Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "O"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "O"

Occ-Oet

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R
 | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“O

 

 

come Occhio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Occ-Ord

 

 

 

Ore-Ovo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Occhio

 

 

 

Occhio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona abbastanza fortunata, chi sta meno male fra tanti

 

 

 

“Beato chi c’ha ‘n’occhio!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di sguardo morboso

 

 

 

“C'ha l'occhi scoponi…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona disperata

 

 

 

Nun c’ha manco l’occhi pe’ piagne…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Avvertimento che può facilmente trasformarsi in minaccia

 

 

 

“Occhio!

Omo avvisato…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Occhialetti

 

 

 

Nel gioco della Tombola il numero 88

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Occhiaticcio

 

 

 

Malocchio

 

 

 

Si ccontinua così ho da ‘nna' a famme roppe l’occhiaticcio…”

 

 

 

 

 

 

Occhietto

 

 

 

Occhiolino

 

 

 

J’hai fatto l’occhietto: si te becca er marito…”

 

 

 

 

 

 

Ogna

 

 

 

Unghia

 

 

 

“E li sordi li voijo sull'ogna…”

 

 

 

 

 

 

Ogne

 

 

 

Ungere

 

 

 

“C'è da ogne le forme de rame pe' 'r forno…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ojara

 

 

 

Locale buio e molto areato, dove si conservavano l’olio, il vino e si appendevano salumi e pomodorini a grappolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ojaretta

 

 

 

Analoga all’“ojara”, ma di dimensioni ridotte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ojo

 

 

 

Olio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione ironica per esortare a mettere maggior lena in un lavoro manuale

 

 

 

Mettece 'm po’ d’oijo de gommito, sinnò 'n finimo mai!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Ojo ferrato": olio di oliva messo a scaldare in un tegame nel quale si immergeva un ferro arroventato, considerato come rimedio per la cura degli orecchioni e del torcicollo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che ha avuto un grosso spavento, riferendo alla cosiddetta "estrema unzione"

 

 

 

C’ha avuto ‘na paura che je potevi dà l’oijo santo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Omo

 

 

 

Uomo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dividersi equamente qualcosa in due

 

 

 

Famo metà pe' omo…”

 

 

 

 

 

 

Omo nero

 

 

 

Carbonaio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Personaggio di fantasia nominato per cercare di  spaventare i bambini capricciosi

 

 

 

Aoh, smettala!

Sta attente che chiamo l’omo nero!…”

 

 

 

 

 

 

Onta'

 

 

 

Ungere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona che vuole spendere poco per un acquisto o mette poca lena in un lavoro

 

 

 

Onta le rote ch’er carro cammina…”

(Detto popolare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Onto

 

 

 

Unto

 

 

 

So' tutto onto…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lardo

 

 

 

Oggi ho fatto la minestra coll’onto…”

 

(Vedi anche Battilonto, Battuto, Lonto)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Minaccia aperta

 

 

 

Te pisto come l’onto…”

 

 

 

 

 

 

Oppuramente

 

 

 

O, oppure

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Opri'

 

 

 

Aprire

 

 

 

Opri ch’hanno bussato…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oracolo

 

 

 

Di persona o cosa altamente rispettata e tenuta con la massima cura ed attenzione

 

 

 

Lo tie' come l’oracolo…”

 

 

 

 

 

 

Or' de notte

 

 

 

Letteralmente "ora di notte"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Frase molto minacciosa la cui formulazione potrebbe derivare dal fatto che, in tempi ormai lontani, la "ventiquattresima ora" - chiamata "Ave Maria" o, appunto, "or' de notte" - veniva suonata un’ora dopo il calar del sole e, quindi, a notte già calata: il detto potrebbe pertanto far riferimento o alla grande oscurità o alle dimensioni della campana dei rintocchi

 

 

 

Te faccio ‘n culo come n’or de notte…”

(Modo di dire popolare)

 

 

 

 

 

 

Ordegno

 

 

 

In Italiano "ordigno": arnese, attrezzo in senso generale, come pure congegno, meccanismo e ancora dispositivo, marchingegno, apparecchio, "coso", molto più raramente bomba (ordigno bellico)

 

 

 

“L'ha' portati l'ordegni?…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Usato anche in senso più specifico, come ad esempio per le "posate" da tavola in una trattoria, "utensili per mangiare"

(Gentilmente segnalatoci dal nostro lettore Antonio di Carpegna Falconieri, cultore di dialetti italiani)

 

 

 

“A rega', e nun sta' llì 'mpalato: pija l'ordegni a 'sti signori…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!