Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "S"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "S"

Sab-San

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“S

 

 

come Sabbazzio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sab-San

 

 

 

Sap-Sba

 

 

 

Sbe-Sbu

 

 

 

Sca

 

 

 

Sce-Sci

 

 

 

Sco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scr-Scu

 

 

 

Sde-Sem

 

 

 

Ser-Sga

 

 

 

Sgo-Smu

 

 

 

Soc-Sot

 

 

 

Spa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spe-Spi

 

 

 

Spo-Squ

 

 

 

Sta-Ste

 

 

 

Sti-Str 

 

 

 

Str-Svo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Sabbazzio

 

 

 

Nel Seicento la storica "Ostaria di Bracciano", a poca distanza e di fronte all'originario futuro "Albergo della Posta", degno e rassicurante rifugio per il viandante o viaggiatore che arrivava a Bracciano, poi evolutosi in altrettanto famoso albergo "Sabazio" - cioè "Sabatino" come i Monti che costeggiano il Lago oggi chiamato "di Bracciano" e originariamente "Sabatinus" - ma anche e sempre più bar, birreria, ristorante e sala gioco, punto d’incontro locale per concludere un affare o scambiare quattro chiacchiere con gli amici dopo il lavoro.

 

Nel secolo scorso numerosa era la frequentazione da parte di giovanotti perditempo che facevano bellamostra di sé appoggiandosi agli stipiti della porta d’ingresso, di pensionati seduti ai tavoli e di sfaccendati del Paese: sotto la secolare insegna di ferro colorato che, strategicamente accattivante all'angolo, raffigurava un vispo galletto intento a cantare con sotto un rubicondo oste che srotolava una pergamena con l’insegna “Sabazio”, tra una partita a carte o a biliardo ed un caffé, è passata buona parte della vita di Bracciano.

 

Nelle sue sale con pavimento in cotto ed monumentali camini in pietra, fin dall’Ottocento venivano organizzate le feste da ballo di Carnevale o i pranzi di nozze: qui molte volte è stata ricevuta la Famiglia Reale e le Autorità politiche e militari dell’epoca, che assiduamente venivano a Bracciano per assistere alle grandi manovre del Regio Esercito o alle evoluzioni dei Dirigibili all’Aeroporto di Vigna di Valle.

 

Gestito a fine ‘800 dal Cav. Giuseppe Savelli e poi, fino alla sua chiusura negli Anni Sessanta del secolo scorso, dalla numerosa Famiglia Ferranti guidata da Ireno e dalla "Sora Virginia", era originariamente ubicato su Via Principe di Napoli all’angolo con l'attuale Via Traversini, come già chiaramente riportato su mappe del centro di Bracciano dal XVII secolo in poi: i locali occupati dal bar e dal ristorante verranno in seguito avviliti ad anonimo negozio di abiti confezionati ed ultimamente "restaurati" ad ospitare una libreria di edizioni popolari ed il "Bar Al Corso" a fianco, mentre in quelli del sovrastante albergo diverranno vper decenni sede del locale Comando dei Carabinieri e le sottostanti scuderie verranno prima riconvertite in garage, poi scempiate in sala giochi con macchinette elettroniche d'ogni tipo ed infine l'odierno supermercato.


Nonostante i cambi di attività, per anni ancora la bellissima insegna in ferro dipinto è rimasta appesa ed ammirata, poi una notte è misteriosamente  scomparsa, lasciando tutto solo il galletto sul robusto sostegno di ferro, ma si dice che sia "al sicuro" (vedere per credere!): dell'epoca d'oro del Bar Sabazio resta oggi il bellissimo bancone riutilizzato nel nuovo "Caffè Sabazio" - o "Bar Sabazio di Fabrizio Bergodi", fratello di quel Cristiano già amato calciatore della Lazio per ben sette stagioni - a pochi metri di distanza su Via XX Settembre, curato in ottimo stato e gelosamente mantenuto dai attuali proprietari nonché gestori del bar, in pratica non soltanto i tre Fratelli Bergodi, ma anche i loro papà e mamma.

 

 

 

“Emo fatto 'r pranzo de nozze ar Sabbazzio!

