Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "P"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "P"

Pac-Pal

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R
 | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“P

 

 

come Pacca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pac-Pal

 

 

 

Pam-Pan

 

 

 

Pap-Par

 

 

 

Pas-Pat

 

 

 

Pau-Pep

 

 

 

Per-Pia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pic-Pip

 

 

 

Pir-Pit

 

 

 

Piz-Por

 

 

 

Pos-Pre

 

 

 

Pri-Puz

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Pacca

 

 

 

Cispa, prodotto viscoso che si deposita sulle palpebre durante il sonno

 

 

 

“Vatte 'm po' a lava' che c'hai la cispa su l'occhi  …”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Colpo a mano aperta che familiarmente si dà su spalle, collo o glutei, sulle spalle generalmente di incoraggiamento, sul collo di richiamo o punizione, sui glutei di buona fortuna (se però femminili che sia dichiaratamente permessa, altrimenti costituisce una  violenza sessuale e come tale condannabile ex Art. 609 bis e seguenti del Codice Penale!)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pacca'

 

 

 

Effusioni amorosa tra fidanzati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paccoso

 

 

 

Di persona dagli occhi cisposi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paccuto

 

 

 

Di persona in carne

 

 

 

“Guarda 'sto regazzino quant'è gross'e paccuto, diolobenedica…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di cosa abbondante

 

 

 

“È bella paccuta.

La pijamo!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Padellaccia

 

 

 

Il piatto della tradizione quando si ammazzava il maiale: si facevano soffriggere in olio di oliva e cipolla le frattaglie con pezzettini di animelle (se d’"abbacchio", cioè agnello, oltre alle budelle intrecciate si metteva anche un po’ di sangue)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Padellata

 

 

 

Quantità di cibo contenuto in una padella

 

 

 

Stasera pe’ cena ho fatto ‘na padellata de broccoletti e 'm po’ de cacio…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Classica minaccia della moglie in liti familiari

 

 

 

“Statt'attente, che si nun te levi da mezzo te do 'na padellata…”

 

 

 

 

 

 

Padreterno

 

 

 

Interiezione di meraviglia e dispiacere nel sentirsi raccontare un fatto triste

 

 

 

Eh padreterno…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che si crede e si comporta come fosse un dio

 

 

 

“Ma chi se crede mai d'esse, 'm padreterno?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paìno

 

 

 

Damerino, termine usato per minacciare di malmenamento una persona, le conseguenze del quale la trasformerebbe - ironicamente parlando - in un "damerino"

 

 

 

Vie' qua che tte fo’ paìno…”


“Si te vede tu patre te fa’ paino
…”

 

 

 

 

 

 

Paja

 

 

 

Paglia, fieno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sinonimo di sigaretta

 

 

 

“Damme ‘na paja che l’ho finite…”

 

(Vedi anche Cicca)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che non ha voglia di lavorare

 

 

 

Aoh, questo nun move ‘na paja…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di situazione economica grama o mancanza di lavoro

 

 

 

Nun s’arza paja…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pajaro

 

 

 

Pagliaio, ottenuto piantando un grosso palo nel terreno ed accumulandovi la paglia attorno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pajata

 

 

 

Budellina da latte di vitella giovanissima, non ancora svezzata, che - a differenza di Roma, dove era utilizzata per fare il sugo e condire i rigatoni - a Bracciano veniva cucinata tagliandola a “roccette” (pezzetti a forma di ciambelline), legate agli estremi con del filo, per non farne disperdere il latte contenuto, e cotta al forno con le patate

 

Da qualche anno per motivi igienico-sanitari ne è stata vietata la vendita

 

 

 

(Vedi anche Roccetta)

 

 

 

 

 

 

Pajericcio

 

 

 

Giaciglio di foglie che si preparava nelle capanne di boscaioli, pastori e contadini

 

 

 

“Nun te preoccupa': me basta 'n pajericcio…”

 

(Vedi anche Partriccia, Rapazzola)

 

 

 

 

 

 

Pagnotella

 

 

 

Panino imbottito, classico del lavoro in campagna e delle gite

 

 

 

Famme 'm po' ‘na pagnottella co’ la porchetta, ma dammala scrocchiarella…”

 

(Vedi anche Scrocchiarella)

