Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Il materiale originale ed alcune immagini in queste pagine sono © o di proprietà di Luciano Russo: la Redazione ringrazia l'autore / il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La fine di un sogno che non finirà mai

L’apice e il declino

 

La fine di un sogno che non finirà mai

L’apice e il declino

Il Soccorso Aereo

 

Pagina di origine  

L’Aeronautica Militare Italiana – Un'introduzione

"Un piccolo spazio  personale" di Luciano Russo

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

La fine di un sogno che non finirà mai

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’apice e il declino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vigna di Valle, il più antico e più grande idroscalo militare d’Italia, segue le glorie ed il tramonto del velivolo idrovolante.

 

Il Cant Z 506 B, uno dei più noti esempi, entra in servizio nel 1938, versione militare di quella civile, già in dotazione alla compagnia di bandiera “Ala Littoria”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno dei Cant Z 506 in servizio a Vigna di Valle nel periodo prebellico.

 

 

 

 

 

 

 

Viene utilizzato come come silurante, poi per la ricognizione ed infine il soccorso aereo: allo scoppio delle ostilità ve ne sono 57 in forza alle Squadriglie da Bombardamento Marittimo e 28 presso le Squadriglie da Ricognizione.

 

 

 

 

 

I 506 da Bombardamento Marittimo si distinguono in numerose azioni di attacco contro convogli nemici, partecipando agli scontri di punta Stilo e Capo Teulada: sono queste le ultime azioni della specialità Bombardamento Marittimo, perché, pur essendo moderno, il velivolo si dimostra comunque più lento dei bombardieri nemici della stessa generazione e con un minor carico bellico.

 

 

Per questo i 506 passano al compito di Ricognizione Marittima, setacciando quotidianamente il Mediterraneo con missioni lunghissime, affrontando sacrifici e esponendosi a rischi molto gravi: l’aereo, pur generoso, dotato cioé di eccellenti qualità nautiche e buon assorbitore di colpi, è terribilmente esposto.

 

Il numero delle perdite è elevatissimo, sia a causa della sua scarsa velocità, sia per la natura stessa delle missioni, che lo portano, isolato, nelle vicinanze di basi navali ben munite o grosse formazioni navali, dove di regola va incontro ad attacchi della caccia nemica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una moderna illustrazione del Cant Z 506.