Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Impresa e sviluppo

 

Vai al sito Cultura e società

 

Vai al sito Natura e ambiente

 

Vai al sito Turismo e tempo libero

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Tuscia Romana online

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Notizie, articoli e commenti - formato testi doc ed immagini jpg - proposti a notiziario@tusciaromana.info

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Settembre 2010

 

- 2009 

- 2010  

- 2011

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

Spalato, Croazia, sabato 25 settembre 2010

 

 

S  P  E  C  I  A  L  E    “ M   I   S   T   E   R   I ”

 

 

“Fede”, “Religione” e “Chiesa”

sono cose ben distinte - È ora di farla finita:

ribelliamoci una volta per tutte

alle favole e alle mistificazioni

di questa vergognosa 

“Chiesa Cattolica Apostolica Romana S.p.A.”!

 

di Filippo Roda e Carlo Correale, Gianluca Freda e di - e a cura di - Luciano Russo

 

 

E l'uomo creò dio,

a propria immagine e somiglianza se lo creò...

 

(Continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La "Fede"

 

 

Un credo è un sistema di valori e di significati essenziali, individuale, che riguarda tutti gli aspetti della mia vita, la mia specifica pre-condizione umana nel cercare di viverla al meglio, come riguarda anche la mia esistenza contestualmente ad un ordine cosmico:

 

"Io parte del tutto".

 

 

 

 

 

 

Tale relazione tra me umano e ciò che io scelgo di considerare "sacro", posso svilupparla:

 

- o nell'ordine delle cose "naturali", sensorialmente percepibili, attraverso i miei sensi;

 

- o in un ordine "soprannaturale", "sopra" o al di fuori del naturale, che mi renda possibile o almeno mi faciliti di dar risposta al significato ultimo del mio esistere, alle mie domande "esistenziali".
 


La dichiarazione stessa del "sacro", l'eleggere qualcosa di ordinario a straordinario, extra- o fuori dell'ordinario, già basta ad innalzarmi al di sopra dell'ovvio, segno evidente di quale sforzo ogni uomo compia per cercare di vivere in un mondo il cui significato lo giustifichi.

 

 

Abbracciare una fede è costruirsi un mondo di "certezze", tentativo ultimo di esorcizzare ineludibili dubbi, paura e panico del non trovare adeguate risposte.

 

La fede, se "religiosa", diventa addirittura poi una relazione "personale", tra essere vivente ed essere vivente, tra me umano ed una "divinità"...

 

(Continua)