nastri d'argento e un Leggio d'Oro alla carriera.