Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "R"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "R"

Rac-Raz

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R
 | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“R

 

 

come Racchia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rac-Raz

 

 

 

Reg-Rif

 

 

 

Rig-Rin

 

 

 

Rio-Ruz

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Racchia

 

 

 

Di donna dal fisico brutto

 

 

 

“Ninetta è tanto bbella, ma c'ha na fija ch'è 'na racchia…”

 

 

 

 

 

 

Radica

 

 

 

Radice, ma anche carota

 

 

 

“La pippa de mi nonno era de radica…”

 

 

 

 

 

 

Ragano

 

 

 

Ramarro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona dal fisico brutto

 

 

 

È 'n ragano…”

 

 

 

 

 

 

Raggione

 

 

 

Con il significato di "ti picchio sapendo che te lo meriti", "per un motivo giusto"

 

 

 

Te le dò de santa raggione…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ramata

 

 

 

Pazzia, stravaganza, stranezza

 

 

 

J’ha pijato ‘na ramata e ha spaccato tutto…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di forte desiderio, voglia improvvisa e intensa

 

 

 

Pensa ‘m po’ tu che rramata che m’ha pijato: vojo ‘nnamme a compra' 'm po’ de’ pizza co’ la mortatella…”

 

(Vedi anche Voija)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di pioggia improvvisa, acquazzone breve e violento

 

 

 

È venuta ggiù ‘na bella ramata che 'n sarà durata manco du' minuti: ma ammazza quanta n'ha fatta…”

 

(Vedi anche Sgrullata)

 

 

 

 

 

 

Ramina

 

 

 

Teglia in ferro di forma rettangolare per cuocere al forno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ramoracce

 

 

 

Verdura tipo cicoria, in Italiano "Ramolaccio"

 

 

 

“Quanto m'annessero du' ramoracce…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rampata

 

 

 

Manata data con le dita arcuate ad artigli, con le unghie

 

 

 

“M'ha dato ‘na rampata che m’ha sgraffiato 'r collo…”

 

(Vedi anche Scortica')

 

 

 

 

 

 

Rampazzetto

 

 

 

Piccolo grappolo d’uva

 

 

 

“Fammene 'n po' 'ssaggia' 'n rampazzetto…”

 

 

 

 

 

 

Rampazzo

 

 

 

Grappolo d’uva

 

 

 

“Quanta te ne do?

Dammene du' rampazzi pe' ddopo magnato, ma belli dorci, pe' rifasse la bocca…”

 

(Vedi anche Raspo)

 

 

 

 

 

 

Rancico

 

 

 

Rancido, inacidito

 

 

 

“Buttolo: nu lo senti ch'è rancico?…”

 

(Vedi anche ‘Rrancichito)

 

 

 

 

 

 

Ranocchia

 

 

 

Rana

 

 

 

“Stanotte 'ste cazzo de ranocchie giù ar bottaccio nun m'hanno fatto chiude 'n'occhio: me sa che c'hanno li calori e se stanno a' 'ccoppia', 'tacci loro…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rapa

 

 

 

Rapa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona notoriamente avara, che si mostra eccezionalmente "prodiga"

 

 

 

Ha fatto sangue la rapa…”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

Rapazzola

 

 

 

Giaciglio di foglie che si preparava nelle capanne in cui riposavano boscaioli, pastori e contadini

 

 

 

(Vedi anche Pajericcio)

 

 

 

 

 

 

Raponzoli

 

 

 

Erba selvatica che fa parte della "Misticanza de campo"

 

 

 

(Vedi anche Misticanza de campo)

 

 

 

 

 

 

Raschiarella

 

 

 

Raucedine

 

 

 

“'Stamatina c'ho 'na raschiarella…

Me sa ch'è'r sighero…”

 

(Vedi anche Raschio)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Raschiatora

 

 

 

Raschietto, arnese domestico per pulire la "Spianatora"

 

 

 

“Pija 'n po' la raschiatora che c'è da da' 'na bella pulita a 'sta spianatora…”

 

(Vedi anche Spianatora)

 

 

 

 

 

 

Raschio

 

 

 

Pizzico, irritazione alla gola

 

 

 

“C’ho 'n raschio ‘n gola…”

 

(Vedi anche Raschiarella)

 

 

 

 

 

 

Raspata

 

 

 

Letteralmente "passata di raspa"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di lavarsi sommariamente la faccia

 

 

 

'Stamatina ’nnavo de prescia e me so’ dato solo ‘na raspata…”

 

 

 

 

 

 

Raspo

 

 

 

Grappolo d’uva deacinato

 

 

 

(Vedi anche Rampazzo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rasposo

 

 

 

Di superficie non liscia, ruvida

 

 

 

“Oggi j'ha' dato: c'ha' le mano raspose…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona affetta da acne giovanile

 

 

 

“C'ha 'na faccia rasposa…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di uomo con la barba ispida

 

 

 

“Nun t'azzarda' a baciamme: se' rasposo peggio de 'na carta vetrata…”

 

 

 

 

 

 

Ratta

 

 

 

Reticolo che copre l’intestino del maiale, usato per avvolgere i fegatelli assieme ad una foglia di alloro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rattattuija

 

 

 

Parapiglia, confusione

 

 

 

“'N piazza è successo 'n gran rattattuija…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Razza

 

 

 

Famiglia, ceppo, appartenenza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Forse una delle più tipiche espressioni braccianesi, per domandare a qualcuno, non conosciuto o non riconosciuto, a quale delle vecchie, tradizionali, grandi famiglie del Paese appartenga

 

 

 

De che razza se' fijo?…”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persone che si comportano tutte male alla stessa maniera

 

 

 

Ammazza, ammazza: sò tutti ‘na razza!…”

(Detto popolare)

 

(Vedi anche Guitti)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dispregiativo verso il comportamento specifico del rappresentante di una famiglia, a coinvolgerla e svergognarla tutta

 

 

 

Tutte moìne - Signo' decquà, Signo' dellà

Po' a la fine è stato peggio de quell'artri: 'mmazza che brutta razza, dioceneguardi!…”

 

Vedi anche Stronzo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!