Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Il territorio della Tuscia Romana

Il fenomeno del vulcanismo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana dal satellite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo  (continua)

Restano tre grandi laghi (continua)

Il Lago di Vico

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo

Tuscia Romana bella, Tuscia Romana!

Restano tre grandi laghi

Il Lago di Bolsena

Il Lago di Vico

Il Lago di Bracciano

 

Cos'è una “caldera”?

 

Pagina di origine

Sismicità e vulcanismo

Le attività vulcaniche nel Lazio

I fenomeni di vulcanismo nella Tuscia Romana

 

Prima pagina del sito  

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Restano tre grandi laghi (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Lago di Vico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’unico, vero grande vulcano del sistema, che la leggenda fa risalire alla clava di Ercole.

 

Tutto intorno sono evidenti i resti delle imponenti colate di lava, a raggiera dal centro verso l’esterno, accumulatesi durante le sue tre violente serie di eruzioni, tra 250 ed i 45 mila anni aC.

 

 

Oggi 12 kmq di limpido lago, dalle acque potabili, uno spazio denso di situazioni ecologiche, circondato da boschi di castagni, querce e faggi, popolare per la pesca-turismo.

 

 

 

 

 

 

 

 

L'ingrandimento del Lago di Vico: questo sì che è il vero vulcano della caldera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il cono, chiaramente visibile anche se in gran parte collassato, s'innalza maestoso nel mezzo e tutt'intorno, a raggiera, le tracce delle numerosissime e violente colate di lava!