Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Tuscia Romana – Turismo & tempo libero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La canzone di questo sito Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Te c'hanno mai mannato?

Il testo

Alberto Sordi

 

Pagina iniziale

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Te c'hanno mai mannato?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(Abbi pazienza ed aspetta il caricamento dell'audio:

dipende anche dalla qualità della tua connessione...)

 

 

 

 

 

 

 

Il testo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Me sarò chiesto cento, mille volte:
io che nun so' né re né imperatore,
che ho fatto per trovamme 'sta reggina:
ne lletto, fra le bbraccia, in fonno ar core?
E datosi che sei così prezziosa,
stasera io te vojo di’ ‘na cosa...

 

Te c'hanno mai mannato - a quer paese?
Sapessi quanta gente che ce sta...
Er primo cittadino è amico mio,
tu dije che te ciò - mannato io!

 

Evvà! E va: va avanti tu che adesso ciò da fa'...
Sarai la mia metà ma si nun parti,
diventi n’antro po' - la mia treqquarti!

 

Evvà! E va: nun poi sape' er piacere che me fà...
Magari quarche amico te consola,
così tu fai la scarpa e lui - te sola!
Io te ce manno sola, io te ce manno sola,
sola senza de me!

 

Già che ce so, me levo st'artro peso
co' tte che fai er capoccia e stai più sù:
te sei allargato troppo, ...senti - a coso! -
mica t'offenni se te do der tu...

 

Te c'hanno mai mannato - a quer paese?
Sapessi quanta gente che ce sta...
A te te danno la medaja d’oro
e noi te ce mannamo tutti 'n coro!

 

Evvà! E va: chi va co la corente è 'n baccalà...
Io so' sarmone e nun me 'mporta gnente,
a me me piace annà controcorente!

 

Evvà! E va: che più sei grosso e più ce devi annà...
E t'aritroverai ner posto giusto
e prima o poi vedrai - ce provi gussto!

Sto solo scherzando... Uh, sto solo cantando...

Uh, sto solo a scherza': pardon!

Pardon, pardon, 'n par de... [palle!]

 

Ma quanno la matina sto a lo specchio
c'è un fatto che me bbutta giù er morale:
io m’aritrovo sempre - ar gabbinetto
e m'aricanto addosso sto finale...

 

Te c'hanno mai mannato - a quel paese?

Sapessi quanta gente che ce sta...
Così che me ‘ncoraggio e me consolo
cor fatto de mannammece da solo!

 

Evvà! E va: che si ce devi annà ce devi annà...
Tanto si t’annisconni dietro a ‘n vetro
‘na mano c'hai davanti - e n’antra dietro!

 

Evvà! E va: è inutile che stamo a liticà...
Tenemoce abbracciati stretti stretti,
che tanto prima o poi - c’annamo tutti!
A quel paese tutti, a quel paese tutti,

a quel paese tutti...

 

("Aoh! Ma tu che fai: nun venghi?"

"Chi è, aoh? Eccome ‘n vengo? Pe fforza!")

 

...a quel paese tutti,

a quel paese tutti, a quel paese tutti,

a quel paese tutti: a quel paese là!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alberto Sordi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L' "Arbertone nazzionale" nasce e muore nella sua Roma, città di cui è figlio amorevolissimo e prediletto, ma di cui non può fare a meno di attaccare e ridicolizzare per una vita i tanti vizi e le false virtù":

 

"Voi vede che Nerone nun era così matto: forse era mejo daje foco!...".

 

 

Mario Monicelli, in occasione della morte dell'amico Alberto dirà:

 

"È stato un comico capace di contraddire tutte le regole del comico...".

 

 

Un comico "diverso", che basa la sua filosofia di vita ed artistica su questo suo semplice assioma:

"La nostra realtà è tragica solo per un quarto: il resto è comico!".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una delle colonne portanti della cosiddetta "commedia all'italiana", vi introduce generosamente tutta la sua "romanità" ed i personaggi che si inventa ed interpreta nei suoi circa 150 film sono quasi tutti "negativi".

 

 

L' "italiano medio" di Sordi è pragmatico e deludente, colmo di bassezze, prepotente con i deboli e servile con i potenti, ma comunque riscattato da quel contesto di ideali, valori e costumi tipici ancora di un'Italia della guerra e del dopoguerra, sempre salvato e giustificato da contraddittori impulsi di generosità, addirittura guizzi d'eroismo, per la capacità di sollevarsi dalle miserie della quotidianità e sognarsene via ad occhi aperti.

 

Sordi viene amato da un larghissimo pubblico (non solo a Roma, ma in tutto il paese) che nei suoi personaggi si immedesima profondamente, rivendicando con orgoglio la propria "pochezza", sentendosi finalmente rappresentato e legittimato nei propri difetti di "popolo che si adatta come può" ad una società che proprio non va...

 

 

Della orgogliosa italianità di Sordi torna alla mente l'espressione verbale e corporea, la mimica - così tipicamente "sue"! - in un'intervista:

 

Sordi, con enfasi ciceronica e un gran sorriso a confortare la veridicità della "dichiarazione":

"Gli italiani sono il popolo più meraviglioso del mondo!"

 

A questo punto il giornalista lo interrompe con tono un po' deluso:

"Ma è un luogo comune..."

 

Sordi se lo guarda con una faccia mesta e preoccupata, come profondamente sconcertato dalla notizia:

"Ah sì?..."

 

Poi una lunga pausa, quasi imbarazzante - occhi negli occhi... - fino al guizzo della nota, improvvisa quanto liberatoria "sgrullata de' spalle" accompagnata da:

"E che ce posso fa'?"

 

Semplicemente disarmante!

 

 

Tipo molto particolare nella vita privata e non solo, ma cento per cento simpaticamente se stesso, senza mai nascondersi dietro frasi diplomatiche o di circostanza - basti pensare alla sua incredibile "battuta" da scapolone, che poi tanto battuta, pensando a chi la fa, non è:

 

"Non mi sposo perché non mi piace avere gente estranea in casa..."

 

Sarà indubbiamente ricordato come una delle persone più umane "de 'sto monnaccio 'nfame"!

 

(E non è davvero poco!)