Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Il materiale originale ed alcune immagini in queste pagine sono © o di proprietà di Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore / il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La caccia ai Primati

1920 – Luigi Bologna, prima vittoria della Coppa Schneider

 

La caccia ai Primati

1920 – Luigi Bologna, prima vittoria della Coppa Schneider

Quattro vittorie, ma nessuna Coppa all'Italia

1921 – Giovanni De Briganti, seconda vittoria italiana della Coppa Schneider

1925 – Mario De Bernardi, il primo record di velocità

1926 – Mario De Bernardi, terza vittoria italiana della Coppa Schneider

1928 – Arturo Ferrarin, primati mondiali di durata e distanza

1930 – Umberto Maddalena e Fausto Cecconi, primati di durata e distanza migliorati

1933 – Tito Falconi, primato di “volo rovescio”

1934 – Renato Donati, primato di altezza

1934 – Francesco Agello, record di velocità ancora imbattuto

1937, 1938 - Mario Pezzi, primato di altezza stabilito e migliorato

1937 - Cupini e Paradisi, vittoria della Istres-Damasco-Parigi

1938 - “Sorci Verdi”, primato di velocità sulla Roma-Rio de Janeiro

Ma in guerra i primati non contano

 

Pagina di origine  

L’Aeronautica Militare Italiana – Un'introduzione

"Un piccolo spazio  personale" di Luciano Russo

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

La caccia ai Primati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1920 – Luigi Bologna, prima vittoria della Coppa Schneider

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Jacques Schneider, figlio di un ricco industriale francese produttore di armi, è da sempre appassionato di motori e anche di aviazione.

 

Nel 1911, conseguito il brevetto di volo per pallone libero, si interessa all’“idrovolante”, che considera come molti altri lo strumento per eccellenza per lo sviluppo dell’aviazione in chiave commerciale.

 

La “barca volante” viene infatti erroneamente ritenuta “più sicura” dell’aeroplano terrestre, in quanto l’acqua da l’ingannevole idea di una più “morbida” – e quindi meno pericolosa – superficie per impatti di fortuna.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Trofeo Schneider, poi definitivamente assegnato alla Gran Bretagna.

 

 

 

 

 

 

 

Nel 1912, a un banchetto all’Aéro Club de France, Schneider annuncia la sua intenzione di mettere in palio “La Coupe d’Aviation Maritime Jacques Schneider”: un trofeo riservato ad idrovolanti, che sarà assegnato definitivamente a quell’AeroClub che avrà vinto tre volte in cinque anni.

 

La gara prevede un circuito aereo di 10 km da percorrere 28 volte e ciascuna nazione non può iscrivere più di tre concorrenti.