 

 

 

 

 

 

Palanca

 

 

 

Robusto asse di legno usato nell'edilizia tradizionale per creare, a doppio, passaggi e piani di lavoro delle impalcature o, singola, piani inclinati su cui far salire la cariola

 

 

 

“Butta qqui 'na palanca…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Palatana

 

 

 

Pianta erbacea paritaria, una volta usata dai bambini - soprattutto nei meandri e nascondigli delle allora rigogliose aiuole "rinascimentali" di mortella o bossolo - per creare dei "costumi" da gioco, ad esempio da indiani, data la capacità del retro delle sue foglie di attecchire sul tesuto degli abiti

 

 

 

“Famo 'm po' de palatana, poi 'nnamo a rimedia' puro 'n ber po' de minerva e prosperi usati pe' cucicce le foije de lauro ceraso:  così ggiocamo all'indiani…”

 

 

 

 

 

 

Paletta

 

 

 

Scapola

 

 

 

M'ha ppijato a rode la paletta de la spalla…”

 

 

 

 

 

 

Palle

 

 

 

Testicoli, parola usata molto frequentemente e dai mille usi…

 

 

 

Levete da le palle!…”

 

“Nun rompe le palle…”

 

“Si c'hai le palle…”

 

“Nun c'hai le palle!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In risposta ad una proposta o un'affermazione, per manifestarne rispettivamente assoluto rifiuto o decisa negazione

 

 

 

'M par de palle!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Essere stufo e arcistufo di qualcosa

 

 

 

C’ho le palle piene de 'sta storia!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona talentuosa

 

 

 

C’ha le palle quadrate…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di donna capace di farsi valere come e meglio di un uomo

 

 

 

Co' la Sora Camilla nun ce se scherza: è una co' le palle…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Interiezione per manifestare noia

 

 

 

Che ppalle 'sto firme!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I bulbi oculari

 

 

 

Guardeme le palle dell’occhi: che ce vedi?…”

 

(Vedi anche Pallucche)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pallino

 

 

 

La biglia più piccola in gioco alla quale i ragazzini dovevano avvicinare il più possibile le proprie "vetrole" nelle partite a biglie

 

 

 

“A tocca' 'r pallino!…”

 

(Vedi anche Vetrole)

 

 

 

 

 

 

Pallonaro

 

 

 

Di persona che si vanta troppo o che esagera nei racconti: per questo motivo i Braccianesi sono così soprannominati dagli abitanti dei Paesi limitrofi

 

 

 

“'Li Braccaianesi so' propio pallonari…”

 

 

 

 

 

 

Pallone

 

 

 

Ernia inguinale

 

 

 

Stà 'ttente che con quer peso te cala 'r pallone!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che si dà le arie, boriosa

 

 

 

“Anvedi 'sto pallone gonfiato che nun è artro…”

 

(Vedi anche Fraccazzo)

 

 

 

 

 

 

Palloso

 

 

 

Di persona o evento noiosi

 

 

 

“'Sta festa è propio pallosa, aoh…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pallucca

 

 

 

Inflorescenza sferoidale dei platani, spesso usata nei giochi di bambini e ragazzi

 

 

 

“Daije che se nasconnemo e quanno passa je damo du' palluccate su la capoccia…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foglio accartocciato

 

 

 

“Quanno j'ha' da tita' 'na pallucca de’ carta, bagnala prima ché fa ppiù mmale…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di occhi molto stanchi

 

 

 

“Aoh, e vatten'a ddormi': nu' lo vedi che c'ha' du' pallucche…”

 

(Vedi anche Palluccone)

 

 

 

 

 

 

Palluccone

 

 

 

Di persona dagli occhi grandi e prominenti

 

 

 

(Vedi anche Quattrocchi)

 

 

 

 

 

 

Palommaccio

 

 

 

Piccione selvatico

 

 

 

(Vedi anche Fiozzo, Palommella)

 

 

 

 

 

 

Palommella

 

 

 

Colombo

 

 

 

“Aoh, a mune', ma la vole smette de tira' co' 'sta fionna a le palommelle: nu' lo vedete che me state a bbuca' tutte le canale?…”

 

(Vedi anche Fiozzo, Palommaccio)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!