Tradizione e Innovazione nella Tuscia Romana

Azione di Recupero Culturale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca una parola nel portale | Ricerca avanzata | Indice di tutte le parole | Mappatura del portale | Gli ultimi aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Verso un Museo Territoriale del Lavoro e dell'Industria della Tuscia Romana

Le tradizioni

I dialetti – Così parlavamo

Il dialetto di Bracciano, Roma

Il materiale originale in questa pagina è © Giovanni Orsini i testi e Luigi Felluca e Massimo Prugini le cartoline, editato,  redatto, corretto, rivisto, completato e arricchito da Luciano Russo: la Redazione ringrazia gli autori per averne autorizzato la riproduzione, la rielaborazione, l'adattamento e la pubblicazione nel portale

Pagina in costruzione: rinnovare la pagina con il browser per essere sicuri di visualizzarne la versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o

"Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' "

di Giovanni Orsini

 

Lettera "M"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)
Lettera "M"

Mac-Mad

 

Il nostro dialetto

Vocabolario del Dialetto Braccianese

A | B | C | D | E | F | G  

I | J | L | M | N | O | P | Q
R
 | S | T | U | V | Z 

 

La lingua e il dialetto - Una introduzione a "Er Dizzionario Braccianese Onlaine" ovvero "Braccianese nun se smente!" o "Vocabolario del Dialetto Braccianese, arricchito con Detti Popolari, Proverbi, Usi, Costumi, Tradizioni, Curiosità e tanto altro su Bracciano e sulla 'Braccianesità' " di Giovanni Orsini

Modi di dire, detti e proverbi popolari  

Le cartoline di Bracciano com'era

 

 

Giovanni Orsini Una presentazione

Luciano Russo – Una presentazione

 

Prima pagina del sito

Mappa del sito

 

Prima pagina del portale  

Mappa del portale

Libro dei Visitatori

 

 

 

Vocabolario del Dialetto Braccianese (continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In ordine alfabetico

 

 

 

A | B | C | D | E | F | G | I | J | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

 

 

 

 

 

 

“M

 

 

come Maccheroni co' le noci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mac-Mad

 

 

 

Mag

 

 

 

Mal-Man

 

 

 

Map-Maz

 

 

 

Mbe-Mez

 

 

 

Mic-Moc

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mog-Mos

 

 

 

Moz-Mpa

 

 

 

Mpe-Mut

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Termine

 

 

Significato

 

 

Espressioni esemplificative e note

 

 

 

 

 

 

Maccheroni

co' le noci

 

 

 

Uno dei piatti tradizionali del cenone della Vigilia di Natale: si preparava di solito la sera prima o al più tardi al mattino - dopo aver lessato la pasta (formato tipo "reginelle" oppure fettuccine all’uovo) si condiva a strati in una insalatiera con noci tritate, cannella, zucchero e scaglie di cioccolato fondente, poi si bagnava con il rum e si lasciava raffreddare fuori la finestra, quindi veniva servita in tavola fredda e tagliata a fette abbondanti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Macellaro

 

 

 

Propriamente "Macellaio"

 

 

 

“Va' dar macellaro e ffatte ttaija' du belle fettine…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche in senso dispregiativo per "Chirurgo"

 

 

 

“È propio 'n macellaro: dice che 'sta vorta j'ha comminato 'n casino…”

 

 

 

 

 

 

Macellasse

 

 

 

Farsi male, riportare gravi danni e lesioni a seguito di un incidente

 

 

 

“È cascato e s’è macellato tutto…”

 

(Vedi anche Scrociasse)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Macello

 

 

 

Normalmente per "Macelleria"

 

 

 

“Er macello de Sala…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anche con il significato di caos, confusione

 

 

 

“Spiccia 'n po' 'sta stanza ch'è 'n macello…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qualcosa di rotto e difficilmente riparabile

 

 

 

“M'è cascato e ho fatto 'n macello…”

 

 

 

 

 

 

Machina

 

 

 

Normalmente "Automobile"

 

 

 

“Pija la machina che me tocca 'nna' a a Trevignano…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nello specifico la Macchina Processionale del Santissimo Salvatore (come pure la Macchina di Santa Rosa a Viterbo)

 

 

 

“Vedo ch'ariva la machina der Sarvatore…”

