Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Impresa e sviluppo

 

Vai al sito Cultura e società

 

Vai al sito Natura e ambiente

 

Vai al sito Turismo e tempo libero

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Le canzoni del portale Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sottofondi (continua)

Cantico delle Creature, Laudes Creaturum - Francesco da Assisi  

 

Nel mondo di De André

La più bella canzone anarchica

"Dolcenera"

Fabrizio De André

Cantautori

"A muso duro"
Pier Angelo Bertoli
"Adagio"
Lara Fabian

"Che il Mediterraneo sia"

Eugenio Bennato

"Amen"

Francesco Gabbani

"La storia siamo noi"

Francesco De Gregori

"Occidentali's Karma"

Francesco Gabbani

Sottofondi

"Toccata in la per arpa sola"

Pietro Domenico Paradisi 

"Pastime With Good Company", "Passatempo in buona compagnia"

Henry Tudor

"Romance de amor", "Romanza d'amor"

Anonimo 

"Concierto de Aranjuez", "Concerto d'Aranjuez"

Antonio Rodrigo

"Boléro", Bolero"

Maurice Ravel

Cantico delle Creature, Laudes Creaturum

Francesco da Assisi

Un posto a sé

"Nun me romp er ca'!"

Gigi Proietti

 

Pagina di origine

Fabrizio Cristiano De André – Uomo, poeta, anarchico

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Al Libro dei Visitatori

 

Sottofondi (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  "Cantico delle Creature" - Francesco da Assisi
                               

 

 

 

 

 

 

 

(Abbi pazienza ed aspetta il caricamento dell'audio:
dipende anche dalla qualità della tua connessione...)

 

 

 

 

 

 

 

Il testo

 

 

 

 

 

 

Altissimu, onnipotente, bon Signore,
tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione.

Ad te solo, Altissimo,

se konfàno et nullu homo ène dignu te mentovare.

Laudato sie, mi’ Signore,

cum tucte le tue creature, spetialmente messor lo frate sole, lo qual’è iorno, et allumini noi per lui.

Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore, de te, Altissimo, porta significatione.

Laudato si’, mi’ Signore,

per sora luna e le stelle, in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.

Laudato si’, mi’ Signore,

per frate vento et per aere et nubilo et sereno et onne tempo, per lo quale a le tue creature dai sustentamento.

Laudato si’, mi’ Signore,

per sor’aqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.

Laudato si’, mi Signore,

per frate focu, per lo quale ennallumini la nocte, et ello è bello et iocundo et robustoso et forte.

Laudato si’, mi’ Signore,

per sora nostra matre terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba.

Laudato si’, mi’ Signore,

per quelli ke perdonano per lo tuo amore, et sostengo infirmitate et tribulatione.

Beati quelli ke 'l sosterrano in pace,

ka da te, Altissimo, sirano incoronati.

Laudato si’ mi’ Signore

per sora nostra morte corporale, da la quale nullu homo vivente pò skappare:

guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali;

beati quelli ke trovarà ne le tue santissime voluntati,

ka la morte secunda no 'l farrà male.

Laudate et benedicete mi’ Signore'

et ringratiate et serviateli cum grande humilitate.

 

 

 

Il Cantico

 

Il Cantico delle Creature, "Canticus" o "Laudes Creaturarum", è anche noto come "Cantico di Frate Sole", un testo poetico - il più antico della letteratura italiana ad oggi conosciuto - secondo composto da Francesco d'Assisi, molto probabilmente in tre momenti diversi, ma, secondo la tradizione nel 1224, cioè due anni prima della sua morte.


Un
inno sacro alla Vita, una lode entusiasta alla Natura, nella religiosità di Francesco anche una intensa preghiera al "Creatore" nella sua immagine riflessa: le parole - semplici, intense e vigorose - cantano l'armoniosa fratellanza fra uomo e universo, in una visione innovativa ed esaltante del mondo così e lontana dal buio pesante di distacco e disprezzo, peccato e sofferenza, tipici delle tendenze religiose medioevali.

 

In volgare umbro del XIII secolo, il Cantico è in prosa ritmica assonanzata, certamentecon accompagnamento musicale dello stesso Francesco, purtroppo andato perso: i versetti sono raggruppati in blocchi tematici e ricorda per contenuto e forma alcuni cantici biblici del Vecchio Testamento.

 

 

 

 

 

 

Francesco

 

Francesco nasce ad Assisi, Umbria, nel 1181 o 1182 da Pietro Di Bernardone, e vive dapprima una vita spensierata, facile e lussuosa, grazie alla ricchezza del padre, affermato mercante del luogo: combattuti i Perugini e loro prigioniero per un anno, tra il 1202 e il 1206 attraversa una trasformazione spirituale talmente profonda da rinunciare poi a tutti i propri beni per dedicarsi alla predicazione evangelica in povertà assoluta.

 

La sua scelta di estrema protesta attrae da subito molti seguaci, che nel 1210 circa si raccogono nel primo Ordine Francescano, caratterizzato da una vita monastica in povertà ed essenzialità, fra i poveri, con i poveri, per i poveri: l'approvazione della regola da parte di Innocenzo III avviene nonostante Roma combatta all'epoca movimenti eretici rivoluzionari simili al francescanesimo, tutti contrari all'allontanarsi della Chiesa dalla verità del suo Vangelo.

 

Muore nel 1226 nella cosiddetta "Porziuncola", l'umile chiesetta prima sede dell'Ordine, e già nel 1228 Gregorio IX lo proclama santo: la vita può essere vissuta o come se nulla abbia di miracoloso o tutto sia un miracolo - Francesco sceglie e vive appieno il miracolo, la Chiesa continuerà fino ai nostri giorni ad incarnare la negazione del proprio messaggio.

 

 

Questa versione

 

La voce è di Nico Palumbo, la musica di sottofondo di Hans Zimmer e Lisa Gerrard, la sedicesima "traccia" o il sedicesimo tema "Honor him, "Onore a lui", dalla celeberrima colonna sonora del film "The Gladiator", "Il Gladiatore", del 2000.

 

Splendida la voce, bellissima ed evocativa la musica.