Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Impresa e sviluppo

 

Vai al sito Cultura e società

 

Vai al sito Natura e ambiente

 

Vai al sito Turismo e tempo libero

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Le canzoni del portale Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sottofondi (continua)

"Romance de amor", "Romanza d'amor" - Anonimo   

 

Nel mondo di De André

La più bella canzone anarchica

"Dolcenera"

Fabrizio De André

Cantautori

"A muso duro"
Pier Angelo Bertoli
"Adagio"
Lara Fabian

"Che il Mediterraneo sia"

Eugenio Bennato

"Amen"

Francesco Gabbani

"La storia siamo noi"

Francesco De Gregori

"Occidentali's Karma"

Francesco Gabbani

Sottofondi

"Toccata in la per arpa sola"

Pietro Domenico Paradisi 

"Pastime With Good Company", "Passatempo in buona compagnia"

Henry Tudor

"Romance de amor", "Romanza d'amor"

Anonimo 

"Concierto de Aranjuez", "Concerto d'Aranjuez"

Antonio Rodrigo

"Boléro", Bolero"

Maurice Ravel

Cantico delle Creature, Laudes Creaturum

Francesco da Assisi

Un posto a sé

"Nun me romp er ca'!"

Gigi Proietti

 

Pagina di origine

Fabrizio Cristiano De André – Uomo, poeta, anarchico

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Al Libro dei Visitatori

 

Sottofondi (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  "Romance de amor", "Romanza d'amor" - Anonimo
                               

 

 

 

 

 

 

 

(Abbi pazienza ed aspetta il caricamento dell'audio:
dipende anche dalla qualità della tua connessione...)

 

 

 

 

 

 

 

La musica

 

"Romance Anónimo", "Romanza anonima", è un classico pezzo per chitarra, conosciuto sotto innumerevoli nomi, come, tra gli altri, "Estudio en Mi de Rubira" "Studio in Mi di Rubira", "Romance de España" "Romanza spagnola", "Romance d'Amour" "Romanza d'amor", "Romanza per chitarra" o semplicemente "Romanza".


La sua
paternità incerta tuttora oggetto di discussioni, si crede che originalmente sia un a solo strumentale per chitarra scritto nel XIX secolo, attribuito solitamente ad Antonio Rubira, ma anche a David del Castillo, Francisco Tárrega, Fernando Sor, Daniel Fortea, Miguel Llobet, Antonio Cano, Vicente Gómez and Narciso Yepes e molti altri.

 

L' "Anónimo" nel suo titolo è dovuto proprio a questa incertezza e per tre ragioni ben precise: nessuno si è apertamente detto esserne l'autoore, voler evitare di pagarne i diritti di autore, i tentativi delle società editrici di comunque volerci lucrare sopra quale opera popolare in tutto il mondo.


Lo stile del pezzo è quello della cosiddetta
musica "Parlour" del tardo XIX secolo, popolarissima sia in Spagna che Sudamerica, con un formato fisso in tre parti: la prima in tonalità minore e la seconda è in tonalità maggiore, con la terza una riaffermazione del primo.


Il "Parlour" è un tipo di musica popolare che, come suggerisce il nome, destinato ad essere eseguito nei
salotti di case borghesi da cantanti e pianisti dilettanti, con il suo massimo splendore appunto verso la fine dell'Ottocento secolo, questo a seguito di un periodo di prosperità economica con l'aumento costante del numero di famiglie tanto agiate da permettersi l'acquisto di strumenti musicali e maestri di musica, con sufficiente tempo libero e motivazione culturale da impegnarsi nel fare musica.

 

La popolarità di questa moda diminuisce e decade nel secolo successivo, sostituito da giradischi e radio.
 


Uno dei supposti compositori

Una delle prime
incisioni della "Romance Anónimo" è addirittura su un cilindro a Madrid tra il 1897 e il 1901 con il titolo "Sort-Estudio para Guitarra por S. Ramirez", "Sort" con riferimento a Fernando Sor.


Una delle originarie pubblicazioni dell'opera avviene però in Argentina nel 1913 e con un altro titolo, cioè
"Estudio para Guitarra de Rovira" o semplicemente "Estudio de Rovira", attribuendola al chitarrista Antonio Rubira e databile tra il 1876 e il 1878, vincendo popolarità a Buenos Aires, cosa confermata prima da uno dei ad oggi primi spartiti rinvenuti, da sempre attribuito ad Antonio Rubira anche se non firmato, ed in seguito dalla Editrice Ricordi argentina, la quale appunto la pubblica attribuendola ad Antonio Rubira.