Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Il territorio della Tuscia Romana

Il fenomeno del vulcanismo

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sismicità e vulcanismo  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La sismicità in Italia (continua)

Le cause ed il contesto del vulcanismo di casa nostra

Il vulcanismo nel Bacino Tirrenico

 

Solo sintomi

La sismicità in Italia

Le cause ed il contesto del vulcanismo di casa nostra

Il vulcanismo nel Bacino Tirrenico

Il vulcanismo sottomarino del Tirreno

Il vulcanismo del “bordo” tirrenico

 

La Tuscia Romana dal satellite

Le attività vulcaniche nel Lazio

I fenomeni di vulcanismo nella Tuscia Romana

Cos'è una “caldera”?

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito  

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

La sismicità in Italia (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le cause ed il contesto del vulcanismo di casa nostra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le tracce dei prolungati, ripetuti e violenti fenomeni vulcanici, che hanno contribuito a plasmare la nostra terra e ne hanno decisamente caratterizzato l'habitat, sono tuttora evidenti.

 

Il vulcanismo della Tuscia Romana è il risultato di complessi processi geodinamici su molto più larga scala, i quali interessano il Mediterraneo a partire dal Cretaceo (circa 100 milioni di anni fa).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il vulcanismo nel Bacino Tirrenico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel Miocene (ci siamo avvicinati a circa 25 milioni di anni fa) inizia la collisione della placca continentale africana contro quella eurasiatica, sulla quale viene esercitata un'incredibile compressione in direzione Sud-Nord.

 

Nello scontro la Litosfera Africana - cioè la crosta continentale, inclusa, in profondità, la parte più superficiale del mantello - sprofonda andandosi ad incastrare sotto quella del nostro continente.

 

 

Studiando i fondali del Mediterraneo è evidente l'effetto di forte piegamento della crosta, soprattutto nelle Regioni Tirrenica e Jonica, a seguito della enorme spinta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

        

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalla mappa geologica tredimensionale a fianco è facile vedere la stretta relazione tra la pressione esercitata dal continente africano e, a immediato ridosso, le zone più altamente vulcaniche della nostra penisola, come la Campania, la Sicilia e le isole posizionate tra loro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È il fenomeno della cosiddetta “subduzione”: allo scontro tra due placche, la litosfera dell'una va ad incunearsi sotto quella dell'altra.

 

In corrispondenza dei margini compressivi, infatti, una delle litosfere, generalmente quella della placca oceanica, perché più densa, si flette ad inabissarsi sotto quella della placca continentale, provocando così la formazione di catene montuose e di archi vulcanici, alimentati dai magmi che si originano lungo la superficie di impatto.