Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana

I musei del territorio

Il Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana 

Il materiale originale in questa pagina è © Massimo Perugini e Paolo Folchitto (immagini) e Luciano Russo (testi): la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il museo virtuale – Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le collezioni del divenendo Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria di Bracciano, Roma

Gli arnesi della collezione privata di Massimo Perugini

 

Le collezioni del divenendo Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria di Bracciano, Roma

Gli arnesi della collezione privata di Massimo Perugini

Galleria virtuale dei pannelli

Pannello n. 1 - Gli arnesi del Contadino, falci e falcetti

Pannello n. 2 - Gli arnesi del Contadino, zappe

Pannello n. 3 - Gli arnesi del Contadino, curiati

Pannello n. 4 - Il cavallo

Pannello n. 5 - Il cavallo

Pannello n. 6 - Vite e ulivo, vino e olio

Pannello n. 7 - Gli arnesi del Bottaio e del Facocchio

Pannello n. 8 - Bottaio e Tornitore, cavole

Pannello n. 9 - Gli arnesi del Pastore

Pannello n. 10 - Gli arnesi del Cacciatore

Pannello n. 11 - Gli arnesi del Bottaio, colmatori

Pannello n. 12 - Gli arnesi di Mollicone il Bottaio, "er Bottaro"

Pannello n. 13 - Le raspe

Pannello n. 14 - I ronci

Pannello n. 15 - Gli arnesi della Ferriera Pomponi a Bracciano

Pannello n. 16 - Gli arnesi del Bottaio o "Bottaro" e del Facocchio o "Carradore"

Pannello n. 17 - Gli utensili da cucina

Pannello n. 18 - Arnesi Braccianesi

Pannello n. 19 - Gli arnesi del Barbiere

Pannello n. 20 - Gli arnesi del Lanaio o "Lanaro" e del Tessitore

Pannello n. 21 - Varie e lanterne

Pannello n. 22 - Tostaorzo

Pannello n. 23 - Gli arnesi del Saldatore o "Calafatore" o "Stagnaro"

Pannello n. 24 - Gli arnesi del Calzolaio

Pannello n. 25 - Gli arnesi del Calzolaio

Pannello n. 26 - Gli arnesi del Calderaio o "Callararo"

Pannello n. 27 - Gli arnesi del Passatore, succhielli e tavanelli

Pannello n. 28 - Gli strumenti del Veterinaio

Pannello n. 29 - Gli arnesi del Falegname, pialletti e squadre

Pannello n. 30 - Gli arnesi del Falegname, pialle e pialletti

Pannello n. 31 - Gli arnesi del Falegname, pialle e pialletti

Pannello n. 32 - Chiavi

Pannello n. 33 - Batteria misurini per liquidi

Pannello n. 34 - Etichette del vino "Castel Bracciano"

Pannello n. 35 - Gara del solco

Pannello n. 36 - Etichette storiche del Pecorino

Pannello n. 37 - Trappole per topi

Pannello n. 38 - Ruzzole o "Ruzziche"

 

Verso un museo del lavoro e dell'industria

Il museo diffuso

Passo dopo passo - Il "Piccolo Museo"

 

Pagina di origine

Il museo virtuale

Il Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria - Proposta grafica

Gli stampi dei mostaccioli della collezione privata di Massimo Perugini

Catalogo preliminare del divenendo Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria

Le Arti e i Mestieri

"I bastoni di Gianni"

"Il vecchio e il nuovo frantoio di Bracciano"

"Pescatori"

"I legni d'ulivo di Gianni"

"Le fraschette"

"Antonio Mollicone 'er bottaro'"

"La festa della trebbiatura"

 

Paolo Folchitto – Una presentazione

Massimo Perugini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

Le collezioni del divenendo Piccolo Museo del Lavoro e dell'Industria di Bracciano, Roma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli arnesi della collezione privata di Massimo Perugini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Massimo Perugini custode di una Bracciano d'altri tempi"

