Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Il territorio della Tuscia Romana

Il fenomeno del vulcanismo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana dal satellite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo  (continua)

Restano tre grandi laghi (continua)

Il Lago di Bracciano

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo

Tuscia Romana bella, Tuscia Romana!

Restano tre grandi laghi

Il Lago di Bolsena

Il Lago di Vico

Il Lago di Bracciano

 

Cos'è una “caldera”?

 

Pagina di origine

Sismicità e vulcanismo

Le attività vulcaniche nel Lazio

I fenomeni di vulcanismo nella Tuscia Romana

 

Prima pagina del sito  

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Restano tre grandi laghi (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Lago di Bracciano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una serie di crateri, resti di altrettanti piccoli coni vulcanici collassati, contraddistingue il bacino del Lacus Sabatinus: tra i più evidenti quello di Vigna di Valle, a Sud, della baia di Trevignano Romano, a Nord-NordEst, e quelli intorno al Lago di Martignano, a Est.

 

Queste acque azzurre e pescose, incastonate tra querceti, castagneti, oliveti, canneti e pascoli, rappresentano oggi la più importante riserva idrica della capitale, da cui possono essere prelevati fino ad 8 mila litri al secondo...

 

 

 

 

 

 

 

 

Il particolare zoomato del Laghi di Bracciano e Martignano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come per il Lago di Bolsena, anche qui evidenti, specialmente in basso a sinistra nella foto, le fratture tettoniche parallele alla linea dell'acqua - neppure questo è stato un unico grande vulcano, quindi, ma un'altra depressione, creatasi repentinamente dal collasso di tanti crateri minori allo svuotarsi del bacino di magma sottostante, soprattutto attraverso le tre violente fasi eruttive del vulcano di Vico.