Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "V"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "V"

Vac-Ves

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“V

 

 

come Vacche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vac-Ves

 

 

 

Vet-Vor

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Vacche

 

 

 

Infiammazione cutanea a macchie che si forma sulle gambe a causa dell’eccessiva esposizione al calore dei bracieri o dei camini

 

 

 

Levete dar focone che tte vengono le vacche…”

 

(Vedi anche Focone)

 

 

 

 

 

 

Vaccheria

 

 

 

Stalla in solida e spesso estetica costruzione che serviva per ricoverare e mungere le mucche: l’ultima antica "vaccheria" di Bracciano è ancora ammirabile nella bellissima costruzione, oggi adibita ad abitazioni, incastonata tra Via Pollastrini, Via dei Giardini e Via Pizzuti, sopra l'odierna Via Udino Bombieri, cioè la "strada der cimitero"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vaco

 

 

 

Chicco d’uva

 

 

 

“Nun c'ho ffame: dammene du' vachi…”

 

 

 

 

 

 

Vaffanculo

 

 

 

L'imprecazione popolare per eccellenza

 

 

 

“Ma vaffanculo!…”

 

(Vedi anche Culo)

 

 

 

 

 

 

Valeriana

 

 

 

Erba selvatica che fà parte della misticanza di campo

 

 

 

(Vedi anche Misticanza de campo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vannino

 

 

 

Puledrino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vattala

 

 

 

Voce del verbo "anna'" o "'nna'", in Italiano andare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dare il permesso di fare qualcosa

 

 

 

“Si tte serve, vattala a pìja…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In un insulto pesante

 

 

 

“Vattala a ppija' ‘nder culo!…”

 

(Vedi anche Culo, Vaffanculo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In insulti meno volgari

 

 

 

Vattala a ppija' ‘nder secchio…”

 

“Vattala a ppija' ‘n saccoccia…”

 

(Vedi anche Saccoccia)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vattene

 

 

 

Voce del verbo "anna'" o "'nna'", in Italiano andare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Generalmente in uso in insulti volgari

 

 

 

Vatten'affanculo!…”

 

(Vedi anche Culo, Vaffanculo)

 

 

 

 

 

 

Vecchiarina

 

 

 

Di donna dal palese incipiente aspetto di vecchia, che cerca di atteggiarsi a giovane

 

 

 

“Sempre 'na vecchiarina è…”

 

 

 

 

 

 

Vecchiaro

 

 

 

Riunione o festa senza brio o mal riuscita per la presenza di troppe persone anziane

 

 

 

A la festa era tutto ‘n vecchiaro…”

 

 

 

 

 

 

Vellutello

 

 

 

Muschio

 

 

 

“Vamme a rraccoje 'm po' de vellutello pe' 'r presepio…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche ironicamente nel senso di "muffa"

 

 

 

“'Sto cacio tocca a magnallo sinnò ce vijè 'r vellutello…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venimmio

 

 

 

Voce del verbo "veni'", venire, modo indicativo, tempo passato remoto, seconda persona plurale

 

 

 

Doppo ch'emmio cenato, venimmio via…”

 

 

 

 

 

 

Vennemmia

 

 

 

Vendemmia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vennemmia'

 

 

 

Vendemmiare

 

 

 

“Si è tempo bbono, domani 'nnamo a vvennemmia'…”

 

 

 

 

 

 

Ventola

 

 

 

Ventaglio di penne di gallina con manico di legno che serviva per ventilare il fuoco del camino

 

 

 

“Damme 'm po' la ventola, che se st'a sspegne 'r foco…”

 

 

 

 

 

 

Ventola'

 

 

 

Ventilare un fuoco per ravvivarlo

 

 

 

“Dà 'na ventolata a la brace ché se famo du' sarciccette…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ventresca

 

 

 

Nel maiale lo strato di grasso sottocutaneo del busto e dell'addome che viene asportato con la sua cotenna: ha una parte magra e una parte grassa, quest'ultima con fino al 20-25% di grasso, utilizzata anche per la preparazione del salame

 

 

 

“Damme 'n'etto de ventresca bbella grassa…”

 

 

 

 

 

 

Ventriera

 

 

 

Porta cartucce da caccia che consiste in una larga cintura con piccoli vani ad astuccio, sempre in cuoio, per le singole cartucce

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vergaro

 

 

 

Capo pastore, responsabile dell’organizzazione e della cassa della transumanza, cui tutti prestavano obbedienza e mostravano ripetto: durante i pasti infatti sedeva a capotavola, detto appunto "er posto der vergaro", denominazione ancora oggi in uso per indicarne il privilegio

 

 

 

“Ar Sor Peppe 'r posto der vergaro!…”

 

 

 

 

 

 

Vergogne

 

 

 

Parti intime sia di uomo che di donna

 

 

 

E mettet'assede come se deve, che te se vedono tutte le vergogne…”

 

Aoh, coprete 'm po' le vergogne!…”

 

 

 

 

 

 

Vergognoso

 

 

 

Di persona timida

 

 

 

“È tanto bbravo, ma è vergognoso, poro cocco…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vernicetta

 

 

 

Lucido per le scarpe

 

 

 

“La vernicetta è ffenita: che fò, ce sputo?…”

 

 

 

 

 

 

Verminara

 

 

 

Infestazione parassitaria intestinale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di grossa paura

 

 

 

M’ha' fatto veni' la verminara…”

 

(Vedi anche Babbano, Cacaleppa, Strizza)

 

 

 

 

 

 

Vermini

 

 

 

Vermi

 

 

 

“Acqua cheta, vermini mena…”

(Proverbio popolare)

 

 

 

 

 

 

Vesparo

 

 

 

Nido di vespe

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche nel senso di "folla", "moltitudine"

 

 

 

C’era ‘n vesparo de ggente…”

 

(Vedi anche Formicaro)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vestito de le feste

 

 

 

Abito che si indossava solo la domenica o nei giorni di festa e nelle grandi occasioni

 

 

 

“Oggi tocca mettese 'r vestito de le feste…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!