Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "Z"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "Z"

Zag-Zir

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“Z

 

 

come Zaganella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zag-Zir

 

 

 

Zoc-Zzi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Zaganella

 

 

 

Masturbazione maschile

 

 

 

“E daije ggiù a zaganelle…”

 

(Vedi anche Sega)

 

 

 

 

 

 

Zampata

 

 

 

In Italiano calcio di animale, ma in dialetto anche persona

 

 

 

“Si 'n te levi da torno te dò 'na zampata che tte fò vola'…”

 

(Vedi anche Carcio)

 

 

 

 

 

 

Zampe

 

 

 

Zampe di animale, ma anche gambe umane

 

 

 

Ammazza si cc’ha le zampe storte: ce passa ‘n mezzo ‘n cane cor bastone ‘n bocca…”

 

(Vedi anche Storcinata)

 

 

 

 

 

 

Zampogna

 

 

 

Zampogna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione per minacciare qualcuno di percosse

 

 

 

Te gonfio come ‘na zampogna!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zattere

 

 

 

Scarpe di grande misura o troppo grandi per chi le indossa

 

 

 

“Levete 'ste zattere ché ce caschi…”

 

(Vedi anche Fetta)

 

 

 

 

 

 

Zazzera

 

 

 

Capelli lunghi

 

 

 

“Taijete 'sta zazzera ché me pari ‘m prussiano…”

 

 

 

 

 

 

Zebbedei

 

 

 

Attributi maschili

 

 

 

“E levete da li zebbedei! …”

 

(Vedi anche Cojoni)

 

 

 

 

 

 

Zecca

 

 

 

Come in Italiano, zecca: un artropode o acaro, parassita esterno di solo qualche millimetro, il cui ciclo vitale avviene in nelle tre fasi successive larva-ninfa-adulto tutte su uno stesso ospite oppure su ospiti diversi, animali come umani, dato che necessita di sangue per completare il suo sviluppo e ciclo riproduttivo, con il rischio di trasmettere malattie epidemiologicamente gravi, come le zanzare (rickettsiosi, borreliosi di Lyme, febbre ricorrente da zecche, tularemia, meningoencefalite da zecche ed
ehrlichiosi)

La pericolosità della zecca sta nel non saltare né volare sulla vittima, ma appostarsi all’estremità delle piante aspettando il passaggio d'un animale o uomo: ne avverte anidride carbonica e calore e vi si insedia conficcando l'apparato boccale, detto "rostro", nella cute e cominciando immediatamente a nutrirsi (il morso è inoltre "intelligentemente" indolore grazie ad una sostanza anestetica!), per parassitarvi dai 2 ai 7 giorni e lasciarsi infine cadere spontaneamente

 

 

 

“Se' peggio de 'na zecca, fijo mio! …”

 

(Vedi anche Zelloso)

 

 

 

 

 

 

Zella

 

 

 

Sporcizia

 

 

 

“C'ha 'na zella su'r collo che nun se lava da 'n'anno…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche nel senso di "sfortuna"

 

 

 

“C’ha ‘na zella, poraccio …”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zelloso

 

 

 

Di persona insistente o testarda

 

 

 

“Aoh, è ppropio 'no zelloso: me s'è attaccato peggio de 'na zecca…”

 

(Vedi anche Zecca)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Individuo sporco, che non si lava

 

 

 

“A zelloso!…”

 

(Vedi anche 'Mpiastrato)

 

 

 

 

 

 

Zeppetti

 

 

 

Nel gioco della Tombola il numero 11

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zeppi

 

 

 

Rametti secchi utili per accendere il fuoco

 

 

 

“Damme du' zeppetti pe' 'ccenne 'er camminetto…”

 

 

 

 

 

 

Zezze

 

 

 

Si legge con le "e" chiuse e viene usato per "sedersi" parlando ad un bambino

 

 

 

“Mettet'a zezze…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zinale

 

 

 

Grembiule domestico, dal Latino sinus, seno

 

 

 

“È mmeijo che te metti 'r zinale, sinnò tte schizzi tutta cor sugo…”

 

(Vedi anche Parananzi)

 

 

 

 

 

 

Zinaletto

 

 

 

Grembiule o divisa scolastici, classicamente neri con fiocco azzurro per i maschietti e bianchi con fiocco rosa per le femminucce: cucita sul braccio sinistro a numeri romani in fettuccia, la classe frequentata e ciascun "capoclasse" poteva fregiarsi inoltre di una tricolore legata sul braccio destro

 

 

 

“A ma', te tocca ricucimme lo zinaletto, ché mmo lo so' sgarrato…”

 

 

 

 

 

 

Zinna

 

 

 

Mammella

 

 

 

“Si ppiagne è segno che vò la zinna…”

 

(Vedi anche Sise)

 

 

 

 

 

 

Zinna'

 

 

 

Poppare

 

 

 

“Pija sù 'sta creatura ch'è ora de zinna'…”

 

 

 

 

 

 

Zinnatella

 

 

 

Poppata se riguarda i bambini

 

 

 

“'Sto fijo nun c’ha ffame: ha dato ‘na zinnatella e bbasta…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche nel senso di "sorsata" per gli adulti

 

 

 

Famme da' ‘na zinnatella, che c’ho 'na sete…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Zipeppe

 

 

 

Vaso da notte

 

 

 

“C'è da vota' 'r zipeppe, ché iernotte se so' pisciati tutt'er vino che se so' tracannati a ccena …”

 

(Vedi anche Or' de notte, Pitale)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da cui storielle e canzoncine

 

 

 

Poi se riseppe

che stava co li piedi sur zipeppe…”

(Canzoncina popolare)

 

 

 

 

 

 

Zirivalli

 

 

 

Frivolezze, stupidaggini accattivanti

 

 

 

Pe' ffa’ ppace a tutti li costi, me faceva li zirivalli…”

 

(Vedi anche Stronzata)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di oggetti che creano disordine 

 

 

 

Leva 'm po' tutti 'sti zirivalli da sopra ar tavolino, ch'ho d'apparecchia'…”

 

 

 

 

 

 

Ziro

 

 

 

Teglia, suolo di metallo di forma tonda usato per cuocere alimenti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grosso recipiente di metallo nel quale far bollire le bottiglie di pomodoro

 

 

 

“Ha' messo sù a bolli' 'r ziro?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!