Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Il territorio della Tuscia Romana

Il fenomeno del vulcanismo

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sismicità e vulcanismo  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Solo sintomi

 

Solo sintomi

La sismicità in Italia

Le cause ed il contesto del vulcanismo di casa nostra

Il vulcanismo nel Bacino Tirrenico

Il vulcanismo sottomarino del Tirreno

Il vulcanismo del “bordo” tirrenico

 

La Tuscia Romana dal satellite

Le attività vulcaniche nel Lazio

I fenomeni di vulcanismo nella Tuscia Romana

Cos'è una “caldera”?

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito  

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Solo sintomi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il nostro Pianeta Terra - “Gaia” - è estremamente vivo: tre gusci uno dentro l'altro - il Nucleo al centro, in mezzo il Mantello e sulla superficie la Crosta.

 

 

La Crosta è quindi il guscio più esterno e più sottile, tra i 5 e i 15 km sotto gli oceani, tra i 30 e i 40 km sotto i continenti, oltre i 50 km sotto le grandi catene montuose - un involucro davvero fragile, se consideriamo che il Mantello raggiunge uno spessore di quasi 3.000 km ed il Nucleo ha un diametro di quasi 7.000 km!

 

Densa e sottile sotto gli oceani, leggera e spessa sotto i continenti, la Crosta forma insieme allo strato solido superiore del mantello la cosiddetta “Litosfera” (il guscio di "pietra" - circa 70 km sotto gli oceani e 100 km sotto i continenti).

 

 

La parte media del mantello viene invece chiamata “Astenosfera” (il guscio "debole" - spesso circa 150 km e in parziale fusione), mentre quella più interna e profonda “Mesosfera” (letteralmente però lo strato "di mezzo" - da circa 670 fino a 2.900 km di profondità, con una temperatura di circa 3.000 gradi!).

 

 

Anche il Nucleo, si divide a sua volta in una parte più esterna, liquida, ed una interna, solida: ha un raggio di ben 3.470 km, con una massa pari un terzo di quella dell'intero Pianeta!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno "spaccato" del globo terrestre: al suo esterno la crosta (esageratamente marcata per poterla rendere visibile), più giù il mantello e al suo centro il nucleo.

 

 

 

 

 

 

  Crosta 

 

  Mantello 

 

  Nucleo