Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Il territorio della Tuscia Romana

La valorizzazione dell'ambiente e del paesaggio

Il materiale originale e le immagini in questa pagina sono riportati dal blog Ambiente e Paesaggio 2000 © Luca Bellincioni: la Redazione ringrazia l'autore per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Progetto per la valorizzazione turistica del paesaggio della Tuscia"

di Luca Bellincioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  8. La valorizzazione dei piccoli villaggi abbandonati, centri commerciali naturali, villaggi turistici naturali, albergo diffuso

 

Introduzione

Un turismo colto e selezionato

Nulla è mai stato fatto

Paesaggi unici al mondo

Un problema culturale di fondo

Manca una valorizzazione turistica del territorio nel suo complesso

Una zona da "terzo mondo del turismo"

Quattro tipologie di paesaggio

  1. Il Parco Nazionale della Maremma Etrusca

  2. Il Parco Regionale della Teverina Viterbese

  3. Valorizzazione della rete stradale minore della Tuscia

  4. Un parco per Norchia e Falerii Novi

  5. Decoro urbano ed extraurbano e ricostituzione del patrimonio edilizio ed architettonico originario

  6. Fruibilità dei castelli e delle torri panoramiche nei centri storici

  7. I parchi suburbani

  8. La valorizzazione dei piccoli villaggi abbandonati, centri commerciali naturali, villaggi turistici naturali, albergo diffuso

  9. Documentari per la promozione della Tuscia

10. Ippovie, percorsi ciclabili, trenini natura

11. Valorizzazione escursionistica del patrimonio ambientale

 

Ipotesi per un Parco Nazionale dell’Etruria Laziale

Brevi riflessioni sull’urgenza di istituire un Parco Naturale dei Monti della Tolfa

Tra la Tolfa e la Maremma – Un territorio da salvare!

Ancora eolico sulla Maremma!

Aree di particolare pregio naturalistico e paesaggistico nel Lazio ancora in attesa di tutela

Il "nulla" che divora il paesaggio italiano

L’incubo dei capannoni incombe sul Bel Paese: ecco l’assalto dei veri "ecomostri"

"Insediamento sparso" e degrado del paesaggio rurale

Gli ecomostri della Tuscia

10 riflessioni contro l’eolico in Maremma

L'importanza dello "spazio" nell'era dell'Urbanesimo e la tutela del paesaggio tuscanese

Deficit di tutela e deficit di sviluppo nella Tuscia

 

Luca Bellincioni - Una presentazione

Ambiente e Paesaggio 2000

Patrimonio SOS - Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

8. La valorizzazione dei piccoli villaggi abbandonati, centri commerciali naturali, villaggi turistici naturali, albergo diffuso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maremma Laziale - Casale in rovina nella campagna tuscanese

 

 

Importante è anche la valorizzazione dei piccoli borghi semi-spopolati quali "centri commerciali naturali", con l’organizzazione di una fiera mensile itinerante sui prodotti tipici della Tuscia, da localizzare ogni mese in un centro diverso.

 

 

Tale iniziativa dovrebbe interessare tutti i paesi con caratteri di spiccata marginalità, al fine di far conoscere meglio il territorio della Tuscia con i suoi incantevoli siti minori, immersi in scenari paesaggistici straordinari e tuttora sconosciuti al turismo locale, nazionale ed internazionale.

 

Anche la stessa ricettività andrebbe incentivata in centri di questo tipo, al fine di creare dei veri e propri "villaggi turistici naturali" (collegabili al turismo scolastico, ai campi scuola, al turismo congressuale, a corsi e seminari), in contesti dove ormai regna l'abbandono più totale, favorendo peraltro, con investimenti mirati, un enorme sviluppo dell'edilizia "di qualità", legata cioè alle ristrutturazioni, che qui troverebbe un campo d'azione ancora completamente "vuoto".

 

 

Fra i numerosi paesi in cui tali iniziative potrebbero essere fattibili, citiamo ad esempio Pianiano, Roccalvecce, Montecalvello, Sermugnano, Arlena di Castro, Ischia di Castro, Cellere, Tessennano, Bassano in Teverina, Civitella d'Agliano, Sipicciano, Faleria, Veiano, Civitella Cesi, Lubriano, Mazzano Romano, Magliano Romano, Castel Sant'Elia, Mugnano, Graffignano, ecc..