Capirai: co’ la Sora Virgigna ‘n cucina è stato ‘n successone come a li tempi de Re Pippetto…”

 

 

 

 

 

 

Saccoccetta

 

 

 

Recipiente per il sale

 

Il concetto di "sacchetto" per il sale si rifà alla vita dell'antico legionario romano, in epoca monarchica e repubblicana civile tenuto ad arruolarsi in difesa della propria comunità, ma successivamente nel periodo imperiale soldato di professione - il '"mestiere delle armi" e "stipendiato" dallo Stato, un "salariato"


All'indennità base o appunto stipendium ce ne sono da aggiungere altre, come la donativa e la liquidativa, entrambi in denari "liquidi", e speciali sussidi detti rispettivamente salgamum per il sale, clavarium per i chiodi ed epulum per i pasti rituali.

 

Da cui i moderni termini "stipendio"  e "salario": anche la saccoccetta o sacchetto in pelle era proprio dove il legionario romano conservava il prezioso minerale, intorno alla vita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che tutti baciano o toccano

 

 

 

“È ccome la saccoccetta der sale…”

 

 

 

 

 

 

Saccoccia

 

 

 

Tasca

 

 

 

“Stà sempre co le mano 'n saccoccia…”

 

 

 

 

 

 

Sacchetto

 

 

 

Sacco di stoffa nel quale si poneva il neonato per tenerlo in braccio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Saccocciata

 

 

 

Unità di misura pari al contenuto di una tasca

 

 

 

“Damme 'na saccocciata de chiodi…”

 

 

 

 

 

 

Saccoccione

 

 

 

Di persona vestita con abiti abbondanti di taglia e, quindi, goffo

 

 

 

“Aoh, co 'sti carzoni me pari 'n saccoccione!…”

 

 

 

 

 

 

Sacramenta'

 

 

 

Bestemmiare

 

 

 

“L'ho 'nteso sacramenta' de bbrutto: je n'avranno combinata una troppo grossa…”

 

 

 

 

 

 

Sacramento

 

 

 

Di uomo alto e robusto

 

 

 

“Me s'è pparato davanti 'sto sacramento…”

 

(Vedi anche Armadio, Cristo)

 

 

 

 

 

 

Salacca

 

 

 

Botta, colpo

 

 

 

“J'ha dato 'na salacca che stà 'ncora a gira'…”

 

(Vedi anche Sarago)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Salina

 

 

 

Sale fino

 

 

 

“Vamme a pìja 'm po' 'n pacchetto de salina, ché mm'è finita…”

 

 

 

 

 

 

Sampietrino

 

 

 

Pesce di lago voracissimo, buono ma difficile da mangiare per le tante spine e le piccole dimensioni

 

 

 

“Oggi c'avemo du' belli sampietrini…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il classico selce piramidale - un blocchetti di lava basaltina - che viene ancora montato capovolto nella pavimentazione stradale, secondo gli antichissimi principi e le tecniche etrusco-romani a formare il cosiddetto "selciato"

 

Per millenni la pavimentazione tipica delle strade fino all'avvento dell'asfalto è proprio il "lastricato", una evoluzione dell'antica tecnica delle strata romane, l'arte di costruire le strade ereditata dagli Etruschi e via via migliorata con l'acquisizione di idee da tecniche sviluppate in altri ambiti culturali dell'Impero (da strata deriva anche la parola inglese "street"!)

 

Le strade di selci o "selciate" che molti centri storici conservano ancora sono generalmente di epoca molto posteriore, come a Roma, dove i nuovi "piccoli" selci vengono ribattezzati "sampietrini" perché usati nel Seicento per pavimentare la enorme Piazza barocca di San Pietro, quale la conosciamo a tutt'oggi, già fino al Quattrocento la fangosa "Platea Sancti Petri", al pari tutte le altre piazze e strade della città, dal popolino ironicamente dette "fangare"

 

 

 

“'Sti sampietrini 'n se sà come l'hanno messi: 'gni giro de rota 'na botta…”

 

(Vedi anche Serce)

 

 

 

 

 

 

Sanfaisò

Sanfasò

Sinfasò

 

 

 

Qualcosa fatto svogliatamente, senza attenzione né cura, con approssimazione, alla meglio, in fretta

 

 

 

’Ttacchili bbene: nun fa' tutto a la sanfaisò com'ar solito tuo!…”

 

’S'è rifatto 'r letto a la sanfaisò!…”

