Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Impresa e sviluppo

 

Vai al sito Cultura e società

 

Vai al sito Natura e ambiente

 

Vai al sito Turismo e tempo libero

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Le canzoni del portale Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sottofondi

"Toccata in la per arpa sola" - Pietro Domenico Paradisi

 

Nel mondo di De André

La più bella canzone anarchica

"Dolcenera"

Fabrizio De André

Cantautori

"A muso duro"
Pier Angelo Bertoli
"Adagio"
Lara Fabian

"Che il Mediterraneo sia"

Eugenio Bennato

"Amen"

Francesco Gabbani

"La storia siamo noi"

Francesco De Gregori

"Occidentali's Karma"

Francesco Gabbani

Sottofondi

"Toccata in la per arpa sola"

Pietro Domenico Paradisi 

"Pastime With Good Company", "Passatempo in buona compagnia"

Henry Tudor

"Romance de amor", "Romanza d'amor"

Anonimo 

"Concierto de Aranjuez", "Concerto d'Aranjuez"

Antonio Rodrigo

"Boléro", Bolero"

Maurice Ravel

Cantico delle Creature, Laudes Creaturum

Francesco da Assisi

Un posto a sé

"Nun me romp er ca'!"

Gigi Proietti

 

Pagina di origine

Fabrizio Cristiano De André – Uomo, poeta, anarchico

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Al Libro dei Visitatori

 

Sottofondi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  "Toccata in la per arpa sola" - Pietro Domenico Paradisi
                               

 

 

 

 

 

 

 

(Abbi pazienza ed aspetta il caricamento dell'audio:
dipende anche dalla qualità della tua connessione...)

 

 

 

 

 

 

 

La musica

 

Costituisce l'Allegro dalla Sonata VI in La maggiore di Pietro Domenico Paradisi, più noto come "Toccata per arpa sola", probabilmente il brano di musica settecentesca più conosciuto dal grande pubblico italiano per essere stato il sonoro di sottofondo del famosissimo "Intervallo" dei programmi RAI delle prima televisone in bianco e nero durante un arco molto lungo di anni, anzi decenni.

Una
composizione di rara bellezza.
 


Il compositore


Pietro Domenico Paradisi, da alcuni meglio conosciuto come "Paradies", è un arpacordista, compositore e didatta italiano nato a Napoli nel 1707 e morto a Venezia nel 1791: forse allievo di Nicola Porpora, inizia il suo percorso professionale come compositore di opere per il teatro, di arie e cantate, ma senza particolare successo, per cui si trasferisce a Londra, dove al contrario diventa celebre come insegnante di clavicembalo e soprattutto come autore colto e raffinato di composizioni strumentali di immediata larga diffusione grazie al loro stile eclettico, fantasioso e ricco di virtuosismi, tornando infine in Italia solo in tarda età.
 


La fama di Paradisi è dovuta quindi alla sua
produzione di concerti per tastiera, organo e clavicembalo, anche dagli storici della musica considerata "eccellente", al pari del suo predecessore, Domenico Scarlatti, anche lui napoletano: tra le opere più celebri le Dodici sonate per clavicembalo, composte proprio a Londra a metà secolo, e, fra queste, in modo del tutto particolare, appunto l'"Allegro" dalla "Sonata VI in La maggiore", più conosciuto come "Toccata in La maggiore", di cui in epoca moderna verrà per questo realizzata una vasta e variegata discografia, una delle versioni per arpa poi a lungo utilizzata dalla RAI.