Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai al sito Cultura e società

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

L'habitat della Tuscia Romana
Gea

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il clima – Approfondimento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il surriscaldamento del pianeta e l'"effetto serra" (continua)

L'atmosfera terrestre (continua)

Come una gigantesca cipolla (continua)

La Mesosfera

 

Il surriscaldamento del pianeta e l'"effetto serra"

Cambiamenti climatici globali

Eventi drastici

Aria ed acqua

La sfera blù

L'atmosfera terrestre

Come una gigantesca cipolla

L’Esosfera

La Termopausa

La Termosfera

La Mesopausa

La cosiddetta "Ionosfera"

La Mesosfera

La Stratopausa

La Stratosfera

La cosiddetta "Ozonosfera"

La Tropopausa

La Troposfera la pelle viva della Terra

L'inquinamento dell'aria

I gas "traccia" e quelli "serra"

I gas traccia

I gas serra

L'Anidride Carbonica

L'Ozono

Gli aerosol

L'inquinamento dell'acqua

 

Pagina di origine

I fattori ambientali

 

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito  

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

Il surriscaldamento del pianeta e l'"effetto serra" (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'atmosfera terrestre (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come una gigantesca cipolla (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Mesosfera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ed eccoci nella Mesosfera, tra gli 80 e i 50 km dalla superficie terrestre: in questa parte dell'Atmosfera non ci sono ancora né venti né correnti ascensionali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Mesosfera, dal Greco μέση, mésē, "mezzo" e σφαίρα, sphaíra, "palla, sfera" è il terzo dei cinque strati in cui suddividiamo l’Atmosfera, quindi quello "di mezzo", fra Mesopausa e Stratopausa.

 

I confini superiori e inferiori della Mesosfera non sono però né esatti né fissi, variando anch'essi con la latitudine e l'alternarsi delle stagioni: il suo limite inferiore si mantiene comunque a circa 50 km e la Mesopausa a circa 85-100 km.

 

 

A volte la parte inferiore della Termosfera, la Mesosfera e la Stratosfera vengono anche considerate insieme come "Atmosfera di mezzo".

 

Nella Mesofera hanno origine i cosiddetti fenomeni delle “stelle cadenti”, piccoli meteoriti che all’attrito con l’atmosfera sempre più densa, bruciano lasciando scie luminose prima di eventualmente, in pochissime eccezioni, raggiungere la Terra.

 

 

Entriamo quindi in questo strato ad una temperatura alla Mesopausa anche inferiore ai 130 K, vale a dire anche più bassa di -143 °C (!), di fatto il luogo più freddo di tutta l'Atmosfera, per poi aumentare con il diminuire dell'altezza fino agli 80 °C al limite inferiore.

A circa 80 km di quota è possibile osservare d'estate, al crepuscolo, il fenomeno delle
"nubi nottilucenti", molto probabilmente cristalli di ghiaccio e polveri finissime.