 

(Vedi anche Casaccio, Presciolata)

 

 

 

 

 

 

San Giovanni

 

 

 

Di rapporto tra padrino o madrina e figliocci

 

 

 

Fra li due c’è de’ mezzo 'r San Giovanni…”

 

(Vedi anche Commaranza, Comparanza)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sanguinaccio

 

 

 

Sangue del maiale condito con zucchero, cannella e altre spezie

 

 

 

“Oggi se famo 'n po' de sanguinaccio, ché me và ttanto…”

 

 

 

 

 

 

San Libberato

 

 

 

Ameno luogo antichissimo, già noto in età etrusca, in prossimità della romana Forum Clodii, sul Lago di Bracciano, fra Bracciano e Trevignano Romano, non lontano da Vicarello o Vicus Aurelius e le sue terme Aquae Apollinares, come anche riportato nella cosiddetta Tabula Peutingeriana

 

Tradizione ormai quasi scomparsa fra la gioventù locale era recarsi a San Liberato il pomeriggio del primo giovedì di marzo, per una festa campestre portandosi al seguito la merenda 

 

 

 

Ricordete che gioveddì pomeriggio ‘nnamo a fa’ San Libberato…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da cui l'esclamazione dileggiativa nel vedere inaspettatamente alcune persone banchettare

 

 

 

Che stat'a ffa', San Libberato?…”

 

 

 

 

 

 

San Paganino

 

 

 

Santo fittizio a richiamare l’auspicato giorno dello stipendio, cioè il famoso "27 del mese"

 

 

 

“E ddaije che mmo' ce semo: vie' San Paganino!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel gioco della Tombola il numero 27

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Santa Lucia

 

 

 

Antichissima località alta di Bracciano oggi chiamata i "Cappuccini" (dal convento) alle "Coste", già sede di un tempio mariano, come al solito eretto su un precedente tempio pagano romano dedicato a Giunone e ancora prima all'etrusca Uni Regina e Sospita ("salvatrice", dalla greca Era), probabilmente alle origini anche questo luogo di culto di Madre Terra - non lontano, tra Castel Giuliano e il Sasso (il medievale Saxum), basti pensare alla localmente poco conosciuta, ma importantissima, cosiddetta "Grotta dei Serpenti" nella tenuta dei Marchesi Patrizi, famosa per aver restituito negli Anni '60 ben sette sepolture neolitiche, testimonianza della Cultura del Sasso, o al Monte Venere, vulcano nel vulcano (oggi "Lago") di Vico, già documentato luogo di culto preistorico poi ulteriormente prosciugato dagli abilissimi ingegneri idraulici etruschi e "sacralizzato"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione rassegnata dopo aver finalmente individuato qualcosa che, pur bene in vista, non si riusciva a trovare

 

 

 

Eh, Santa Lucia!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il giorno di Santa Lucia, cioè il 13 dicembre, a Bracciano seconda giornata di Fiera annuale, dopo quella del 1° Maggio

 

 

 

Pe’ Santa Lucia, la ggiornata più corta che cce sia…”

(Proverbio popolare)

 

 

 

 

 

 

Sant'Elisabbetta

 

 

 

Di persona che si è trattenuta eccessivamente a lungo nel fare una visita, espressione che deriva dal fatto che la Madonna, andò a trovare sua cugina Santa Elisabetta e si trattenne con lei tre mesi…

 

 

 

Ha fatto quant'e Sant’Elisabbetta…”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Santi

 

 

 

Santi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Interiezione che significa "e non ci si pensa più"

 

 

 

…eh, Santi benedetti!…”

 

(Vedi anche Ammenneccosissia)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona fortemente raccomandata o estremamente fortunata

 

 

 

Quello c’ha li Santi 'm paradiso!…”

 

(Vedi anche Bicchieretto)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di decisione irremovibile, nel senso di "nessuno potrebbe farmi cambiare idea" (neppure se Cristo, la Madonna o tutti i Santi intervenissero!)

 

 

 

Nun ce so' né Santi né Madonne: lo faccio e basta!…”

 

(Vedi anche Cristo, Madonna)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che ha ormai tentato invano ogni strada per risolvere un problema

 

 

 

Poraccio, nun sa più a cchi Santo riccommannasse…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!