Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Il territorio della Tuscia Romana

Il fenomeno del vulcanismo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana dal satellite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo  (continua)

Restano tre grandi laghi

Il Lago di Bolsena

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo

Tuscia Romana bella, Tuscia Romana!

Restano tre grandi laghi

Il Lago di Bolsena

Il Lago di Vico

Il Lago di Bracciano

 

Cos'è una “caldera”?

 

Pagina di origine

Sismicità e vulcanismo

Le attività vulcaniche nel Lazio

I fenomeni di vulcanismo nella Tuscia Romana

 

Prima pagina del sito  

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Restano tre grandi laghi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Lago di Bolsena

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’antico Lacus Volsiniensis, con i suoi 114 kmq di superficie ed un perimetro di 43 km, è il maggiore del Lazio ed il quinto d'Italia.

 

 

Ha due isole: la Bisentina, a est, 3 km a nord del promontorio di Capodimonte, e la Martana, a sud, vicino a Marta.

 

Sulle isole, sacre agli Etruschi, sopravvive la macchia mediterranea, mentre sulle sponde del lago abbondano foreste di querce e castagni che si alternano a coltivazioni di vite e di ulivo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Un ulteriore ingrandimento del Lago di Bolsena.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Specialmente a destra nella foto, da notare le più che evidenti fratture, parallele alla linea dell'acqua, causate dall'improvviso sprofondamento del sistema tettonico - non si tratta, palesemente, più di un vulcano, ma di una depressione.