Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

L'habitat della Tuscia Romana
Gea

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il clima – Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il surriscaldamento del pianeta e l'"effetto serra" (continua)

L'atmosfera terrestre (continua)

Come una gigantesca cipolla (continua)

La Troposfera la pelle viva della Terra

 

Il surriscaldamento del pianeta e l'"effetto serra"

Cambiamenti climatici globali

Eventi drastici

Aria ed acqua

La sfera blù

L'atmosfera terrestre

Come una gigantesca cipolla

L’Esosfera

La Termopausa

La Termosfera

La Mesopausa

La cosiddetta "Ionosfera"

La Mesosfera

La Stratopausa

La Stratosfera

La cosiddetta "Ozonosfera"

La Tropopausa

La Troposfera la pelle viva della Terra

L'inquinamento dell'aria

I gas "traccia" e quelli "serra"

I gas traccia

I gas serra

L'Anidride Carbonica

L'Ozono

Gli aerosol

L'inquinamento dell'acqua

 

Pagina di origine

I fattori ambientali

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito  

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Il surriscaldamento del pianeta e l'"effetto serra" (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'atmosfera terrestre (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come una gigantesca cipolla (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Troposfera la pelle viva della Terra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Finalmente a casa!

 

La troposfera - dal Greco τροπόςvariazione”, perché è solo qui che esistono quei gas a quegli alti valori di pressione e densità atmosferica tali da farne “luogo di vita”, habitat naturale di gran parte delle piante e degli animali, essere umano compreso - ci accoglie in tutto il suo splendore.

 

Il suo "spessore" è appena di 17 km all’Equatore e 8 km ai Poli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qui, altamente compresso, si accumula ben l'80% della massa gassosa totale dell'atmosfera e addirittura il 99% del vapore acqueo totale in essa contenuto.

 

Qui hanno luogo quasi tutti i fenomeni meteorologici.

 

 

Qui avviene anche una vera e propria "inversione termica" e, al contrario di tutti gli altri strati, la temperatura aumenta con il diminuire dell'altitudine, nell'avvicinarci cioè alla superficie terrestre.

 

Il fenomeno, a noi esseri viventi così favorevole, dipende dal fatto che questo strato viene riscaldato alla base dal contatto con la Terra, la quale a sua volta assorbe ed accumula calore dall'energia del Sole che la illumina: dai -60/-50 °C a 10-12.000 m di altezza fino a raggiungere le temperature cui siamo abituati - sulla gran parte del Pianeta più o meno gradevoli, "calde" o "fredde" che vogliamo, ma pur sempre "vivibili"!

 

 

La Troposfera è quindi lo strato più basso dell'Atmosfera terrestre, e varia in altezza intorno ad una media dai 9 km agli 11 km circa , con un minimo di 5,6 km ai Poli ed un massimo di 17 km all'Equatore.

 

In assenza di inversioni termiche e senza considerare il tasso di umidità, il gradiente medio di temperatura in questo strato è di 6,5 °C per chilometro.

 


Dato che lo
"spessore" della Troposfera e, di conseguenza, la quota di posizionamento della Tropopausa, dipende dalla temperatura media dell'intero strato sottostante, ecco che i suoi livelli di picco si trovano sull'Equatore e le altezze minime sopra i Poli.

 

Questo spiega perchè lo strato atmosferico più freddo della Troposfera si trovi molto più in alto all'Equatore che ai Poli ed inoltre la Tropopausa sia in effetti uno strato "dinamico", frutto anche di vorticità.