Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "T"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "T"

Tab-Tep

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“T

 

 

come Tabbaccaro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tab-Tep

 

 

 

Tig-Toz

 

 

 

Tra-Tuz

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Tabbaccaro

 

 

 

Tabaccaio

 

 

 

“Va 'm po' ddar ttabbaccaro a pijamme 'n pacchetto de sale grosso ché mm'è ffinito…”

 

 

 

 

 

 

Tacchia

 

 

 

Tacca che si forma quando si taglia la legna con l’accetta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non fallire mai un bersaglio

 

 

 

'Gni botta ‘na tacchia…”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche in senso negativo di persona che ha grande successo nel fregare gli altri 

 

 

 

(Vedi anche Sola)

 

 

 

 

 

 

Tafana

 

 

 

Nafta

 

 

 

“'R cammio và a ttafana …”

 

(Vedi anche Cammio)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tafàno

 

 

 

Fastidiosissimo insetto dittero della famiglia dei Tabanidi, Tabanus bovinus, anche chiamato "estro" o "assillo", da cui le popolari espressioni "estro poetico" e "assillante", capace di volare senza alcun ronzio: morfologicamente simile ad una mosca, più grosso e tozzo, di colore grigio giallognolo e con grandi occhi, attivo da maggio ad agosto soprattutto nei giorni afosi e solo durante le ore diurne, vive soprattutto all'ombra, in luoghi dove può trovare animali - la femmina si nutre infatti di sangue, tra cui l'umano, infliggendo punture che possono anche attraversare i vestiti, estremamente dolorose quando feriscono dei nervi, le quali causano inoltre gonfiore e prurito, ciascuna di volume fino a 0,2 ml

 

 

 

“Aja: m'ha beccato 'n tafano!…”

 

(Vedi anche Becca')

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sinonimo di sedere

 

 

 

“Anvedi che tafano che s'aritrova quella…”

 

(Vedi anche Chiappe)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona fortunata

 

 

 

C’ha ‘n ber tafano!…”

 

(Vedi anche Culo)

 

 

 

 

 

 

Tana

 

 

 

Nel gioco del nascondino il nascondiglio scoperto

 

 

 

“Tana pe’ Franco!…”

 

(Vedi anche Nasconnarella, Tana')

 

 

 

 

 

 

Tana'

 

 

 

Scoprire dove si trova o nasconde una persona, nel gioco del nascondino ma anche nel quotidiano

 

 

 

Esci che tt’ho ttanato!…”

 

L’ho ttanati che s'abbrraccicaveno sotto'r ponte…”

 

(Vedi anche Nasconnarella, Tana)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tanni

 

 

 

Tralci verdi della vite che vanno eliminati durante la potatura primaverile

 

 

 

(Vedi anche Sciarmenti)

 

 

 

 

 

 

Tappaculi

 

 

 

Frutti della Rosa Balsamina, Rosa Rubiginosa L., non commestibili se verdi, maturati diventando rossi o neri possono consumati crudi dopo averne eliminato gli acheni e soprattutto i peli irritanti, i quali, ingeriti, provocano fastidioso prurito alla gola e all’estremità dell’intestino, da cui il nome popolare di
"grattaculi" o "tappaculi": conosciuti per gli effetti di tonici, astringenti nelle diarree, antiemorragici e di miglioramento delle difese dell’organismo, hanno azione diuretica, litontritica, vitaminizzante ed antiflogistica e possono essere trasformati in succhi, conserve, gelatine, marmellate, minestre e creme, nonché canditi, essiccati e triturati per infusi, o
ridotti in farina per ottenere un pane tipico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tappetti

 

 

 

Gioco con i tappi metallici a corona delle bottiglie di bevande gassate - come birra, acqua minerale, limonata, aranciata, chinotto, spuma e così via

 

