Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

Le arti, i mestieri – Così lavoravamo

La foto storica in questa pagina è di Bruno Panunzi e verrà donata al divenendo Museo Territoriale dell'Industria e del Lavoro della Tuscia Romana: la Redazione ringrazia il proprietario per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Alcune altre delle immagini in questa pagina sono © Massimo Perugini: la Redazione ringrazia l'autore per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Il materiale in questa pagina è redatto da Luciano Russo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"La Società Operaia di Mutuo Soccorso di Bracciano" di Massimo Perugini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La matrice storica di UnionTuscia™ (continua)

L'educazione operaia e la (ri)qualificazione professionale

 

La matrice storica di UnionTuscia™

"Non vi era certo ricchezza in paese, ma una povertà decorosa vissuta con gran gusto della vita."

Costituita nel 1878 - Soppressa nel 1933

L'educazione operaia e la (ri)qualificazione professionale

I Fratelli Domenico e Giuseppe Bresciani

I Soci Fondatori della Società Operaia di Bracciano

La Società Operaia Francescana

130° Anniversario della Costituzione della Società Operaia di Bracciano

 

Pagina di ingresso

Gli 81 Soci della Società Operaia deceduti tra il 1878 ed il 1933

I simboli dei mestieri della Società Operaia di Bracciano

La storia delle Corporazioni

La Confraternita della Misericordia di Bracciano

 

Bruno Panunzi Una presentazione

Massimo Perugini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

La matrice storica di UnionTuscia™ (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'educazione operaia e la (ri)qualificazione professionale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quel "promuovere l'educazione e il miglioramento morale delle classi operaie ed eccitare ed alimentare in esse il sentimento della propria dignità" contenuto nello Statuto della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Bracciano stimola soprattutto i Soci più giovani a nuove ambizioni, ad accrescere le proprie competenze ed esperienze umane e professionali, proponendosi obiettivi da raggiungere, sogni da realizzare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Carta di Ammissione alle Scuole Artieri della Capitale del giovane Domenico Bresciani, "il più piccolo dei Soci" della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Bracciano nella foto sopra: l'anno è il 1884 .

 

 

 

 

 

 

 

La "Scuola di Arti Ornamentali del Comune di Roma", oggi unica istituzione centenaria ancora attiva, già nel 1872 "Scuola Preparatoria al Museo Artistico Industriale", nasce a metà decennio 1880-1890 come scuola preparatoria al Museo Artistico Industriale, superiore a tutte le altre scuole comunali di disegno, inizia dalla III elementare e prosegue con tre anni di "Scuola serale per Artieri", perfezionandosi infine nella "Scuola Arti Ornamentali".

 

Davvero un ottimo esempio di scuola professionale per quel tempo (e non solo), dove gli allievi usufruiscono di incentivi per frequentare le lezioni, si istituiscono premi in libretti di risparmio, arnesi del mestiere e letteratura, vengono applicati criteri di selezione degli insegnanti, che danno priorità a professionalità e attitudine all'insegnamento, piuttosto che a titoli, tutto al fine specifico di migliorare la preparazione nel campo del disegno di giovani artieri, occupati in piccole industrie o ditte artigianali del territorio, e dunque con corsi pomeridiano-serali, per permettere agli allievi di frequentarli dopo il lavoro.

 

 

 

 

 

 

Rimangono oggi solo corsi per intaglio in legno, restauro del mobile e del dipinto, affresco e ceramica, mancando quelli pur importanti di formatore e modellista, figure professionali attualmente più che mai richieste dai musei ma paradossalmente in via di estinzione, annullando dal mercato abilità essenziali come copia e conservazione dell’opera d’arte e del reperto.

 

Scuola e corsi professionali di questo tipo potrebbero essere rilanciati in storici villaggi industriale-artigianali, come ad esempio quelli gloriosi e tristemente semiabbandonati delle Officine Aeronautiche dell'ex Idroscalo di Vigna di Valle - proposta tra l'altro promossa dall'attuale Direttore del Museo Storico, il Tenente Colonnello Pilota Massimo Mondini, all'Università degli Studi della Tuscia a Viterbo e cui UnionTuscia si è impegnata a dare tutto il sostegno di cui sarà capace.