Dalla La Voce del Lago , Mensile di informazione e cultura del Lago di Bracciano, Numero 10, Dicembre 2002

 

 

 

 

 

 

 

 

"Nella sua cantina in via dell’Arazzaria dove raccoglie utensili di artigiani e contadini rivive una cultura “materiale” spesso dimenticata dai libri di storia

 

 

In una società come la nostra, così avvezza “all’usa e getta” di un’immensa mole di oggetti, in una spirale di bramosia seguita compulsivamente dal rifiuto-scarto dei medesimi, la figura di Massimo Perugini, braccianese doc, costituisce senz’altro una rarità.

 

Affascinato fin da bambino dal lavoro degli artigiani e dei contadini che osservava mentre erano intenti alle loro opere, divenuto adulto ha trasformato tutto ciò in passione da collezionista ricercando e acquisendo tutti i bellissimi oggetti adoperati fino a 30-40 anni fa per arare, seminare, dissodare, fare botti, pulire camini, insomma per svolgere tutte le attività dell'uomo.

 

 

Quella che Massimo Perugini ci mostra nel suo bel “basso” ubicato in via dell’Arazzaria una delle quattrocentesche vie del centro storico di Bracciano, è una raccolta iniziata 25 anni fa frugando nelle cantine di parenti, amici e compaesani e spintosi poi fin sui mercati specialistici, portata avanti con impegno e passione fino a mettere insieme una collezione di migliaia di pezzi, alcuni dei quali acquistati sui mercati italiani e stranieri.

 

“Purtroppo ho iniziato tardi – ci confida Perugini – perché venticinque anni fa la maggior parte di questi utensili era già stata distrutta!”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Guardando i pannelli tematici che raccolgono gli attrezzi di arrotini, bottai, spazzacamini e persino veterinari, ci fa una gran pena pensare che altri bellissimi oggetti come questi, testimonianza del lavoro e della cultura “materiale” dei nostri padri, inesorabilmente gettati nelle discariche.

 

Essi dipanano una tale magia che ci sentiamo per qualche attimo ritornare bambini, affascinati da quelle strane forme che ci fanno rivivere in un lampo atmosfere dimenticate, sepolte nella nostra memoria e che di colpo ci tornano di fronte agli occhi, vive e splendenti in tutta la loro bellezza: metalli luccicanti, marmi, legni, terrecotte, vimini, vetri; tutti materiali naturali oggi soppiantati dall’imperante dominio della plastica.

 

 

Alcuni oggetti forse li abbiamo ammirati nei quadri dei Macchiaioli, altri sembrano appartenere a regni fiabeschi come il curioso sacco a doppio triangolo che i contadini si ponevano su una spalla per estrarne la semente che via via, procedendo sui solchi arati, spargevano sul terreno.

 

E poi gioghi per buoi, erpici, roncole, ceste, vasi, aratri in un susseguirsi di incantesimi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alcuni di questi oggetti sono molti antichi e hanno forme classiche, fedelmente riprodotte nei millenni sul modello romano e addirittura etrusco, per la perfezione raggiunta già nell’antichità ai fini dello scopo perseguito.


Ma ci sono anche oggetti “riciclati” nel Dopoguerra quali un elmetto metallico utilizzato come imbuto, una grossa scatola per pelati trasformata in un complicato attrezzo per il camino.

 

 

Possiamo ben dire di aver incontrato non soltanto un personaggio di Bracciano ma una persona alla quale dobbiamo dire grazie per aver preservato qualcosa del nostro passato, della sua cultura “materiale” spesso dimenticata dai nostri libri di storia.


Per questo ci auguriamo, nell’interesse di tutta la cittadinanza che anche a Bracciano si possa organizzare nella cornice adeguata una mostra di questi splendidi oggetti degna di quella svoltasi a Sutri nella primavera scorsa con la partecipazione di Massimo Perugini con il titolo
“Orme del Passato” e che ha riscosso un grandissimo successo di pubblico.

 


Marisa Loreti"