I ragazzini preparavano accuratamente i tappi meno danneggiati dall'apertura riappiattendone e lisciandone l'esterno, mentre la guarnizione interna di sughero veniva "finestrata" a corona circolare per fermare la figurina ritagliata a misura di un ciclista, il proprio idolo (primi fra tutti Bartali e Coppi!), così da poter imitarne le gesta al Giro d’Italia o al Tour de France, figurina protetta da un tondo di celluloide per lasciarla visibile, mentre nascosti e tenuti segreti erano i pesetti a strati di latta o altro materiale testati per rendere più pesante e stabile il tappo

 

Si iniziava lavorando per ore e ore in gruppo con quello che era il capolavoro propedeutico della "pista" o "circuito", larghi una ventina di centimetri e lunghi anche decine e decine di metri, dalle mille tortuosità e difficoltà, o per strada tracciandoli con dei gessetti (popolare il tratto di Via S. Francesco d'Assisi fra la drogheria di Dubois all'incrocio con Via XX Settembre /Via Cavour e l'incrocio con Via Etttore Latini o sulla terra battuta del Giardino Pubblico ed allora non più piatti, ma tredimensionalmente modellati con argini di contenimento, curve accompagnate con pendenze calibrate, addirittura buchette a trappola, ponti e viadotti…

 

Poi finalmente si partiva in un ordine sorteggiato spingendo avanti i tappi con un variato  scoccar di dita, colpendoli con l'indice o il medio, da deciso a violento sui rettilinei per allungare il più possibile o sorpassare l'avversario, sensibile e dosato sulle curve più pericolose per evitare di uscire fuori pista ed essere penalizzati: vinceva, ovvio, chi arrivava primo al traguardo e venivano organizzati veri e propri tornei spesso seguiti da un grande pubblico

 

Con quale crudeltà abbiamo privato i bambini di oggi della gioia di queste semplicemente, impagabilmente fantastiche avventure?

 

 

 

“'Nnam'a ggioca' a ttappetti ar giardino, ch'è meijo…”

 

(Vedi anche Tappo)

 

 

 

 

 

 

Tappo

Tappetto

 

 

 

Tappo metallico a corona delle bottiglie di bevande gassate - come birra, acqua minerale, limonata, aranciata, chinotto, spuma e così via

 

 

 

(Vedi anche Tappetti)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona particolarmente bassa

 

 

 

“Si lo vedi, è 'n tappetto…”

 

(Vedi anche Gnaccheretto, Gnappetta)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tarantello

 

 

 

Particolare filetto di tonno rosso ricavato fra la carne e la ventresca del pesce, più morbido del filetto, senza la consistenza grassa della ventresca, della quale però non perde il sapore: molto in uso a Bracciano fino all’Ottocento, ma dall’epoca non più venduto, mentre viene ancora apprezzato dai buongustai nel resto d’Italia, soprattutto in Sicilia, Calabria e Sardegna (in Umbria e Lazio la "ventresca" è oggi una pancetta arrotolata, ottenuta dalla salatura del ventre di suino)

 

Prima dei moderni sistemi di congelamento e di trasporto, il tonno fresco veniva consumato quasi esclusivamente nei luoghi di pesca, fino a che non se sviluppò la conservazione, sotto sale due secoli fa e sott'olio nell'ultimo secolo: il migliore tonno rosso deve superare gli 80 kg e le sue carni si dividono in tre tipi, la ventresca, il tarantello e il filetto - la ventresca è la parte più pregiata, che avvolge la cavità addominale dove i muscoli sono intessuti di grasso, cosa che rende la carne più morbida e gustosa, mentre oggi si commercializza del tonno a pinne gialle - di per sé già molto più scadente, di fatto la penultima di sette varietà! - esclusivamente la parte dorsale, la più magra, saporita sì, ma la meno pregiata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tareffe

 

 

 

Dall’Ebraico Taref: tutti i cibi religiosamente permessi dal Giudaismo vengono chiamati kashèr, o kòsher, cioè "puri", mentre tutti quelli che non lo sono si dicono tarèf, vale a dire "impuri" o "sporchi"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona poco sincera, subdola, non corretta nella morale

 

 

 

Quello lì è tareffe: te dice ‘na cosa e ppoi ne fà n’antra…”

 

(Vedi anche Cazzone, Garofolo, Naso)

 

 

 

 

 

