Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "N"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "N"

Nan-Nco

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R
 | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“N

 

 

come Nando

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nan-Nco

 

 

 

Ncr-Ngr

 

 

 

Ngu-Nti

 

 

 

Nto-Nzu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Nando

 

 

 

Diminutivo di Fernando o Ferdinando

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nannina

 

 

 

Diminutivo di Anna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nasca

 

 

 

Naso grosso

 

 

 

“C'ha 'na nasca…”

 

 

 

 

 

 

Nasconnarella

 

 

 

Gioco del nascondino

 

 

 

(Vedi anche 'Nguattarella)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Naso

 

 

 

Come in Italiano, Naso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona altezzosa

 

 

 

Cammina cor naso pe’ l’insù…”

 

(Vedi anche Fraccazzo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di persona ambigua, inaffidabile o di malaffare

 

 

 

Nun te fida', è da naso  …”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di donna viziosa

 

 

 

“Quella llì è da naso…”

 

 

 

 

 

 

Natura

 

 

 

Per organo sessuale femminile

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le donne lo usavano quando, ad esempio impacciate davanti ad un medico uomo o in presenza di un estraneo, non sapevano come chiamare il proprio organo sessuale

 

 

 

Sor Dotto', me s’è arrossata… la natura…”

 

(Vedi anche Fica, Fregna)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Ncaciata

 

 

 

Leggera spolverata di neve (associando per similitudine al cacio grattuggiato che si versa sulla pasta appena servita)

 

 

 

Ha dato ‘na ‘ncaciata…”

 

(Vedi anche 'Mbiancata)

 

 

 

 

 

 

'Ncallito

 

 

 

Accanito, abituale

 

 

 

Se sta a rovina': è ‘n giocatore ‘ncallito…”

 

 

 

 

 

 

'Ncanata

 

 

 

Litigio, rimprovero a voce alta, scenata

 

 

 

J’ho fatto ‘na ‘ncanata  …”

 

 

 

 

 

 

'Ncannucciata

 

 

 

Recinto o tettoia di canne

 

 

 

(Vedi anche Incannucciata)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Ncantasse

 

 

 

Bloccarsi alla schiena, essere afflitto dal cosiddetto "colpo della strega"

 

 

 

Me so ‘ncantato co’ la schina…”

 

(Vedi anche 'Ngrippasse)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fissare con gli occhi avanti a se e avere la testa tra le nuvole, essere in sovrappensiero

 

 

 

Aoh, sveija!

Ma che te se' ‘ncantato?…”

 

 

 

 

 

 

'Ncarca'

 

 

 

Pressare, comprimere, pigiare, spingere a forza

 

 

 

Si nun c'entra, daje ‘na ‘ncarcata…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Minaccia tra serio, benevolo e faceto

 

 

 

Te ‘ncarco la capoccia…”

 

 

 

 

 

 

'Ncarognisse

 

 

 

Ostinarsi, accanirsi, voler raggiungere un obiettivo a tutti i costi

 

 

 

Mo me so ‘ncarognito: ho dda ripara' ‘sto motore e nun ce so' madonne…”

 

(Vedi anche Madonne)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Ncartapecorisse

'Ncartapecorito

 

 

 

Di persona dalla pelle avvizzita, rugosa, disidratata, bruciata perché esposta estate e inverno agli elementi atmosferici, come i contadini o i pescatori ("cartapecora" era la denominazione dialettale della pergamena, cioè per associazione la carta "animale" - che carta non è, ma pelle - prima dell'avvento della carta "vegetale", cioè la vera carta)

 

 

 

“A fatica' l'ore sotto 'r sole 'n campagna o 'n barca al lago c'è da 'ncartapecorisse…”

 

 

 

 

 

 

'Ncastra'

 

 

 

Letteralmente "incastrare", in senso generico

 

 

 

“Me s'è 'ncastrata 'na mano…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di solito usato però nell'espressione "mettere in difficoltà qualcuno", "costringere" qualcuno a rendere conto di qualcosa o ammettere qualcosa

 

 

 

Je n’ho dette quattro papali papali e l’ho ‘ncastrato…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Costringere un ragazzo a sposarsi

 

 

 

S'è fatta 'mprena' e l'ha ‘ncastrato…”

 

 

 

 

 

 

'Ncazzasse

'Ncazzato

 

 

 

Arrabbiarsi

 

 

 

“Si m'ho da 'ncazza' 'gni vorta che ce vegno, qui nun me ce vedete ppiù…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Nchiappetta'

 

 

 

Sodomizzare

 

 

 

(Vedi anche Chiappe, 'Ncula', 'Nculasse)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dare o ricevere una buggeratura

 

 

 

“Sto fijo de 'na bbona donna…

Me s’é ‘nchiappettato!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Forte minaccia

 

 

 

“Si lo pijo, mo lo ‘nchiappetto…”

 

 

 

 

 

 

'Nciaffa'

 

 

 

Mangiare un po’ di tutto, disordinatamente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Nciafruija'

 

 

 

Parlare in modo indistinto, sconclusionato

 

 

 

M’ha ‘nciafruijato quattro parole e nun c'ho capito propio gnente…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fare qualcosa in maniera disordinata, senza la logica di una procedura

 

 

 

È stato lì a ‘nciafruija' du' ore ma nun ha risorto 'n cazzo…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Nciafruijone

 

 

 

Di persona poco chiara e sconclusionata nell’esposizione di un pensiero ovvero disorganizzato nell'esecuzione di un lavoro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Ncimurrito

 

 

 

Di persona colpita da un forte raffreddore

 

 

 

“Ho sudato ‘n campagna e me so’ ‘ncimurrito…”

 

(Vedi anche Incimurrito)

 

 

 

 

 

 

'Ncoccia'

 

 

 

Incontrare da vicino, faccia a faccia qualcuno, o incontrare qualcuno in modo imprevisto (letteralmente arrivare "coccio contro coccio", come due brocche che si urtano a vicenda)

 

 

 

Oggi ho ‘ncocciato Peppe pe’ strada…”

 

 

 

 

 

 

'Ncofana'

 

 

 

Indossare a forza un copricapo di dimensioni fuori misura, troppo stretto

 

 

 

Che te se' ‘ncofanato ‘sto cappello…”

 

(Vedi anche Cofana)

 

 

 

 

 

 

'Ncollasse

 

 

 

Sollevare di forza qualcosa molto pesante e metterla in spalla per trasportarla

 

 

 

“Da stamatina me sarò 'ncollato 'na cinquantina de sacchi de grano…”

 

(Vedi anche 'Sderenasse)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prendere "sulle proprie spalle" una grossa, "pesante" responsabilità, ad esempio economica

 

 

 

“Mo mme toccherà 'ncollamme puro 'st'artra spesa…”

 

(Vedi anche 'Svenasse)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

'Ncollata

 

 

 

La fatica del trasportare qualcosa di pesante

 

 

 

Me so fatto ‘na ‘ncollata…”

 

(Vedi anche 'Sderenata)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Insaccata, forte colpo o pressione verticale 

 

 

 

Ho preso ‘na ‘ncollata e mo me fa male la schina…”

 

 

 

 

 

 

'Ncomincia'

 

 

 

Iniziare, dare il via

 

 

 

“Chi nu 'ncomincia, mai finisce…”

 

(Vedi anche Comincia')

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!