Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Il territorio della Tuscia Romana

Il fenomeno del vulcanismo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Tuscia Romana dal satellite

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo

Tuscia Romana bella, Tuscia Romana!

Restano tre grandi laghi

Il Lago di Bolsena

Il Lago di Vico

Il Lago di Bracciano

 

Cos'è una “caldera”?

 

Pagina di origine

Sismicità e vulcanismo

Le attività vulcaniche nel Lazio

I fenomeni di vulcanismo nella Tuscia Romana

 

Prima pagina del sito  

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Uno dei più estesi fenomeni di vulcanismo al mondo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vederci dall'alto dissipa ogni possibile dubbio: siamo, o almeno siamo stati, una terra d'evoluzione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La suggestiva “foto aerea” sopra è una fedelissima ricostruzione della Tuscia Romana vista da circa 15.000 metri, ottenuta al computer usando la banca immagini del simulatore World Wind della NASA.

 

 

Dall’alto a sinistra il Lago di Bolsena e a destra la Valle del Tevere, al centro il Lago di Vico con il suo cono vulcanico collassato ed i Monti Cimini, in basso a sinistra i Monti della Tolfa poi, proseguendo verso destra, il Bosco di Manziana, il Lago di Bracciano e quello di Martignano.

 

L’immagine bluastra, qui estremamente rimpicciolita, è la riproduzione di una autentica foto ad alta risoluzione della Tuscia Romana, scattata dai satelliti della NASA.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sopra, la foto satellitare originale della NASA, miniaturizzata, classificata con il numero di repertorio STS081-717-073.

 

Sotto, la medesima foto, digitalizzata, dopo molteplici elaborazioni cromatiche e di contrasto: i miglioramenti ottenuti con il supporto di applicazioni informatiche sono notevoli!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La foto originale è stata ruotata fino al corretto orientamento nord-sud e ripetutamente filtrata ed elaborata cromaticamente, esagerando saturazione e contrasto per facilitarne la lettura.

 

Ben visibili le naturali delimitazioni territoriali della Tuscia Romana segnate a ovest dal Mar Tirreno e ad est  dalla Valle del Tevere – lungo il versante occidentale della catena degli Appennini, poi nell’estremo angolo in basso la città di Roma e, partendo da qui, allineati sull’asse nord-nordovest, i Laghi di Bracciano, di Vico e quello di Bolsena, in cui è possibile distinguere, a sud rispettivamente ad ovest, le due isole.