Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Redazione e informazione

 

Vai al sito Impresa e sviluppo

 

Vai al sito Cultura e società

 

Vai al sito Natura e ambiente

 

Vai al sito Turismo e tempo libero

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di  tutte le parole | Mappatura  del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Le prime di copertina del portale - Archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La prima di copertina (continua)

2012 - Collezione "Gli Etruschi" (continua)

Febbraio

Le Lamine di Pyrgi

 

La prima di copertina

2012 - Collezione "Gli Etruschi"

Indice

- Gennaio

- Febbraio

- Marzo

- Aprile

- Maggio

- Giugno

- Luglio

- Agosto

- Settembre

- Ottobre

- Novembre

- Dicembre

2013 - Collezione privata "Gli Arnesi" di Massimo Perugini

2014 - Collezione "Terra e Sapori della Tuscia Romana"

2015 - Collezione "Tesori della Tuscia Romana - Arte e Archeologia"

2016 - No Comments, "La nostra comune umanità"

 

Pagina di origine

Le note a piè di pagina del portaleArchivio

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

La prima di copertina (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2012 - Collezione "Gli Etruschi" (continua)

   

 

                           

 

Febbraio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Lamine di Pyrgi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le tre cosiddette "Lamine di Pyrgi" riportano dediche impresse a stilo su dei laminati d'oro e rappresentano tra le più antiche fonti scritte italiche, in Fenicio ed Etrusco.

 

Ritrovate nel 1964 nel sito archeologico etrusco di Santa Severa, Santa Marinella, Roma, sono oggi conservate presso il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma.
 


Tra VI e IV secolo aC
Pyrgi è uno dei tre porti di Caere Vetus, l'antica Cerveteri, uno dei principali scali e luoghi di scambio commerciale dell'intero Bacino Mediterraneo.

 

È caratterizzato da almeno due santuari di fama internazionale - il tempio di Uni/Astarte di fine VI secolo e quello di Thesan/Leucotea di prima metà V secolo aC.

 


Le lamine, databili a
fine VI-inizio V secolo aC, apparterrebbero al primo tempio (denominato "B" durante gli scavi), alte solo una ventina di centimetri, una con testo in Fenicio e due in Etrusco, tutti testimonianti la sua consacrazione alla dea fenicia Astarte, in Etrusco "Uni-Astarte", officiata da tale Thefarie Velianas, allora governatore di Caere Vetus.


Pur non identici, i testi nelle due lingue
aiutano a decifrare l'Etrusco, documentando l'influenza punica capace di "imporre" agli Etruschi un magistrato "pro-Fenici" all'epoca della loro alleanza anti-ellenica nel Tirreno.