 

Tarocco

 

 

 

Di qualcosa non genuino, difettoso

 

 

 

“Nu' lo compra' ch'è ttarocco…”

 

(Vedi anche Farlocco)

 

 

 

 

 

 

Tartaja'

 

 

 

Balbettare

 

 

 

“Bastiano 'ntartaja 'na madonna…”

 

(Vedi anche 'Nputtasse, 'Ntartaija', 'Nzagaija')

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tartajone

 

 

 

Di persona balbuziente

 

 

 

“È 'n tartajone…”

 

 

 

 

 

 

Tascapane

 

 

 

Borsa portata a tracolla dai contadini, che non rientravano a casa prima di sera, in cui mettevano il pranzo

 

 

 

“'N tozzo de pane, 'na fetta de cacio e du' gocce de vino e er tascapane è bello che pronto: panza mia godi…”

 

(Vedi anche Catana)

 

 

 

 

 

 

Tascio

 

 

 

Tasso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tassello

 

 

 

Profonda incisione piramidale di un quadratino di frutto, che un tempo il venditore faceva cortesemente nel cocomero in modo da farlo assaggiare al cliente prima di comprarlo per verificarne la sua dolcezza e qualità

 

 

 

“Vamme a ppija' 'n cocommero, ma fattece fa' 'r tassello…”

 

 

 

 

 

 

Tata

 

 

 

Arcaico per padre, papà

 

 

 

A ta', quann'è cche vvije' la notte che sse vommita?…”

(Modo di dire popolare

Per le famiglie più povere le festività di Natale, unica occasione in cui si serviva un pasto decente o più abbondante)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tela

 

 

 

Di persona che scappa

 

 

 

Quanno che m'ha veduto, ha ffatto tela!…”

 

 

 

 

 

 

Temperino

 

 

 

Piccolo temperamatite, insieme a pennini, matita, gomma per cancellare e rigello uno degli elementi base nel consueto corredo di ogni alunno nell'astuccio di legno con coperchio scorrevole, fino all'invasione della plastica negli Anni Sessanta

 

 

 

“Me 'mpresti 'r temperino?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piccolo coltello tascabile a serramanico, arnese preziosamente essenziale nelle tasche di ogni ragazzino del Secondo Dopoguerra, chiamato temperino perché spesso ustato proprio per acuminare un bastone o una matita

 

 

 

“'R temperino me l'ha ccomprato mi patre a la fiera de Santa Lucia…”

 

 

 

 

 

 

Tempo

 

 

 

Tempo

 

 

 

Mo' nun c'ho ttempo: c'ho dda fa'…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche tempo meteorologico

 

 

 

'Sto tempo nun sa quello ch'ha dda fa': 'n minuto fa pioveva a ddirotto e mo' esce 'r sole…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel senso di "età"

 

 

 

Quanto tempo c’ha 'sta creatura?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel senso di "ritmo"

 

 

 

“E vvà a tempo pe 'na vorta!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell'espressione "ogni cosa vuole il suo tempo"

 

 

 

“Temp'ar tempo!…”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nell'espressione "abbi pazienza", "abbi fiducia", "aspetta e vedrai"

 

 

 

“Daije tempo…”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Temporalata

 

 

 

Breve temporale soprattutto estivo

 

 

 

“Ha ffatto 'na temporalata…”

 

 

 

 

 

 

Tenaja

 

 

 

Tenaglia

 

 

 

“Passeme 'm ppo' la tenaja c'ho dda 'ntorcina' e tronca' 'sto firdeferro…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona avara, gretta

 

 

 

È ddu' pinze e 'na tenaja …”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

Tené'

 

 

 

Tenere, prendere, stare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Intercalare usato mentre si porge qualcosa ad una persona, nel senso di "prego"

 

 

 

Tené', va la regalo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel senso di "stare accostato", "seguire da vicino"

 

 

 

Tu tiemme dietro: la strada la so io…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Teppa

 

 

 

Marmaglia, gentaglia

 

 

 

“'Staije a la larga: è 'na teppa!…”

 

(Vedi anche Feccia)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!