 

(Vedi anche Santissimo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Macchionara

 

 

 

Macchia di rovi impenetrabili, dove spesso dorme il cinghiale

 

 

 

(Vedi anche Lestra, Rogara)

 

 

 

 

 

 

Machinetta

 

 

 

Accendino, accendisigari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Macinetta

 

 

 

"La Macinetta", luogo della Bracciano storica proprio all'angolo tra Piazza Mazzini o del Castello e l’imbocco di Via della Collegiata, dove, ai piedi della torre del castello, è posta la doppia grata con l'"imboccatoio" per oggetti da dare ai prigionieri, oggi purtroppo vergognosamente "restaurata", con a sinistra la "misura" verticale scolpita in pietra e davanti l'immancabile moderna fontanella pubblica…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Madonna

 

 

 

Nome usato ed abusato, un tempo anche spesso bestemmiato

 

 

 

“Ma pe’ la Madonna!

Mo lo potevi di' che t’avrebbe dato ‘na mano…”

 

“Oh Madonna mia: che te se' fatto?…”

 

(Vedi anche Cristo, Madora, Matora, Matosca)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione per dire "non ne so niente", "non ho capito bene"

 

 

 

So ’na madonna…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Espressione di stupore o ammirazione

 

 

 

“Madonna, quant'è bella!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Semplicemente come rafforzativo, "ma va!", "dici sul serio?"

 

 

 

“E la madonna!…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Madonnare

 

 

 

Donne devote alla Madonna che la notte del 14 agosto - Vigilia della Festività della Madonna Assunta - in una sorta di processione senza prete si recavano a visitare alcune delle immagini mariane del Paese lì raccogliendosi in preghiera


L’itinerario era tradizionalmente Santa Lucia ai Cappuccini (immagini mariane sia dentro che fuori la chiesa), "La Cappelletta" (edicola mariana ora non più esistente davanti al muro di cinta del Convento dei Cappuccini, in direzione Pisciarelli), Colle Lauretano (edicola della Madonna Nera di Loreto, lì posta dai nuovi abitanti, tutti o militari o civili in servizio all'Idroscalo di Vigna di Valle), Via della Collegiata angolo Via Fioravanti (ancora esistente nei pressi della nuova Erboristeria), Via degli Scaloni (anche questa ancora ammirabile con la sua tipica cornice di lamieretta a tettino semplicemente ma ingegnosamente decorata con un frastagliato a forbice)

 

Anche questo tradizionale pio atto di devozione è ormai purtroppo quasi scomparso, da alcuni anni sostituito da una vera processione che parte dalla Chiesa del Divino Amore: sulla particolare devozione alla Madonna Assunta resta solo il proverbio locale riportato accanto

 

 

 

Certo che de Madonne ce ne stanno tante, ma quella dell’Assunta è la ppiù granne…”

(Proverbio popolare)

 

 

 

 

 

 

Madonne

 

 

 

Nel senso di essere nervoso

 

 

 

Lasseme perde che c’ho le madonne…”

 

"Aoh, quanno che je pijono le madonne nun ce se po tratta'!...

 

(Vedi anche Fregne, Paturnie)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di decisione irremovibile

 

 

 

Nun ce sò né Santi né Madonne: lo fo e basta!…”

 

Nun ce sò né Cristi né Madonne…”

 

(Vedi anche Cristo)

 

 

 

 

 

 

Madonnella

 

 

 

"La Madonnella", edicola mariana

 

 

 

Vad'a mette du' fiori a la Madonnella de’ li Cappuccini…”

 

(Vedi anche Madonnare)

 

 

 

 

 

 

Madora

 

 

 

Parola senza significato a sostituire "Madonna" nella relativa bestemmia (da tutti i Braccianesi comunque perfettamente intesa), con la speranza di non fare peccato…

 

 

 

“Porca madora!

Ma che se' scemo?…”

 

(Vedi anche Matosca)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aiutaci ad arricchire questa pagina

 

Chiunque voglia contribuire a questo lavoro,

con parole, modi di dire, detti e proverbi strettamente braccianesi,

è benvenuto inviando una mail

direttamente all’autore giovanni.orsini2007@libero.it

o alla Redazione del portale redazione@tusciaromana.info

 

Grazzie pe' la collabborazzione!