Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "U"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "U"

Uce-Urt

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“U

 

 

come Ucello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uce-Urt

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Ucello

 

 

 

Uccello

 

 

 

“All’ucello ‘ngordo je crepa 'r gozzo!…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Organo sessuale maschile

 

 

 

“Chiùdete llì ddavanti, sinnò te vola l'ucello!…”

 

(Vedi anche Cazzo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Menagramo, iettatore

 

 

 

“'St'ucello der malaugurio!…”

 

 

 

 

 

 

Uffo

 

 

 

Gratis, per niente

 

 

 

“Oggi ho vviaggiat'a uffo…”

 

(Vedi anche Sbafo, Scrocco)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lavorare senza compenso

 

 

 

Nun m'ha ddato 'na lira: j'ho lavorat'a uffo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un'a la luna

 

 

 

Gioco di ragazzi analogo al salto della cavallina: ad ogni salto si doveva dire una frase ed in alcuni casi bisognava cadere in una certa maniera o dare dei colpi sulla schiena del malcapitato cui era toccato stare chinato:

 

"Un'a la luna"

 

"Due ar bue"

 

"Tre: macina la fija der re"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Quattro: la raspatura der gatto"

 

 

(Dopo saltato, qui si toccava la terra con la mano imitando il verso dei gatti con la zampa)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Cinque: cioccolato co’ na mano"

 

 

(Qui bisognava saltare appoggiandosi con una sola mano)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Sei: sei 'ncrociatori foco, tre passetti pe’ me e pe’ tutti"

 

 

(Qui si doveva atterrare con le gambe incrociate e fare tre piccoli salti)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Sette: li piombini"

 

 

(Qui bisognava saltare poggiando le nocche delle mani sulla schiena del malcapitato)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Otto: le tamburelle co’ du battenti ar volo"

 

 

(Qui, saltando, bisognava dare al volo due calci sul sedere del compagno chino)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Nove: la zara"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Dieci: er regaletto"

 

 

(Prima di saltare, qui bisognava dare un colpetto sulla schiena del compagno chino)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Undici: camicia da cuci'"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Dodici: bella e cucita, quanto me la metto - ce manca na’ toppa e ce la metto"

 

 

(Qui bisognava dare una forte pacca sulle natiche del poveretto e solo poi saltare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Tredici: le fette de mortadella"

 

 

(Qui con le dita unite, indice e medio, si frustavano le natiche del sottomesso a mo' di affettata)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Quattordici: il cavallino sardo"

 

"Quindici: foco - chiamate li Pompieri"

 

"Sedici: li passetti"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Diciassette: la culata"

 

 

(Qui si doveva cadere con tutto il peso del corpo sulla schiena della povera cavallina)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Diciotto: l’urtimo fà er circolo"

 

 

(Qui l'ultimo a saltare faceva un cerchio in terra, quindi si proseguiva con un altro gioco, ad esempio nascondino, per stabilire chi avrebbe dovuto fare la parte della cavallina nella successiva tornata)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uncinara

 

 

 

Barra di metallo a muro e con tanti uncini dove, nelle macellerie e al mattatoio, si appendevano le parti delle bestie macellate

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Urchio

 

 

 

Di persona scontrosa, asociale

 

 

 

“È 'n'urchio…”

 

 

 

 

 

 

Urtima

 

 

 

Ultima

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che rimette

 

 

 

“S’è vvommitato l’urtima …”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona fidanzata per lungo tempo ed poi lasciatasi

 

 

 

“So' stati ‘nsieme tant’anni: ce s’è ffatto l’urtima…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Urtasse

 

 

 

Irritarsi, innervosirsi

 

 

 

S'è urtato e se n'è 'nnato senza manco saluta'…”

 

 

 

 

 

 

Urto

 

 

 

Contrarietà

 

 

 

“Lasseme perde: c’ho n’urto de nervi…”

 

(Vedi anche 'Ncazzasse)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!